Faredelbene.net



Vini e dintorni -> Il vino, una ricetta di benessere


Il vino, una ricetta di benessere




Chi ha detto che il vino può solamente essere bevuto?

Ci sono vini curativi tramandati nelle tradizioni e nel tempo e soluzioni innovative per la cura ed il benessere del corpo.
 
I suoi componenti, infatti, sono utilizzati in numerose preparazioni cosmetiche.
Il vino racchiude in sé numerosi componenti e principi chimici in grado di esercitare sul nostro organismo un numero infinito di processi benefici.
 
Esiste poi un particolare gruppo di vini, o meglio di infusi, che proprio grazie alle loro caratteristiche terapeutiche sono stati denominati enoliti, ovvero i vini curativi.
I prodotti che appartengono a questa categoria sono in genere composti ottenuti per infusione, macerazione o aromatizzazione di un vino con erbe, droghe, spezie e sostanze vegetali da cui è possibile estrarne le essenze con caratteristiche terapeutiche per l’organismo.
 
Molti di questi prodotti possono sembrare in parte poco piacevoli con abbinamenti estremamente insoliti ma, in particolare negli ultimi anni dove si sta assistendo ad una società legata alla cura del “biologico”, sono stati rivalutati e di alcuni, uno per tutti il vino chinato, è stato realizzato un prodotto di diffusione commerciale.
 
L’origine di molti enoliti risale al passato e le ricette sono state tramandate nel tempo di generazione in generazione. Un esempio classico che coinvolge in modo particolare il Piemonte è il vin brûlé, ricetta tanto antica quanto attuale che da sempre è stata consigliata in caso di raffreddore.
 
Vino di cicoria indicato per anemia
 
Ingredienti
50 gr Di radici essiccate e triturate di cicoria
1 litro di vino bianco
 
Procedimento
Far macerare la cicoria nel vino per 10 giorni, agitando la miscela una volta al giorno, poi filtrare il composto.
Dosi
2 bicchierini al giorno prima dei pasti.
 
Vino di genziana indicato per anoressia
 
Ingredienti
30 gr di radice di genziana
1 litro di vino bianco o Marsala
 
Procedimento
Far macerare la genziana nel vino per 10 giorni, agitando la miscela una volta al giorno, poi filtrare il composto.
Dosi
1 bicchierino prima dei pasti.
Attenzione
Questo vino è controindicato a chi è predisposto alle emorragie e ai soggetti pletorici (problemi di metabolismo e circolatori).
 
Vino all’aglio indicato per arteriosclerosi
 
Ingredienti
10 spicchi d’aglio (sbucciati)
1 litro di vino bianco
Procedimento
Schiacciare l’aglio e farlo macerare nel vino per 10 giorni, poi filtrare e conservare in luogo fresco.
Dosi
2 bicchierini ai pasti.
 
Vino di marrobio indicato per cellulite
 
Ingredienti
50 gr di pianta di marrobio (senza radici)
1 litro di vino bianco
 
Procedimento
Far macerare il marrobio nel vino per 10 giorni, poi filtrare il composto.
Dosi
3 bicchierini al giorno prima dei pasti.
 
Vino di genziana indicato per emicrania
 
Ingredienti
30 gr di radice di genziana
20 gr di fiori di cannella
10 gr di scorza d’arancia amara
1 litro di vino Marsala
 
Procedimento
Far macerare le parti vegetali nel vino per 6 giorni agitando una volta al giorno, poi filtrare.
Dosi
1 bicchierino dopo i pasti principali.
 
Vino di ippocastano indicato per emorroidi
 
Ingredienti
40 gr di corteccia di ippocastano triturata fine
1 litro di vino bianco
 
Procedimento
Far macerare la corteccia nel vino per 10 giorni, poi filtrare il composto.
Dosi
2 bicchierini al giorno dopo i pasti.
 
Vino di eucalipto indicato per infiammazioni bronchiali
 
Ingredienti
1 litro di vino Marsala
200 gr di foglie di eucalipto
 
Procedimento
Mescolare gli ingredienti e lasciar riposare per 8 giorni, poi filtrare il composto.
Dosi
1 bicchierino 3 volte al giorno.
 
Vino di camomilla indicato per insonnia
 
Ingredienti
60 gr di fiori di camomilla
1 litro di vino bianco
Procedimento
Far macerare la camomilla nel vino per 7 giorni, poi filtrare il composto.
Dosi
2 bicchieri al giorno (uno prima del riposo notturno).
 
Vin brûlé indicato per raffreddore e influenza
 
Ingredienti
Vino rosso di buona gradazione
Un pezzo di cannella
Qualche chiodo di garofano
Qualche grano di coriandolo
Scorza di limone
Zucchero a piacere
 
Procedimento
Far bollire il vino con la cannella, poi aggiungere il resto degli ingredienti e far macerare il composto. Alla fine filtrare e servire caldo.
Dosi
Una tazza, prima di coricarsi. Da servire caldo.
 
Vino di cascara sagrada indicato per stitichezza
 
Ingredienti
¾ di litro di vino bianco
200 gr di estratto fluido di Cascara sagrada
50 gr di tintura di arancio amaro
 
Procedimento
Miscelare gli ingredienti e lasciar riposare per 5 giorni, poi filtrare il composto.
Dosi
Un cucchiaino mattino e sera.
 
Vino di creosoto indicato per tosse e catarro bronchiale
 
Ingredienti
1 litro di vino Malaga
¼ di litro di alcool
20 gr di tintura di genziana
13 gr di creosoto
 
Procedimento
Mescolare il tutto, poi filtrare il composto.
Dosi
Uno o più cucchiai al giorno secondo necessità.
 
Vino chinato ricostituente e digestivo
 
Ingredienti
1 litro di vino Marsala
50 gr di estratto fluido di China
 
Procedimento
Miscelare gli ingredienti, lasciar riposare per 5 giorni, poi filtrare.
 
Dosi
Un bicchierino dopo i pasti come digestivo
 
Note
Negli ultimi anni il consumo di vino chinato ha ripreso una larga diffusione, soprattutto grazie ad alcuni produttori del territorio piemontese che hanno affiancato i classici prodotti con alcune partite di Barolo Chinato.
A certificare l’ampio successo di questa tipologia di vini è stata da tempo riconosciuta alla denominazione Barolo una tipologia di origine controllata chiamata, ovviamente, Barolo Chinato.
Per poter quindi gustare al meglio questa miscela digestiva non è più necessaria la produzione autonoma ma ci si può piacevolmente affidare a chi ne ha realizzato un prodotto di mercato.
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

tecnologia
tecnologia
filosofia
filosofia
arte
arte
antroposofia
antroposofia
letteratura
letteratura
itinerari
itinerari
animali
animali
artisti
artisti
misteri e paranormale
misteri e paranormale
lingua italiana
lingua italiana
stile & bon ton
stile & bon ton
amore e dintorni
amore e dintorni
miti e leggende
miti e leggende
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
medicina
medicina


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!