Faredelbene.net



medicina naturale -> cristalloterapia -> PROPRIETA' BENEFICHE DI PIETRE E CRISTALLI ESERCITATE SUL NOSTRO ORGANISMO


PROPRIETA' BENEFICHE DI PIETRE E CRISTALLI ESERCITATE SUL NOSTRO ORGANISMO




Sono davvero tanti i benefici che possiamo avere portando con noi una pietra o un cristallo

Le pietre che donano equilibrio

Le pietre dure sono da tempo utilizzate in oreficeria perchè belle, luminose e preziose; incastonate in anelli e collane. Abbiamo però compreso che ogni singola pietra non ha solo un fascino legato al suo colore ed al suo aspetto, ma è anche uno scrigno di virtù e di proprietà (anche magiche) che ogni singola pietra può trasmetterci semplicemente con il loro contatto.
Ogni pietra ha una sua energia naturale e tenendole in mano se ne riceve una sensazione di ricarica e di tranquillità e gnuna ha su di noi un effetto di benessere rivolto a sanare quegli squilibri di salute di cui soffriamo. In passato, le pietre,  erano riconosciute per le loro proprietà "terapeutiche" e spesso, negli antichi manoscritti, le troviamo menzionate con il loro colore invece che con il nome con cui venivano classificate.. Il primo manoscritto in cui sono descritti numerosi preparati a base di pietre preziose triturate o portate come monili, risale al 1500 a.C. e porta il nome di "Papirus Ebers". Troviamo altri riferimenti circa i poteri delle gemme anche nei primi trattati d'astrologia, scritti in sanscrito e risalenti ai tempi di Varaha-Mihita (400 a.C.). Nei testi dell'Ayurveda indiana, invece leggiamo che le perle venivano ridotte in polvere per farne elementi curativi delle rughe, del fegato ed anche della menopausa.
In India, in tempi antichi, si celebrava persino un rito simile a quello del battesimo cristiano durante il quale al neonato veniva assegnata la sua pietra astrologica, che l'accompagnava poi per tutto il cammino dela sua vita. Nel Medioevo anche gli alchimisti utilizzavano le pietre nei loro esperimenti di trasmutazione dei metalli e della materia.

Come utilizzare le pietre per la salute

Pulire la pietra che abbiamo acquistato per il nostro scopo, o che ci è stata regalata, prima di usarla su di noi o di toccarla per riceverne la carica positiva. Basterà lasciarla qualche secondo sotto l'acqua fredda corrente ed insaponarla con del sapone neutro. Dopodichè asciugate bene la vostra pietra con un panno morbido e tenetela tra le vostre mani per far si che lei si amalgami all'energia della vostra "aura e possa entrare in sintonia con il vostro essere per irradiarvi con le sue qualità curative e di protezione. Potete poi tenerla nel portafoglio o appesa al collo con una cordicella. L'importante è che ogni tanto, quando ne avvertirete la necessità, possiate tenerla in mano, passarlo sulla parte dolente e toccarla per assorbirne i favori.

I colori delle pietre e le loro vibrazioni positive che si possono assorbire

il rosso ha un effetto stimolante e rinvigorente. Utile in casi di anemia ( essendo il rosso il colore del sangue ), dopo interventi chirurgici ed nei casi di timidezza e depressione.
il rosa porta al rilassamento, riduce i crampi e ci riconcilia con lo spirito. Migliora le sensazioni affinando le percezioni. Buono per la regolarità cardiaca.
L'arancione esprime la volontà di essere di aiuto verso il prossimo e la felicità interiore. Stimola le funzioni di assunzione di sostanze nutritive.
Il giallo rappresenta conoscenza e saggezza, stimolando le capacità e lo sviluppo mentale. E' il colore del calore, del sole, e favorisce le funzioni della milza, del pancreas e del sistema neurovegetativo.
Il verde è il colore che rappresenta l'equilibrio dello spirito e l'armonia. Dona all'animo la leggerezza e porta a disintossicarsi nel corpo e nell'animo, è rilassante e favorisce la funzione della cistifellea.
Il blu porta un effetto calmante del sistema nervoso. Stimola le funzioni dei reni, della vescica e la produzione ormonale.
L'indaco agisce direttamente a livello mentale, favorendo le intuizioni. Promuove la fedeltà, l'integrità e le percezioni extrasensoriali.
Il violetto migliora e rafforza le energie spirituali e la purificazione dello spirito. Stimola l'attività cerebrale, la pace interiore e la calma ed agisce positivamente sui nervi, sulla pelle e sui polmoni.

Il marrone dona forza e stabilità fisica, è il colore della terra  e ci aiuta nei casi d'incertezza o mancanza di coraggio e favorisce la rigenerazione dei tessuti, il rilassamento e la concentrazione.Il nero è l'insieme di tutti i colori ed ha un effetto rinforzante. Aumenta la capacità di concentrazione, liberando dalle distrazioni. Il bianco è un colore neutro che rende consapevoli del mondo esistente rendendolo visibile. Stimola la conoscenza e la chiarezza. I colori cangianti, iridescenti, invece, favoriscono la memoria e respingono le negatività dando gioia di vivere.

Acquamarina
Era associata dai Romani alle acque e alla fortuna. Sin dai tempi antichi la si ritiene utile per l’eliminazione dei liquidi corporei, per i reni, per il fegato, per i polmoni, contro la cellulite e per la digestione. Infonde coraggio e autodifesa.
Amazzonite
L’alto contenuto di potassio di questa pietra entra in risonanza con i muscoli, in modo da aumentare la resistenza fisica. Stimola la volontà, perseveranza e determinazione, creatività, sollievo. Indicata contro i vizi e gli abusi: alcool, fumo, droghe. Proviene dal Rio delle Amazzoni.
Ametista
E' la pietra in grado di rendere l'uomo sempre desto e vigile. Pietra spirituale per eccellenza, stimola sogni e speculazioni filosofiche, chiarezza di pensiero. Protegge il sistema nervoso, la tiroide e il metabolismo.
Avventurina
Per tradizione l'Avventurina libera da ansia e paure.
Aiuta il sistema circolatorio oltre che rilassare la persona che la porta donando gioia e ottimismo.
Agata Blu
Questa pietra veniva usata dagli Arabi contro le febbri e le infermità mentali. Aiuta alla risoluzione dei dolori della faringe e della gola. Protegge il sistema nervoso.
Cristallo di rocca
O quarzo ialino. Presso tutte le culture è un minerale magico terapeutico. Infonde straordinaria energia. Ottimo contro le negatività, attenua i dolori muscolari e influenzali.
Corniola
Per gli Egizi era il rosso il simbolo della vita e questa pietra era legata a precise pratiche religiose oltre che adornare i preziosi pettorali dei faraoni. Protegge fegato e cistifellea, aiuta la rigenerazione dei tessuti, protegge da ferite e abrasioni; è usata contro i reumatismi. Infonde altruismo.
Diaspro
Protegge la circolazione del sangue e l'apparato sessuale sia maschile che femminile.
Quarzo citrino
E' attivo su tutto l'apparato digerente e sulle somatizzazioni collegate, contro l'ansia, lo stress e per favorire le autoguarigioni. Infonde gioia e ottimismo.
Quarzo rosa
Molto apprezzato per gli usi divinatori ed esoterici.
Protegge cuore e circolazione. Protettivo spirituale e portafortuna sentimentale, è chiamata la pietra dell'amore. Dona equilibrio interiore, dolcezza e scioglie le tensioni.
Quarzo rutilato
Noto nei tempi antichi come Capelvenere, si riteneva che potesse imprigionare la luce del Sole. Ha proprietà rilassanti, distensive e favorisce la telepatia. Protegge il sistema immunitario.
Onice
Pietra di antica tradizione è da sempre associato alla spiritualità profonda e alla preghiera tanto da essere la pietra elettiva dei rosari. Favorisce il distacco dal proprio ego e l'attenuazione di situazioni stressanti. Favorisca la crescita e la salute dei capelli e la visione notturna.

Fonte bethelux.it

 

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Pasqua, Resurrezione Interiore

Bisogna, innanzitutto, considerare la Pasqua come un fenomeno cosmico e non come un evento storico, religioso o festivo.  Un fenomeno cosmico che comprende, principalmente, il nostro pianeta, Terra, il suo satellite Luna e la stella principale del sistema, il Sole. Tra i tre corpi celesti, sembra che l’unico che ospiti forme di vita sia il nostro, Terra; qui abbiamo animali, minerali, vegetali in grande quantità e dinamico equilibrio, tutti composti degli stessi elementi che compongono il resto dell’Universo, aggregati in forme tali da creare vaste biodiversità.
E’ dunque tutt’altro che azzardato ipotizzare che posizioni, energie ed eventi di carattere cosmico siano relativi anche a tutte queste creature. Anzi, i progressi scientifici continuano ad avvalorare questa interdipendenza assoluta universale già patrimonio di ogni mistico. La fitta rete di connessione che lega il tutto vibra dunque in ogni istante, ed in particolare quando energie diverse si armonizzano su alcune frequenze; è questo il caso di alcuni momenti del ciclo terrestre che da sempre l’uomo, in ogni cultura ed area del pianeta, ha reso sacri, celebrandoli. In particolare possiamo individuare i due Solstizi e i due Equinozi, più altri momenti topici tra i quali appunto la Pasqua.

Soffermandoci solo su quest’ultima, prima di tutto ricordiamo che si tratta di un evento legato ai cicli della Luna; dunque una data sacra antica, che ci riporta indietro fino ai tempi della Dea Madre, quando una spiritualità rivolta al femminile ancora non era stata soppiantata dai culti solari, dal Dio Padre maschile. Un tempo che risale al Neolitico e prima ancora. La saggezza popolare, la tradizione contadina legata alla terra, ancora riportano vaghe memorie di questa conoscenza.

La Luna insomma irradia l’aspetto femminile dell’energia, l’elemento acqua: emozioni, inconscio, fiducia, gioia. Su un pianeta la cui superficie è coperta per due terzi dall’acqua, ospiti di un corpo che ne è composto al 75%, decodificando sensi e realtà con un cervello che ne presenta il 90%, difficilmente possiamo considerarci estranei alla sua presenza ed interazione.  Cosa accade dunque nel momento cosmico della Pasqua? Quali energie sono disponibili per il pianeta e in che modo possono essere poi così importanti per la spiritualità degli esseri umani?

Tutti i miti che celebrano la Pasqua ci raccontano storie di Resurrezione: la rinascita che segue ad una morte apparente.
E’ un modo come un altro di spiegare quello che avviene in inverno e che segue la primavera. Una sorta di parabola, il cui significato va ricercato nello specchiarsi delle cose all’interno di noi stessi. Il seme, caduto in autunno, a metà di quella stessa stagione muore (in corrispondenza dei giorni di Halloween, per intenderci), abbandonandosi al suolo, al mondo di sotto. Nell’inverno si cristallizza in questa morte apparente, una sorta di ibernazione, di gestazione nel ventre della madre terra. A metà della stagione invernale (durante i giorni di S. Valentino) è necessaria una scelta: amore per la vita o paura e rimanere nel ventre. Non tutti i semi germoglieranno, solo quelli la cui scelta sarà verso l’ignoto, lo sconosciuto, che andranno cioè oltre la paura per amore.

Arriva dunque la Primavera con il suo Equinozio; un’inclinazione differente dei raggi solari scalda il cuore del seme, il richiamo della vita è avvertito da tutti i viventi: è primavera.
Ma non è a primavera che il seme inizierà ad aprirsi; dopo aver scelto l’amore, dopo aver udito il richiamo dell’esistere, dovrà morire per rinascere. Dovrà rompere il suo guscio, e trovare la strada verso la luce come un cieco germoglio ancora tenero.

Altrettanto bene sapevano i mistici che è questa stessa luna che può favorire un cambio sostanziale per i cicli di consapevolezza della vita dell’umano.

La qualità che si espande nel momento cosmico della Pasqua è quella della fiducia: fiducia nella rinascita del proprio spirito, nella resurrezione in senso attuativo, presente, e non quale rimando ad una prossima vita o piano di esistenza. Lo spirito, il più alto intento interiore –non è statico; necessita di essere nutrito, ravvivato, proprio come un fuoco. Non è un caso che ci si riferisca spesso al Sacro fuoco dello spirito, è un’analogia calzante, come quella della Resurrezione di un Cristo durante la Pasqua.
Con la Primavera siamo risvegliati ad una nuova nascita: nuovi intenti e propositi si affacciano al nostro animo, sostenuti da un’energia vitalizzante. Durante la Pasqua questo processo va più in profondità, da solare diviene lunare ed opera nel rinnovo del nostro se’ a strati più nascosti, come le nostre emozioni ed il nostro inconscio. Solo un’alta qualità femminile dello spirito ci può portare ad accogliere il nuovo dentro di noi, cioè la fiducia, l’apertura in due sensi al rinnovo, alla trasmutazione: verso il fuori e verso il dentro, verso l’alto e verso il basso.

Così come il seme, che muoverà verso la luce del sole grazie alla quale opererà la fotosintesi e contemporaneamente verso la terra, dove mettere radici che andranno verso il buio a cercare il nutrimento dell’acqua e dei sali minerali. Se si muovesse in uno solo dei due sensi, non vivrebbe. Se non morisse, se non rompesse il suo guscio, non nascerebbe.
Questo accade anche a noi; spesso abitudini, situazioni, condizionamenti, relazioni e attitudini ci stanno addosso come un guscio che, quando la consapevolezza si espande diventa una stretta armatura che ci ingabbia. Vederlo o saperlo non sempre basta; a quel livello può infatti intervenire un giudizio su noi stessi che ci lascia sempre dentro il guscio, se possibile ancora più scomodi.

E’ un’alchimia interiore quella di cui c’è bisogno. Una trasformazione che avviene oltre il razionale, al di la’ del dualismo di giusto o sbagliato, nell’intero del nostro essere. Che comprenda l’intento dell’anima e i nostri pensieri, le emozioni e il nostro inconscio. Che sappia farci tendere verso l’alto, verso la luce, esplorando e accettando anche le nostre parti più in basso, muovendo verso ciò che ci appare buio. Una rinascita di amore e coraggio, di forza e di accettazione, per la quale occorre che ciò che è diventato un vecchio guscio venga lasciato morire, e con esso le parti di noi che vi si identificano, le attitudini che le sostengono, le situazioni che le riflettono. Una vera e propria resurrezione, un parto di se’ stessi.

Sebbene a noi umani, portatori di libero arbitrio, sia disponibile in qualsiasi momento una rinascita interiore, e sebbene tutta la nostra vita possa definirsi un continuo ciclo di morti e rinascite, già i nostri antenati avevano ben capito quanto fosse importante sintonizzare i propri cicli interiori con quelli della Natura, con Madre Terra, con il Cosmo, e di quale armonico potenziale questa sintonia fosse capace.
Quella che chiamiamo Antica Religione è una Scienza esatta delle relazioni tra l’uomo e la natura.

Nel nostro tempo l’espressione e la comprensione diventano molto più accessibili, per numero e velocità di informazioni, sicuramente, ma soprattutto perchè la nostra stessa ragione sta sondando vette e profondità che lambiscono il mistero. Pertanto è più semplice oggi che non ieri dire che ogni cosa nell’universo è correlata, giacché la fisica astronomica e quantistica ci supportano, ci danno ragione: sono arrivate allo stesso punto.
Laddove la luce è energia e l’energia materia, quando il tempo e lo spazio si piegano e due rette parallele all’infinito prima o poi si toccano, è più facile osare il pensiero che non solo questo mondo non sia piatto, ma che la vita stessa, l’esistenza e lo stesso presente abbiano inizio e fine che coincidono, come in un cerchio.
E il Samsara, la ruota del Karma, tutte le altre tonde simbologie – bassorilievi sui muri di un tempio, rosoni di una cattedrale, tracciate su muri, segnate con giganteschi monoliti, dipinte su un tepee o sul volto di un Maori, avranno un nuovo aspetto.
Saranno l’eco di una storia antica quanto il mondo, che avevamo dimenticato di saper ascoltare.
Poi, siccome nulla è definitivo, anche il nuovo ciclo porterà nuove attitudini e nuove situazioni a formare un altro guscio, chiamandoci ancora a morire per rinnovarci, stimolandoci nel processo di continua evoluzione che è proprio di tutto ciò che è, dalle galassie alle cellule.
Fino, forse, ad arrivare ad essere uno con il tutto, fino cioè a quello stato di fusione estatica con il creato che qualcuno ogni tanto raggiunge, che ogni Maestro a suo modo descrive e trasmette. Dal nostro punto di vista, il loro sembra un punto d’arrivo, l’alchimia suprema; dal loro, invece, sembra sia l’inizio di un altro viaggio, di un altro ciclo.

Un suono di campane intona una melodia e ci desta, profumo di fiori nel sole e uccelli che ritornano cantando; è Pasqua, questa Primavera!
Gioiosamente corri a rompere il guscio dell’uovo di cioccolato che aspetta; sappi che la sorpresa sei tu.

Fonte: www.oshocircleschool.com





Categorie

beneficenza
beneficenza
mamme
mamme
salute
salute
libri e recensioni
libri e recensioni
itinerari
itinerari
riflessioni
riflessioni
attualit
attualit
letteratura
letteratura
stile & bon ton
stile & bon ton
autismo
autismo
curiosit
curiosit
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
simboli e archetipi
simboli e archetipi
filosofia
filosofia
lavori creativi
lavori creativi


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!