Faredelbene.net



news -> Ancora razzi su Israele


Ancora razzi su Israele




Gaza, lancio di razzi verso Israele.
Secondo l’esercito di Tel Aviv due razzi hanno raggiunto il territorio israeliano (senza causare danni). Hamas nega ma annuncia: «Non prolungheremo la tregua»
Ancora attacchi sulla Striscia di Gaza, alcuni razzi hanno colpito Israele all’alba, a qualche ora dalla fine del cessate il fuoco in vigore da martedì (e che finirà in mattinata). L’annuncio è stato dato dall’esercito israeliano. «Al momento, due razzi hanno colpito il sud di Israele. Non si segnalano vittime». Da parte sua Hamas ha smentito il lancio dei due razzi ma ha annunciato che non intende prolungare ulteriormente il cessate il fuoco di 72 ore con Israele nella Striscia di Gaza. Hamas ha motivato la decisione col rifiuto di Israele di accettare le sue richieste.
 
Lo stallo nei colloqui
I colloqui tra le due parti, mediati dall’Egitto, sono in salita. Hamas ribadisce che non ci sarà nessuna tregua se Israele non toglie l’embargo imposto alla Striscia in dal 2006. Israele ribatte che il blocco su Gaza continuerà fino a quando non ci sarà la smilitarizzazione della Striscia dai razzi oltre che dai tunnel e quindi il sostanziale disarmo delle fazioni palestinesi. Il disarmo è «impossibile» in quanto «l’esercito della resistenza» è la «sola garanzia» per un accordo, ha ribattuto Mussa Abu Marzuk, il numero due di Hamas ribadendo chiusure venute nei tre giorni precedenti dal leader politico del moovimento, Khaled Meshal, e da un altro suo esponente di spicco, Ezzat Al-Rasheq, («non accettiamo neanche di ascoltare» simili proposte). Pesano anche altre richieste palestinesi su cui Israele dice di no: come dotare la Striscia di un porto o riaprire il piccolo aeroporto dell’enclave (su quest’ultimo punto ci sono riserve da parte dello stesso mediatore egiziano). 
 
Le vittime
Secondo il ministero della Sanità palestinese le vittime dell’operazione «Barriera difensiva» lanciata da Israele l’8 luglio sarebbero quasi 1.900, tra cui 430 bambini, 243 donne e 79 anziani. Oltre 9.567 sarebbero invece i feriti, tra i quali 2.878 bambini, 1.854 donne e oltre duemila anziani.
E' un massacro senza fine.
 
Fonte: Corriere della sera
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

MALATTIA PARADONTALE E CORRELAZIONI CON I PROBLEMI PROSTATICI

MALATTIA PARADONTALE E CORRELAZIONI CON I PROBLEMI PROSTATICI

la necessità di prevenzione odontoiatrica negli uomini si fa sempre più importante. Nel seguente articolo ci occuperemo dei problemi sulla salute orale che coinvolgono gli uomini.

L'odontoiatria come più volte detto sul nostro portale abbraccia tutta la medicina. In questo articolo ci rivolgiamo agli uomini, poichè avere una bocca sana potrebbe evitare problemi alla prostata.

Specifichiamo che, le infiammazioni gengivali, non interessano solo il cavo orale, ma può influenzare anche la salute e il buon funzionamento di altri organi, compresa la prostata. Molte patologie nel corpo umano sono correlate a infezioni presenti nella bocca.

La malattia parodontale è causa di numerosi problemi infiammatori in diverse parti del corpo.
Anche nel passato erano già emersi legami tra problemi gengivali e decessi fetali, artrite reumatoide e cardiopatie. E per valutare l'esistenza di un'associazione anche con l'infiammazione della prostata, un problema molto diffuso che peggiora notevolmente la qualità della vita di chi ne soffre è stata condotta una ricerca.

I pazienti che in un primo momento si erano sottoposti ad una biopsia prostatica che aveva portato alla diagnosi di prostatite e a un prelievo di sangue dal quale il livello di antigene specifico prostatico (Psa) risultava aumentato, a indicare una possibile infiammazione o anche un tumore.

I pazienti coinvolti nella ricerca sono stati sottoposti ad alcuni accertamenti.

Analisi accurata delle gengive per valutare la presenza di parodontite e un test dal quale è stato ottenuto un punteggio (Ipss, International prostate symptom score) utile per valutare i sintomi di malattia della prostata.
I pazienti erano affetti da parodontite, da moderata a grave e 21 avevano prostatite assente o lieve anche se 15 avevano tumore prostatico confermato da biopsia.

Dopo un periodo di 4-8 settimane nel quale sono stati effettuati trattamenti efficaci per la parodontite, il 90% dei pazienti coinvolti hanno riferito miglioramenti anche a livello dei sintomi prostatici e del livello di Psa.

Questa ricerca evidenzia che, curare le gengive può ridurre i sintomi della prostatite e migliorare la qualità della vita degli uomini che ne soffrono, augurandosi che la cura della parodontite entri a far parte del trattamento standard della malattia prostatica.

Sono consigliate le visite odontoiatriche ai pazienti che si devono sottoporre a interventi cardiaci, e anche alle donne in gravidanza, non di meno a coloro che hanno problemi metabolici quali diabete



La Legge Dello Specchio

Il mondo esterno si comporta come uno specchio.
So bene che questo modo di considerare risulta inizialmente molto insolito, tuttavia l'abitudine a certe affermazioni non deve necessariamente essere considerata il criterio della loro esattezza.
Il cosiddetto mondo esterno è in realtà uno specchio in cui ognuno vive se stesso in quanto dalla realtà generale vera, oggettiva, uguale per tutti, filtra solo quello per cui ha personalmente un'affinità.

Chi non è consapevole di questo fatto, finisce per commettere errori di comportamento.

Quando la mattina mi guardo allo specchio e in questo specchio vedo un viso che mi guarda in modo poco amichevole, posso strapazzare per bene questo viso per la sua poca cordialità. Il viso nello specchio non si lascia per questo impressionare, anzi invia altrettanti insulti.
In questo modo è facile arrabbiarsi sempre di più finché non si comincia a colpire il viso incriminato e lo specchio va in frantumi.
Nessuno però si comporterà in questo modo con lo specchio del bagno, perché siamo ben consapevoli della sua funzione di specchio.
Tuttavia quasi tutti gli uomini si comportano nella vita quotidiana nel modo sopra descritto. Lottano contro i loro nemici nel mondo esterno, contro i vicini o i parenti indisponenti, contro le ingiustizie dei superiori, contro la società, e altro ancora.

Tutti in realtà combattono soltanto contro se stessi.

Per questo ovunque ci sono sempre e soltanto dei perdenti, mai dei vincitori, perché contro chi si potrà mai vincere in una battaglia allo specchio? La legge di risonanza e dello specchio vale naturalmente sia in senso positivo che negativo.

Se nelle nostre considerazioni citiamo quasi esclusivamente esempi negativi, è perché è qui che si produce il dolore umano. Gli aspetti positivi della vita vengono facilmente accettati da tutti.

Se l'uomo si rende conto della funzione di specchio del mondo che lo circonda, si procura una insospettata fonte di informazione. Anche se nello specchio si può vedere sempre e soltanto se stessi, noi usiamo lo specchio perché può mostrarci parti di noi stessi che senza il suo aiuto non potremmo mai scorgere.
Allo stesso modo, l'osservazione del proprio mondo esterno e degli eventi coi quali si viene confrontati è uno dei metodi migliori per conoscere se stessi, perché tutto quello che nel mondo esterno disturba indica semplicemente che non si è conciliati in se stessi col principio analogo.
Questo l'uomo se lo sente dire poco volentieri.


Ognuno è in grado di modificare e configurare il mondo in base alle proprie idee, senza combattere e senza esercitare la forza.
L'uomo deve solo modificare se stesso, ed ecco che tutto il mondo si modifica con lui.

Se vedo allo specchio quel viso scortese, non ho che da sorriderne, e lui con certezza risponderà al sorriso!

Tutti vogliono sempre modificare il mondo, ma nessuno applica i mezzi capaci di farlo con successo.
Chi modifica la propria affinità, riceve un programma nuovo, vede un mondo diverso.
Ogni persona vive nel suo "mondo". Di questi mondi ce n'è tanti quanti sono gli uomini. Tutti questi mondi sono solo parziali aspetti del mondo reale, che segue leggi ferree e non si fa influenzare dalle pretese umane di cambiamento. Il mondo esterno è la più fidata fonte di informazione sulla propria personale situazione, quella nella quale ci si trova.

Se l'uomo impara a chiedersi il senso di tutto ciò che gli capita, non solo imparerà a conoscere meglio se stesso e i propri problemi, ma scoprirà anche la possibilità di cambiamento.
Ogni volta che gli capita qualcosa dovrebbe chiedersi subito: "Perché questo succede proprio a me, proprio adesso?"
Finché non ci si abitua a queste domande, sarà difficile darsi una risposta. Anche qui però è l'esercizio che fa il maestro, e presto si impara a individuare il senso degli eventi e a porli in rapporto con se stessi.

Più consapevole diviene l'uomo, più impara a dare un ordine alle cose, a chiedersi quali informazioni esse possono fornire. Di importanza fondamentale è restare in armonia con tutto ciò che è.
Se questo non riesce, se ne cerchi il motivo in se stessi.
L' uomo è il microcosmo e di conseguenza un'immagine esatta del macrocosmo. Tutto ciò che percepisco all'esterno, lo ritrovo anche in me.

Se dentro di me sono in armonia coi diversi aspetti della realtà, anche i loro rappresentanti del mondo esterno non possono turbarmi. Se avviene qualcosa che per me è sgradevole, devo considerarlo una sollecitazione e considerare dentro di me anche questo aspetto.

Tutte le persone cattive e gli eventi sgradevoli sono in realtà solo messaggeri, mezzi per rendere visibile l'invisibile.
Chi capisce questo ed è disponibile ad assumersi personalmente la responsabilità del proprio destino, perde ogni paura del caso che lo minaccia.
L'occupazione principale del nostro tempo è la prevenzione e l'assicurazione contro le eventualità del destino.
I sistemi assicurativi hanno lo scopo di impedire o modificare gli attacchi del destino attraverso misure esterne. Dietro a tutte queste precauzioni si cela la paura.

Solo quando l'uomo è disponibile a porsi responsabilmente di fronte a se stesso e al proprio destino, perderà la paura.

Non si può essere uccisi per errore, diventar ricchi per errore.
Entrambe le cose possono verificarsi solo quando si è maturi per esse e si possiede la corrispondente affinità.

Gli uomini tendono alla ricchezza e trascurano di maturare in vista di questa ricchezza. Chi ha interessi esoterici cerca in tutto il mondo il guru giusto e i sistemi migliori, e dimentica che è il guru stesso ad andare da chi è maturo.
Basta aver veramente bisogno di una cosa, e la si avrà.
Molti l'avranno già sperimentato spesso nelle piccole cose. A un certo punto della vita si viene improvvisamente confrontati con un tema la cui esistenza fino a quel momento non si era tenuta in alcuna considerazione. Per esempio si fa la conoscenza di uno specialista della "vita amorosa delle formiche". Ci si stupisce che esistano persone che si interessano a un tema così particolare, poi da altre persone ci viene regalato "per caso" un libro proprio su questo tema. In una rivista ci capita di leggere un articolo sullo stesso argomento e si scopre anche che un conoscente, che si frequenta da anni, si occupa anche lui di questo tema, ma non ne aveva mai parlato prima.

Dietro a queste "catene di casi", che i più avranno in qualche modo già sperimentato, non si nasconde altro che la legge di affinità, o di risonanza.
In questo modo si ottiene con sicurezza quel libro, quella informazione, quel contatto di cui si ha bisogno, se veramente se ne ha bisogno e si è maturi per quell'incontro.
Senza questa necessaria maturità tutte le nostre ricerche nel mondo esterno non serviranno a niente.

Il saggio è in armonia con tutti i piani dell'essere e vive quindi nel migliore di tutti i mondi possibili.
Egli vede la realtà e riconosce che tutto ciò che è, è buono.

Non cerca più la felicità, perché l'ha già trovata, in se stesso.

(Thorwald Dethlefsen)

Fonte claudiagalli.it





Categorie

scuola
scuola
donna
donna
significato dei colori
significato dei colori
vegan & co.
vegan & co.
letteratura
letteratura
antroposofia
antroposofia
beneficenza
beneficenza
popoli e culture
popoli e culture
casa
casa
scomode verit
scomode verit
Vini e dintorni
Vini e dintorni
diete
diete
bambini
bambini
io non ci sto
io non ci sto
misteri e paranormale
misteri e paranormale


Leggi Anche..

Quell'11 settembre che cambi il mondo
Data: 2014-09-11

Apple e Samsung: pace sui brevetti, guerra sugli smartphone e phablet
Data: 2014-08-31

Simone Camilli reporter italiano ucciso a Gaza
Data: 2014-08-14

Che cos' Al Qaeda
Data: 2014-10-13

Kamikaze tra i turisti a Istanbul, 10 morti. Tedeschi e norvegesi tra i feriti. Polizia: legami con lIsis
Data: 2016-01-12

Scontro metro Cagliari, 30 feriti
Data: 2016-01-19

La famosa bambina che salvava i libri
Data: 2014-07-29

Al Qaeda, perch fa paura all'Italia
Data: 2014-10-13

Dalla Prima Guerra Mondiale al Fascismo
Data: 2014-10-21

Al-Qaeda - Isis cosa sono e cosa vogliono
Data: 2014-10-13





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!