Faredelbene.net



simboli e archetipi -> simboli cristiani -> Simbolismo del Natale


Simbolismo del Natale




Il Natale è un meraviglioso evento che dovrebbe farci riflettere con intensità

In questi tempi comincia il freddo qui nel Nord, dovuto al fatto che il Sole si sta allontanando verso le regioni australi, ed il 24 Dicembre il Sole sarà arrivato al massimo del suo viaggio verso il Sud. Se non fosse perché il Sole avanza verso il Nord, dal 25 Dicembre in poi moriremmo di freddo, la Terra intera si trasformerebbe in una mole di ghiaccio e perirebbe realmente ogni creatura, tutto quello che abbia vita. Perciò val bene la pena di riflettere sull’avvenimento del Natale...

IL Cristo-Sole deve avanzare per darci la sua vita e nell’equinozio di Primavera si crocifigge sulla Terra; allora maturano l’uva e il grano. Ed è precisamente in Primavera che il Signore deve passare per la sua vita, passione, morte... per poi resuscitare (la Settimana Santa è in primavera)...

Il Sole fisico non è altro che un simbolo del Sole spirituale, del Cristo-Sole. Quando gli antichi adoravano il Sole, quando gli rendevano culto, non si riferivano propriamente al Sole fisico, no; si rendeva culto al Sole Spirituale, al Sole della mezzanotte, al Cristo Sole.

È necessario imparare a conoscere i movimenti simbolici del Sole della mezzanotte. È esso a guidare sempre l’Iniziato, ad orientarci, è esso ad indicarci che cosa dobbiamo e non dobbiamo fare.

Non c’è dubbio che tutte le religioni dell’antichità celebrarono il Natale... Così come il Sole fisico avanza verso il Nord, per dare vita a tutta la creazione, così pure il Sole della mezzanotte, il Sole dello Spirito, il Cristo-Sole ci dà vita se noi impariamo ad adempiere i suoi comandamenti.

Nelle Sacre Scritture, ovviamente, si parla dell’“Avvenimento Solare” (e bisogna saperlo comprendere fra le righe). Ogni anno si vive, nel Macrocosmo, tutto il dramma cosmico del Cristo-Sole (ogni anno, ripeto). Si tenga conto che il Cristo-Sole deve crocifiggersi ogni anno nel mondo, vivere tutto il suo dramma della vita, passione e morte, per poi resuscitare in tutto quello che è, è stato e sarà, cioè in tutto il creato. È così che tutti riceviamo la vita dal Cristo-Sole. È anche certo che ogni anno il Sole, allontanandosi verso le regioni australi, ci lascia, qui nel Nord, tristi, perché esso va a dare la vita ad altre parti. Le lunghe notti di inverno sono dure; nel periodo di Natale i giorni sono brevi e le notti lunghe.

Conviene capire che cos’è veramente il dramma cosmico. Diventa necessario che anche in noi nasca il Cristo-Sole (egli deve nascere in noi).

Nelle Sacre Scritture si parla chiaramente di “Betlemme” e di una “stalla” dove egli nacque. Questa “Stalla di Betlemme” è dentro di noi, qui ed ora.

Precisamente in questa stalla interiore dimorano gli animali del desiderio, tutti quegli Io passionali che portiamo nella nostra psiche; è ovvio. Lo stesso nome di “Betlemme” è esoterico. Nei tempi in cui il Gran Kabir Gesù venne al mondo, il villaggio di Betlemme non esisteva. In modo che questo è completamente simbolico. “Bel” è una radice caldea che significa “Torre del Fuoco”. Cosicché, propriamente detta, “Betlemme” è “Torre del Fuoco”...Chi potrebbe ignorare che “Bel” è un termine caldeo che corrisponde, precisamente, alla “Torre di Bel”, la “Torre del Fuoco”? Perciò “Betlemme” è completamente simbolica.

Quando l’Iniziato lavora col Fuoco Sacro, quando l’Iniziato elimina dalla sua natura intima gli aggregati psichici, quando sta veramente realizzando la Grande Opera, indubbiamente deve passare per l’Iniziazione Venusta. La discesa del Cristo nel cuore dell’Uomo è un avvenimento cosmico-umano di grande trascendenza. Tale evento corrisponde, in realtà, all’iniziazione venusta.

Molti suppongono che il Cristo fu esclusivamente Gesù di Nazareth e si sbagliano. Gesù di Nazareth, come Uomo, o meglio diremmo, Jeshuà Ben Pandirà, come Uomo, ricevette l’Iniziazione Venusta, lo incarnò; ma egli non è l’unico ad aver ricevuto tale Iniziazione.

Perciò dobbiamo comprendere il Cristo come è, non come una persona, non come un soggetto. Il Cristo sta oltre la Personalità, l’Io e l’Individualità; il Cristo (in esoterismo autentico) è il Logos, il Logos Solare rappresentato dal Sole. Adesso comprenderemo perché gli Inca adoravano il Sole, i Nahuatl rendevano culto al Sole, i Maya ugualmente, gli Egizi identicamente, ecc.

No se trata de la adoración a un Sol físico, no, sino a lo que oculta tras ese símbolo físico. Obviamente, se adoraba al Logos Solar, al Segundo Logos. Ese Logos Solar es unidad múltiple perfecta (la variedad es unidad).

Non si tratta dell’adorazione di un Sole fisico, no, bensì di quello che dietro a quel simbolo fisico si nasconde. Ovviamente si adorava il Logos Solare, il Secondo Logos. Questo Logos Solare è UNITÀ MOLTEPLICE PERFETTA (“la varietà è unità”).

Paolo lo chiarisce dicendo: “Dalla sua virtù prendiamo tutti grazia per grazia”...Allora, c’è documentazione...Se uno studia accuratamente Paolo di Tarso, vedremo che raramente allude (egli) al CRISTO STORICO. Ogni volta che Paolo di Tarso parla di Gesù Cristo, si riferisce al GESÙ CRISTO INTERIORE, al Gesù Cristo Intimo, che deve sorgere dal fondo del nostro Spirito, dalla nostra Anima.

 

Samael Aun Weor- Estratto della conferenza

Fonte vopus.org

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

medicina
medicina
mamme
mamme
curiosit
curiosit
tradizioni
tradizioni
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
libri e recensioni
libri e recensioni
tecnologia
tecnologia
scienza
scienza
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
riflessioni
riflessioni
storia
storia
musica
musica
artisti
artisti
autismo
autismo
religioni
religioni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!