Faredelbene.net



news -> Non abbiate paura del volontariato


Non abbiate paura del volontariato




Se la ricerca merita e necessita di essere sostenuta, il volontariato è la forza vitale di ogni associazione.

Il terzo settore ha bisogno più che mai di risorse fresche. I soldi? No, non sono l’unica risposta possibile. O, meglio, questa non è la risposta buona per entrambi i casi. Se le donazioni sono utili a finanziare le ricerche, i volontari rappresentano la forza vitale e pulsante delle associazioni. Insomma, non esistono solo le docce ghiacciate. Secondo Franco Bomprezzi «riuscire a far diventare i donatori dei potenziali volontari» sarebbe il miglior modo per superare l’esibizionismo virale dell’#IceBucketChallenge che ha permesso di accendere i riflettori sulla Sla. Finite le secchiate restano i fondi raccolti. Ma qualcuno pare aver raccolto l’invito. E così c’è chi, come l’Associazione italiana sclerosi multipla (Aism), si spinge oltre andando alla ricerca di supereroi.
 
«Per vincere la sclerosi multipla servono supereroi, come te. Diventa volontario Aism».
È questo il claim della nuova campagna di comunicazione dell’associazione che da 45 anni, in Italia, lavora e lotta al fianco delle oltre 72 mila persone colpite da sclerosi multipla finanziando, insieme alla Fondazione Fism, il 70% della ricerca scientifica su questa grave malattia del sistema nervoso centrale. Oggi i volontari Asim sono circa 10 mila. Tanti, ma mai sufficienti. Perché sono loro a garantire i servizi sociali dove il servizio pubblico non arriva. Sono sempre loro a difendere i diritti dei malati contribuendo di fatto al miglioramento della qualità della vita.
 
«Basta un sorriso per fare informazione o finanziare la ricerca attraverso la vendita di una gardenia o di un sacchetto di mele, basta una patente per consentire a una persona con sclerosi multipla di recarsi a una visita medica. Basta un po’ di sensibilità per sostenerla nella sua vita quotidiana. Un solo gesto di questi mi fa sentire bene con me stessa e con gli altri», racconta uno dei volontari Aism.
Lontani dai luoghi comuni – ma giocando sul concetto stereotipato di “eroe moderno” – in questo settembre dedicato al reclutamento, l’associazione ha deciso di puntare la sua comunicazione sulla straordinarietà della normalità.
 
«Dai più valore al tuo tempo, entra in un gruppo di persone staordinariamente normali», si legge sul nuovo manifesto che per tutto il mese sarà appeso e diffuso in oltre sessanta città italiane.
Aism organizza così postazioni informative nelle piazze, open day che si terranno nelle tante sezioni territoriali, incontri di approfondimento e analisi dentro e fuori dalla scuola. Solo lo scorso anno sono stati 640 i nuovi volontari Aism, ognuno adeguatamente formato. Chi desiderasse unirsi a loro può trovare tutte le informazioni sul sito aism.it o chiamano il numero verde 800 138 292.
 
 
Fonte: Corriere della sera
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

casa
casa
letteratura
letteratura
lavori creativi
lavori creativi
psicosomatica
psicosomatica
beneficenza
beneficenza
significato sogni
significato sogni
tecnologia
tecnologia
stile & bon ton
stile & bon ton
animali
animali
sesso
sesso
fisica quantistica
fisica quantistica
spiritualità ed esoterismo
spiritualità ed esoterismo
news
news
filosofia
filosofia
simboli e archetipi
simboli e archetipi


Leggi Anche..

#NoProfitNoIva, ovvero, quando l'Italia del fare del bene va detassata
Data: 2014-09-01

Non abbiate paura del volontariato
Data: 2014-09-02

IL CASO DEL CUORE: REX DALLA CAMPANIA
Data: 2014-09-06

Cannabis: efficace contro la sclerosi multipla.
Data: 2014-09-14

Guarita dalla Sclerosi Multipla con questa dieta.
Data: 2015-09-03

Cercasi volontario per il Congo
Data: 2016-06-11

Associazione Braccia Aperte Onlus - aiutare i bambini poveri
Data: 2015-10-30

Malato di cancro conduce (e finanzia) la ricerca su se stesso
Data: 2014-08-28

Caritas per il Nepal. Ecco come aiutarli
Data: 2015-04-25

Pane in attesa, una lodevole iniziativa di beneficenza
Data: 2015-03-04





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!