Faredelbene.net



spiritualità ed esoterismo -> Intimità sessuale ed energia aurea: potente connessione


Intimità sessuale ed energia aurea: potente connessione




Fate l'amore, ma non con chiunque

Bisognerebbe fare attenzione alle persone con cui scegliamo di condividere la nostra energia intima.

 
L’intimità, ad un certo livello, fa sì che l’aura delle due persone coinvolte si intrecci. Queste connessioni potenti, indipendentemente da quanto insignificanti si crede che siano, lasciano dei detriti spirituali, specialmente nelle persone che non praticano alcun tipo di pulizia, fisica, emotiva o di qualsiasi altro genere. Quanto più intimamente si interagisce con qualcuno, più profonda diventa la connessione e maggiore sarà l’intreccio dell’aura. Si può provare ad immaginare cosa può accadere intrecciando la propria aura con qualcuno che è solito avere molti partner e porta quindi in giro queste molteplici energie. Ciò che spesso non si tiene in considerazione è che gli altri percepiscono quell’energia, che solitamente respinge l’energia positiva e attrae invece nella propria vita quella negativa.
 
Lo dico sempre, mai andare a letto con qualcuno che non vorresti mai essere
Lisa Chase Patterson
 
Siamo tutti esseri fisici, ma siamo anche molto più di questo: siamo anche esseri energetici. Quando si raggiunge l’intimità con chiunque, ci si unisce con la la sua energia. Non importa se si tratta di sesso fisico, orale, virtuale o astrale. Ogni volta che che si entra in intimità con una persona – o con delle persone – si assorbe parte della loro energia, così come questi assorbono parte della nostra.
 

Quindi se si hanno rapporti sessuali con persone edificanti e positive, si assorbe la loro meravigliosa energia, che contribuisce ad elevarci. Se si hanno rapporti con persone pessimiste, instabili, depresse e negative, quell’energia farà crollare anche noi e ci porterà ad avere meno interesse per la vita di tutti i giorni.

 
In più, se quella persona ha l’abitudine di avere rapporti con più partner, assorbirà la loro energia. Un uomo o una donna sposati assorbono l’energia dei coniugi, che si mescolerà con la nostra energia se siamo gli “amanti”. E viceversa.
 
Questo significa che la prossima volta che stiamo per avere un rapporto con una persona, dobbiamo ricordarci che, se questa non ripulisce la sua energia su base regolare, noi entreremo in intimità anche con tutte le persone con cui questi sono stati.
 
Non è certo una nuova scoperta, visto che se ne discute ampiamente anche negli studi di sesso tantrico.
 
Il problema sorge quando, continuando ad accumulare energie indesiderate nella vita quotidiana, sarà necessario compiere una pulizia dell’aura per sostenere la propria salute e il benessere.
 
E’ come per l’igiene personale. Se non si fa il bagno, il corpo diventerà sempre più sporco. A poco a poco l’odore diventerà insopportabile e il corpo finirà per diventare terreno fertile per malattie e batteri. Se non si pulisce l’aura, il sistema energetico spirituale diventerà altrettanto sporco. Alla fine si diventa sgradevoli per le persone che incontriamo, anche se consapevolmente nessuno ne comprende il motivo. Il sistema energetico comincia allora ad attirare vibrazioni sempre più basse, che diventano insalubri sia per noi che per gli altri.
 
Nella cultura moderna, ci aspettiamo che le persone si prendano cura della loro igiene personale facendo un bagno o una doccia regolari; purtroppo, dal punto di vista spirituale non siamo ancora così evoluti.
 
PULIZIA DELL’AURA
Proprio come si fa quando ci si lava le mani, un approccio simile alla pulizia dell’Aura andrà a compensare diversi aspetti del nostro sistema energetico. Ecco qualche suggerimento.
 
Bagni coi Sali di Epsom
L’acqua aiuta a lavare via lo sporco, sia fisicamente che energeticamente. Aggiungere i sali di Epsom al nostro bagno stimola il flusso dell’energia e eliminerà i detriti psichici minori dall’aura.
 
Nuoto
Immergersi nell’acqua aiuta a purificare l’aura. Poiché l’acqua del mare e dell’oceano contengono sale e sali minerali, risulta particolarmente utile per eliminare i detriti psichici dall’aura.
 
Luce del sole
L’esposizione alla luce solare stimola in modo delicato il flusso della propria energia. Alcune vibrazioni più basse non resistono sotto l’attacco dell’esposizione alla luce più intensa.
 
Se questi sono metodi leggeri, uno degli approcci più potenti per la pulizia dell’Aura è la meditazione. Anche una meditazione di base aiuta a rilassare e rilasciare negatività. In particolare, però, la meditazione dell’aura lavora direttamente sul rilascio delle energie indesiderate attraverso la messa a terra, ripulendo l’aura, i canali energetici e i chakra.
 
Altre opzioni sono stare all’aperto quando c’è il vento forte, specialmente al mare, fare giardinaggio e stare in mezzo alla Natura e sviluppare la propria creatività con costanza.
 
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

pedagogia
pedagogia
medicina
medicina
autismo
autismo
sesso
sesso
attualità
attualità
tecnologia
tecnologia
salute
salute
vegan & co.
vegan & co.
scienza
scienza
significato dei colori
significato dei colori
animali
animali
stile & bon ton
stile & bon ton
filosofia
filosofia
amore e dintorni
amore e dintorni
popoli e culture
popoli e culture


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!