Faredelbene.net



alimentazione e benessere -> Alimenti che favoriscono il cancro


Alimenti che favoriscono il cancro




La ricerca scientifica, da questo punto di vista, ha fatto grandi passi avanti, occupandosi di molti temi legati all’alimentazione e al rapporto tra quest’ultima e la salute individuale

Spesso, però, alcuni studi hanno portato a dei risultati contrastanti. Non possiamo, quindi, affermare con sicurezza che ci sono dei cibi in particolare che influiscono in maniera determinante nello sviluppo dei tumori. E’ chiaro, però, che c’è un rapporto fra dieta condotta e maggior rischio di sviluppare le neoplasie. Proprio per questo dobbiamo usare una certa attenzione e stare attenti nello specifico ad alcuni alimenti, con i quali non bisogna esagerare.


Grassi vegetali
Recenti studi hanno affermato che sui grassi vegetali non ci può essere una completa sicurezza. Si tratta di sostanze che si trovano nei biscotti, nelle torte e in altri dolciumi, che di solito si acquistano al supermercato. E’ sempre bene controllare l’etichetta di un prodotto comprato, per vedere se riporta alcune scritte in particolare, come, ad esempio, “grasso vegetale” o “olio di soia parzialmente idrogenato”. Questi grassi possono essere dannosi, se compaiono nella loro forma idrogenata, perché vuol dire che hanno subito tanti processi di trasformazione. Si tratta dei sistemi di idrogenazione, che prevedono di aggiungere idrogeno ai trigliceridi insaturi, con l’obiettivo di dare alle sostanze alimentari una più elevata consistenza e una maggiore capacità di conservazione.


Bevande a base di zuccheri raffinati
In particolare, fra le bevande che contengono zuccheri raffinati, ad essere nel mirino, in termini di sicurezza alimentare, è lo zabaione. Ad essere dannosa per la salute è la quantità eccessiva di zucchero che spesso questi prodotti contengono. Alcuni di essi non sono nemmeno realizzati con le uova e sono costituiti da un alto contenuto di fruttosio e di sciroppo di mais. Bisogna ricordare anche che alimenti di questo tipo devono la loro caratteristica anche all’uso di alcune spezie, come la noce moscata e la cannella. Il problema è che, invece, nei prodotti già pronti a volte vengono utilizzati, al posto di queste spezie tradizionali, degli aromi artificiali.


Dado per brodo
Il dado per brodo contiene il glutammato. Diversi studi hanno insistito sulla correlazione che esiste fra il consumo di questa sostanza e i tumori. In particolare ad avere un effetto negativo sulla salute sarebbero le eccitotossine, che innescherebbero un processo di degenerazione dei tessuti. In sostanza si verificherebbe la possibilità, per le cellule esposte al glutammato monosodico, di sviluppare delle estensioni, che consentono loro di diventare più mobili e, quindi, di essere maggiormente sottoposte ad un processo di diffusione delle metastasi.


Ripieni delle carni
Stesso problema per i ripieni delle carni, quelli che si comprano già pronti al supermercato e che contengono anch’essi glutammato monosodico. Quest’ultimo viene indicato con la sigla E621. Si tratta di un esaltatore di sapidità, usato spesso nell’industria alimentare come additivo. Varie ricerche hanno insistito sugli effetti nocivi provocati da questa sostanza, fra i quali è da annoverare un maggior rischio di arrivare alla morte delle cellule neurali.


Carni con nitrito di sodio
Comprando le carni già imbustate al supermercato, ci accorgiamo spesso che queste durano a lungo nel tempo. Questa lunga durata della conservazione è garantita dall’uso del nitrito di sodio, una vera e propria sostanza chimica. La ricerca scientifica ha molto insistito sull’opportunità di evitare questa sostanza, perché ci sarebbero delle correlazioni con alcuni tipi particolari di tumori, come la leucemia, il cancro al colon, del pancreas e al cervello. Ad essersi occupato della questione è stato anche il World Cancer Research Fund e l’American Institute for Cancer Research.


Dolci con coloranti
Anche i coloranti sono fra quegli additivi alimentari, che andrebbero evitati, se vogliamo badare al nostro benessere. Spesso i coloranti si ritrovano nei biscotti, nelle torte e negli altri dolci che siamo soliti introdurre nella nostra alimentazione quotidiana. Essi devono essere necessariamente segnalati nelle etichette dei cibi confezionati e sono tutti quegli elementi, che vengono identificati con una dicitura a partire da E100, per arrivare ad E199.

Fonte greenme.it

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

casa
casa
fisica quantistica
fisica quantistica
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
Vini e dintorni
Vini e dintorni
astrologia
astrologia
miti e leggende
miti e leggende
scuola
scuola
psicologia
psicologia
filosofia
filosofia
mamme
mamme
beneficenza
beneficenza
news
news
lavori creativi
lavori creativi
bambini
bambini
donna
donna


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!