Faredelbene.net



spiritualit ed esoterismo -> energia e chakra -> Chakra test: come testare facilmente i chakra


Chakra test: come testare facilmente i chakra




Ecco come analizzare la condizione energetica dei nostri chakra

Analizzare la condizione energetica dei chakra può essere utile per comprendere meglio e fasi della vita che stiamo vivendo e sperimentando. Per fare questo, l’uso di strumenti quali il pendolo e test kinesiologici possono essere un valido mezzo per testare la condizione di un chakra.
Il pendolo
 
Non è necessario possedere un pendolo con caratteristiche specifiche: ognuno lo scelga in base ai propri gusti e sensazioni personali. Un qualunque peso attaccato ad un filo lungo 20-30 cm può essere inizialmente utilmente usato per raggiungere lo scopo.
Quando si utilizza il pendolo, il braccio deve essere rilassato, così come le dita che lo reggono. Evitare di pensare a qualunque possibile risultato in anticipo, ma rimanere semplicemente in ascolto. Il pendolo va tenuto sospeso sopra al punto da testare, ad una distanza di circa 5/10 cm.
In linea generale, i principali movimenti che potranno manifestarsi sono:
Circolare (orario ed antiorario)
Andamento verticale
Andamento orizzontale
Pendolo fermo
Movimento confuso in varie direzioni (orario o antiorario)
 
Movimento circolare:
 
rappresenta la condizione più comune. Più è ampio il movimento, più il chakra è attraversato da flussi energetici. Non esiste una dimensione standard della circonferenza: i centri energetici del corpo dovrebbero presentare un’ampiezza più o meno equivalente. Chakra con ampiezze troppo ridotte o troppo marcate relativamente alla media rischiano di essere in squilibrio verso la chiusura o verso l’eccessiva apertura.
 
Andamento verticale:
 
archetipicamente la direzione verticale è connessa alla spiritualità, all’elevazione. Un chakra che mostri marcatamente questo andamento richiama una condizione di eccessiva idealizzazione, di spinta in una dimensione superiore, quasi a voler essere una fuga dalla realtà.
 
Andamento orizzontale:
 
la linea orizzontale è la terra, la materia. Al contrario del movimento precedente, si tende a non considerare l’aspetto valoriale ed evolutivo di quanto si sta vivendo, al fine di non vedere tutte le ripercussioni che la scelta può comportare. Si tende a vivere il momento, come se fosse al di fuori di un contesto globale.
 
Pendolo fermo:
 
Questa situazione si manifesta maggiormente quando la persona sta bloccando sentimenti e sensazioni. Un caso particolare si ha quando il chakra sta per invertire il suo senso di rotazione da orario ad antiorario (o viceversa): in questo caso la condizione di blocco è solo temporanea.
 
Movimento confuso:
 
indica la presenza di sentimenti e situazioni contrastanti, suggerisce di prendere tempo per analizzare la situazione, in modo da comprenderne i vari aspetti in gioco.
 
Senso di oscillazione orario: è la rotazione “naturale” del chakra, ed indica che le energie che arrivano al chakra entrano nel centro energetico e vengono correttamente elaborate e distribuite nei corpi sottili.
Senso di oscillazione antiorario: indica che la corrente energetica invece che entrare nel chakra ne fuoriesce. Le esperienze non vengono metabolizzate, quanto proiettate nelle situazioni esterne.
 
Test kinesiologico
 
Questo metodo è molto più veloce ed immediato dell’uso del pendolo, e di contro fornisce meno informazioni. Il principio della kinesiologia è che affermazioni ritenute inconsciamente vere aumentano la nostra forza, al contrario la diminuiscono.
Possiamo unire pollice-indice della mano sinistra ad anello, ed utilizzare pollice-indice dell’altra mano per cercare di aprire il cerchio (si possono usare le mani anche in maniera invertita)
Si inizia testando una frase inequivocabilmente vera che affermeremo a voce alta o mentalmente (ad esempio: “il mio nome è ...”) e valutando la resistenza incontrata. Ripetere lo stesso passaggio con una affermazione sicuramente falsa, e valutiamo in che modo pollice-indice della mano sinistra si aprano più facilmente.
Fatto ciò, è possibile valutare i singoli chakra semplicemente con affermazioni tipo:
 
Il mio primo chakra è in equilibrio
 
Se la reazione al test kinesiologico sarà “forte” (l’anello formato con pollice/indice della mano sinistra non si apre o resiste molto all’apertura) allora si potrà passare al chakra successivo. In caso contrario, sarà possibile approfondire il tipo di disequilibrio con domande specifiche.
Il test kinesiologico può essere utile anche per valutare eventuali trattamenti o metodologie di riequilibrio dei chakra (ad esempio, fiori di Bach, cristalli, Reiki, etc. etc. …).
 
 
Fonte: Arch. Andrea Brambilla - naturopataonline.org
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

donna
donna
letteratura
letteratura
salute
salute
sesso
sesso
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
fisica quantistica
fisica quantistica
psicosomatica
psicosomatica
religioni
religioni
significato dei colori
significato dei colori
artisti
artisti
scienza
scienza
bambini
bambini
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
musica
musica
tecnologia
tecnologia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!