Faredelbene.net



psicosomatica -> Psoriasi e pelle : cause e cure naturali


Psoriasi e pelle : cause e cure naturali




Una tipica manifestazione psicosomatica.

La psoriasi, o dermatosi desquamante, è una patologia spesso recidivante che interessa varie regioni del corpo. Non se ne conosce con certezza la causa anche se alcuni ricercatori e scienziati fuori dal coro pensano di averla identificata. Secondo costoro è una tipica manifestazione psicosomatica legata a traumi o conflitti relativi alla separazione forzata del soggetto portatore da familiari, figli, partner, genitori, nonni…
 
Dermatosi desquamante o psoriasi e le sue cause: come prenderci cura del nostro corpo
 
Della psoriasi, come di altre numerose patologie, si conosce poco. Al di la delle localizzazioni della sua comparsa sul corpo, oculare, ungueale, delle pieghe ecc… la medicina annaspa, non ha vere spiegazioni al di la del generico stress… E’ altresì vero che lo stress può portare alla comparsa  di tale patologia ma in quanto al perché, tutto tace.
 
Ricercatori, grandi scienziati o impostori?
 
Nel tempo, all’occhio attento del ricercatore della verità, non sfugge che i grandi scienziati e ricercatori sono spesso stati ostacolati in tutti modi dall’establishment o sono stati sfruttati per quel tanto che bastava all’utilità dello stesso; Nel campo della medicina e della psicoterapia, ad esempio le scoperte di R.Hubbard nell’ambito dello studio sulla mente e di R.G.Hamer nel campo della genesi delle patologie sono state ricusate dall’elite mondiale che tutto vede e tutto controlla; forse perché l’applicazione di tali scoperte comporterebbe una riduzione drastica del giro d’affari delle aziende ospedaliere e dell’industria farmaceutica ? I protagonisti sono stati denigrati da imponenti campagne mediatiche e sono stati bollati dall’establishment scientifico come pericolosi; ad Hammer è stata tolta la facoltà di esercitare la Medicina, è stato radiato almeno in Europa dall’ordine dei medici e ora vive in Norvegia, unico stato Europeo a non far parte dell’unione. Per Hubbard il discorso è molto complesso e non è questa la sede per affrontarlo. Ho citato questi due ricercatori perché un comune filo conduttore li accomuna, entrambi per vie diverse hanno ipotizzato o dimostrato (a seconda dei punti di vista) che dietro alla stragrande maggioranza delle patologie esiste un’origine unica; per Hubbard sono gli “engram”, per Hamer i “conflitti”, ma tutto avviene in quella sede che l’anatomia bioenergetica (non accettata) chiama corpo mentale collegato al corpo emozionale e questo al corpo energetico o eterico che gestisce quello fisico.
Esiste poi una terza ricercatrice, Claudia Rainville Microbiologa che nel suo “grande dizionario della Metamedicina” non perde occasione per alimentare la convinzione che i risvolti psicosomatici o le origini psichiche o mentali delle patologie siano tutto sommato determinanti. Questa ricercatrice sembra essere lasciata in pace dal gota scientifico, forse perché il suo seguito non è tale da impensierirlo?
 
Le vere cause della malattia?
Certo è strano che nel citato dizionario di della Metamedicina la Rainville, alla voce psoriasi dica:
… la psoriasi dipende nella maggior parte dei casi da emozioni legate a una separazione  e a un senso di colpa o di impotenza. Se colpisce il derma può esserci anche un sentimento di vergogna…nei bambini la psoriasi riguarda nella maggior parte dei casi conflitti familiari: conflitti tra il padre e la nonna, tra i genitori e i nonni. In questo tipo di conflitto il bambino si sente separato da un membro o da una parte della sua famiglia e vive un senso di impotenza per non poterli fare riavvicinare.
E ora vediamo cosa dice Hamer nel suo voluminoso testo della “ nuova medicina germanica” alla voce psoriasi dermatosi desquamante: epidermide corneosa.
Nella fase di conflitto attivo (cioè nella fase in cui il trauma psichico è attivo e non è stato quindi ancora risolto)…Conflitto di separazione, perdita di contatto corporeo. Perdita di contatto con la madre, gregge, famiglia, amici, o partner. In natura la perdita di contatto con la famiglia o il gregge, è generalmente fatale ed è dunque un conflitto molto importante… Senso biologico (in natura n.d.a ) : grazie alla diminuita sensibilità legata all’epitelio pavimentoso  (dell’epidermide n.d.a) si dimentica temporaneamente la madre, il bambino (il cucciolo n.d.a), il partner.
Guardarsi dentro, imparare a gestire meglio le emozioni
Sicuramente certe affermazioni, concordi in linea di massima, ci inducono a riflettere.
Certamente se impariamo ad osservarci ad osservare ciò che ci accade dentro, a livello emozionale, potremo imparare a gestire meglio le emozioni, magari a coprenderne l’origine e a superarle, e per dirla alla Hamer ridurre i tempi del conflitto attivo in cui ci rodiamo dentro e passare così alla fase potsconflittuale cioè alla manifestazione patologica preludio del ritorno alla normalità, alla guarigione.
 
Le terapie più accreditate
Esistono una quantità di approcci alla psoriasi: trattamenti con i sali del Mar morto meglio se in loco, terapie balneari, radianti a base raggi UV, piante, gemmoderivati, gel di aloe, nonché le classiche terapie cortisoniche che hanno effetti immediati ma non sono esenti da effetti collaterali.
Non esiste comunque una cura miracolosa, e forse questo evidenzia la realtà che la psoriasi sia una manifestazione somatica di un sofferenza recidivante a livello psico emozionale.
 
L’ estratto di Asphodelus: Come proteggere e rigenerare la nostra pelle in maniera del tutto naturale.
In soccorso della nostra pelle giunge a noi l’estratto di Asphodelus, un derivato composto da diverse piante, che contiene potenti principi attivi, in grado di donare il massimo benefico alla nostra pelle. Completamente capace di rivitalizzare l’epidermide permettendo la totale rigenerazione e si rivela molto efficace se impiegato in appositi prodotti. La crema Apsorzeta prodotta da Named è un’innovativa preparazione indicata per molte patologie che affliggono la pelle stessa. Apsorzeta, grazie alla particolare formulazione, mirata e finalizzata alla protezione della pelle, è il coadiuvante ideale  nel trattamento di dermatiti e patologie cutanee come la psoriasi.
 
Conclusioni:
La psoriasi sembra essere una manifestazione psicosomatica relativa e conseguente a conflitti di separazione. L’unica terapia risolutiva che si è dimostrata valida in alcuni soggetti, è la risoluzione emozionale del conflitto di separazione soggiacente alla patologia. La manifestazione patologica è spesso recidivante e ciò testimonia a favore di conflitti emozionali che si riaccendono periodicamente in relazione a un vissuto conflittuale e alla paura di perdere il figlio, il partner, il genitore…
I rimedi elaborati nel tempo possono solo mitigare la manifestazione patologica e tuttavia sono importanti ma non risolutivi. Spesso le terapie balneari fanno regredire la malattia, ma forse la vera causa del miglioramento sta nel fatto che il cambiare aria, luogo, prendersi una vacanza, ci allontanano dalla fonte primaria dello stress emozionale e ci danno tregua.
 
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

Cancro al seno e malattia paradontale : correlazioni

La malattia parodontale è stata costantemente associata con le malattie croniche,  ma vi era una limitata evidenza scientifica di quale fosse il ruolo dei microbi orali nello sviluppo del cancro al seno. Oggi i ricercatori hanno scoperto che le donne in postmenopausa affette da malattia parodontale sarebbero a rischio di sviluppare questo tipo di cancro rispetto alle altre donne.

Il test ha messo sotto esame 73,737 donne, tra i 50-79 non affette da tumore al seno, iscritte originariamente al Women's Health Initiative Observational Study, un campione prospettico di donne in postmenopausa, per determinare i fattori di rischio per prevedere malattie cardiache, tumori e fratture.

Dopo un periodo di follow-up medio di 6.7 anni, sono stati identificati 2.124 casi di cancro al seno. Oltre il 26 per cento delle donne era colpita da malattia parodontale. Secondo i ricercatori, correvano un rischio del 14 per cento più elevato di cancro al seno rispetto alle donne senza. Le ex fumatrici avevano un rischio ancora più elevato di cancro al seno. Tra le donne che avevano smesso di fumare negli ultimi 20 anni, quelle con malattia parodontale avevano un rischio del 36 per cento più elevato di sviluppare la malattia. Quelle affette da malattia parodontale che non avevano mai fumato o avevano smesso più di 20 anni prima avevano rispettivamente un maggior rischio del 6 e dell’8 per cento.

Secondo Jo L. Freudenheim, ricercatore del Department of Epidemiology and Environmental Health presso la State University di New York a Buffalo, esistono diverse spiegazioni possibili che legano malattia parodontale e cancro al seno. Una possibilità è che l'infiammazione sistemica può sorgere con la malattia parodontale e colpire il tessuto del seno, o indirettamente la stessa infiammazione causa una situazione di acidosi che è un fattore predisponente. Un’altra spiegazione possibile è che i batteri dalla bocca possono entrare nel sistema circolatorio e di conseguenza alterare il tessuto mammario.

Sono però necessari molteplici studi per stabilire un nesso di causalità, ha detto Freudenheim: «Se possiamo studiare la malattia parodontale e cancro al seno in altre popolazioni e di fare una ricerca più dettagliata sulle caratteristiche della malattia parodontale, tutto questo ci aiuterebbe a capire se vi è un qualche rapporto ‒ ha dichiarato. C'è ancora molto da capire quale sia l’eventuale ruolo dei batteri della bocca e il cancro al seno».

Nelle donne il cancro al seno è il tumore più diffuso. Dalle ultime statistiche pubblicate dai Centers for Disease Control and Prevention, negli Stati Uniti questa malattia viene diagnosticata ogni anno su oltre 220.000 donne e più di 2.000 uomini. La malattia parodontale è una affezione molto comune, che colpisce quasi la metà della popolazione adulta degli Usa ed è ormai dimostrato il suo legame con ictus , diabete e malattie cardiache



Il significato del gatto nei sogni

Il gatto nei sogni è un animale particolarmente doppio, ovvero può esprimere simbolismi oscuri e lucenti allo stesso tempo a seconda di come si presenta nel sogno: essendo un felino possiede eleganza nei movimenti, armonia, morbidezza e scioltezza nell'essere, possiede uno sguardo puntato a regioni misteriose e profonde dell'essere così come della natura, allo stesso tempo il gatto nei sogni non appartiene a nessuno e, come un saggio, può donarsi come quando si ama al massimo.



Il gatto nei sogni, così come nella vita, è poco interessato dallo stile di vita umano, per lo più utilitarista, preferisce le comodità ed è un approfittatore di ogni occasione che gli risparmi fatica, ma non lo fa perché sia cattivo o pigro bensì perché nella filosofia di vita del gatto esiste il motto "se c'è un modo di non far fatica perché fare fatica?". Come ogni felino, anche il gatto possiede armi affilate e denti aguzzi sempre pronti a difenderlo dalle minacce, vere o presunte, che può incontrare nella vita, per questo sa farsi rispettare ed è meglio portargli rispetto, questo si riflette anche se sogniamo un gatto.

Nonostante si dimostri un animale molto affettuoso, non si può obbligare il gatto a fare ciò che non vuole come invece accade con il cane. Nella cultura egiziana, il gatto, veniva rappresentato dalla dea Bastet, che veniva raffigurata come una donna dalla testa felina, simbolo di protezione, infatti i gatti venivano onorati nei templi della dea per il fatto che proteggevano gli umani dalle pestilenze che potevano portare i ratti, come accadde al tempo della Grande Peste dove, una caccia forsennata da parte dei cattolici, eliminò gran parte di questi felini esistenti in Europa, per lasciare campo aperto ai ratti che si propagarono inesorabilmente portando malattie derivate dalle pulci che avevano.

La dea Bastet aveva anche una controparte feroce chiamata Sekhmeth o dea leone, che veniva chiamata prima di intraprendere una battaglia. Questa dea era così feroce che il mito dice che per calmarla erano necessari 7 otri piene di birra di miele, così da farla ubriacare e dormire. Il simbolismo è palese poiché rappresenta il fatto che, quando l'inconscio di cui il gatto è un altro simbolo, si scatena divenendo malvagio, si deve nutrirlo con amore per inebriarlo (il miele è sempre stato un alimento connesso con l'amore perché è dolcissimo in maniera naturale).

Il gatto ha acquisito, sempre per l'ignoranza insita al cattolicesimo, significati demoniaci, di magia nera, stregoneria e altre stupidaggini, cosa che ancora oggi continuano ad essere credute vere, pur non avendo ragione di essere. Il gatto nei sogni può esprimere un aspetto di femminile interiore (anima), la sensualità e la sessualità, l’armonia, la grazia legata al corpo ed all’espressione di suoi bisogni, e può essere simbolo della necessità per il sognatore di ridefinire i suoi spazi vitali, il contatto con il corpo e le sue pulsioni. L'istinto è bene rappresentato dal gatto e da tutti i felini proprio per la carica di selvaticità che possiedono e per il fatto di non voler dipendere da nessuno nemmeno dalla razionalità.

Fonte http://simbolisignificato.it/

Leggi anche 

Il significato del cane nei sogni





Categorie

curiosit
curiosit
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
tradizioni
tradizioni
significato dei colori
significato dei colori
libri e recensioni
libri e recensioni
astronomia
astronomia
news
news
io non ci sto
io non ci sto
amore e dintorni
amore e dintorni
artisti
artisti
beneficenza
beneficenza
religioni
religioni
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
riflessioni
riflessioni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo


Leggi Anche..

Come riprogrammare la propria mente
Data: 2015-06-01

Emozioni: perch sbarazzarsene?!
Data: 2015-05-24

Eccesso di tossine nel corpo, ecco i segni
Data: 2015-06-18

Allenare il corpo in un solo minuto con il Planking
Data: 2015-09-12

LA LUNGA ESTATE DELLA PSORIASI
Data: 2014-07-23

10 rimedi naturali per purificare la pelle
Data: 2014-06-23

Le radiazioni fanno male alla salute? Ecco quanto pericoloso volare
Data: 2014-10-20

Se possiamo non laviamoci le mani troppo spesso quando cuciniamo.
Data: 2014-07-24

Le erbe e i cibi che proteggono dalle radiazioni
Data: 2014-10-20

Psoriasi e pelle : cause e cure naturali
Data: 2015-03-12





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!