Faredelbene.net



psicologia -> Voglio fare il lavoro che mi piace


Voglio fare il lavoro che mi piace




Perchè devo accontentarmi di un lavoro che non mi piace?

Parlando di lavoro spesso sentiamo dire “No, non fa per me. Non c’entra niente con quello che vorrei dalla mia vita.”, ma sono molte le persone che fanno i conti con un lavoro che non piace. Le risorse sono, da sempre, messe in relazione con la relatività di tempo e spazio. Oggi, il lavoro, è una risorsa caratterizzata da scarsità. Si tratta di un bene raro: il nostro, è un periodo di “vacche magre”.
 
Il lavoro che piace è un lusso per pochi. Un buon compromesso potrebbe essere quello di avere un lavoro accettabile sotto alcuni aspetti e sotto altri no: almeno una piccola percentuale di quello che si fa dovrebbe dare appagamento. Anche il lavoro più bello ha i suoi pro e i suoi contro, come tutte le cose.
Ma, se tutti fanno il lavoro dei sogni, chi laverà i piatti al ristorante? Ora che il lavoro scarseggia, bisogna accettare quello che si trova.
 
L’università e la scuola hanno regole diverse dal mondo del lavoro. Difficile, come ogni transizione, è il passaggio dall’università all’impiego. In qualche caso, questo passaggio è davvero traumatico. Sogni delle favole e cassetti pieni di speranze non corrispondono a quella realtà delle cose che ci fa scontrare contro muri e ingoiare rospi: spesso, le offerte di lavoro sono distanti dal nostro immaginario.
 
Alcuni pensano che sia meglio “la disoccupazione” rispetto a un lavoro che non piace; altri pensano che un lavoro, seppur logorante, consente, almeno, di averla una vita.
La professione riassume la nostra utilità nella società. Le persone hanno bisogno di essere riconosciute a livello sociale. Il lavoro è un’occasione per realizzare la propria dimensione nella comunità, per sentirsi realizzati. Il lavoro permette di fare progetti e di esprimere il nostro essere: attraverso il lavoro lasciamo una nostra traccia nel mondo.
 
Si lavora per i soldi: questo è bene ricordarlo. Del resto, le bollette, le assicurazioni, il cibo e gli imprevisti non si pagano da soli. Anche se, una persona, oggi, deve ritenersi fortunata solo ad averlo un lavoro; se il lavoro non piace, le sensazioni sono davvero forti: “rabbia, delusione, amarezza, rassegnazione, frustrazione”.
 
Si produce poco e, si produce male. D’altra parte anche l’autostima deve essere nutrita. Quando si torna a casa di malumore, si pensa molto. Si ripercorrono scelte sbagliate, si sente il peso di una volontà che non è stata abbastanza forte. Si sente nella testa un “voglio lasciarlo ma non ho il coraggio”. Un “vorrei dedicarmi alle mie passioni ma non ho tempo”. La vita di una persona non comincia quando il cartellino viene “stimbrato”.
 
Quando il lavoro non piace, il tempo non passa mai: è amplificato dal suono di quelle lancette dell’orologio che, proprio, non si vogliono muovere. Non c’è di peggio che trovarsi male al lavoro: dovremo lavorare tutta la vita, 8 ore al giorno. Non c’è niente di peggio che svegliarsi la mattina e pensare che dovremo fare una cosa che odiamo per 30 anni (e più).
Il senso di sacrificio fa trascorrere ogni giorno uguale agli altri. La noia incombe. Ci si sente intrappolati in una vita che non ci appartiene. Ci si sente derubati del tempo. Si va a letto la sera perché si deve riposare ed essere “freschi” il giorno dopo. La vita diventa piatta, la dimensione psichica pesa: quello che si prova è alienazione.
 
D’altra parte chi non ce l’ha, un lavoro, non sa “dove sbattere la testa”. Ci si sente fortunati, allora. Ma, l’essere umano è fatto per vivere con lo stile di vita imposto dal mondo moderno? Il lavoro è necessario per vivere, purtroppo non è sempre piacevole. Il ricavato del lavoro permette di pagare le spese. Se una persona non è portata per un mestiere, non è portata e basta. Se non sei fatto per parlare con le persone, non potrai essere un buon commerciale. Se non sei fatto per i lavori manuali, non potrai essere un bravo calzolaio.
 
Una ricetta per la sopportazione potrebbe essere quella di pensare queste condizioni come momentanee: ci si adatta temporaneamente a situazioni che non piacciono, ma poi si cerca altro. O, si potrebbe alimentare la voglia di diventare bravi anche in cose che non sono nostre, che non ci appartengono: vivendo il tutto come una sfida, come un “mettersi alla prova”.
Si deve cercare una motivazione che spinga ad andare avanti e che, possibilmente, non coincida con il giorno della distribuzione delle buste paga. Accettare un lavoro che offre aspettative diverse rispetto a quelle prefissate, e che non è attinente al nostro percorso, può essere un’occasione per allargare il nostro spettro di conoscenze. Essere flessibili va bene, ma se l’offerta non è seria o risulta penalizzante meglio non accettare (se le condizioni economiche lo consentono, ovviamente).
 
Chi non accetta un lavoro che non piace viene, spesso, considerato uno “scansafatiche”. Chi non accetta un lavoro riceve osservazioni come: “non hai voglia di lavorare” o “devi avere spirito di sacrificio”.
Sono frasi che raccolgono opinioni popolari diffuse, sono opinioni che feriscono ma che, non sempre, racchiudono un senso di verità. Chi ha accettato qualsiasi cosa fin dall’inizio, spesso, si è trovato incastrato in una posizione difficile da cambiare. Ci sono due tipi di persone: quelle che prediligono lavori tranquilli e quelle per cui contano carriera e competitività. Capire che tipo di lavoratore si è, può aiutare nelle scelte professionali. Potrebbe essere molto utile, inoltre, fare un’analisi della propria repulsione per quello che si sta facendo.
 
Bisogna comunque saper misurare il proprio “ritorno sull’investimento”: segnare i pro e i contro. Chiedersi “a che cosa serve quello che faccio” e “dove voglio andare”. I grandi della storia hanno sacrificato tutto per inseguire il proprio sogno, non si sono accontentati: oggi sarebbero definiti “choosy”. Il lavoro che piace è una conquista.
 
Un proverbio arabo dice: “fai il lavoro che ami e non lavorerai per tutta la vita”.
 
Fonte: corriere.it
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

libri e recensioni
libri e recensioni
donna
donna
psicologia
psicologia
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
animali
animali
stile & bon ton
stile & bon ton
attualit
attualit
medicina naturale
medicina naturale
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
simboli e archetipi
simboli e archetipi
beneficenza
beneficenza
scienza
scienza
casa
casa
arte
arte
itinerari
itinerari


Leggi Anche..

Cinque buoni motivi per lavorare solo 5 giorni a settimana
Data: 2014-10-04

INPS: Bonus per le donne disoccupate
Data: 2014-10-10

Voglio fare il lavoro che mi piace
Data: 2014-10-03

Quei lavori ben pagati che nessuno vuol fare
Data: 2014-10-03

Lavoro. Ricerca di persone da pagare per bere birra
Data: 2014-09-02

Cerchi lavoro? Ecco 10 segreti per trovarlo
Data: 2014-10-03

Gelaterie Grom. Se piove non lavori!
Data: 2014-08-18

Made in Italy, decolla grazie al crowdfunding
Data: 2014-09-14

Lo stress dannoso per la memoria a breve termine nellet avanzata
Data: 2014-06-20

In India si piantano 2 miliardi di alberi creando lavoro per 300mila giovani
Data: 2014-07-27





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!