Faredelbene.net



spiritualit ed esoterismo -> nde esperienze di pre morte -> La spiegazione scientifica delle esperienze di pre-morte o NDE


La spiegazione scientifica delle esperienze di pre-morte o NDE




Il racconto più frequente è quella del tunnel di luce, in cui ci si sente immersi e da cui si viene irresistibilmente attratti. Sono i cosiddetti "viaggi nell'aldilà", raccontati da circa il 20 per cento di coloro che sopravvivono a un infarto e che adesso hanno, per la prima volta, una spiegazione scientifica: l'attività elettrica del cervello continua ad essere molto ben presente anche nei primissimi istanti dopo la morte clinica.
Lo sostengono alcuni ricercatori dell'università del Michigan che hanno pubblicato un articolo sulla rivista dell'accademia delle scienze americana Pnas.
I ricercatori hanno analizzato le attività cerebrali di nove ratti anestetizzati e sottoposti ad arresto cardiaco indotto sperimentalmente. Entro i primi 30 secondi dopo l'arresto cardiaco, in cui il cuore smette di battere e il sangue smette di fluire verso il cervello, in tutti i ratti è stata riscontrata una attività cerebrale con una diffusa sovratensione, caratteristica questa associata ad un cervello altamente eccitato e dalla percezione cosciente.
''La previsione che avremmo trovato alcuni segni di attività cosciente nel cervello durante l'arresto cardiaco, è stata confermata con i dati", scrive Jimo Borjigin, professore di fisiologia molecolare e integrativa e di neurologia e coautore dello studio. "Siamo stati sorpresi però - aggiunge l'anestesista George Mashour, coautore dello studio - dagli alti livelli di attività. In effetti i segnali elettrici ci indicano che il cervello ha una attività elettrica ben organizzata durante la fase iniziale di morte clinica. Questo ci suggerisce che nello stato di pre-morte esiste quindi un livello di coscienza che normalmente si trova in una condizione di veglia".
È la prima volta che si indaga in maniera sistematica sulla condizione neurofisiologica del cervello immediatamente successiva all'arresto cardiaco. "Questo studio ci dice che la riduzione di ossigeno o di ossigeno e glucosio durante l'arresto cardiaco è in grado di stimolare l'attività cerebrale che è una caratteristica dell'elaborazione cosciente. Esso offre anche il primo quadro scientifico - conclude Borjigin - per le molte esperienze di pre-morte riportate da pazienti sopravvissuti all'arresto cardiaco".

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

beneficenza
beneficenza
bonus e incentivi
bonus e incentivi
salute
salute
mamme
mamme
pedagogia
pedagogia
scuola
scuola
curiosit
curiosit
animali
animali
musica
musica
arte
arte
donna
donna
diete
diete
io non ci sto
io non ci sto
Vini e dintorni
Vini e dintorni
sesso
sesso


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!