Faredelbene.net



simboli e archetipi -> Significato della simbologia massonica


Significato della simbologia massonica




Massoneria: le origini, i suoi simboli e i suoi significati

La Massoneria fa largo uso di simboli, che sono l’essenza stessa della Massoneria,

infatti il massone Pierre Mariel, nell’opera "Gli autentici figli della Luce, afferma": ‘Il Simbolo è l’essenza stessa, la ragione d’essere della Massoneria. Ciò che è visibile è il riflesso di ciò che è invisibile. Ora, se noialtri Massoni ci esprimiamo mediante i simboli, ciò non è dovuto a un desiderio di distinguersi dagli altri uomini, ma bensì in base a una necessità che scaturisce dallo stesso configurarsi delle conoscenze. Il simbolo dunque, non è destinato a nascondere la verità. Il suo scopo è invece quello di selezionare coloro che, integrandosi a esso, si mostrano degni di accedere alla Realtà ultima’ (Christian Jacq, La Massoneria: storia e iniziazione, pag. 227). Ed il significato dei simboli è il grande segreto della Massoneria, come disse Andrew Michael Ramsay (1686-1743): ‘Noi possediamo dei segreti, segreti che consistono in segni grafici e in parole sacre e che compongono un linguaggio tanto muto quanto eloquente, grazie al quale possiamo dialogare a distanza e riconoscere di primo acchito i nostri Confratelli, quale che sia la loro lingua’ (citato in Ibid., pag. 227).

In relazione ai due primi gradi della Massoneria, ci sono due simboli molto importanti nella Massoneria, che sono la pietra grezza e quella cubica.
 
La Pietra Grezza, che ha a che fare con l’allegoria della costruzione del Tempio dell’Umanità, alla cui edificazione si dedicano tutti i Massoni, ‘simboleggia l’uomo nel suo stato rude ed incolto, caratterizzato dai vizi e dalle molte passioni che ogni Libero Muratore deve imparare a dominare. La pietra grezza simboleggia soprattutto il neofita, che non può essere utilizzato fino a quando, diventato Apprendista, la sua preparazione intellettuale e morale non abbia raggiunto un grado nella scala del perfezionamento sufficiente a fargli guadagnare la patente di affidabilità. La pietra grezza dovrà essere squadrata quel tanto che è necessario a consentirne l’impiego con le altre. Al massone viene continuamente ricordato che egli è pietra grezza che dev’essere levigata per ricavarne una ben definita personalità, richiesta dalle Leggi geometriche dell’architettura dell’Umanità. La pietra grezza dev’essere portata ad una forma più prossima possibile al cubo perfetto, va cioè trasformata dall’Apprendista in Pietra Cubica, che è caratteristica del Grado massonico superiore di Compagno d’Arte’.
 
La Pietra Cubica rappresenta invece ‘la pietra perfetta, in cui tutte le dimensioni sono tra loro uguali. Simboleggia l’uomo che, operando su sé stesso, ha superato le sue condizioni primordiali attraverso l’eliminazione sistematica e graduale, iniziaticamente pilotata, delle imperfezioni da cui era costituito. La regolarità dei nuovi elementi costitutivi conseguiti è proporzionale all’abilità ed alla diligenza di ogni singolo Artefice, messe in atto nel corso della lavorazione della sua Pietra Grezza. Quanto di purificato ed istruito si è strettamente collegato ed amalgamato nell’Apprendista Libero Muratore, si manifesterà nella sua realtà nel Compagno d’Arte, dentro e fuori della Loggia. Generalmente nel Tempio massonico la pietra cubica viene rappresentata da un Cubo di pietra posto al fianco settentrionale dell’Ara, sormontato da una piramide dalle facciate a triangoli equilateri, onde evidenziarne la perfezione costruttiva’.
 
Un altro simbolo massonico è la Squadra e il Compasso, disposti a formare un quadrilatero. La squadra viene detto che rappresenta la materia, ed il compasso lo spirito o la mente; od ancora viene detto che la squadra rappresenta ‘il mondo del concreto, o la misura della realtà oggettiva, mentre il compasso rappresenta l’astrazione, o giudizio soggettivo’, e così via. La squadra e il compasso sono mostrati a tutte le riunioni massoniche, assieme al Libro della Legge Sacra aperto. Considerando che il libro della Legge Sacra può variare nelle logge, e quindi ci sono Logge dove non viene posta la Bibbia, mentre la squadra e il compasso devono essere presenti in ogni loggia, essi hanno una importanza superiore alla Bibbia! La squadra e il compasso infatti simboleggiano le due grandi luci in cui devono camminare i Massoni. Il significato reale però di queste due luci è questo: la Squadra rappresenta il principio generativo femminile (e quindi il principio passivo), mentre il Compasso rappresenta il principio generativo maschile (e quindi il principio attivo). E difatti Albert Pike, parlando di un simbolo ermetico che apparve una prima volta nell’Athos Philosophorum di Basilio Valentino stampato a Francoforte nel 1613, ha affermato: ‘La figura maschile tiene nella mano il compasso che rappresenta il principio generativo dell’uomo, mentre la figura femminile sorregge la squadra quale simbolo della procreazione della donna’ (Albert Pike, Morals and Dogma, Edizione Italiana, Vol. 3, pag. 280 – 32° Sublimi Principi del Real Segreto), e poi dice: ‘Il Compasso perciò è il simbolo ermetico della Deità creativa e la Squadra della Terra feconda’ (Ibid., pag. 281); e questo perchè alla base della Massoneria c’è il culto fallico! Ed è così importante questo simbolo per la Massoneria, che Pike dice ai massoni del 32° che ‘tutti i simboli, sia per gli Apprendisti che per i Maestri, per i Cavalieri e per i Principi, sono riconducibili al Compasso e alla Squadra’ (Ibid., pag. 284).
 
Abbiamo poi il Maglietto e lo Scalpello. ‘Il Maglietto rappresenta la forza di volontà, la ferrea determinazione ad agire per il bene, secondo quanto dettato da Virtù e Coscienza; lo Scalpello prefigura il Discernimento, cioè la capacità di distinguere le parti utili della pietra, essenziali alla costruzione, da quelle inutili. La combinazione della forza di volontà e della capacità di discernimento produce il graduale perfezionamento dei pezzi dell’opera. Così, se il Maglietto esprime la volontà di agire, lo Scalpello simboleggia la conoscenza di ciò che deve esser fatto, di contro a ciò che deve essere evitato. In ultima analisi, i due strumenti segnalano la necessità di combinare azione e pensiero’.
 
La Cazzuola, che è lo strumento del Muratore che serve a stendere la calce che connette le pietre, ‘simboleggia la beneficenza, ossia la volontà di soccorrere chi è nel bisogno. Esprime così la bontà attiva, la carità, ovvero quella buona volontà dovuta al genere umano’.
 
Il Regolo rappresenta ‘la perfezione e l’ordine che risultano dall’azione giusta ed equilibrata. Allude alla necessità di impostare confronti costruttivi sulla base di parametri stabili e regole stipulate e condivise’. Simboleggia anche le ’24 ore del giorno, una parte delle quali deve essere dedicata al pensiero, mentre un’altra parte deve essere impiegata lavorando, riposando, ed anche aiutando fraternamente chi ne ha bisogno’.
 
La Livella, che ‘simboleggia l’uguaglianza sociale, base del diritto naturale, l’equità nella valutazione degli uomini, delle cose e degli eventi, che debbono essere considerati e meditati nella loro sostanza e mai secondo le loro forme ed apparenze. La Livella insegna che la conoscenza dev’essere rapportata al piano terrestre, il cui livello è unico, che interessa direttamente l’uomo, e rappresenta il corretto impiego delle conoscenze acquisite'
 
L’acacia è un simbolo particolarmente importante nella Massoneria, nel rituale d’iniziazione (od elevazione) al Grado di Maestro Massone. Infatti l’acacia fa parte della leggenda di Hiram in quanto si dice che servì a individuare la tomba in cui era stato sepolto Hiram. L’acacia è anche considerata emblema della resurrezione (morte e rinascita) che ogni uomo dovrebbe operare in sé superando i vizi e le passioni umane; ecco perchè secondo i Masonic Catechisms del secolo XVIII il nome del Maestro Massone è ‘Cassia’, ovvero quello della pianta sostituita all’acacia nei rituali inglesi dell’epoca e nelle Costituzioni di Anderson del 1738, in quanto il Maestro Massone è l’essere divenuto cosciente del fatto che tutti i segreti sono in lui; è l’uomo rigenerato, che vivendo in stretta obbedienza agli obblighi e ai precetti massonici è libero dal peccato!
 
Nella Massoneria, il triangolo è uno dei simboli più importanti. In un Dizionario massonico si legge a proposito del triangolo: ‘Come simbolo massonico, è presente nel Tempio sotto la denominazione di Delta Luminoso [....] Nell’ambito massonico il T. va interpretato soprattutto come vettore direzionale, nella cui verticalità apicale simboleggia il Lavoro, la dynamis, rivolto alla gloria del G.A.D.U.’ che sarebbe il Grande Architetto dell’Universo. I tre lati del triangolo stanno ad indicare i tre principi fondamentali della Massoneria che sono Libertà, Uguaglianza e Fratellanza, come anche i tre gradi della Massoneria Azzurra che sono Apprendista, Compagno d’Arte e Maestro Massone. Il triangolo lo si trova all’interno del tempio massonico (è il Delta Luminoso all’interno del quale si trova l’occhio ‘onniveggente’ o la lettera G), sui grembiuli (con un triangolo capovolto), ed anche all’esterno di tanti templi massonici (vedi le tre foto). Ma la forma del triangolo si trova in tanti altri ambiti massonici, tra cui i segnali di riconoscimento.
 
Altro simbolo massonico importante è il pentagramma o pentalfa massonico (la stella a cinque punte, che si vede nelle due foto a seguire). Presente anche nella Freemason’s Hall di Londra, che è il quartiere generale della Gran Loggia Unita d’Inghilterra, e poi uno presente sul pavimento di una loggia massonica. Secondo la Massoneria, la stella a cinque punte che, sotto forma di PENTALFA FIAMMEGGIANTE, arde – nella Camera di Compagno – all’oriente di tutte le Logge Massoniche, è l’astro che indica la via ai Compagni Liberi Muratori; è la stella a cui quotidianamente si rivolgono per avere sicuro orientamento nella lenta ascesa. E, questa stella non è altro che Satana, che loro chiamano Lucifero, che secondo loro è il portatore di luce (di quella massonica ovviamente) nonchè di libertà, quella secondo la carne naturalmente, in quanto il pentalfa ‘è il significativo emblema della Libertà’ (Albert Pike, Morals and Dogma, Edizione italiana, Vol. 1, pag. 38 – 1° Apprendista) e dato che per i Massoni il diavolo ‘è lo strumento della Libertà’ (Ibid., pag. 143 – 3° Maestro Massone), è evidente il significato diabolico del pentalfa.
 
I massoni indossano dei grembiuli. Il grembiule è composto da tre parti: una base quadrata, una bavetta triangolare e una cintura. Gli Apprendisti e i Compagni indossano grembiuli in pelle o di raso bianchi, senza decori. I Maestri hanno invece un grembiule bordato di rosso (o di azzurro o di verde, in certe obbedienze) ornato variamente. Il compito del grembiule sarebbe quello di proteggere i massoni durante il loro lavoro, non consentendo che si possano ferire con le schegge che si distaccano dalla loro pietra grezza. I frantumi sono le loro difficoltà umane, pronte a far sentire maggiormente il loro peso proprio quando cercano di sbarazzarsi di esse.
 
Quando i massoni prendono la parola in loggia, si pongono in piedi e prima di parlare fanno il ‘gesto dell’Ordine’, che è obbligatorio nel Tempio quando si abbandona la posizione di seduti. Il segno dell’Ordine lo fanno in questa maniera: collocano la mano destra al livello della gola, l’avambraccio orizzontale, il pollice teso a formare una squadra, e subito passano rapidamente la mano da un lato all’altro della gola, come se si tagliasse il collo, lasciando poi cadere il braccio sul fianco. Il significato di questo segno è che il massone preferirà avere la gola tagliata, piuttosto che rivelare i segreti che gli sono stati trasmessi.
 
Al termine di ogni riunione massonica nel tempio, i massoni si sfilano i guanti bianchi (che servono a ricordare al Massone che le sue mani devono essere ‘senza macchia’) che hanno indossato sino a quel momento e formano una ‘catena d’unione’ che rappresenta la fraterna unione che lega tutti gli iniziati sparsi sulla superficie della terra.
 
Tra gli elementi caratteristici, indicativi dell’esoterismo massonico, vi sono i segni di riconoscimento e la parola di riconoscimento del libero muratore.
 
I massoni quando usano il termine ‘profano’ si riferiscono a colui che non appartiene alla ‘fratellanza massonica’.
 
Quando i massoni usano l’espressione ‘essere quadrato’, vogliono dire che un massone ha raggiunto un particolare livello di consapevolezza nell’arte libero muratoria. In altre parole, il profano che viene iniziato nella loggia massonica è nello stato di ‘pietra grezza’, e con il tempo tramite il lavoro massonico di affinamento tenderà a raggiungere, quadrandosi appunto, lo stato di ‘pietra cubica’, divenendo così persona affidabile, di riferimento e sostegno per gli altri fratelli. Ogni pietra cubica costituisce un mattone che edifica il Tempio morale ed ideale della massoneria.
 
Quando i massoni usano l’espressione ‘incontrarsi sulla livella’, vogliono dire che in loggia ci si ritrova senza tener conto delle differenze sociali, economiche, religiose o culturali.
 
Altra espressione comune ai massoni è la formula adoperata per il brindisi delle loro agapi rituali, che si conclude con il grido ‘fuoco!’
 
‘Al coperto’ è un’espressione massonica rituale impiegata per indicare che i Lavori nel Tempio sono svolti al riparo da ogni sguardo profano. ‘Essere coperto’ significa invece ‘appartenere’ all’Ordine.
 
Nel linguaggio massonico si dice che un massone è ‘in sonno’ o ‘dormiente’ quando questo decide per sue esigenze personali di autosospendersi dai lavori rituali e dalla vita dell’ordine.
 
Nella Massoneria la geometria ha un enorme significato, e quindi anche le forme geometriche che i massoni fanno assumere in foto o ritratti ufficiali al loro corpo, hanno un significato ben preciso. Noi cosiddetti ‘profani’ potremo pure non capirle tutte, ma sicuramente i massoni non fanno assumere alle loro mani, alle loro braccia, e ai loro piedi, pose involontarie quando sono ripresi in situazioni ufficiali, e quindi bisogna prestare la massima attenzione alle pose che assumono davanti a telecamere o fotografi o ritrattisti.
 
1. Il dito che punta verso l’alto. Indica l’approvazione da parte dell’elite dell’intelletto dell’individuo e la sua idoneità alla promozione al successivo livello.
la cantante Barbara Hendricks che fa il segno massonico con il dito verso l’alto (foto da: http://www.hiram.be/). Questo poster fu usato nel 2007 per un Gala Filantropico organizzato dal Grande Oriente del Belgio, infatti potete vedere la squadra e il compasso in alto; la copertina del libro The Masonic Wife
 
Due dita rivolte verso l’alto. Stanno ad indicare la legge degli opposti presente nella Massoneria e tra gli Illuminati, che è la legge del portare ordine fuori dal caos, del riconciliare gli opposti, ossia il bene e il male, la luce e le tenebre; ma esse indicano anche le due colonne del tempio massonico. Ecco qua alcuni esempi.
 
 
Qui invece potete vedere il principe Antonio De Curtis (in arte Totò, 1898-1967) – massone – in due pose che rimandano a quella massonica, e difatti tra le tantissime foto su Totò presenti su Internet il sito massonico http://www.montesion.it/ nella sezione intitolata ‘Antonio De Curtis il Fratello’ ha messo quella a sinistra, mentre il sito del Grande Oriente d’Italia (http://goirsaa.it/) nella pagina dedicata a Totò ha messo quella a destra. La ragione? E’ evidente.
 
3. Pugno sulla guancia destra.
 
A sinistra l’attore americano Clark Gable (1901-1960), che era un massone e a destra Totò, anche lui massone (foto da: http://it.wikipedia.org/wiki/Totò).
 
 
4. Mano sulla guancia destra.
 
5. Dito sulla bocca. E’ il segno del silenzio che fa capire che il massone deve tenere chiusa la bocca e non rivelare i segreti dell’Ordine pena punizioni terribili. 

6. Due dita sotto al mento a forma di squadra. Anche questo gesto è un segnale massonico perchè le dita formano una squadra. 

7. Dita sopra il mento che formano una squadra. 

8. Mano sulla cravatta o sul collo. Si tratta del segno della distretta, che viene fatto per chiedere aiuto ai propri fratelli massoni.  Il significato è il seguente: “Io, il massone X, sono in distretta. Cari fratelli massoni, aiutatemi nella misura del possibile della posizione in cui voi vi trovate’.

9. Mano nascosta. Il suo significato massonico è ispirato dal versetto biblico di Esodo 4:6. ‘In questo versetto biblico, il cuore («petto») sta per ciò che siamo, la mano per quello che facciamo. Può quindi essere interpretato in questo modo: Quello che siamo è ciò che in ultima analisi, facciamo. Il significato simbolico di questo gesto potrebbe spiegare il motivo per cui è così ampiamente utilizzato dai massoni più importanti. La mano nascosta consente agli altri iniziati di sapere che l’individuo raffigurato nell’opera fa parte della confraternita segreta e che le sue azioni sono ispirate dalla filosofia massonica e dalle sue credenze. Inoltre, la mano che esegue le azioni viene nascosta da un vestito, che simbolicamente si riferisce alla natura occulta delle azioni massoniche( l’imperatore francese Napoleone Bonaparte per esempio (1769-1821); il compositore Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) e il generale Giuseppe Garibaldi (1807-1882).

10. Mano sul petto. E’ il segno di fedeltà. Non è quello che vedete fare a molti mentre viene suonato l’inno nazionale, ma quello che si vede fare da taluni in contesti in cui non c’è nessun inno nazionale in esecuzione. Il pollice rivolto verso l’alto sta a significare la sottomissione a poteri superiori. 

11. La presa del leone. 

12. Segno dell’ariete. Il mettere ambedue le mani verso il basso per creare l’apparenza di due corna di un ariete è un segno cabalistico che viene spesso dato da membri delle Logge del Medio Oriente, specialmente le Logge in Israele. E’ un gesto di alto livello, che viene compiuto per invocare la buona fortuna su sè stessi e spesso viene fatto pubblicamente all’inizio di un progetto. Da sinistra: il senatore Joseph Liebennan ebreo; il promotore ebreo Sidney Shlenker; il leader Palestinese Mahmoud Abbas 
 

13. Braccio sinistro a forma di squadra che forma anche un triangolo. In queste foto potete vedere tre massoni che assumono questa posizione: il generale Giuseppe Garibaldi, il pastore valdese Matteo Prochet e il satanista e mago Albert Pike.

 

14. Braccio destro a forma di squadra che forma un triangolo. Da sinistra: il presidente americano George Washington; l’afro-americano Prince Hall (con piedi a forma anch’essi di squadra) definito il padre della Massoneria afro-americana che si chiama Prince Hall Freemasonry; Joseph Smith il fondatore della setta dei Mormoni che era massone.

 

 

15. Ambedue le braccia a forma di squadra. Richard Gephardt è un uomo politico ed avvocato statunitense che è un massone. E sulla rivista Time magazine (30 settembre 1996), con le sue due braccia a forma di triangolo, e si nota l’arco dietro di lui (e come sappiamo bene, il simbolo dell’arco è importante nella massoneria e difatti esiste la massoneria dell’Arco Reale), come anche i tre gradini dietro di lui che simboleggiano i tre gradi della Massoneria Azzurra.

16. Mani a forma di triangolo o piramide. 

17. Braccia incrociate: sia con la sinistra sopra la destra che viceversa.

18. Mani incrociate.

19. Dito sotto il mento.

20. Mano sotto il mento. 

21. Mano sugli occhiali.

 

 

Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

popoli e culture
popoli e culture
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
numerologia
numerologia
significato sogni
significato sogni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
sesso
sesso
coppia
coppia
beneficenza
beneficenza
medicina
medicina
miti e leggende
miti e leggende
mamme
mamme
scomode verit
scomode verit
simboli e archetipi
simboli e archetipi
lingua italiana
lingua italiana
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!