Faredelbene.net

Sei nella pagina 1 di 714

Associazione Non Lucrative ( ONLUS ) - umana.auv

News feed del 2017-05-19 14:24:09



PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

News feed del 2017-05-17 21:48:33

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



BORSA DI STUDIO LINO CALABRIA V EDIZIONE

News feed del 2017-05-09 13:48:00

descrizione

Una borsa di studio è un finanziamento agli studi che viene concesso a studenti meritevoli, per vari motivi, tra cui nel caso che non dispongano di adeguato sostegno economico da parte della propria famiglia.

dettaglio

La Borsa di studio “Lino Calabria”  giunta quest'anno alla quinta edizione  è finanziata dal Dottor Ennio Calabria.
Di seguito invito e regolamento della borsa di studio inviata dallo stesso Dottor Calabria ai Dirigenti Scolastici delle scuole superiori di secondo grado di Lamezia Terme.


                                                                                                                                                                                                                                                                                            Ai dirigenti scolastici    
                                                                                                                                                                                                                                                                                           delle scuole superiori di secondo grado di Lamezia Terme

                                                                                                                                                                                                                                                                                           Liceo classico
                                                                                                                                                                                                                                                                                           Liceo scientifico
                                                                                                                                                                                                                                                                                           Liceo linguistico Campanella  
                                                                                                                                                                                                                                                                                           ITE De Fazio
                                                                                                                                                                                                                                                                                           ITG
                                                                                                                                                                                                                                                                                           IPSCT Einaudi
                                                                                                                                                                                                                                                                                           ITIS
                                                                                                                                                                                                                                                                                           IPSIA


Eg.Sig. Dirigente scolastico,
Le trasmetto il Regolamento della  Borsa di studio “Lino Calabria” che intendo, con la collaborazione  delle scuole superiori di Lamezia Terme, assegnare anche in quest’anno scolastico per consentire ad un alunno, meritevole ma con gravissime difficoltà economiche, di poter a mie spese frequentare con profitto una facoltà universitaria calabrese.
Le scuole che intendono partecipare devono soltanto farmi pervenire compilato il modello-tipo allegato, all’indirizzo del mio studio professionale :
“dr. ENNIO CALABRIA, via A. Volta, 88046 Lamezia Terme “,
entro e non oltre le ore 12 del giorno 31 luglio 2014, in busta chiusa sigillata,  con la dicitura “Borsa di Studio Lino Calabria ”.
Come vedrà, io ho contattato tutte le scuole superiori di secondo grado di Lamezia Terme, e ritengo che il Regolamento chiarisca abbastanza i miei intendimenti, per realizzare i quali ho bisogno delle proposte delle scuole, le quali ben conoscono di fatto, e non in maniera burocratica, l’eventuale nominativo di un alunno/a che pur capace e meritevole, non ha i mezzi economici per poter frequentare l’università.
La scelta la effettuerò motivatamente sulla base delle proposte che riceverò, fosse anche una sola. La borsa di studio sarà corrisposta per il tempo necessario a seconda che la facoltà preveda la laurea in cinque o sei anni di corso, e sarà interrotta nel momento in cui lo studente non completi gli esami previsti nel suo piano di studi per ciascun anno di corso.
Sicuro che vorrete collaborare alla mia iniziativa benefica che potrebbe, mi auguro, essere imitata da iniziative analoghe di altre persone, Vi porgo i migliori saluti

                                                                                    Dr Ennio Calabria
         


                         REGOLAMENTO BORSA DI STUDIO “LINO CALABRIA”

1)Viene istituita la borsa di studio “Lino Calabria” destinata ad uno studente che intende iscriversi ad una facoltà di una Università calabrese , Unical CS, Magna Grecia CZ, Mediterranea RC, e che possiede i requisiti appresso specificati. La borsa di studio coprirà le spese per la frequenza di una facoltà universitaria, includendo vitto, alloggio, tasse universitarie e costo dei libri di testo.

2) La borsa di studio avrà la durata di anni  cinque o sei, a seconda della facoltà frequentata, e sarà versata al beneficiario a condizione che gli esami previsti nel piano di studi ogni anno vengano regolarmente superati e la laurea sia ottenuta senza andare “fuori corso”. Le modalità di liquidazione della borsa saranno specificate al beneficiario nel momento della assegnazione.

3) I requisiti per ottenere la borsa di studio sono i seguenti : merito scolastico e indigenza della famiglia che impedisce la frequenza di una facoltà universitaria. Entrambi i requisiti verranno accertati e dichiarati dalle scuole secondarie di secondo grado di Lamezia Terme , osservando le modalità specificate dal promotore della iniziativa benefica, dott. Ennio Calabria.

4) Ogni scuola secondaria che intenderà partecipare all’iniziativa di assegnazione segnalerà al dott. Calabria il nominativo di un solo alunno che nel corrente anno scolastico   ha superato gli esami di Stato (cd proposta). Tale proposta (redatta sull’allegato  modello-tipo ),  accompagnata da una relazione del consiglio di classe, deve essere approvata alla unanimità dai docenti componenti e dal dirigente scolastico. Essi  motiveranno la loro proposta considerati i due requisiti sopra richiamati, prendendo  in considerazione e spiegando fatti a conoscenza dei docenti che nel corso dei cinque anni di frequenza hanno avuto modo di considerare l’impegno e le competenze dell’alunno (cd merito scolastico) e l’indigenza della famiglia che impedisce  l’iscrizione e/o la frequenza di una facoltà universitaria.

5) La proposta di ciascuna scuola non dovrà necessariamente basarsi sul voto riportato nell’esame finale così come sulla media riportata ottenendo la promozione in ognuno dei cinque anni di frequenza. Né la scuola dovrà accertare l’indigenza familiare attraverso documentazione scritta. Può infatti ben darsi che un alunno molto meritevole non ottenga in sede di esame finale il voto massimo per decisione discutibile della commissione di esame. Allo stesso modo nessuna certificazione del reddito (dichiarazione dei redditi, modello ISEE…)  potrà  sostituire la conoscenza diretta dei docenti che in cinque anni hanno osservato e registrato le “difficoltà” economiche di uno studente per come si sono manifestate di fatto e concretamente. E’ evidente cioè che l’utilizzo di un costoso cellulare contrasta con l’indigenza familiare manifestata attraverso la dichiarazione dei redditi o con lo stato di disoccupazione, così come l’impossibilità di partecipare ad un viaggio d’istruzione sia indicativo di un effettivo stato d’indigenza.

6) Ogni scuola che parteciperà alla iniziativa sotto la guida del proprio dirigente elaborerà liberamente propri criteri di scelta per formulare la proposta , che dovrà essere unanime e onesta, essenziale essendo la motivazione redatta dal consiglio di classe senza l’astensione o il voto contrario  dei docenti che ne fanno parte.

7) Ricevuta dalle scuole partecipanti la rosa dei nominativi degli alunni prescelti, il dott. Calabria effettuerà, a suo insindacabile giudizio, la designazione di un unico beneficiario sulla base di propri criteri, avvalendosi di eventuali colloqui con i designati, dell’ausilio di apposita commissione oppure decidendo di effettuare pubblico sorteggio.


……………………………………………………………………………………………………
intestazione scuola

PROPOSTA e RELAZIONE

Il consiglio della classe…………..sez……..ALLA UNANIMITA’ segnala l’alunno/a
…………………………………………………………………………………………………….

recapito e n° tel……………………………………………………………………………………………………………………………..
per essere inserito nella rosa della Borsa di studio “LINO CALABRIA” a.s. 2013/14.
I requisiti che l’allievo/a possiede sono i seguenti : 1) Capace e meritevole per impegno e risultati scolastici nei cinque anni ; 2) Condizioni familiari economiche disagiate che rendono impossibile la sua frequenza universitaria.
           

  Si allega a parte una RELAZIONE contenente la MOTIVAZIONE della PROPOSTA. In essa vanno illustrati i fatti, le circostanze,gli elementi a conoscenza dei docenti che validano i requisiti dell’alunno/a e lo/a rendono meritevole di beneficiare della Borsa di studio.

Quest'anno sono prese in considerazione segnalazioni di situazioni delicate da parte delle parrocchie del comprensorio lametino


 

 



Privato -

News feed del 2017-05-08 13:31:18



PER LE MAMME:INFORMAZIONI UTILI SUI DENTI DA LATTE

News feed del 2017-05-07 01:42:40

Care mamme, quante informazione utili avete sui denti da latte?

 

I primi denti  a comparire sono i denti da latte, destinati poi a cadere. L’essere umano ha due dentature, quella da latte o decidua e quella permanente. I denti da latte vengono chiamati cosi per il loro colore molto bianco, questi sono 20, (di numero inferiore rispetto alla dentatura permanente che è di 32 ).

E' molto importante conservare i denti da latte del vostro bambino. In pratica, il dentino perso viene congelato e conservato a basso costo per oltre vent’anni. In attesa che la ricerca sulle cellule staminali dica come e quando poterlo riutilizzare per creare nuovi tessuti e nuovi denti. Limitando sempre più l’uso di materiali sintetici. La metodica comporta l’utilizzo di un laser che permette di effettuare sul dente alcuni fori affinché sia possibile rimuovere, in modo preciso e selettivo, porzioni di smalto dentale senza il rischio di asportare, lacerare o surriscaldare la polpa dentale. Le cellule staminali estratte da un dente presentano una capacità replicativa nelle colture cellulari simile a quella delle cellule fresche, non crioconservate

I genitori, dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di conservare quei denti. Recenti studi scientifici hanno scoperto che conservare denti da latte può comportare importanti benefici per la salute, altri studi sui neonati nel loro primo anno di vita hanno confermato un legame fra una serie di disturbi ed il fastidioso singhiozzo dopo pasto.

I denti da latte contengono cellule staminali all’interno della polpa dentale. Le cellule staminali possono rigenerare in neuroni, ossa e cartilagine, e alcune cellule cardiache riparando il tessuto cardiaco danneggiato.

Le staminali adulte sono cellule che costantemente contribuiscono a riparare e rigenerare i nostri tessuti; una cellula staminale è infatti capace di differenziarsi e creare nuove cellule specializzate in grado di rimpiazzare le cellule morte. Le staminali adulte sono presenti in tutti i tessuti, ma quelle più studiate, perché più facilmente isolabili e conservabili, sono quelle presenti nel sangue cordonale, aspirato alla nascita dal “cordone ombelicale”, e nel “midollo osseo”, contenuto all’interno di tutte le ossa umane.

In breve, queste cellule staminali possono aiutare a curare una miriade di malattie che possono colpire i bambini. Le malattie come il morbo di Hodgkin, leucemia e mieloma multiplo, una volta essere trattati solo con il trapianto dolorose midollo osseo (e procedure invasive simili), grazie ai staminali del bambino come quelle che si trovano nei denti.

Molti genitori negli ultimi decenni hanno raccolto le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale, da dopo la nascita del loro bambino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spunta il primo dentino?

 

Per i primi denti dei bambini è meglio usare i rimedi naturali, ideali per la salute di denti e gengive.

Come affrontare il dolore dei primi denti dei bambini senza farmaci

Avere denti sani e ben allineati è importante per tanti motivi, sia funzionali che estetici. Una dentatura sana permette di sminuzzare efficacemente il cibo e di digerirlo con facilità. Inoltre evita negli anni dolori articolari dovuti a mal occlusioni e cioè a una non perfetta corrispondenza tra le arcate dentarie inferiori e superiori. Questo spiega perché dobbiamo controllare la crescita e lo sviluppo dei denti fin dalla più tenera età. I primi denti che fanno capolino nella bocca di un bambino sono gli incisivi centrali, prima gli inferiori e poi i superiori, che erompono tra i 6 e i 10 mesi d'età. Tra gli 11 e i 12 mesi fanno la loro comparsa gli incisivi laterali, prima superiori e poi gli inferiori. A 18 mesi spuntano i primi molari, a 20 mesi i canini e a 24 mesi i secondi molari. Sono i denti da latte (o decidui) che verranno successivamente sostituiti con i denti permanenti, più grandi e definitivi. L'eruzione dei denti si accompagna in genere a gengive gonfie e infiammate e a salivazione abbondante; spesso si osservano in concomitanza altri piccoli disturbi come irritabilità, insonnia, diarrea, inappetenza, febbre e abbassamento delle difese immunitarie, che possono a loro volta favorire anche bronchiti e otiti. In questi casi i rimedi naturali ci danno una mano.

I rimedi naturali per i primi denti dei bambini;

- L'omeopatia consiglia di somministrare Chamomilla 3 DH, 20 gocce secondo necessità, o Chamomilla 15 CH, 3 granuli 4-5 volte al giorno, quando si manifestano forti dolori, le gengive sono molto arrossate e infiammate, l'umore è irritabile e le feci sono giallo-verdi in presenza di muco.

 

- Quando il bambino ha la febbre alta, il viso arrossato, suda copiosamente e ha le gengive lucide e arrossate, si può utilizzare Atropa belladonna 9 CH, 3 granuli anche ogni 2-3 ore, fino a miglioramento.

 

- Un po' di sollievo alle gengive doloranti si procura col miele rosato, che ha proprietà astringenti ed emollienti. Si tratta di miele depurato con aggiunta di estratto di rosa. Importante: è bene non prepararlo in casa, ma acquistarlo in farmacia: in alcuni mieli di tipo artigianale potrebbe essere presente una tossina, innocua per gli adulti ma pericolosa per i bambini fino a un anno di età. Il miele rosato può essere applicato più volte durante il giorno



Privato -

News feed del 2017-05-05 08:33:31



Privato -

News feed del 2017-05-04 13:45:25



MIMA DIGIUNO DIETA DEL DOTT.LONGO

News feed del 2017-05-01 18:22:47

 MIMA DIGIUNO  DIETA DEL DOTT.DOTT. LONGO
Questo approfondimento è fondato sul primo importante studio di Valter Longo pubblicato su Cell e sul minuzioso incrocio di informazioni complementari, presenti in numerosi articoli e interviste (rilasciate anche negli USA). Il tutto è stato ulteriormente integrato con le informazioni fornite dal libro di Valter Longo “La dieta della Longevità” uscito il 15 settembre 2016, di cui vi invito a leggere il lungo articolo dedicato. Si premette subito che il protocollo della dieta mima digiuno è stato concepito per essere eseguito sotto stretto controllo medico. Di conseguenza, si sconsiglia di eseguirlo in forma autonoma, soprattutto se in stato di salute non perfetto. Anche se si chiama “dieta” (ritengo un errore averla definita con questo termine) non c’entra niente con una comune dieta: il suo obbiettivo principale non è far perdere peso, ma attivare un processo di rigenerazione cellulare.
Il primo assioma del Dr. Longo, direttore del Longevity Institute della University of Southern California, rivede sostanzialmente il valore delle proteine.
Lo scienziato di origini calabresi ha dimostrato, con uno studio pubblicato su Cell Metabolism, che chi consuma oltre il 20% delle sue calorie sotto forma di proteine ha il 75% di rischio di mortalità in più (negli under 65, dopo la correlazione perde gradualmente rilevanza). Questo è dovuto al semplice fatto che le proteine sono il principale mediatore dell’ormone della crescita GH: vale a dire, più proteine si consumano, più ormone della crescita il corpo produce. Se questo meccanismo è utile nella fase di sviluppo di un adolescente, diventa pericolosa in fase adulta. Infatti, l’ormone della crescita è il predecessore dei fattori di crescita (IGF-1 e IGF-2), i quali fomentano la divisione cellulare che va a nozze con i tumori, il diabete e i processi d’invecchiamento.

Lo studio prende spunto da una scoperta fatta in Ecuador dallo scienziato Jaime Guevara. Il ricercatore era rimasto colpito dalla singolarità di una piccola comunità di nani (i Laron, dalla sindrome da cui sono affetti) nella località di Quito, che tendeva a non sviluppare né diabete né cancro. L’anomalia ha incuriosito anche il Dr. Longo, con cui è nata una collaborazione nel 2002. Le ricerche hanno svelato che i Laron soffrono di una deficienza del ricettore dell’ormone della crescita, che impedisce la sua conversione in IGF-1 (sì, quello di Messi), il potente fattore di crescita fondamentale nella fase di sviluppo. La carenza indiretta di IGF-1 li rende nani, ma allo stesso tempo li protegge in modo straordinario da tutte le malattie più comuni del nostro tempo, nonostante adottino un’alimentazione non particolarmente salutare e vivano in un’area dell’Ecuador dove le neoplasie hanno un’incidenza elevata. Morale della favola: o avete una carenza del ricettore dell’ormone della crescita, o risolvete la questione a monte, facendo sì che il vostro corpo produca meno ormone della crescita.GH
www.magup.it...



Cancro al seno e malattia paradontale : correlazioni

News feed del 2017-04-17 11:34:36

La malattia parodontale è stata costantemente associata con le malattie croniche,  ma vi era una limitata evidenza scientifica di quale fosse il ruolo dei microbi orali nello sviluppo del cancro al seno. Oggi i ricercatori hanno scoperto che le donne in postmenopausa affette da malattia parodontale sarebbero a rischio di sviluppare questo tipo di cancro rispetto alle altre donne.

Il test ha messo sotto esame 73,737 donne, tra i 50-79 non affette da tumore al seno, iscritte originariamente al Women's Health Initiative Observational Study, un campione prospettico di donne in postmenopausa, per determinare i fattori di rischio per prevedere malattie cardiache, tumori e fratture.

Dopo un periodo di follow-up medio di 6.7 anni, sono stati identificati 2.124 casi di cancro al seno. Oltre il 26 per cento delle donne era colpita da malattia parodontale. Secondo i ricercatori, correvano un rischio del 14 per cento più elevato di cancro al seno rispetto alle donne senza. Le ex fumatrici avevano un rischio ancora più elevato di cancro al seno. Tra le donne che avevano smesso di fumare negli ultimi 20 anni, quelle con malattia parodontale avevano un rischio del 36 per cento più elevato di sviluppare la malattia. Quelle affette da malattia parodontale che non avevano mai fumato o avevano smesso più di 20 anni prima avevano rispettivamente un maggior rischio del 6 e dell’8 per cento.

Secondo Jo L. Freudenheim, ricercatore del Department of Epidemiology and Environmental Health presso la State University di New York a Buffalo, esistono diverse spiegazioni possibili che legano malattia parodontale e cancro al seno. Una possibilità è che l'infiammazione sistemica può sorgere con la malattia parodontale e colpire il tessuto del seno, o indirettamente la stessa infiammazione causa una situazione di acidosi che è un fattore predisponente. Un’altra spiegazione possibile è che i batteri dalla bocca possono entrare nel sistema circolatorio e di conseguenza alterare il tessuto mammario.

Sono però necessari molteplici studi per stabilire un nesso di causalità, ha detto Freudenheim: «Se possiamo studiare la malattia parodontale e cancro al seno in altre popolazioni e di fare una ricerca più dettagliata sulle caratteristiche della malattia parodontale, tutto questo ci aiuterebbe a capire se vi è un qualche rapporto ‒ ha dichiarato. C'è ancora molto da capire quale sia l’eventuale ruolo dei batteri della bocca e il cancro al seno».

Nelle donne il cancro al seno è il tumore più diffuso. Dalle ultime statistiche pubblicate dai Centers for Disease Control and Prevention, negli Stati Uniti questa malattia viene diagnosticata ogni anno su oltre 220.000 donne e più di 2.000 uomini. La malattia parodontale è una affezione molto comune, che colpisce quasi la metà della popolazione adulta degli Usa ed è ormai dimostrato il suo legame con ictus , diabete e malattie cardiache



CORRELAZIONE TRA OBESITA' E PARODONTOPATIE

News feed del 2017-04-02 21:44:27

 la malattia paradontale e l'obesità sono tra le più frequenti al mondo : esse affliggono sia la popolazione giovanile, sia quella adulta, sia la popolazione anziana. Considerando il rapporto che lega l’obesità e la parodontite ad al

Il legame tra queste due malattie è stato oggetto di studi fin dal 1977(1) e da allora molti autori se ne sono interessati, mettendo in luce l’importanza clinica e sociale di questo legame(2).
Perlstein e Bissada lo studiarono in quattro gruppi di topi che comprendevano animali sani e animali con caratteristiche alterazioni genetiche: ipertesi, obesi e obesi-ipertesi.

Una delle conclusioni più importanti di questo studio fu che l’obesità in associazione con un quadro ipertensivo, oltre a provocare iperplasia ed ipertrofia della tonaca dei vasi sanguigni parodontali, peggiora significativamente il decorso e la gravità della malattia parodontale. Reperti autoptici comuni nei topi obesi ed ipertesi sono l’ispessimento della tonaca intima dei vasi e presenza di vacuoli lipidici: la diminuzione del supporto ematico ai tessuti parodontale rende il quadro patologico più severo e destruente.

Studi più recenti hanno confermato l’associazione tra le due malattie anche nell’uomo. Saito et al. in un loro studio del 2001(3) studiarono questo legame in 643 persone apparentemente sane, divise in quattro gruppi a seconda del loro indice di massa corporea o BMI. I risultati furono che l’obesità diventa fattore di rischio per la malattia parodontale se oltre a caratterizzarsi per un elevato BMI, è caratterizzata da un elevato rapporto waist to hip, cioè se è obesità addominale o viscerale.
Un altro studio recente che conferma la correlazione tra le due patologie in questo senso è quello condotto da Al-Zahrani et al.(4). L’obesità - BMI ≥ 30 - diventa fattore di rischio per la malattia parodontale soprattutto quando associata ad aumento di waist circumference - 102 cm nell’uomo e ≥ 88 cm nella donna.
È bene sottolineare che la correlazione tra parodontite ed obesità è tanto più stretta quanto più è aumentato il grasso viscerale ed addominale, mentre diventa meno significativa se si considera solo l’aumento del BMI e del grasso sottocutaneo o la diminuzione della massa magra - fat free mass -(5).

Si conclude quindi che le alterazioni metaboliche che qualificano l’obesità aumentano il rischio di sviluppare la malattia parodontale, per cui l’aumento eccessivo di tessuto adiposo localizzato soprattutto in sede addominale, deve essere considerato fattore di rischio per la parodontite accanto agli altri, ormai noti, fattori di rischio: diabete, fumo, sesso, età… Il legame tra la malattia parodontale e l’obesità si sviluppa anche nel senso opposto. Non solo, infatti, il soggetto obeso è predisposto ad ammalare di parodontite in misura maggiore e più grave rispetto alla popolazione sana, ma il soggetto affetto da parodontite cronica presenta molto più spesso quadri alterati di trigliceridemia(6).

Come dimostrato nello studio sperimentale condotto da Feingold et al. le endotossine batteriche sia ad alte, sia a basse dosi - 100 ng/100 g di peso corporeo - agiscono alterando rapidamente la quantità di trigliceridi nel sangue degli animali osservati. In presenza di basse dosi di lipopolisaccaridi di origine batterica aumenta sia la sintesi de novo di acidi grassi sia la lipolisi a cui consegue un’aumentata sintesi di trigliceridi.
Quando la dose di tossine invece è maggiore, anche i processi di clearance, cioè del catabolismo dei trigliceridi vengono alterati, in particolare diminuiti; questo porta ad un ulteriore aumento di queste particelle nel sangue. L’enzima chiave di cui viene diminuita l’attività è una liproteinlipasi.

L’OBESITÀ PREDISPONE ALLA PARODONTITE

Il legame tra queste due patologie è sostenuto da una serie di variabili ed eventi metabolici che ricorrono durante il loro decorso. Nel soggetto obeso, per una serie di motivi che vengono ora presi in considerazione, si creano delle condizioni predisponenti all’esordio della malattia parodontale e ad un suo decorso più celere e destruente. Si crea una condizione per cui gli stessi batteri parodontopatogeni che colonizzano il cavo orale di un soggetto normopeso, riescono ad evocare una reazione da parte dell’ospite obeso più destruente.

Il sistema immunitario ed infiammatorio del soggetto malato reagisce in modo così violento che, invece di proteggere i tessuti, li danneggia rapidamente. Questo accade come conseguenza delle alterazioni patologiche proprie dell’obesità. I fattori che spiegano come l’obesità sia un fattore di rischio per lo sviluppo della malattia parodontale vengono ora analizzati ad uno ad uno, anche se devono essere presi in considerazione come strettamente connessi e correlati tra di loro.

1. L’alimentazione scorretta
Uno dei primi fattori da considerare per spiegare come l’obesità conduca a parodontite cronica, è la non corretta alimentazione del soggetto obeso.
Spesso infatti, il malato si nutre eccessivamente di cibi ricchi in grassi saturi e zuccheri, e poveri di vitamine, acidi grassi polinsaturi, carotenoidi e calcio.

In uno studio sperimentale condotto da CW Cutler et al (7) si è rilevato che l’ipertrigliceridemia, provocata dall’alimentazione scorretta o da altri fattori, ha come conseguenza quella di modulare la produzione di IL- 1β da parte dei leucociti polimorfonucleati – PMN - quando essi sono stimolati da P. Gengivalis, aumentandola.

Questo è un dato molto importante, ma qual è il motivo per cui l’aumento di trigliceridi conduce ad un aumento della produzione di IL-1β?
Innanzi tutto bisogna ricordare che la produzione delle citochine anti e pro infiammatorie è conseguente a particolari tappe metaboliche che coinvolgono molecole lipidiche. Sono proprio dei derivati lipidici che svolgono un ruolo fondamentale nella modulazione delle risposte infiammatorie(8): essi sono gli eicosanoidi, metaboliti provenienti dall’acido arachidonico.

A questo punto diventa importante anche considerare che nella dieta del paziente obeso solo l’1-2% dell’apporto calorico è dato dall’inserimento di acidi grassi polinsaturi nella dieta.
Le molecole derivate dal metabolismo degli acidi grassi polinsaturi sono differenti da quelle derivate dai grassi saturi: pur facendo parte delle stesse famiglie, infatti, esse hanno diversi ruoli.

Tra i diversi leucotrieni, trombossani, prostaglandine e prostacicline alcuni modulano la risposta infiammatoria attivandola ed altri inibendola.
Uno dei casi più esemplificativi è quello di PGE2 e di PG3 e TXA3: tutte queste molecole fanno parte della famiglia degli eicosanoidi, ma, mentre PGE2 è proinfiammatoria e particolarmente attiva nella distruzione dei tessuti parodontali durante la malattia, le altre due citochine sono anti-infiammatorie e protettive.

Queste ultime, infatti, inibiscono il rilascio di ac. arachidonico dalle membrane cellulari e la conseguente formazione di citochine; inoltre inibiscono l’aggregazione piastrinica ed abbassano i livelli di colesterolo, delle lipoproteine LDL ed aumentano le HDL(8). Una dieta ricca di acidi grassi polinsaturi, presenti in particolar modo nel pesce, conduce ad una produzione selettiva di citochine anti-infiammatorie e protettive anche nei confronti di patologie cardiovascolari.

Conseguenza dell’alimentazione ricca di grassi saturi, invece, è la selezione della produzione di molecole pro-infiammatorie: esse stimolano l’attività secretiva delle cellule coinvolte nella risposta dell’ospite ad insulti batterici, tra le quali sono annoverati anche i PMN. Per spiegare invece l’importanza di assumere giornalmente quantità adeguate di vitamina C e carotenoidi, risulta necessario ricordare il ruolo delle specie reattive ossidanti (ROS) nell’ambito della risposta infiammatoria. I leucociti polimorfonucleati, durante la fagocitosi delle specie batteriche patogene, producono vari tipi di ROS, che, oltre ad essere rilasciati nel fagosoma, si disperdono nell’ambiente circostante: O2-e HOCl sono i principali.

Queste molecole contribuiscono alla distruzione dei tessuti parodontali danneggiando il DNA e le proteine cellulari, provocando la perossidazione lipidica, l’ossidazione di importanti enzimi - come le antiproteasi - e stimolando la produzione di citochine pro-infiammatorie da parte di monociti e macrofagi(9). Inoltre i ROS stimolano l’attivazione degli osteoclasti.

L’introduzione attraverso una dieta equilibrata di agenti antiossidanti serve a limitare i danni dovuti alla dispersione di queste molecole nell’ambiente parodontale e non solo. Si è dimostrato che esiste un’associazione statisticamente significativa tra il minor consumo di vitamina C e malattia parodontale (OR = 1.19; 95% CI: 1.05-1.33), soprattutto nei soggetti fumatori(10)(11): essa riesce in particolare a proteggere i tessuti parodontali dai radicali liberi.

Recenti studi hanno dimostrato che la vitamina E ha un ruolo mitigante l’infiammazione e la distruzione delle fibre collagene durante la parodontite(12): essa, pur avendo una mobilità e quindi un’efficacia molto minore rispetto alla vitamina C, riesce a stabilizzare le membrane cellulari neutralizzando l’azione dei radicali liberi. Anche i carotenoidi, essendo antiossidanti, sono importanti per mitigare i danni provocati dai ROS; il loro ruolo però non è stato ancora ben approfondito.

Il glutatione ridotto, invece, modula la risposta infiammatoria andando a bloccare la produzione di ulteriori citochine. Un’altra importante funzione della vitamina C e dei β- carotenoidi, ma non della vitamina E, è quella di diminuire i livelli della proteina C reattiva - PCR -, una delle molecole maggiormente responsabili della modulazione dei processi difensivi: questi antiossidanti abbassano i livelli delle lipoproteine LDL ossidate che contribuiscono a mantenere attivi i processi infiammatori (13).

Si intende ora approfondire ulteriormente l’importanza dell’assunzione di sufficienti quantità di ac. ascorbico nella dieta del soggetto obeso e nel soggetto sano al fine di prevenire la malattia parodontale.
La dose giornaliera consigliata - RDA - è di 60 mg per gli adulti sani e per i fumatori è consigliata l’assunzione di altri 35 mg al fine di ridurre i danni ossidativi provocati dal fumo stesso(10).

La grave carenza di questa vitamina conduce allo scorbuto: è emblematico che una delle conseguenze di questa malattia sia l’esordio di gengivite ulcerativa, rapida progressione di tasche parodontali preesistenti e perdita precoce e rapida degli elementi dentari.
Nei preparati istologici provenienti dai tessuti parodontali si osserva la carente produzione di fibre collagene e l’aumento di permeabilità delle mucose non cheratinizzate alle tossine batteriche a cui consegue una diminuita capacità riparativa e difensiva da parte dei tessuti.

I leucociti PMN, poi, necessitano di vitamina C durante tutte le loro attività difensive: questa serve a mantenere buona attività chemiotattica, a rendere più efficiente la fagocitosi, a preservare la morfologia cellulare dei neutrofili e alla neutralizzazione degli agenti ossidanti, come visto poco fa(14).
Se questa manca si assiste alla diminuzione della loro mobilità chemiotattica e della loro attività di fagocitosi oltre che ad alterazioni a livello strutturale dei PMN stessi. Si osserva quindi che, in assenza di vitamina C, avviene il deterioramento a vari livelli delle “barriere” che l’organismo sano ha nei confronti dell’attacco batterico(10).

Rimane ora da analizzare il ruolo del Calcio e come la carenza di questo minerale possa influenzare la salute parodontale del soggetto obeso.
La dose giornaliera raccomandata è di circa 800 mg per gli adulti: se un individuo non lo introduce nelle sua dieta a sufficienza può andare incontro ad un peggioramento delle condizioni di salute parodontale(15). Questo può accadere in quanto una condizione di ipocalcemia porta a secrezione di PTH o paratormone a cui consegue un riassorbimento osseo che coinvolge anche i processi alveolari.

La qualità ossea quindi peggiora anche a quel livello e basta un insulto batterico modesto per avere un danno più grave e rapido, con conseguente perdita di stabilità degli elementi dentari. Questa correlazione è particolarmente evidente nel gruppo di individui di sesso femminile nella fascia di età compresa tra i 20 e i 39 anni: all’abbassamento dei livelli di calcio nel sangue, si ha un maggior rischio di sviluppare malattia parodontale severa. Si può quindi asserire che la carenza di calcio non è la principale causa della parodontite cronica, ma che ha un effetto indiretto su di essa.

www.studiodentisticocalabria.com



Sei nella pagina 1 di 714

Prossimo

Fine

design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi