Faredelbene.net



psicologia -> Il timore del giudizio


Il timore del giudizio




 La paura del giudizio è legata la fatto che le opinioni degli altri vengono vissute come pericolose.

Spesso i nostri tormenti sono legati a quello che gli altri ci dicono, o pensano di noi e a come noi reagiamo a quanto ci viene riferito. Addirittura si può vivere in angoscia perché si teme che l'altro, a cui noi ci teniamo, non sia d'accordo con noi o valuti i nostri comportamenti sbagliati.
La paura: ha a che fare con previsioni negative dell'esito degli eventi esterni o delle azioni personali. Inoltre il sentimento ansioso si sviluppa quando vengono formulate convinzioni distorte e proiezioni del futuro catastrofiche.

I giudizi: sono quell'insieme complesso di idee, pensieri e parole altrui percepite come ultimatum. Frasi che sembra annullino il sé . Spesso a frenare è poi il pensiero di poter essere giudicati male.

Quando oggetto del nostro interesse non sono i dati di realtà, ma la fantasia costruita da noi, su cosa pensano o dicono le persone, allora rimaniamo bloccati e non riusciamo nè a decidere, nè a fare nulla.

Le soluzioni più immediate per gestire al meglio questi timori sono:

Vivere a pieno il presente.

Esaminare le circostanze di vita e i fenomeni con uno spirito realistico.

Interpretare il pensiero altrui in modo più preciso.

Tutto questo porta alla costruzione di sé, ovvvero a un pensiero su di noi oggettivo.

Ecco quindi che il passo principale per superare la paura del giudizio e delle valutazioni negative è sviluppare una convinzione di sé e degli altri più realistica. Il catastofismo non porta a molto e solitamente dietro aspetti negativi si può sempre cercare di trovare parti buone o valide che potrebbero offrire un buon potenziale per cambiare quello che non va.

Ed è proprio con tale lavoro che si ottiene il riconoscimento di cosa va bene e cosa invece è meno giusto, sia nei nostri confronti che in quello degli altri. Così un parere altrui diverso, o negativo, pesa meno perché diventa una buona occasione per fare meglio.

Fonte comestarbene.it

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Esagramma O Simbolo Dello Spirito Separato

L'esagramma, o Scudo di Davide o Sigillo di Salomone, E' composto da due triangoli equilateri che hanno lo stesso centro (in centrum trigono centro), uno con l'apice rivolto verso l'alto, e l'altro con l'apice rivolto verso il basso. » un simbolo antichissimo, era già usato nell'Età del Bronzo per decorare lampade o altri manufatti; un’illustrazione del libro di B. Jones sull’Arco Reale riproduce una lamina ritrovata in India, ad Udaipur, nella quale compare una stella a sei punte con le linee leggermente curvate verso l’esterno, racchiusa in un fiore di loto, che a sua volta racchiude, nell’esagono formato dalle sue linee, un cerchio con un triangolo equilatero inscritto. Dentro il triangolo si legge a malapena la sillaba Om, sacra agli ind_. Solo nel '800 verrà adottato per simboleggiare il Giudaismo, e proprio in questo periodo inizia ad essere utilizzato anche a scopo di satira antisemita, fino a diventare marchio di infamia durante il nazismo. Risorgerà nella bandiera dello stato ebraico, anche se come sigillo gli verrà preferito la menorah. Contrariamente a quanto oggi si pensa l'esagramma Ë stato usato anche nelle chiese cristiane e da re cristiani non solo a scopo ornamentale, ma anche con significato escatologico; si ritrova nelle cattedrali di Burgos, Valencia e Lerida, Ë presente nei sigilli notarili del re di Navarra, in seguito dei re di Spagna, Francia, Danimarca e Germania.

 

Inizialmente l'esagramma viene definito come scudo di Davide, solo nel XIV secolo compare il nome di Sigillo di Salomone, in concomitanza del suo utilizzo in campo magico. In questo periodo e soprattutto se usato per scopi magici il pentagramma e l'esagramma erano intercambiabili; all'interno del disegno venivano inserite parole o simboli magici con scopo protettivo, e questa interscambiabilità determina la nascita del termine pentacolo che oggi assume il significato di ´pezzo di metallo, di carta o d'altra materia su cui erano segnati caratteri o figure che si credeva preservassero dagli incantesimi. Dal lat. mediev. pentaculum, prob. deriv. dal gr. pente "cinque", perchè in origine caratterizzato dal disegno di una stella a cinque punteª. Esiste una netta distinzione fra le due figure in quanto il pentagramma simboleggia il microcosmo, ovvero l'uomo, mentre l'esagramma simboleggia il macrocosmo, il Grande Tutto. Nel 1500 diventa uno dei talismani protettivi più diffusi, in alcuni casi le linee del disegno dell'esagramma vengono sostituite con il "Grande Nome dei 72 Nomi" ovvero dalle 72 combinazione di nomi sacri. Con Isaac Arama (XV secolo) si giunge al massimo della confusione, secondo questo autore, infatti, lo Scudo di Davide sarebbe il salmo 67 in forma di menorah. Nella Tradizione Esoterica viene considerato un gioiello di estrema potenza e forse per questo gli Autori sono estremamente restii a parlarne. Secondo Alec Mellor Ë un marchio dei massoni operativi medievali, ed in origine aveva valore precipuamente operativo, Ë anche il simbolo massonico del Sacro Arco Reale di Gerusalemme sistema che affonda indubbiamente le radici nei motivi esoterici dell’ebraismo.

Abbiamo già detto che Ë composto da due triangoli, ed il triangolo Ë la prima figura regolare perfetta e proprio per questa sua peculiare caratteristica Ë spesso utilizzata per caratterizzare l'Eterno, l'Unico, l'Infinitamente Perfetto. Forse non a caso nelle lingue neolatine il nome con cui viene generalmente indicato l'Essere Supremo inizia per D, e nella lingua greca il D maiuscolo Ë rappresentato da un triangolo equilatero ∆. ´Il Delta Ë il Sacro simbolo dell'Assoluto nella sua completezza, l'emblema del principio costruttivo di tutti gli organismi. Esso rappresenta lo schema dell'Essere nella molteploicità infinita delle sue manifestazioni, poichè è nel contempo triplo e unoª

Il triangolo rappresenta anche i tre regni, animale, vegetale e minerale, in tal caso porta nel suo interno la Jod essenza dello Spirito Creatore. In generale il triangolo puÚ rappresentare tutto il ternario della tradizione:

Apprendista Compagno Maestro

Nascita Vita Morte

Passato Presente Futuro

Spazio Movimento Tempo

Fede Speranza Carità

Padre Figlio Spirito Santo

Corpo spesso Corpo sottile (o astrale) Anima

Tesi Antitesi Sintesi

Parlante Significante Nascondente

Questi solo alcuni esempi del ternario tradizionale la cui trattazione ci porterebbe troppo lontano dall'argomento.

Il triangolo in Massoneria Ë sempre rappresentato con l'apice rivolto verso oriente e indica all'iniziato la via da intraprendere verso la conoscenza e la rinascita, presenta al centro la G, simbolo di gnosi, God, geometria, gravitazione, genio, ecc… Guenon osserva che la lettera G potrebbe derivare dallo Jod ebraico, che in Inghilterra fu sostituito con God, senza cambiarne il senso. Si puÚ rilevare che presso molti popoli la G Ë l'iniziale di Grande Architetto dell'Universo, cosÏ abbiamo God in inglese, Got in tedesco, Gud in svedese, Goda in persiano, Gad in siriano; ´per altri Geometria in senso pitagorico come invito ad "agire geometricamente, giustamente" (Kloss, Testi, Farina); per altri significherebbe "Generazione" (dei corpi), non in senso alchemico ma in quello della filosofia ermetica, come "Principio generatore", "generazione", e quindi come tale Dio (Ragon); per altri ancora significherebbe Gnosi, nel senso di "rivelazione personale"ª.

Ma altri due triangoli sono presenti in Loggia: il primo con l'apice rivolto ad oriente Ë composto dal Maestro Venerabile, dal 1_ e 2_ Sorvegliante, e l'altro con l'apice rivolto ad occidente composto da Oratore, Segretario e Copritore interno. Il primo ha ovviamente una valenza attiva, positiva, ascendete, indica il cammino verso la perfezione e la rinascita, il secondo ha una valenza negativa, passiva, discendente, tendente al terreno, indica la morte e l'oblio. I due triangoli si intersecano nel formare l'esagramma, unione intima dei due contrari, l'attivo e il passivo, il maschile ed il femminile, lo Yang e la Yin che si uniscono nella formazione dell'unità, concetto mirabilmente espresso nell'androgino, nell'uomo primordiale, nell'Adam Kadmon, l'archetipo divino di uomo e donna; in esso infatti coesistono in perfetta armonia e equilibrio le forze maschili e femminili. L'Adam Kadmon era l'immagine primordiale di Ein-sof, a somiglianza del quale noi siamo stati creati, presenta quindi come corrispettivo antropologico l'Adamo del giardino dell'Eden, ma al contrario di quest'ultimo non Ë mai disceso dalla perfezione celeste. In Massoneria l'esagramma contiene nel suo interno le Tre Colonne del Tempio, la colonna al centro, che origina dall'unione dei vertici del triangolo superiore e di quello inferiore, simboleggia il Maestro Venerabile, le due colonne laterali, originate dell'unione degli altri angoli dei triangoli, simboleggiano i due Sorveglianti; infine la colonna invisibile il cui significato Ë celato ai più.

Secondo l'esoterismo cristiano l'esagramma simbolizza la due nature del Cristo, umana e divina, che si compenetrano, ma anche la Sacra Sindone che contiene l'immagine in negativo ed in positivo del Cristo.

Il pentacolo di Salomone, nella sua accezione generale viene rappresentato con il triangolo inferiore nero, o con il bordo più marcato, ed il superiore bianco, o con il bordo pi_ sottile, il triangolo inferiore rappresenta il mondo materiale, la materia, il corpo pesante mentre il triangolo superiore rappresenta la Volontà creatrice, ovvero quella faccia di Ein-sof che per pura bontà ed in maniera del tutto disinteressata tende a compenetrare e fecondare la materia donandole lo spirito divino. In tal caso l'esagramma deve essere considerato un simbolo dinamico, bisogna immaginare i due triangoli posti in contatto solo per il vertice, il triangolo superiore, bianco, lentamente discende penetrando il triangolo inferiore nero; solo immaginando questo movimento potremmo penetrare nell'intimo significato del simbolo stesso. Secondo il linguaggio alchemico come nel patrimonio simbolico dell’Islam, nel quale ha assunto valenze terapeutico-magiche rappresenta il simbolo dell’equilibrio tra le forze cosmiche del Fuoco e dell’Acqua, anche se tale esegesi non ebbe influenza nei circoli ebraici; l'esagramma Ë infatti costituito dal matrimonio del fuoco, triangolo inferiore e dell'acqua, triangolo superiore, il fuoco vaporizza l'acqua che prende il nome di Acqua ignea, il fuoco Ë l'energia individuale, l'ardore solforoso che si sprigiona dall'Io, il triangolo superiore raccoglie la rugiada depositata dall'umidità mercuriale diffusa nello spazio. L'unione di queste due forze determina la formazione del pentacolo per eccellenza in quanto formato dall'unione dello zolfo con il mercurio universale veicolo del Grande Agente Magico. ´Questi due triangoli intrecciati formano la Stella del macrocosmo o Mondo in Grande. Simboleggiano l'unione del Padre e della Madre, di Dio e della Natura, dello Spirito unico e dell'Anima universale, del Fuoco che procrea e dell'acqua che genera. » il pentacolo per eccellenza, il segno di una potenza alla quale nulla resiste e di cui potremo disporre, dopo aver conquistato effettivamente il nostro Grado di Maestroª. A conferma del suo significato di unione del trascendente con l'immanente Sedir afferma come i vertici del triangolo superiore, che rappresenta la Natura Divina, simboleggiano il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo, quest'ultimo posto al vertice inferiore, mentre i vertici del triangolo inferiore, che rappresenta la natura umana, simboleggiano il corpo, l'anima e lo spirito, con l'anima posta al vertice superiore. Pertanto nella posizione iniziale l'anima e lo Spirito Santo coincidono, si trovano cioè nello stesso punto. ´L'iniziazione consiste nel riavvicinare la natura umana e la Natura Divina e coniugarle. L'opera alchemica Ë esattamente simile. Si tratta di coniugare una terra e uno spirito, bisogna in primo luogo eleggere i santi e rigettare lo spirito maledetto e la terra dannataª

Il simbolo nel suo complesso quindi rappresenta quella parte di Ein-sof che può essere campo di studio e medi­ta­zio­ne in quanto enunciato nella sua azione sulla materia, e quindi nel suo complesso rappresenta la mani­fes­ta­zione o spirito separato. Definire la manifestazione Ë impossibile, la manifestazione Ë Dio, o meglio la Volontà creatrice e il suo creato, l'uomo, gli animali, le piante, i mari, le montagne, la terra, il cielo. ´» un po' come la storia di quel pesce che, stanco di sentir decantare le meraviglie del mare senza comprendere di cosa si trattasse, si diede a vagare di golfo in golfo, sempre chiedendo a ogni creatura acquatica che incontrava cosa mai fosse questo mare di cui tanto si parlava, e dove l'avrebbe potuto trovare. Ma nessuno seppe mai fornirgli una risposta adeguata, finchè un giorno decise di interpellare la stessa Regina dei pesci. "Sciocca creatura!", rispose questa. "Tu vai cercando ciò che conosci dalla nascita. Il mare è tutt'intorno a te, Ë dentro di te, e tu stesso ne fai parte!"ª.

La dinamica del simbolo farà si che al termine della loro corsa i due triangoli vengano a contatto solo per la loro base, ciò comporta la perfetta unione con Dio. Dio per creare il mondo deve rinunciare alla sua unicità e utilizzare la sua stessa sostanza per la creazione, realizza quindi nella sua coscienza individuale e unica una coscienza plurale di esseri separati. L'unione con Dio Ë la ripetizione da parte del realizzato, dell'alchimista che Ë riuscito a trasformare il piombo in oro, dell'Avatara, del nato due volte dello stesso Atto Creativo, ma rovesciato, cioè il suo compito Ë quello di riportare nell'unità della sua coscienza la coscienza di tutte le cose. Partire dal multiplo verso l'unità, annullando quindi la propria coscienza in una non-coscienza comune a tutte le altre. ´Se rappresentiamo questo schema con due triangoli equilateri aventi base comune, uno per cosÏ dire opposto all'altro, avremo un'idea chiara, o il più chiara possibile, del metodo con cui si ottiene l'Unione con Dio. Dio vertice del triangolo inferiore, si apre verso la base e la base si restringe fino al vertice rivolto in basso del triangolo superiore. Dal vertice del triangolo inferiore si sale verso la base comune: cosÏ la discesa di Dio viene ripetuta in senso ascensionale e, al tempo stesso, c'Ë un ascensione verso Dioª. Ma il vero problema Ë sempre come tradurre la conoscenza in terra, perchÈ la via iniziatica non Ë misticismo astratto ma applicazione della conoscenza per ottenere dei frutti.

Anche nei tarocchi ritroviamo il Sigillo di Salomone; i Tarocchi sono 21 pi_ uno (il matto) non numerato in quanto considerato sintetico di tutti gli altri, le 21 lame possono essere ordinati in vari modi, fra questi ritroviamo la divisione in sei ternari composti da tre carte dai quali avanzano tre carte (il sette il Carro, il 14 la Temperanza, il 21 il Mondo che comunque si dispongano i tarocchi rappresentano un punto di cambiamento o la sintesi delle lame precedenti), il primo ternario appare contrapposto nei significati al secondo ternario, ma se, una volta disposti in forma di triangoli, il primo generante (maschio) ed il secondo concepente (femmina), li uniamo nella formazione dell'esagramma noteremo la complementarietà dei significati, significati che si amalgamano nella settima lama (il Carro),´A questo doppio fattore, che genera e concepisce, si ricollegano i primi sei termini di ognuno dei settenari dei tarocchi, nei quali il settimo termine Ë sintetico, e indica il ritorno all'Unità, e non soltanto il risultato del prodottoª lo stesso succede per gli altri quattro ternari.

Ma torniamo all'esagramma; il realizzato, essendo la pi_ alta espressione della materia bruta, si tro­va al centro dei due triangoli (in centrum trigono centro), ovvero nel centro, nel cuore della mani­fes­ta­zione da dove puÚ proseguire il suo cammino iniziatico. Proprio per simboleggiare tale proseguimento l'esagramma Ë spesso attraversato da una croce greca la cui linea orizzontale passa dai punti di intersezione dei cateti dei due triangoli, mentre la linea verticale unisce il vertice del triangolo superiore al vertice del triangolo inferiore. La linea orizzontale rappresenta il piano del quaternario, il principio passivo, femminile, mentre quello verticale rappresenta il piano dello spirito, l'attivo, il maschile. Il punto di intersezione dei due piani rappresenta la sintesi delle due Forze, terzo elemento della triade metafisica rappresentato dalla Rosa che dal centro sboccia. ´L'Iniziato deve stare al centro della croce, le cui estremità corrispondono ai termini del quaternarioª da questo punto geometrico potrà prendere la via discendente, la via larga, la via breve, la via della magia nera, la via terribile (in senso di terribilis) dove ogni errore non sarà perdonato; oppure potrà scegliere la via stretta, la via spirituale di elevazione verso l'alto, la via ascendente o settentrionale sottesa fra i solstizi d'inverno e d'estate, irta di ostacoli, difficile ma sicura, lunga, ma dove gli errori verranno benevolmente perdonati o ancora la via orizzontale sottesa fra i due equinozi che perÚ comporta solo una mera ricapitolazione senza alcun miglioramento. In realtà il braccio ascendente della croce al di sopra del centro non dovrebbe essere disegnato, o almeno solo accennato, in quanto rappresenta il mondo spirituale, in tal modo la croce si trasforma in Tau. La via spirituale dovrà essere la nostra strada verso la Grande Verità, fino a che non si dischiuderà la conoscenza del Grande Uno che fu degli Antichi Rosa-Croce. Dice il Porciatti: ´Nella comprensione dell'Uno, l'Io si perde, e subentra naturale il concetto di amore intenso ad abbracciare quell'immenso Tutto di cui si Ë parte; la rinuncia ne deriva spontanea, la morte mistica necessaria, al fine di pervenire alla dissoluzione dell'uomo in quanto elemento separato e distinto, per preludere alla esaltazione ad uno stato superiore cui altri segreti saranno dischiusiª.

La croce identifica inoltre un altro punto, ovvero il centro del cerchio che circoscrive l'esagramma, i punti che quindi formano la figura sono sette (sei i vertici pi_ il centro), sette come il numero del Maestro; fra tutte le implicazioni sul numero 7 che conosciamo, quella che maggiormente ci interessa in questo momento Ë che il sette Ë formato della somma della triade sacra con il quaternario degli elementi, ovvero il complesso di Dio e della Manifestazione, ovvero il Tutto. Ma esiste ancora una stretta correlazione fra il 7 ed il Tutto, il sette esotericamente corrisponde alla nota musicale SI, al colore indaco, ma soprattutto al cerchio come figura geometrica, il cerchio con un punto centrale Ë anche la rappresentazione del sole, ma anche di Dio; in particolare nella cabala il cerchio puntato rappresenta l'atto creativo, il momento in cui Dio, essendo immensamente grande occupa tutto lo spazio disponibile, e quindi al momento della Volontà creatrice deve ritirarsi in se stesso, concentrarsi, per far posto alla Manifestazione, al mondo creato. Tutto riporta quindi a Ein-sof, il cerchio, il sette, l'esagramma. Tutto questo susseguirsi di simboli, in realtà cela principalmente l'impossibilità dell'uomo di comprendere veramente la vera essenza di Dio. ´Nessun pensatore ha compreso esattamente la parola ciò che è, e quando degli ideogrammi ci sono proposti come soluzione, essi non sono che i simboli di un indecifrabile Incognitoª.

Abbiamo accennato agli antichi Rosa-Croce non a caso, infatti al centro della croce, e quindi dell'esagramma, abbiamo visto che sboccia una rosa. Per il Guènon la rosa a cinque petali Ë un simbolo alchemico e quando viene posta al centro della croce che rappresenta, in questo caso, i quattro elementi, sarebbe il simbolo della "Quinta Essenza". La rosa Ë il fiore mistico, re dei fiori, il più espressivo, simbolo di amore e di dolore, il cui colore rosso vivo ricorda quello del sangue, la cui forma ricorda il cuore; posto al centro della croce simboleggia il sacro cuore del Cristo. Gli antichi egizi ponevano il cuore al centro della vita spirituale e psichica dell'essere umano, il cuore era infatti conservato nei vasi canopi, mentre il cervello, considerato organo di nessuna importanza, veniva tolto dal cranio tramite il naso e distrutto. Gli ermetisti, a loro volta, si dilungano nel far comprendere la cosiddetta Legge del Cuore, nonchè le sostanziali differenze che sussistono, sia pure nel semplice campo psicologico, tra un approccio emotivo e affettivo alla conoscenza e un'interpretazione prettamente intellettualistica. Non solo, ma nell'antichità il cuore veniva ritenuto essere il Tempio del Dio Vivente, la sede dell'anima, animata dal Divino Soffio, l'alito di Dio. Nell'iniziato, secondo gli insegnamenti ermetici, dobbiamo presumere che il Tempio interiore, ossia il Cuore, sia abitato dall'Ente, ossia dall'Io Superiore, o Nume del Corpo, o Angelo..... (secondo i vari Autori). Per dirla con gli Alchimisti, nel Cuore viene raccolto l'Oro Potabile del Maestro Alchimista, ovverosia la parte nobile e divina dell'essere incarnato. Il cuore visto quindi come sede atta ad ospitare la fiammella divina che tra mille difficoltà sopravvive dentro di noi e che noi siamo tenuti ad alimentare per farla sopravvivere, ma soprattutto affinchè questa fiammella diventi un rogo dove possa finalmente ardere il nostro Io. Ma ancora come afferma Pessoa la croce simbolizza la duplice essenza maschile e femminile di Dio, mentre la Rosa rappresenta il mondo generato crocefissa in Dio.

Il Simbolismo della Croce e della Rosa Ë estremamente vasto tanto da impedirmi di affrontarlo in questa sede, basta ricordare Guenon: ´La vediamo… nel disegno ricamato nella cartagloria dell'abbazia di Fontevrauk dove la rosa Ë collocata ai piedi di una lancia lungo la quale piovono gocce di Sangue: questa rosa vi appare associata alla lancia esattamente come lo Ë altrove la coppa, e sembra proprio raccogliere le gocce di sangue piuttosto che provenire dalla trasformazione di una di esse…ª. Mi appare quindi evidente come la rosa possa essere paragonata anche al Santo Graal, raccoglitore del prezioso sangue, e quindi anche Cuore di Cristo; in tal caso non solo raccoglitore, ma anche distributore di amore e redenzione; tale significato Ë particolarmente equilibrato quando la rosa Ë posta al centro della croce. Nel simbolo della Rosacroce, prima simbolo cristiano, poi ermetico ed infine massonico, la rosa rappresenta il raggiungimento dell'illuminazione, della perfezione, rappresenta cioè colui che ha raggiunto la conoscenza dei piccoli misteri, il Maestro Muratore. Maestro che non solo deve perseguire il suo perfezionamento, ma una volta raggiunto il vertice del Triangolo di Luce seguendo il braccio ascendente della croce, dovrà ridiscendere al centro della croce stessa al fine di poter illuminare la via, di donare il viatico a coloro che sono degni di ricevere tale insegnamento. Il Maestro che ha raggiunto la sua completa iniziazione, Ë come il bagatto, prima lama dei tarocchi, ovvero ha la testa fra le stelle ed i piedi in terra, ha lo sguardo rivolto verso l'esterno della carta, ovvero nel mondo materiale a conferma che l'azione del Maestro deve essere rivolta al mondo profano, cosÏ come la sua bacchetta Ë rivolta verso una moneta (mondo materiale).

Ecco quindi l'importanza dell'insegnamento del Maestro che giunto alla perfezione, al massimo grado di evoluzione spirituale deve operare nel mondo materiale al fine che il suo insegnamento non vada perduto.

´Fa la lingua mia tanto possente

c'una favilla sol della tua gloria

possa lasciare alla futura genteª.

(Dante)

 

Bibliografia

"Dizionario Garzanti della lingua italiana"; Milano, 1971.

Adriano F.: "Esoterismo e misteri del numero 7"; tavola di un Fratello

Eugenio Bonvicini: "Massoneria Moderna"; Bastogi, Foggia, 1997

Vittorio Mascherpa: "La spirale di fuoco" Ed.Adea, 1996.

Fernando Pessoa: "Pagine esoteriche"; Ed.Adelphi, Milano, 1997.

Umeberto Gorel Porciatti: "Simbologia Massonica - Massoneria Azzurra"; ed. Atanor, Roma, 1990.

Umeberto Gorel Porciatti: "Simbologia Massonica: Gradi Scozzesi"; Ed. Atanor, Roma, 1948.

Gershom Scholem: "La Cabala"; Ed. Mediterranee, Roma, 1992.

Sedir: "La dottrina segreta dei Rosa Croce"; Basaia Ed., Roma, 1983.

Oswal Wirth: "La Massoneria resa comprensibile ai suoi adepti: I l'Apprendista"; Atanor, Roma, 1990.

Oswal Wirth: "La Massoneria resa comprensibile ai suoi adepti: II il Compagno"; Atanor, Roma, 1990.

Oswald Wirth: "I Misteri dell'Arte Reale"; Atanor, Roma, 1996.

Oswald Wirth: "Il simbolismo ermetico"; Ed. Mediterranee, Roma, 1978.

Oswald Wirth: "I Tarocchi"; Ed. Mediterranee, Roma, 1977.

Elemire Zolla: "Le meraviglie della natura"; Marsilio, Milano, 1975.

Fonte fuocosacro.com





Categorie

meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
beneficenza
beneficenza
antroposofia
antroposofia
miti e leggende
miti e leggende
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
musica
musica
coppia
coppia
sesso
sesso
bambini
bambini
astronomia
astronomia
storia
storia
vegan & co.
vegan & co.
mamme
mamme
numerologia
numerologia
casa
casa


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!