Faredelbene.net



itinerari -> Rashtrapati Bhavan (Palazzo Presidenziale)


Rashtrapati Bhavan (Palazzo Presidenziale)




I 10 luoghi da visitare a New Delhi 

 

Panoramica

È il più grande palazzo presidenziale del mondo. A Nuova Delhi ogni edificio culturale sembra essere caratterizzato dall'aggettivo maestoso, ma il Rashtrapati Bhazavan lo rappresenta in pieno. Si consiglia di arrivarci percorrendo l'incredibile "Rajpath", ovvero la Strada Reale, una spianata ampia e totalmente dritta che prosegue per chilometri e collega l'India Gate allo stesso Palazzo Presidenziale.

Dettagli della location & mappa

Rashtrapati Bhavan
Indirizzo:
New Delhi
Delhi
110004
India

Telefono: +91 11 2301 5321

Sito Web: http://presidentofindia.gov.in/rashtrapati-bhavan.htm

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



La Meditazione dei 4 elementi (Fuoco, Aria, Acqua e Terra)

Iniziare la meditazione sdraiandosi in posizione supina tenendo le braccia distese lungo i fianchi , evitando che queste tocchino il corpo, con i palmi rivolti verso l'alto, le gambe leggermente divaricate, le punte dei piedi rivolte all'esterno, gli occhi leggermente chiusi e la testa dritta. Durante la meditazione potrai anche cambiare posizione, lasciate libera espressione al corpo. Per tutta la durata della meditazione respirare attraverso la respirazione di consapevolezza; si tratta di una respirazione un po' più profonda di quella spontanea ma che non deve risultare faticosa.

TERRA - Inizia a respirare nel I Chakra, visualizzando una luce rossa scura nell'area del perineo. Entra in contatto con l'elemento Terra e con i suoi spiriti elementali, a cui viene dato il nome di Gnomi. Senti che il tuo corpo è fatto di terra, senti cosa significa essere terra, ascolta le sensazioni e le emozioni connesse a questo elemento. Ora entra in contatto con gli Gnomi e chiedi loro di donarti la comprensione intuitiva che li caratterizza e l'intelligenza, chiedi loro di svelarti i segreti della materia e di donarti le chiavi per vivere a tuo agio nel mondo materiale, per amare la materia e contribuire alla sue evoluzione.

ACQUA - Respira ora nel II Chakra, visualizzando una luce arancione nell'area degli organi genitali. Entra in contatto con l'elemento Acqua e con i suoi spiriti elementali, a cui viene dato il nome di Ondine.
Senti che il tuo corpo è composto di acqua, senti cosa significa contenere l'acqua dentro di sé, ascolta le sensazioni e le emozioni connesse a questo elemento, percepisci la sua vastità e fluidità, la capacità di cambiare di adattarsi e di prendere la forma del recipiente che la contiene. Ora entra in contatto con le Ondine e chiedi loro di donarti la loro sensibilità, la loro capacità di ricevere, di essere flessibili e di mutare forma per seguire le leggi universali.

FUOCO - Respira ora nel III Chakra, visualizzando una luce gialla nell'area del plesso solare. Entra in contatto con l'elemento Fuoco e con i suoi spiriti elementali a cui viene dato il nome di Salamandre.
Senti che il tuo corpo è composto di fuoco, sperimenta il tuo essere fuoco, ascolta la sensazione e le emozioni connesse con questo elemento. Immagina una fiamma che arde nel tuo III Chakra e si innalza verso l'alto, verso le regioni dello spirito; senti che il potere e la forza del fuoco è dentro di te. Ora entra in contatto con le Salamandre e chiedi loro di donarti la forza, il vigore e la determinazione a compiere la tua missione, la capacità di superare tutti gli ostacoli che ti separano dalla tua evoluzione. Chiedi all'elemento fuoco di bruciare tutte le tue difficoltà.

ARIA - Respira ora nel IV Chakra, visualizzando una luce acquamarina, tra il verde e l'azzurro, al centro del torace. Entra in contatto con l'elemento aria e con i suoi spiriti elementali, a cui viene dato il nome di Elfi .
Senti che il tuo corpo è composto d'aria, senti cosa significa essere aria, ascolta le emozioni e e le sensazioni connesse con questo elemento. Immagina di essere avvolto dalla luce. Ora entra in contatto con gli Elfi e chiedi loro di illuminare il tuo cammino e di facilitare il tuo contatto con il mondo dello spirito. Chiedi loro di illuminare tutta la tua oscurità.

Quando ti sentirai pronta termina la tua meditazione tornando lentamente al respiro spontaneo attraverso il naso e iniziando a riprendere contatto con il corpo, facendo dapprima dei piccoli movimenti e poi stirandoti come al risveglio da un lungo sonno. Infine, impiegando tutto il tempo che ti è necessario, riprenditi e apri gli occhi, portando con te la sensazione di un nuovo equilibrio interiore e gli elementi dentro di te.

Fonte http://dominalunae.altervista.org/





Categorie

lavori creativi
lavori creativi
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
scienza
scienza
io non ci sto
io non ci sto
riflessioni
riflessioni
salute
salute
curiosit
curiosit
astrologia
astrologia
medicina naturale
medicina naturale
vegan & co.
vegan & co.
misteri e paranormale
misteri e paranormale
donna
donna
attualit
attualit
itinerari
itinerari
significato sogni
significato sogni


Leggi Anche..

Rashtrapati Bhavan (Palazzo Presidenziale)
Data: 2014-12-03

Modelle invisibili
Data: 2014-08-14

La citt di New York
Data: 2014-11-27

Guggenheim Museum
Data: 2014-11-29

Fifth Avenue
Data: 2014-12-01

Ebola, a NY medico positivo Due lombardi in quarantena
Data: 2014-10-24

Jantar Mantar
Data: 2014-12-03

Rockefeller Center
Data: 2014-12-01

Coney Island
Data: 2014-11-29

Times Square
Data: 2014-11-29





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!