Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Cannella, un aiuto per l'ovaio policistico


Cannella, un aiuto per l'ovaio policistico




Secondo un recente studio, le proprietà  della cannella potrebbero aiutare le donne che soffrono di ovaio policistico.

Riportiamo i risultati di un interessante studio presentato al meeting dell’International Federation of Fertility Societies and American Society for Reproductive Medicine che si è tenuto a Boston dal 12 al 17 ottobre.

Lo studio, condotto dai ricercatori del Columbia University Medical Center di New York, dimostrerebbe come l’assunzione regolare di cannella possa aiutare le donne a regolarizzare il ciclo mestruale  e ridurre i disturbi in casi di ovaio policistico.

La sindrome dell’ovaio policistico colpisce dal 5% al 10% delle donne in età fertile.

I disturbi sono i più vari:

irregolarità del ciclo mestruale,
acne,
fastidi e
infertilità.

Nel corso degli anni, si è sempre pensato che una delle possibili cause fosse una insensibilità all’insulina. Secondo questa recente ricerca, la cannella potrebbe intervenire proprio nel controllo dell’insulina, aiutando le donne affette da ovaio policistico, a regolarizzare il proprio ciclo, aumentando la fertilità.

Lo studio condotto dai ricercatori del Columbia University Medical Center di New York, e guidato dal dr. Daniel Kort, esperto in endocrinologia riproduttiva presso la Columbia University Medical Center di New York, ha preso in esame 16 pazienti interessate da questa sindrome. A 11 di loro, sono stati somministrati quotidianamente degli integratori di cannella; ai restanti 5, delle pillole di placebo.

Durante il corso della ricerca, le donne campione di esame sono state monitorate per verificare il calendario mestruale mensile e controllare l’attività del loro organismo.

Dopo sei mesi, le donne che avevano assunto la cannella avevano registrato un miglioramento significativo nella regolarità del ciclo mestruale: quasi il doppio del gruppo di donne che aveva invece assunto il placebo. Due dei soggetti di controllo sottoposti al trattamento avevano anche riportato una gravidanza entro tre mesi dall’inizio dell’esperimento, senza la necessità di ulteriori aiuti.

La dose quotidiana di cannella utilizzata durante il periodo di controllo era fissata a 1.500 mg. Kort ha spiegato che la scelta non è stata affatto casuale, visto che precedenti ricerche avevano già dimostrato che una dose fissata tra 1.000 e 2.000 mg al giorno aveva già fatto registrare effetti metabolici positivi su pazienti diabetici.

Le evidenze di questa ricerca, per adesso, possono solo essere il preludio a esami e studi più approfonditi.

Kort ha infatti specificato che non è ancora chiaro come la cannella riesca a influenzare l’organismo delle donne affette da ovaio policistico e che è improbabile che questa spezia sia l’unica causa del miglioramento.

Certo, i risultati sono incoraggianti e, rispetto ai trattamenti che vengono utilizzati oggi, la cannella ha decisamente costi e controindicazioni minori. Fino a quando non verranno presentate altre evidenze scientifiche a sostegno di questa tesi, ha aggiunto Kort, è necessario comunque che chi è affetto da questa sindrome rimanga sotto il controllo di un medico.

In questi anni, la medicina sta dimostrando molto interesse circa i rimedi omeopatici o naturali per questa condizione, soprattutto perché può essere qualcosa che possiamo fare con una sostanza del tutto naturale e che può aiutare un grande numero di pazienti.

Fonte Casabenessere

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Wild Rose

Wild Rose, Fiori di Bach, rimedio 37, Caratteristiche principali: rassegnazione, apatia





Categorie

popoli e culture
popoli e culture
sesso
sesso
numerologia
numerologia
astronomia
astronomia
itinerari
itinerari
diete
diete
scienza
scienza
attualit
attualit
significato sogni
significato sogni
scomode verit
scomode verit
musica
musica
antroposofia
antroposofia
libri e recensioni
libri e recensioni
storia
storia
religioni
religioni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!