Faredelbene.net



tradizioni -> pasqua -> I simboli della Pasqua


I simboli della Pasqua




La Pasqua era originariamente una festa pagana. Gli antichi Sassoni celebravano il ritorno della primavera con una grande festa che commemorava la dea della primavera chiamata Eastre

Nel secondo secolo d.C. i missionari cristiani incontrarono le tribù del nord con le loro celebrazioni pagane e tentarono di convertirli al Cristianesimo. I missionari intelligentemente decisero di diffondere il loro
messaggio religioso lentamente fra le popolazioni, permettendo loro di continuare a celebrare feste pagane, ma in un modo cristiano.
Poiché la festa pagana di Eastre accadeva nello stesso periodo dell'anno di quella della Resurrezione di Cristo, aveva senso, quindi, alternare la festa stessa, per renderla una celebrazione cristiana. Il primitivo nome Eastre fu cambiato nella moderna parola Easter.
Prima del 325 Pasqua era celebrata in un giorno della settimana diverso, incluso il venerdì, sabato o domenica. Nel 325 d.C. il Concilio di Nicea, voluto dall'imperatore Costantino, pubblicò la "Regola di Pasqua" che stabiliva che Pasqua venisse celebrata la prima domenica seguente la prima luna piena e dopo l'equinozio di primavera (21 Marzo). La luna piena nella regola era la luna piena ecclesiastica intesa come il 14° giorno delle fasi lunari dove il 1° giorno corrispondeva all'ecclesiastica luna nuova .
La prima domenica seguente la luna piena è Pasqua.


QUARESIMA


La quaresima è un periodo di 40 giorni precedente la domenica di Pasqua. Inizia il mercoledì delle Ceneri. Il martedì antecedente è invece chiamato martedì grasso. È visto come un modo per prepararsi prima dei sacrifici della Quaresima.


LA CROCE


È il simbolo della crocifissione in opposizione alla Resurrezione. Nel Concilio di Nicea del 325 d.C.
Costantino decretò che la croce fosse il simbolo ufficiale della Cristianità. La croce non è solo un simbolo di Pasqua ma è usata, specialmente dalla Chiesa Cattolica come simbolo universale della fede.


AGNELLO


Uno dei più comuni simboli cristiani, specialmente assai noto con la Pasqua, è l'agnello. L'origine è direttamente connessa con la liberazione giudaica. Nei tempi antichi gli Ebrei sacrificavano un agnello nel corso di una festa. I primi cristiani, di cui la maggior parte erano Ebrei, associavano il sacrificio dell'agnello con il sacrificio di Gesù sulla croce. Essi collegavano la gioiosa festa della Pasqua ebraica che ricordava la liberazione degli Ebrei dalla schiavitù in Egitto con la liberazione dalla morte rappresentata dalla
Resurrezione. La popolarità dell'agnello come cibo pasquale è indiscutibilmente connessa alla sua importanza come simbolo. Durante il MedioEvo l'agnello arrosto divenne il piatto principale tradizionale del pranzo pasquale del Papa ed è ancora consuetudine servirlo la domenica di Pasqua in molti Paesi europei. Gli agnelli decorati fatti di pasta per dolci o come torta sono anche diffusi nel periodo pasquale.


UOVA DI PASQUA


L'uovo di Pasqua è associato con credenze di origine molto antica. L'uovo era un importante simbolo nelle mitologie di molte civiltà primitive, incluse quelle dell'India e dell'Egitto. Si credeva che l'universo si fosse sviluppato da un grande uovo e che le due metà del suo guscio corrispondessero al Cielo e alla Terra. L'uovo era anche associato con i riti della fertilità del periodo primaverile di molte popolazioni pre-cristiane e Indo-europee e sia gli Egiziani che i Persiani praticavano in primavera l'arte delle uova dipinte.
Nella cristianità l'uovo è il simbolo della Resurrezione, rappresentato dall'emergere, dall'uscita di Cristo dalla sua tomba verso la vita eterna. Lo scambio delle uova durante la primavera è un'usanza antica risalente a secoli fa, quando la Pasqua era celebrata dai primi cristiani. Dopo quel periodo l'uovo divenne un simbolo di rinascita in molte culture. Le uova erano spesso avvolte in foglie d'oro (dai nobili) o colorate facendole bollire con foglie o petali di certi fiori (dai contadini). Con il passare dei secoli le associazioni simboliche dell'uovo sono state più o meno dimenticate e le moderne uova pasquali, valutate principalmente per la loro apparenza colorata. Le uova di cioccolata e altri dolci tipici sono i preferiti della stagione.
I giochi che coinvolgono le uova di Pasqua sono diventati popolari in molti paesi cristiani. In Francia, Germania e Austria "egg picking" è il gioco preferito. È giocato da due persone, ognuna delle quali tiene un uovo sodo nella propria mano; i giocatori fanno rotolare da una collina le loro uova nello stesso momento e quello il cui uovo mostra meno spaccature reclama entrambe le uova.
Un famoso evento pasquale negli Stati Uniti è l'annuale gara delle uova rotolanti nel prato della Casa Bianca. La tradizione di questa gara pubblica iniziò nel 1810 organizzata da Dolley Madison, moglie del Presidente James Madison.


CANDELE DI PASQUA


Accendere il cero pasquale è un'osservanza tradizionale di Pasqua nelle chiese cattolico-romane, ortodosse e anglicane. Posto a parte in un grande candeliere accanto all'altare, il cero viene acceso la notte del Sabato Santo durante la celebrazione della vigilia pasquale. Dalla candela si prende la fiamma per accendere tutte le altre candele della chiesa che è subito illuminata per rivelare le splendide decorazioni preparate apposta per Pasqua. Il rituale drammatico della celebrazione del fuoco risale almeno al lontano quarto secolo d.C. Il cero pasquale rappresenta Cristo e la sua fiamma simboleggia la sua resurrezione come la "luce del mondo".
Tempo fa molti membri delle congregazioni portavano a casa il fuoco presa dal cero per dare nuova luce ai loro cuori e per illuminare le lampade. Il passaggio della luce alle congregazioni simboleggia Cristo che ha donato la sua vita per la sua fede. In alcuni paesi questa usanza è ancora osservata.


ABBIGLIAMENTO PASQUALE


Forse una delle più diffuse usanze pasquali negli Stati Uniti è quella di indossare vestiti nuovi la Domenica di Pasqua. A New York City molte persone mostrano i loro nuovi completi andando a zonzo per la quinta strada nella famosa parata di Pasqua, che è stata copiata su scala ridotta in molte altre città. L'usanza ha origine all'interno della Chiesa centinaia di anni fa, quando a coloro che erano stati battezzati il Sabato Santo venivano dati abiti nuovi bianchi da indossare. Anche altri membri della
congregazione, richiamandosi a quelle celebrazioni del battesimo, indossavano nuovi indumenti per l'occasione.


CONIGLIO PASQUALE


Il coniglio pasquale è diventato tanto tradizionale a Pasqua quanto le uova pasquali. Come le uova, il coniglio era un simbolo dellafertilità  e della nuova vita fra gli Egiziani e altri popoli antichi. Come il coniglio incominciò ad essere associato alla Pasqua e alle uova, non è chiaro ma deve essere stato inteso per simboleggiare la vita fertile che Cristo risorto avrebbe promesso ai suoi seguaci. In alcuni casi il coniglio pasquale ha avuto una lunga storia nel folklore europeo. I moderni conigli pasquali sono spesso giocattoli riempiti di caramelle; particolarmente diffusi sono i coniglietti di cioccolato.
Il coniglietto pasquale ha la sua origine nella tradizione pre-cristiana della fertilità. La lepre e il coniglio erano i più fertili animali conosciuti ed erano utilizzati come simboli della nuova vita durante la primavera. L'Easter Bunny non è, infatti, un'invenzione moderna ma è un simbolo originato con la festa pagana di Eastre. Eastre era una dea adorata dagli Anglo-Sassoni attraverso il suo simbolo terreno: il coniglio. Il coniglio come simbolo di Pasqua sembra avere la sua origine in Germania dove fu il primo ad essere menzionato nei testi tedeschi del 1500. i primi coniglietti pasquali commestibili furono prodotti in Germania durante i primi anni del 1800 ed erano fatti di pasta per dolci e zucchero. Il coniglietto pasquale fu introdotto nel folklore americano dai coloni tedeschi che sbarcarono nella zona della Pennsylvania olandese durante il 1700. L'avvento del coniglietto pasquale fu considerato come uno dei più grandi piaceri per l'infanzia insieme a Babbo Natale. I bambini credevano che se fossero stati buoni, il coniglietto avrebbe covato un nido di uova colorate. I bambini avrebbero costruito i loro nidi in un posto isolato a casa, nella cuccia del cane o in giardino. I maschi avrebbero usato i loro berretti e le femmine i loro cappellini per fare i nidi. L'uso di elaborati cestini pasquali sarebbe arrivato in seguito, non appena la tradizione del coniglietto pasquale si fosse diffusa fuori dal Paese.
 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

scienza
scienza
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
bambini
bambini
fisica quantistica
fisica quantistica
cucina
cucina
tradizioni
tradizioni
pedagogia
pedagogia
sesso
sesso
artisti
artisti
medicina
medicina
numerologia
numerologia
tecnologia
tecnologia
scuola
scuola
diete
diete


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!