Faredelbene.net



bambini -> Giornata mondiale delle bambine


Giornata mondiale delle bambine




Dare loro forza per liberarle e salvare il pianeta

 

Si moltiplicano iniziative e testimonianze in tutto il mondo per celebrare “La giornata delle bambine 2014”. Per interrompere il circolo vizioso della violenza sulle giovani rendendo possibile la loro emancipazione, rafforzando la formazione scolastica, e offrendo così nuovi possibili orizzonti. A beneficio dell'intero pianeta.

Con #dayofthegirl, le Nazioni Unite lanciano oggi la “giornata mondiale delle bambine”, nata per sensibilizzare governi, istituzioni e società civile sulle violenze e discriminazioni che bambine e adolescenti subiscono in tutte le parti del mondo. Il 17 % della popolazione globale è femminile e ha meno di 19 anni. Moltissime saranno le madri del futuro pianeta e trasmetteranno ai loro figli ciò che hanno subito e hanno imparato: riscatto e libertà, o sopraffazione e violenza. Secondo i dati Unicef, quasi un quarto di loro, tra i 15 e i 19 anni nel mondo sono state vittime di violenze fisiche. 120 milioni di teenager sotto i 20 anni (una su dieci) hanno avuto un rapporto o atti sessuali forzati. Quasi la metà di loro ritiene che l'uomo sia giustificato se picchia la moglie o la partner in determinate circostanze. Si capisce allora quanto l'educazione sia uno strumento chiave per la loro emancipazione, e per dare loro la forza e il coraggio di ribellarsi. L'International Center for Research on Women aggiunge un altro dato: il suicidio è la principale causa di morte per le ragazze dai 15 ai 19 anni.

Tra le violenze che subiscono c'è l'odiosa tradizione diffusa in molti paesi, di dare in sposa bambine e adolescenti a uomini maturi. Così, oggi, più di 700 milioni di donne si sono sposate da bambine, più di una su tre si è sposata prima dei 15 anni. Questo stato di cose, non consente loro di frequentare la scuola e, al contrario, le espone alle violenze domestiche. Inoltre, le adolescenti hanno più probabilità di morire a causa di complicazioni durante la gravidanza e il parto. I loro figli hanno maggiori probabilità di nascere morti o di morire nel primo mese di vita.

Tra le varie iniziative di sensibilizzazione della giornata si moltiplicano le testimonianze di molte ragazze circa le violenze, e i matrimoni subìti, ma anche molte storie di riscatto: si costituisce così una trama globale per tenere viva l'attenzione, incoraggiare, e sulla quale si deve sicuramente operare. Se è vero che le storie di queste bambine ci fanno rabbrividire, è però vero che questa giornata dovrebbe servire anche all' “occidente” per fare una serie di considerazioni su se stesso. La prima, ovviamente, sul tipo di contributo da dare, la condivisione e la sensibilizzazione sul problema in tutti i modi e le forme. Ma l'altra su come noi – che ci definiamo evoluti – trattiamo l'infanzia e l'adolescenza delle nostre figlie.

Un esempio per tutti: la Norvegia ha per prima reagito alla giornata delle bambine 2014 con una campagna di grande impatto. Una giovanissima dice che andrà in sposa di un uomo di 37 anni. La notizia – falsa – è stata fatta scivolare in un blog – stoppbryllupet.blogg.no – generando disgusto e indignazione immediati: "Ciao! Mi chiamo Thea, ho 12 anni e mi sposerò tra un mese". L'obiettivo, attraverso la provocazione del fake, era proprio quello di avvicinare l'intera nazione a una questione che sembra sempre troppo lontana.


Vale la pena allora avvicinare anche il nostro sguardo sulle fotografie della biondissima Thea messe lì per sensibilizzare su quanto succede lontano da noi e mettere a fuoco anche un'altra verità. Che dire di quegli abiti così glamour, così alla moda, quel trucco eccessivo, quelle pose da adulta, lo sguardo triste…Non è forse quello che quotidianamente ci suggerisce la nostra pubblicità e i contenuti televisivi?

Non c'è forse un problema che si deve affrontare anche da noi, sulle differenze generazionali che hanno perso di qualsiasi significato e sulle derive che sta prendendo questa continua erotizzazione delle immagini infantili, per non parlare delle teen agers, in un contesto, almeno quello italiano, in cui l'abbandono scolastico sta dilagando a vista d'occhio? La giornata è stata consacrata – in anticipo – dal Nobel della Pace assegnato alla giovane Malala e a Satyarthi: una musulmana pachistana di 17 anni, che un attentato talebano ha trasformato in simbolo dei diritti delle donne, e un operatore sociale hindu, di 60 anni, che in anni di lotta non violenta ha salvato almeno 80.000 bambini-schiavi. A tutti gli effetti sono loro l'emblema del più grande dei riscatti, e i migliori interpreti di questa battaglia nata nelle Nazioni Unite nel 2011.

Un bambino, un maestro, un libro, una penna possono cambiare il mondo”, è lo slogan che accompagna Malala ovunque. “Questo riconoscimento” ha detto la ragazza “per me non è il punto d'arrivo ma l'inizio di una più forte battaglia per i diritti dei bambini allo studio. Ce ne sono 57 milioni che non possono studiare". Parole semplicissime ma che accordano gli strumenti stonati dell'intero pianeta: i paesi più evoluti rendono possibile e assecondano il disprezzo per la cultura, quelli più involuti continueranno a coltivare tradizioni tristissime dove la bambine pagano le spese più alte subendo violenza e sopraffazioni. Ecco perché lo slogan della giornata è: Empowering Adolescent Girls: Ending the Cycle of Violence.

E' solo l'educazione e “l'empowerment”, cioè trasmettere forza e consapevolezza alle bambine, favorendo la loro emancipazione, favorire le loro condizioni di salute può cambiare il destino dell'intero pianeta.

fanpage.it

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

casa
casa
Vini e dintorni
Vini e dintorni
significato sogni
significato sogni
salute
salute
scomode verit
scomode verit
psicologia
psicologia
storia
storia
antroposofia
antroposofia
misteri e paranormale
misteri e paranormale
lingua italiana
lingua italiana
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
cucina
cucina
pedagogia
pedagogia
psicosomatica
psicosomatica
donna
donna


Leggi Anche..

Santa Lucia, il giorno pi corto che ci sia?
Data: 2014-12-13

8 pensieri da adottare ogni giorno per vivere meglio
Data: 2014-12-04

La giornata mondiale della Sla
Data: 2014-10-11

10 abitudini delle coppie felici
Data: 2015-04-01

Gatto delle foreste Norvegiesi
Data: 2014-11-17

Because i am a girl - DONNE vittime di violenze
Data: 2014-10-11

Abbuffate delle feste: evitare i chili in pi a Natale e Capodanno
Data: 2014-12-09

Allucinante - Prestiti tra familiari, bisogna dichiararli allAgenzia delle Entrate
Data: 2015-03-22

Il consiglio del terapeuta: Fate l'amore il giorno di Natale, fa bene alla coppia
Data: 2014-12-23

Blue Monday 2015, oggi il giorno pi triste dell'anno
Data: 2015-01-19





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!