Faredelbene.net



animali -> La Lav denuncia: "Basta uso di animali nel Circo Bellucci Orfei


La Lav denuncia: "Basta uso di animali nel Circo Bellucci Orfei




Questo spettacolo non deve andare avanti" è l'appello denuncia lanciato dalla Lav (Lega anti vivisezione) contro lo spettacolo del circo Bellucci-Orfei con l'uso di animali. La Lav aveva già allertato il sindaco di Azzano San Paolo, Simona Pergreffi, che - secondo gli animalisti - "aveva preso nota di tutte le irregolarità"

Questo spettacolo non deve andare avanti" è l'appello denuncia lanciato dalla Lav (Lega anti vivisezione) contro lo spettacolo del circo Bellucci-Orfei con l'uso di animali. La Lav aveva già allertato il sindaco di Azzano San Paolo, Simona Pergreffi, che - secondo gli animalisti - "aveva preso nota di tutte le irregolarità".

"Doveva essere l’evento circense dell’anno nella bergamasca, lo spettacolo con animali che ormai per tradizione attira gli amanti del genere sulla coda dell’estate. Invece le aspettative sono state disattese da uno spettacolo in cui gli animali hanno avuto un ruolo marginale e non certo per scelta degli autori - racconta Donato Ceci, responsabile LAV per la provincia di Bergamo -. In scena solo tigri in dormiveglia, cavalli e, qualche rettile che, come spesso accade, è venuto volutamente a contatto col pubblico in barba alle linee guida che disciplinano gli spettacoli itineranti e a tutto rischio dell’inconsapevole spettatore. Nei giorni immediatamente precedenti la prima dello spettacolo, LAV aveva preso contatti con il sindaco di Azzano San Paolo, Simona Pergreffi, la quale, con buona apertura, aveva preso nota di tutte le irregolarità da noi evidenziate nelle precedenti edizioni del circo Bellucci-Orfei e non rilevate ai successivi controlli da parte degli enti competenti. Il Sindaco si riprometteva di fare visita alla struttura con la finalità di verificare l’idoneità di recinti e gabbie che ospitano gli animali e di condurre una più consapevole valutazione personale sulle reali condizioni di detenzione degli animali, prima di rilasciare l’autorizzazione finale".

“Cosa sia avvento dopo, al momento, non è noto – afferma Donato Ceci, responsabile LAV per la provincia di Bergamo – ma lo appureremo con una richiesta di accesso agli atti per comprendere fino in fondo quali siano state le ragioni di un cambiamento così improvviso ed importante del palinsesto e per verificare che, in caso di irregolarità, siano state presentate le dovute prescrizioni e/o sanzioni”.

Il governo italiano qualche mese fa annunciava che i fondi normalmente stanziati per gli spettacoli itineranti che fanno uso di animali, a decorrere dal 2018 saranno dirottati ai circhi che inscenano spettacoli con artisti umani, in linea con l’accresciuta sensibilità verso gli animali da parte della gran parte della comunità. Sensibilità che non sembra fare presa sui maggiori circhi che lucrano sulle privazioni e le sofferenze di animali che normalmente vivono in libertà ed in tutt’altri luoghi e che sono invece costretti ad obbedire agli ordini con sessioni di addestramento violenti e mirati ad annullare l’individuo a cospetto dell’uomo.

“Non molliamo la presa – conclude Grazia Parolari, settore circhi per LAV Bergamo – il circo Bellucci Orfei è sotto osservazione. La sede di Bergamo ha lavorato molto sui circhi nell’ultimo anno e non accetteremo più che simili spettacoli vadano in scena se non nel pieno rispetto delle leggi vigenti”.

bergamonews.it

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

numerologia
numerologia
scienza
scienza
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
pedagogia
pedagogia
libri e recensioni
libri e recensioni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
misteri e paranormale
misteri e paranormale
scuola
scuola
significato dei colori
significato dei colori
arte
arte
autismo
autismo
donna
donna
riflessioni
riflessioni
antroposofia
antroposofia
simboli e archetipi
simboli e archetipi


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!