I messaggi scritti in tono negativo ricevono risposte più rapide di quelli “positivi”. E chi è di cattivo umore risponde più in fretta

Desiderate ricevere una risposta rapida alle email? Usate un tono pessimistico e triste e otterrete soddisfazione: lo afferma uno studio realizzato dalla Contactually, una software house, secondo cui le email che hanno un tono “negativo” ottengono risposte più rapide rispetto a quelle positive. E chi è di cattivo umore sarebbe più rapido nel rispondere a un’email di chi è felice e spensierato.

Questione di parole

I ricercatori (un gruppo di ingegneri della Contactually, ndr) hanno esaminato 100 milioni di conversazioni via email, giudicando positivi i messaggi che contenevano una serie di parole come care (cura, sollecitudine) e amazing (incredibile, sorprendente) e negativi quelli dove apparivano parole simili a missed (perso) e stupid. Poi, contando quante volte questi termini apparivano nei messaggi, hanno calcolato il grado di positività e di negatività delle conversazioni per scoprire che quelle dal tono negativo ricevevano una risposta più rapida. E che le persone che manifestavano un umore meno positivo erano propensi a rispondere al 64% delle email quotidiane, mentre gli ottimisti si limitavano a sbrigare il 47% della posta ricevuta in un giorno. Secondo i ricercatori questo potrebbe dipendere dal fatto che gli arrabbiati online sono più attivi.
Non è la prima volta che si scopre che via email la spensieratezza non paga. Lo confermerebbe anche uno studio del 2008, realizzato dall’Università di Glasgow su 177 volontari, secondo il quale le persone stressate tendono a rispondere più rapidamente alle email, mentre chi è rilassato si prende il suo tempo per farlo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here