Faredelbene.net



salute -> La dolce attesa dei papÓ


La dolce attesa dei papÓ




Anche gli uomini subiscono cambiamenti ormonali durante l’attesa di un figlio

Uno studio spiega perché diventano più protettivi e meno aggressivi

E' proprio vero, un figlio ti cambia la vita, ancor prima di venire al mondo!

Durante la gravidanza sembra accadere una «mutazione» ormonale in entrambi i genitori: la donna diventa un po’ papà e l’uomo diventa un po’ «mammo». 

Subentrano cambiamenti psicologici e ormonali, da Terzo Millennio, che predispongono la coppia a spartirsi i ruoli. A creare una sinergia genitoriale. E la Natura sembra ormai adeguarsi in modo da favorire tale sinergia. 
Non sorprende quindi il risultato di uno studio pubblicato dall’ American journal of human biology , rivista ufficiale della società americana degli scienziati che si occupano di biologia umana, che è andato a verificare che cosa accade dal punto di vista ormonale nella coppia quando è in atto una gravidanza.
I cambiamenti ormonali nei futuri genitori
Si è partiti cercando di misurare i cambiamenti nella futura mamma, ma alla fine la scoperta è stata che le modifiche ormonali riguardano anche i futuri papà. Nella donna salgono testosterone (l’ormone che caratterizza il sesso maschile), progesterone, cortisolo e estradiolo, nell’uomo si ha un abbassamento di testosterone ed estradiolo. Insomma i due sessi sembrano avvicinarsi. 
Il neuroscienziato Claudio Mencacci, direttore al Fatebenefratelli di Milano, commenta: «È la conferma di quanto, dal punto di vista etologico, ci aspettavamo: la donna diventa più protettiva (aumento del testosterone), l’uomo riduce i livelli di aggressività (diminuzione del testosterone) nei confronti del neonato. È anche un’evoluzione dei tempi. Rispetto a qualche anno fa, la quantità di tempo che i padri passano con i neonati supera oggi anche le sei ore al giorno. Mentre in passato era di poche ore, se non quasi pari a zero, in questa fase della crescita dei figli. Oggi gli uomini sono più “mammi” e con funzioni da “mammi”». Immagine in linea con quanto previsto alle soglie del 2000 dall’oncologo Umberto Veronesi: un futuro dalle differenze sessuali sempre più sfumate. Sono mutate le interazioni di carattere ormonale perché si è verificata un’evoluzione culturale e socioeconomica verso nuove forme condivise di maternità. La Natura si adatta al sistema che cambia, che vede sempre più spesso entrambi i genitori impegnati sia nel lavoro sia nel crescere i figli. Da soli, senza l’aiuto di nonni o parenti come era prassi nelle famiglie allargate d’altri tempi.
 
Lo studio su 29 coppie
Lo studio dell’Università del Michigan è stato condotto su 29 coppie al loro primo figlio. Non tante dal punto di vista numerico, ma con risultati uniformi nei risultati. Alle coppie sono stati fatti prelievi di saliva, e misurati i livelli ormonali, durante tutto il periodo della gravidanza. «Fino ad ora si pensava che nell’uomo cambiassero i livelli di alcuni ormoni solo alla nascita del bambino - spiega Robin Edelstein, autore principale dello studio -, ma abbiamo visto invece che i cambiamenti iniziano prima, all’inizio della gravidanza. Anche se è ancora difficile stabilire quale ne sia la causa».
 
I gioco degli ormoni
L’andrologo Carlo Foresta (Università di Padova) non è sorpreso: «La psicologia del futuro padre è in divenire e sembra avere un’influenza neuroendocrina. La dolce attesa può creare stress e ansietà, ma può anche essere gratificante. Comunque avviene un cambiamento della personalità che influenza i neurotrasmettitori e inibisce l’attività di secrezione delle gonadotropine. Inoltre, in gravidanza spesso si riduce l’attività sessuale. E l’assenza di attività sessuale riduce automaticamente nell’uomo la produzione di testosterone. Aumentano, poi, i livelli di endorfine che esprimono il piacere dell’appagamento. Comunque, il “gioco” degli ormoni predispone anche mamme e papà all’accoglienza, a creare un ambiente sereno. Il più adatto possibile al nascituro». E attenzione, anche tra gli animali, gli uccelli in particolare, si assiste a qualcosa di simile. L’etologo Danilo Mainardi, Università Ca’ Foscari di Venezia, conferma: «Anche tra le specie animali si riscontrano esempi analoghi. Raramente, ma si riscontrano. In alcuni casi, tra gli uccelli, se la femmina non riesce a portare avanti il suo ruolo subentrano nella cova delle uova o il partner o altri componenti maschi della comunità già predisposti a svolgere funzioni da “mammi”». 
 
Fonte: corriere.it
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

significato sogni
significato sogni
cucina
cucina
casa
casa
scienza
scienza
popoli e culture
popoli e culture
attualitÓ
attualitÓ
Vini e dintorni
Vini e dintorni
coppia
coppia
sesso
sesso
tecnologia
tecnologia
fisica quantistica
fisica quantistica
libri e recensioni
libri e recensioni
tradizioni
tradizioni
letteratura
letteratura
autismo
autismo


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!