Faredelbene.net



spiritualit ed esoterismo -> nde esperienze di pre morte -> La spiegazione scientifica delle esperienze di pre-morte o NDE


La spiegazione scientifica delle esperienze di pre-morte o NDE




Il racconto più frequente è quella del tunnel di luce, in cui ci si sente immersi e da cui si viene irresistibilmente attratti. Sono i cosiddetti "viaggi nell'aldilà", raccontati da circa il 20 per cento di coloro che sopravvivono a un infarto e che adesso hanno, per la prima volta, una spiegazione scientifica: l'attività elettrica del cervello continua ad essere molto ben presente anche nei primissimi istanti dopo la morte clinica.
Lo sostengono alcuni ricercatori dell'università del Michigan che hanno pubblicato un articolo sulla rivista dell'accademia delle scienze americana Pnas.
I ricercatori hanno analizzato le attività cerebrali di nove ratti anestetizzati e sottoposti ad arresto cardiaco indotto sperimentalmente. Entro i primi 30 secondi dopo l'arresto cardiaco, in cui il cuore smette di battere e il sangue smette di fluire verso il cervello, in tutti i ratti è stata riscontrata una attività cerebrale con una diffusa sovratensione, caratteristica questa associata ad un cervello altamente eccitato e dalla percezione cosciente.
''La previsione che avremmo trovato alcuni segni di attività cosciente nel cervello durante l'arresto cardiaco, è stata confermata con i dati", scrive Jimo Borjigin, professore di fisiologia molecolare e integrativa e di neurologia e coautore dello studio. "Siamo stati sorpresi però - aggiunge l'anestesista George Mashour, coautore dello studio - dagli alti livelli di attività. In effetti i segnali elettrici ci indicano che il cervello ha una attività elettrica ben organizzata durante la fase iniziale di morte clinica. Questo ci suggerisce che nello stato di pre-morte esiste quindi un livello di coscienza che normalmente si trova in una condizione di veglia".
È la prima volta che si indaga in maniera sistematica sulla condizione neurofisiologica del cervello immediatamente successiva all'arresto cardiaco. "Questo studio ci dice che la riduzione di ossigeno o di ossigeno e glucosio durante l'arresto cardiaco è in grado di stimolare l'attività cerebrale che è una caratteristica dell'elaborazione cosciente. Esso offre anche il primo quadro scientifico - conclude Borjigin - per le molte esperienze di pre-morte riportate da pazienti sopravvissuti all'arresto cardiaco".

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Le cinque regole per essere felici

Un  giorno  l’asino di un contadino cadde in un pozzo. Non si era fatto male, ma non  poteva  più uscirne.L’asino continuò a ragliare sonoramente per ore, mentre  il proprietario   pensava al da farsi. Finalmente il contadino prese una decisione  crudele: concluse  che l’asino  era  ormai  molto vecchio e che non serviva   più  a  nulla, che il pozzo era ormai secco e che in qualche modo bisognava chiuderlo. Non valeva pertanto la pena di sforzarsi per tirare fuori l’animale dal pozzo. Al contrario  chiamò i suoi vicini perché lo aiutassero a seppellire vivo l’asino. Ognuno di loro prese un badile e cominciò a buttare palate di terra dentro al pozzo. L’asino  non  tardò  a  rendersi conto di quello che stavano facendo con lui e pianse disperatamente. Poi, con gran sorpresa di tutti, dopo un certo numero di palate di terra, l’asino rimase quieto. Il contadino alla fine  guardò verso il fondo del pozzo e rimase sorpreso da quello che  vide. Ad ogni palata di terra che gli cadeva addosso, l’asino se ne liberava, scrollandosela dalla   groppa, facendola cadere e salendoci sopra. In questo  modo, in poco tempo, tutti videro come l’asino riuscì ad arrivare fino all’imboccatura  del  pozzo, oltrepassare il bordo e uscirne trottando. La vita andrà a buttarti addosso molta terra, ogni tipo di terra. Principalmente se sarai   dentro  un  pozzo. Il segreto per uscire dal pozzo consiste semplicemente nello scuotersi di dosso la terra che si riceve e nel salirci sopra.

Ricorda: le cinque regole per essere felice:
1- Libera il tuo cuore dall’odio.
2- Libera la tua mente dalle preoccupazioni.
3- Semplifica la tua vita.
4- Da’ di più e aspettati meno.
5- Ama  di  più  ed accetta  la  terra  che ti tirano addosso, poiché
essa può costituire la soluzione e non il problema.


(racconto sufi)





Categorie

artisti
artisti
mamme
mamme
numerologia
numerologia
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
scienza
scienza
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
lavori creativi
lavori creativi
medicina naturale
medicina naturale
tradizioni
tradizioni
animali
animali
arte
arte
salute
salute
medicina
medicina
significato dei colori
significato dei colori
antroposofia
antroposofia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!