Faredelbene.net



medicina naturale -> omeopatia -> Omeopatia: i benefici di Galium aparine


Omeopatia: i benefici di Galium aparine




Per l'omeopatia, il Galium aparine è una pianta dalle vari proprietà e dai moltepilici usi, il galium aparine altresì detto, l’attaccamani, appartiene alla famiglia delle Rubiacee ed è una delle numerose specie di arbusti sempreverdi e alberi che sono nativi dell'Eurasia e delle Americhe, con ampia distribuzione in tutto il mondo, una pianta estremamente comune che vive senza difficoltà dal livello del mare fino a raggiungere i 2500 metri di altitudine.

La pianta Galium aparine
Non richiede particolari cure, qualora si decidesse di coltivarla come pianta ornamentale, anche se è bene tenerla sotto controllo per via della sua capacità di diffondersi nel territorio (o nelle aiuole) con estrema facilità e rapidità. La pianta ha uno stelo lungo e sottile, di forma quadrata,  spinoso (anche se non del tipo di spine che possa ferire o fare male), mentre i fiori sono piccoli e bianchi.  Il suo nome comune lo si deve tuttavia principalmente ai suoi frutti irti di piccoli rostri, che si attaccano tanto ai vestiti quanto alla pelle o al pelo degli animali: così facendo la pianta diffonde i suoi semi, aumentando le possibilità di riprodursi.

Il nome Galium aparine
Il nome botanico dell’attaccamani Galium è derivato dalla parola greca “gala”, che significa "latte" e si suppone che si riferisca al fatto che la pianta abbia la capacità di cagliare il latte e che sia molto utile nella realizzazione del formaggio.

Proprietà del Galium aparine
Le piante vengono tagliate durante la fioritura, e l'intera pianta viene utilizzata in erboristeria. Si tratta anche di un parente del caffè, e quando i semi sono leggermente tostati, sono utilizzati come surrogato del caffè, ma a differenza di esso sono privi di caffeina, e possono essere utilizzati anche per la preparazione di  un tè rinfrescante e purificante, dalle forti proprietà toniche. Oltre agli usi medicinali della pianta, che vedremo in seguito, sia i germogli che le piante giovani sono considerati un nutriente piatto vegetale.  Proprio per questa ragione, in Cina, la Galium aparine viene considerata molto utile come verdura nelle diete atte a favorire la perdita di peso. Quando questa pianta viene usata commercialmente per scopi non medici, dalle sue radici può essere estratto un colorante; tuttavia, molto probabilmente, la sua più preziosa applicazione commerciale risiede nel suo utilizzo come caglio per formaggi (come già accadeva in tempi antichi).  Nella regione inglese del Cheshire, l’omonimo formaggio famoso in tutto il mondo viene prodotto con latte vaccino intero e cagliato grazie al Galium aparine.

Sostanze importanti contenute nel Galium aparine
Fra le sostanza utili contenute nel  Galium aparine, citiamo in modo particolare la vitamina C sotto forma di acido citrico e presente in grande quantità, l’asperuloside (che produce cumarina e dà alla pianta il suo dolce profumo di fieno appena falciato),  oltre a tannini e glucosidi.

Usi benefici del Galium aparine
L’attaccamani agisce come un tonico di pulizia e come pianta depurante che libera il corpo dalle tossine in eccesso. Si dice che agisca in modo efficace sul sistema linfatico e che aiuti a rimuovere i veleni e i  batteri intrappolati dalle ghiandole linfatiche; inoltre, contribuisce ad alleviare la febbre ghiandolare,  il gonfiore e l’infiammazione delle ghiandole linfatiche (linfadenite), le adenoidi e le tonsille.

Un ulteriore supporto del suo ruolo consiste nel purificare il corpo, agendo come un diuretico, e come tale, l'erba promuove un maggiore flusso di urina che aiuta a liberare i reni e la vescica da sostanze di rifiuto, per evitare l’insorgenza di infezioni del tratto urinario (come la cistite), ed alleviare i disturbi della prostata. Viene anche utilizzata per il trattamento di altre malattie acute e infiammatorie delle vie urinarie.

Il Galium aparine è considerato un diaforetico che aiuta a stimolare la sudorazione che non solo raffredda il corpo e abbassa la febbre, ma aiuta anche ad espellere i rifiuti tossici attraverso la pelle. Possiede inoltre la capacità di purificare il sangue e si dice che possa essere efficace quando il corpo non riesce a liberarsi dalle tossine e dalle sostanze di rifiuto. Queste qualità possono essere responsabili per l'uso dell'erba per migliorare particolari condizioni della pelle: viene utilizzata come un rimedio topico ad azione anti-infiammatoria e si dice che favorisca la guarigione di eczema, psoriasi, ulcere, ferite minori ed infiammazioni varie della pelle.

Lista di tutti gli effetti benefici del Galium aparine

antipertensivo
diuretico
antinfiammatorio
antitraspirante
antipiretico
astringente
purificatore del sangue
depuratore renale
lassativo
deodorante
disintossicante
Il galium aparine può essere utile per
ipertrofia prostatica benigna
bolle
dolore al seno
infiammazione
cancro coleretico
prostatite cronica
raffreddore
cistite
forfora
diarrea
mal d'orecchi
edema
enuresi
epilessia
calcolosi della colecisti
gotta
epatiti
effetti ormonali
isteria
punture d'insetti
insonnia
calcoli renali
menopausa
disturbi psicologici
relax, stress, ansia, irrequietezza
scorbuto
eruzioni cutanee
disturbi di stomaco
scottature
ingrossamento delle ghiandole linfatiche
tonsillite
ulcere
disturbi urinari
disintossicazione da narcotici
guarigione delle ferite


Dosaggio del galium aparine per adulti (dai 18 anni in su)
Anche se gli effetti non sono stati ancora verificati con certezza sugli esseri umani, si sa che una versione del tè rosso con la combinazione che contiene parti uguali di trifoglio rosso, bardana, radice di tarassaco, salsapariglia, uva Oregon, frangola, pechinacea, liquirizia, zenzero e l'igname selvaggio (1 cucchiaio da tavola della combinazione di erbe bollire in una tazza di acqua bollente per 10 minuti) può essere assunta nella dose di  1 / 2 tazza ogni 1 o 2 ore per una settimana.

Fonti secondarie sostengono che le dosi giornaliere di erba secca possano essere assunte da 2 a 4 grammi; per ciò che riguarda l’estratto fluido, la dose giornaliera dovrebbe essere di  2-4 ml di estratto fluido; per ciò che riguarda una tintura madre, l’uso giornaliero dovrebbe variare da 4 a 10 ml, per tre volte al giorno.

Dosaggio nei bambini e ragazzi (età inferiore ai 18 anni)
Non esiste un dosaggio dimostrato sicuro o efficace nei bambini e nei ragazzi.

Tè di Galium aparine
E' un tè di colore ambrato con un sapore delicato,leggermente legnoso. Con l’aggiunta di miele è utile per disintossicare i tessuti del corpo, sostenendo il sistema linfatico, e come blando diuretico. Questo tè favorisce la guarigione di malattie croniche della pelle come eczema, psoriasi, acne ma anche di malattie autoimmuni come l'artrite reumatoide. E’ un tè che può essere usato anche esternamente, anche nell’acqua del bagno, per il trattamento di danni della pelle come scottature, eritemi e tagli. E’ un buon rimedio anche per i capelli, soprattutto in presenza di forfora secca.

Allergie al galium
Evitare l’assunzione in presenza di allergia o ipersensibilità al Galium aparine, ai suoi componenti, o a qualsiasi altro membro della famiglia delle Rubiacee. Non vi sono prove sufficienti sugli esseri umani per sostenere l’efficacia dell'uso della pianta per qualsiasi indicazione, così come non vi sono certezze su possibili effetti collaterali.  La pianta è tradizionalmente usata come un diuretico, pertanto si raccomanda cautela nei pazienti che assumono diuretici o che presentino disturbi alle vie urinarie. Non deve essere assunta da donne in gravidanza o durante l’allattamento.

Possibili Interazioni con farmaci
Si consiglia cautela durante l'assunzione del Galium aparine in associazione con farmaci antinfiammatori, diuretici, antigottosi, lassativi, antineoplastici, integratori alimentari e trattamenti a base di ormoni.

Fonte inerboristeria.com

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

Cancro al seno e malattia paradontale : correlazioni

La malattia parodontale è stata costantemente associata con le malattie croniche,  ma vi era una limitata evidenza scientifica di quale fosse il ruolo dei microbi orali nello sviluppo del cancro al seno. Oggi i ricercatori hanno scoperto che le donne in postmenopausa affette da malattia parodontale sarebbero a rischio di sviluppare questo tipo di cancro rispetto alle altre donne.

Il test ha messo sotto esame 73,737 donne, tra i 50-79 non affette da tumore al seno, iscritte originariamente al Women's Health Initiative Observational Study, un campione prospettico di donne in postmenopausa, per determinare i fattori di rischio per prevedere malattie cardiache, tumori e fratture.

Dopo un periodo di follow-up medio di 6.7 anni, sono stati identificati 2.124 casi di cancro al seno. Oltre il 26 per cento delle donne era colpita da malattia parodontale. Secondo i ricercatori, correvano un rischio del 14 per cento più elevato di cancro al seno rispetto alle donne senza. Le ex fumatrici avevano un rischio ancora più elevato di cancro al seno. Tra le donne che avevano smesso di fumare negli ultimi 20 anni, quelle con malattia parodontale avevano un rischio del 36 per cento più elevato di sviluppare la malattia. Quelle affette da malattia parodontale che non avevano mai fumato o avevano smesso più di 20 anni prima avevano rispettivamente un maggior rischio del 6 e dell’8 per cento.

Secondo Jo L. Freudenheim, ricercatore del Department of Epidemiology and Environmental Health presso la State University di New York a Buffalo, esistono diverse spiegazioni possibili che legano malattia parodontale e cancro al seno. Una possibilità è che l'infiammazione sistemica può sorgere con la malattia parodontale e colpire il tessuto del seno, o indirettamente la stessa infiammazione causa una situazione di acidosi che è un fattore predisponente. Un’altra spiegazione possibile è che i batteri dalla bocca possono entrare nel sistema circolatorio e di conseguenza alterare il tessuto mammario.

Sono però necessari molteplici studi per stabilire un nesso di causalità, ha detto Freudenheim: «Se possiamo studiare la malattia parodontale e cancro al seno in altre popolazioni e di fare una ricerca più dettagliata sulle caratteristiche della malattia parodontale, tutto questo ci aiuterebbe a capire se vi è un qualche rapporto ‒ ha dichiarato. C'è ancora molto da capire quale sia l’eventuale ruolo dei batteri della bocca e il cancro al seno».

Nelle donne il cancro al seno è il tumore più diffuso. Dalle ultime statistiche pubblicate dai Centers for Disease Control and Prevention, negli Stati Uniti questa malattia viene diagnosticata ogni anno su oltre 220.000 donne e più di 2.000 uomini. La malattia parodontale è una affezione molto comune, che colpisce quasi la metà della popolazione adulta degli Usa ed è ormai dimostrato il suo legame con ictus , diabete e malattie cardiache





Categorie

casa
casa
simboli e archetipi
simboli e archetipi
coppia
coppia
fisica quantistica
fisica quantistica
scomode verit
scomode verit
medicina
medicina
tecnologia
tecnologia
popoli e culture
popoli e culture
lingua italiana
lingua italiana
pedagogia
pedagogia
psicosomatica
psicosomatica
mamme
mamme
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
astronomia
astronomia
miti e leggende
miti e leggende


Le meravigliose propriet del sedano
Data: 2015-05-04

Frutta secca per tutti
Data: 2014-07-22

artista Ennio Calabria
Data: 2015-10-23

Affittano utero, poi si tengono il figlio "buono" e scartano il gemello down
Data: 2014-08-02

Il coraggio insito in noi
Data: 2014-08-23

Elettrosmog, come schermarsi con i fiori australiani
Data: 2015-03-06

Un giovane rischia di affogare ma i cani bagnino lo salvano
Data: 2014-08-09

Le ferite emotive dell'infanzia che influenzano la nostra vita da adulti
Data: 2015-06-09

HIV Quello che c' da sapere
Data: 2014-09-25

Il vampirismo energetico.Quando chi ti sta vicino si nutre della tua energia
Data: 2014-08-28





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!