Faredelbene.net



simboli e archetipi -> amore -> Significato Simboli Amore


Significato Simboli Amore




"Ci sono tanti modi di amare, quante sono le persone al mondo" ; lo stesso vale per i simboli d'amore. I simboli di amore ci aiutano a descrivere l'emozione, spesso sfuggente, che ci consuma quando si considera l'amore stesso. Quando pensiamo di amare, possiamo facilmente essere sopraffatti dalla vastità dell'amore

I simboli che rappresentano l'amore ci aiutano a catturare una piccola parte di ciò che l'amore significa in modo che quando cresciamo, la nostra comprensione dell'amore possa crescere con noi. Invece di definire l'amore, i simboli dell'amore ci portano dentro l'espressione del sentimento più profondo e meno conosciuto al mondo. Nell'individuare questi simboli, siamo in grado di vedere più chiaramente nelle diverse profondità dell'emozione che proviamo, quando ci concentriamo su un particolare simbolo, riusciamo ad acquisire la conoscenza più profonda del sentimento e siamo in grado di esprimere i nostri sentimenti in maniera più chiara.

Come usare i simboli d'amore: Se desiderate che ci sia più amore nella vostra vita, o se volete vedere di più l'amore di coloro che vi circondano, tutto quello che dovete fare è concentrarvi sull'energia dell'amore. I simboli dell'amore ci aiutano a concentrarci su questa energia, ciò che segue ci da dei suggerimenti su come connettervi a questi sentimenti, ma funzioneranno solo se lascerete che questo sentimento fluisca attraverso voi stessi.


Connettersi all'amore

Scegli un simbolo d'amore che risuona con il tuo Io.

Posiziona questa immagine in un posto ben visibile dove tu lo veda spesso e senza sforzo.

Medita su questo simbolo, contemplando ogni dettaglio e sentendo l'energia dell'amore che si collega ad esso.

Richiama questo simbolo prima di dormire e di nuovo al risveglio.

Comincia un diario d'amore. Scrivi di tutti i sentimenti e le immagini che il simbolo d'amore evoca nella mente e nel cuore.

La cosa più importante è mantenere il simbolo che hai scelto sempre ben presente nei tuoi pensieri, ricordando di non rinunciare alla bellezza e alla purezza, rimanendo focalizzato sempre sull'idea dell'amore.

Fai si che questi diventino un rituale quotidiano, alla fine comincerai a vedere gli effetti incredibili nella tua vita, ti accorgerai che l'amore inizierà a diventare l'aspetto più importante della tua esistenza. Se utilizzato nella meditazione, o nella terapia del sogno, i simboli di amore possono aprire nuove vette inesplorate, verso l'espressione del Sé e l'illuminazione. Il più nobile degli attributi dati al simbolo del cuore è senz'altro quello relativo all'amore:

Simboli amore significato

Mela simbolo amore significato: un simbolo indicante l'estasi, la fertilità e l'abbondanza, così come l'amore, è la mela che rappresenta ciò che un detto vuole dire ovvero "nei pacchetti piccoli ci sono le grandi doni". Al suo matrimonio a Zeus, Gaia donò delle mele a Hera per significare la durevolezza del loro amore. Dioniso, il dio greco del vino, offrì mele per corteggiare Afrodite e conquistarne l'amore. La mela, mitologia a parte, per molti ricorda la vulva , a significare l'amore e la bellezza femminile; in Cina le mele indicano la pace e il suo fiore indica l'adorazione per qualcuno.

Cupido simbolo d'amore significato: Cupido o Eros identifica il desiderio nella mitologia greca; secondo Esiodo, Eros era la divinità che venne dal caos e rappresentava le forze primordiali del desiderio. Da quanto la storia narra sembra che eros nacque dall'unione tra Afrodite e Ares. Dai romani era conosciuto con il nome di Amore, un cupido spesso mostrato bendato per dimostrare la cecità dell'amore che colpisce senza una logica, anche se ultimamente nella civiltà umana diciamo che ha alzato la benda....

Arpa simbolo amore significato: L'arpa è un simbolo di amore in forma di lirica nell'arte, nella poesia e nella musica, le parti dell'arpahanno connessioni mitologiche celtiche che rappresentano il ponte che unisce il cielo e la terra, gli uomini e gli Dei. In Norvegia e in Islanda, le corde dell'arpa formavano una scala che simboleggiava l'ascesa verso stati superiori dell'amore e i percorsi che portavano al paradiso, basti ricordare che, nella tradizone ebraica, Re Davide suonava l'arpa per esprimere devozone e amore verso dio ma anche verso la sua amata.

Cuore simbolo amore significato: Probabilmente il simbolo più comune dell'amore e sicuramente il più riconoscibile è il simbolo del cuore. Maghi e alchimisti utilizzarono il simbolo del cuore per incantesimi riguardanti questioni relative all'amore e al romanticismo. Il Cuore è da tempo riconosciuto tra le culture come un simbolo di carità, gioia e compassione, oltre ad essere anche un emblema della verità, il "Sacro Cuore" di Cristo che è al centro del culto cattolico romano come simbolo di amore del Signore. Come rappresentazione grafica di un triangolo rovesciato, il cuore simboleggia un recipiente in cui l'amore viene versato.

Foglie di acero simbolo amore significato: In Cina e in Giappone le foglie di acero un emblema degli amanti. I coloni nord americani le utilizzavano posizionandole ai piedi dei loro letti per allontanare i demoni e favorire il piacere sessuale oltre per il sonno tranquillo. Anche nella regione del Nord America, le foglie di acero si possono osservare nei nidi intessuti dalle cicogne. Proprio come la dolce linfa da cui si produce lo sciroppo di acero, così anche le foglie servono come simbolo di amore per raffigurare la bellezza e la meraviglia dell'amore che entra ogni giorno nella propria vita.

Fiore di rosa simbolo amore significato: Il simbolo dell'amore perfetto, perché rappresenta tutte le cose sensuali, sacre, pure e romantiche. Nell'antica Grecia e a Roma, la rosa era sacra ad Afrodite (Venere) ed era infatti il suo emblema che richiamava la sua bellezza, si dice che lei fosse nata dal sangue di Adone. Nelle tradizioni occidentali, la rosa è simbolo di passione, desiderio, voluttà e di perfezione fisica. La rosa è anche un simbolo comune di vita eterna e di resurrezione. La rosa è anche collegata alla dea Ecate, Dioniso e le tre Grazie.

Conchiglia simbolo d'amore significato: A causa del suo involucro duro, la conchiglia è un'immagine protettiva che protegge la vita così come fa con le perle e simboleggia l'amore protettivo. Nella mitologia romana, Venere, la dea dell'amore,si narra fosse stata creata dalla schiuma portata a riva dal mare su una conchiglia. Anche nell'induismo la conchiglia è simbolica perché risveglia nel cuore dei fedeli di riempire il loro cuore di amore.

Triangolo simbolo amore significato: In Egitto il triangolo era visto come un simbolo di intelligenza e indicava la capacità di amare. Il triangolo è un elemento primario del mandala Buddhista Shri Yantra che invoca energia d'amore per raggiungere gli stati superiori di coscienza e di unione con il divino. Il Triangolo indica anche l'amore rappresentato nella madre, il padre, in unione con il bambino così come nella Santissima Trinità.

 

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Il volto femminile della filosofia

Il “Volto femminile della filosofia” vuole essere più di un libro, saggio o ricerca filosofica: è anzitutto un esame attento delle vite dei grandi pensatori del passato, uno sguardo curioso sulle loro dinamiche familiari, sulle condivisioni affettive ed esperenziali, per carpirne, come e quanto, queste ne abbiano influenzato pensiero e produzione. È un excursus biografico e bibliografico, che vede le donne compagne di viaggio, autrici nascoste di gesti, parole, azioni, che hanno condizionato, qualche volta indirizzato o addirittura educato il pensiero maschile. Eroine silenti di gesta quotidiane: mogli, madri, figlie, sorelle che, a modo loro, spesso come sagge consigliere, alle volte come presenze ingombranti, hanno contribuito a rendere grandi i filosofi.

 

Socrate, Seneca, Agostino, Immanuel Kant, Sigmund Freud per esempio abbiamo scoperto aver ricevuto ottimi esempi di vita rispettivamente da Fenarete, Elvia, Monica, Anna Regina e Amalie. sono nomi di donne comuni che la storia non ricorda perché non hanno scritto nulla, né tantomeno compiuto niente di eclatante, eppure il loro insegnamento, la loro esemplarità di vita, il loro carattere e pensiero hanno forgiato spiriti attenti, menti geniali e uomini di spessore. E il loro ruolo, non solo di genitrici ma anche di consigliere, viene riconosciuto pubblicamente da molti dei figli. Dirà per esempio Sant’Agostino ne Le Confessioni di Monica: “ci amò come se di tutti fosse stata la madre e ci servì come se di tutti fosse stata la figlia”, e Antonio Gramsci scrive alla madre “tutti i ricordi che noi abbiamo di te sono di bontà e di forza e tu hai dato tutte le tue forze per tirarci su, ciò significa che tu sei già nell’unico paradiso reale che esista, che per una madre penso sia il cuore dei propri figli” e ancora Giovanni Gentile dirà della genitrice: “la sua voce ancora e sempre dentro mi suona”.

 

 Da figli a padri, perché i pensatori hanno avuto vere e proprie lezioni di vita dalle stesse figlie, così per esempio Galileo Galilei, che nel periodo del processo e poi dell’abiura, veniva premurosamente sostenuto dalla figlia suor Maria Celeste, che così scriveva al padre: “considerando io (…) la giustizia della causa e la sua innocenza in questo particolare momento, mi consolo e piglio speranza di felice e prospero successo, con l’aiuto di Dio benedetto, al quale il mio cuore non cessa mai d’esclamare, e raccomandarla con tutto quell’affetto e confidenza possibile. Resta solo ch’Ella stia di buon animo, procurando di non pregiudicare alla santità con il soverchiamente affliggersi, rivolgendo il pensiero e la speranza sua in Dio, il quale, come padre amorevolissimo, non mai abbandona chi in Lui confida e a Lui ricorre”. Altre figlie come Jenny Marx e Anna Freud, calcheranno in tutto per tutto le orme dei loro illustri padri, divenendo attente discepole di un pensiero a cui daranno col tempo il loro contributo femminile.

 

Un posto nella storia dei filosofi è riservato anche alle sorelle: anime consanguinee, presenze attente alle volte anche fastidiose. Donne che si ritrovano a condividere parte della loro esistenza con uomini insicuri, fragili e desiderosi di consigli (sarà così per esempio per Blaise Pascal nei confronti della sorella Jacqueline), o riottosi, iracondi ed ermetici nelle riflessioni, spesso infastiditi da suggerimenti femminili non richiesti (è notoria a tal proposito l’insofferenza nutrita da Friedrich Nietzsche per la sorella Elisabeth).

 

E infine ci sono le donne amate, compagne di vita, in grado di lasciare nell’animo del filosofo pensieri malinconici tali da diventare stralci di poesie, così per esempio scriveva di Emilie, Voltaire “Non ho perso un’amante, ho perso la metà di me stesso”, mentre arrabatandosi nel suo dolore Kierkegaard affermava di Regina Olsen “La legge di tutta la mia vita è che lei ritorna in tutti i punti decisivi”; mentre Beccaria scriveva alla moglie Teresa sono in mezzo alle adorazioni, agli encomi, i più lusinghieri, considerato come compagno e collega dei più grandi uomini dell’Europa, guardato con ammirazione e con curiosità [...] e pure io sono infelice e malcontento perché lontano da te”. Quando vicine le donne amate diventano invece preziose alleate, stelle polari, punti di riferimento nel cammino esistenziale, amiche che ascoltano e guidano, muse ispiratrici. Uno per tutti Karl Popper disse di Josephine Anna Henninger: “Senza di lei (…) molto di ciò che ho fatto non sarebbe mai stato realizzato“.

 

Nell’opera, uomini straordinari di ieri e di oggi sono sempre affiancati da donne: donne che vivono nell’ombra, donne ispiratrici, donne impavide, fredde o generose, perché, come affermava Maritain: “… l’essere umano non è compiuto se non nell’uomo e nella donna presi insieme“.

Miriam Rocca-Il volto femminile della filosofia-Rubbettino-2010





Categorie

numerologia
numerologia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
musica
musica
lavori creativi
lavori creativi
diete
diete
filosofia
filosofia
astrologia
astrologia
letteratura
letteratura
amore e dintorni
amore e dintorni
riflessioni
riflessioni
miti e leggende
miti e leggende
libri e recensioni
libri e recensioni
stile & bon ton
stile & bon ton
psicosomatica
psicosomatica
casa
casa


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!