Faredelbene.net



medicina naturale -> omeopatia -> Omeopatia: i benefici di Galium aparine


Omeopatia: i benefici di Galium aparine




Per l'omeopatia, il Galium aparine è una pianta dalle vari proprietà e dai moltepilici usi, il galium aparine altresì detto, l’attaccamani, appartiene alla famiglia delle Rubiacee ed è una delle numerose specie di arbusti sempreverdi e alberi che sono nativi dell'Eurasia e delle Americhe, con ampia distribuzione in tutto il mondo, una pianta estremamente comune che vive senza difficoltà dal livello del mare fino a raggiungere i 2500 metri di altitudine.

La pianta Galium aparine
Non richiede particolari cure, qualora si decidesse di coltivarla come pianta ornamentale, anche se è bene tenerla sotto controllo per via della sua capacità di diffondersi nel territorio (o nelle aiuole) con estrema facilità e rapidità. La pianta ha uno stelo lungo e sottile, di forma quadrata,  spinoso (anche se non del tipo di spine che possa ferire o fare male), mentre i fiori sono piccoli e bianchi.  Il suo nome comune lo si deve tuttavia principalmente ai suoi frutti irti di piccoli rostri, che si attaccano tanto ai vestiti quanto alla pelle o al pelo degli animali: così facendo la pianta diffonde i suoi semi, aumentando le possibilità di riprodursi.

Il nome Galium aparine
Il nome botanico dell’attaccamani Galium è derivato dalla parola greca “gala”, che significa "latte" e si suppone che si riferisca al fatto che la pianta abbia la capacità di cagliare il latte e che sia molto utile nella realizzazione del formaggio.

Proprietà del Galium aparine
Le piante vengono tagliate durante la fioritura, e l'intera pianta viene utilizzata in erboristeria. Si tratta anche di un parente del caffè, e quando i semi sono leggermente tostati, sono utilizzati come surrogato del caffè, ma a differenza di esso sono privi di caffeina, e possono essere utilizzati anche per la preparazione di  un tè rinfrescante e purificante, dalle forti proprietà toniche. Oltre agli usi medicinali della pianta, che vedremo in seguito, sia i germogli che le piante giovani sono considerati un nutriente piatto vegetale.  Proprio per questa ragione, in Cina, la Galium aparine viene considerata molto utile come verdura nelle diete atte a favorire la perdita di peso. Quando questa pianta viene usata commercialmente per scopi non medici, dalle sue radici può essere estratto un colorante; tuttavia, molto probabilmente, la sua più preziosa applicazione commerciale risiede nel suo utilizzo come caglio per formaggi (come già accadeva in tempi antichi).  Nella regione inglese del Cheshire, l’omonimo formaggio famoso in tutto il mondo viene prodotto con latte vaccino intero e cagliato grazie al Galium aparine.

Sostanze importanti contenute nel Galium aparine
Fra le sostanza utili contenute nel  Galium aparine, citiamo in modo particolare la vitamina C sotto forma di acido citrico e presente in grande quantità, l’asperuloside (che produce cumarina e dà alla pianta il suo dolce profumo di fieno appena falciato),  oltre a tannini e glucosidi.

Usi benefici del Galium aparine
L’attaccamani agisce come un tonico di pulizia e come pianta depurante che libera il corpo dalle tossine in eccesso. Si dice che agisca in modo efficace sul sistema linfatico e che aiuti a rimuovere i veleni e i  batteri intrappolati dalle ghiandole linfatiche; inoltre, contribuisce ad alleviare la febbre ghiandolare,  il gonfiore e l’infiammazione delle ghiandole linfatiche (linfadenite), le adenoidi e le tonsille.

Un ulteriore supporto del suo ruolo consiste nel purificare il corpo, agendo come un diuretico, e come tale, l'erba promuove un maggiore flusso di urina che aiuta a liberare i reni e la vescica da sostanze di rifiuto, per evitare l’insorgenza di infezioni del tratto urinario (come la cistite), ed alleviare i disturbi della prostata. Viene anche utilizzata per il trattamento di altre malattie acute e infiammatorie delle vie urinarie.

Il Galium aparine è considerato un diaforetico che aiuta a stimolare la sudorazione che non solo raffredda il corpo e abbassa la febbre, ma aiuta anche ad espellere i rifiuti tossici attraverso la pelle. Possiede inoltre la capacità di purificare il sangue e si dice che possa essere efficace quando il corpo non riesce a liberarsi dalle tossine e dalle sostanze di rifiuto. Queste qualità possono essere responsabili per l'uso dell'erba per migliorare particolari condizioni della pelle: viene utilizzata come un rimedio topico ad azione anti-infiammatoria e si dice che favorisca la guarigione di eczema, psoriasi, ulcere, ferite minori ed infiammazioni varie della pelle.

Lista di tutti gli effetti benefici del Galium aparine

antipertensivo
diuretico
antinfiammatorio
antitraspirante
antipiretico
astringente
purificatore del sangue
depuratore renale
lassativo
deodorante
disintossicante
Il galium aparine può essere utile per
ipertrofia prostatica benigna
bolle
dolore al seno
infiammazione
cancro coleretico
prostatite cronica
raffreddore
cistite
forfora
diarrea
mal d'orecchi
edema
enuresi
epilessia
calcolosi della colecisti
gotta
epatiti
effetti ormonali
isteria
punture d'insetti
insonnia
calcoli renali
menopausa
disturbi psicologici
relax, stress, ansia, irrequietezza
scorbuto
eruzioni cutanee
disturbi di stomaco
scottature
ingrossamento delle ghiandole linfatiche
tonsillite
ulcere
disturbi urinari
disintossicazione da narcotici
guarigione delle ferite


Dosaggio del galium aparine per adulti (dai 18 anni in su)
Anche se gli effetti non sono stati ancora verificati con certezza sugli esseri umani, si sa che una versione del tè rosso con la combinazione che contiene parti uguali di trifoglio rosso, bardana, radice di tarassaco, salsapariglia, uva Oregon, frangola, pechinacea, liquirizia, zenzero e l'igname selvaggio (1 cucchiaio da tavola della combinazione di erbe bollire in una tazza di acqua bollente per 10 minuti) può essere assunta nella dose di  1 / 2 tazza ogni 1 o 2 ore per una settimana.

Fonti secondarie sostengono che le dosi giornaliere di erba secca possano essere assunte da 2 a 4 grammi; per ciò che riguarda l’estratto fluido, la dose giornaliera dovrebbe essere di  2-4 ml di estratto fluido; per ciò che riguarda una tintura madre, l’uso giornaliero dovrebbe variare da 4 a 10 ml, per tre volte al giorno.

Dosaggio nei bambini e ragazzi (età inferiore ai 18 anni)
Non esiste un dosaggio dimostrato sicuro o efficace nei bambini e nei ragazzi.

Tè di Galium aparine
E' un tè di colore ambrato con un sapore delicato,leggermente legnoso. Con l’aggiunta di miele è utile per disintossicare i tessuti del corpo, sostenendo il sistema linfatico, e come blando diuretico. Questo tè favorisce la guarigione di malattie croniche della pelle come eczema, psoriasi, acne ma anche di malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide. E’ un tè che può essere usato anche esternamente, anche nell’acqua del bagno, per il trattamento di danni della pelle come scottature, eritemi e tagli. E’ un buon rimedio anche per i capelli, soprattutto in presenza di forfora secca.

Allergie al galium
Evitare l’assunzione in presenza di allergia o ipersensibilità al Galium aparine, ai suoi componenti, o a qualsiasi altro membro della famiglia delle Rubiacee. Non vi sono prove sufficienti sugli esseri umani per sostenere l’efficacia dell'uso della pianta per qualsiasi indicazione, così come non vi sono certezze su possibili effetti collaterali.  La pianta è tradizionalmente usata come un diuretico, pertanto si raccomanda cautela nei pazienti che assumono diuretici o che presentino disturbi alle vie urinarie. Non deve essere assunta da donne in gravidanza o durante l’allattamento.

Possibili Interazioni con farmaci
Si consiglia cautela durante l'assunzione del Galium aparine in associazione con farmaci antinfiammatori, diuretici, antigottosi, lassativi, antineoplastici, integratori alimentari e trattamenti a base di ormoni.

Fonte inerboristeria.com

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

astrologia
astrologia
animali
animali
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
casa
casa
cucina
cucina
sesso
sesso
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
salute
salute
beneficenza
beneficenza
vegan & co.
vegan & co.
curiosit
curiosit
significato dei colori
significato dei colori
scuola
scuola
bonus e incentivi
bonus e incentivi


Elettrosmog, come schermarsi con i fiori australiani
Data: 2015-03-06

Affittano utero, poi si tengono il figlio "buono" e scartano il gemello down
Data: 2014-08-02

Le meravigliose propriet del sedano
Data: 2015-05-04

Il vampirismo energetico.Quando chi ti sta vicino si nutre della tua energia
Data: 2014-08-28

I cibi che possono causare il mal di testa
Data: 2014-07-16

"Super Pazienti",non si ammalano di AIDS
Data: 2014-07-17

Cellulite? Contrastala... di corsa
Data: 2014-07-23

Il piacere del mangiare i legumi
Data: 2015-04-13

Il coraggio insito in noi
Data: 2014-08-23

Burro: 5 alternative vegetali al di la' della margarina
Data: 2014-06-26





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!