Faredelbene.net



sesso -> Dirsi lesbica


Dirsi lesbica




Indagine sull’amore al femminile tra tabù sociali e sesso

Il libro della sociologa francese Natacha Chetcuti fornisce uno spaccato delle relazioni intime e amorose tra le donne omosessuali.

Con passione, fedeltà e attenzione estrema per il piacere sessuale reciproco. Così si amano le donne tra loro secondo “Dirsi lesbica”, l’indagine della sociologa francese Natacha Chetcuti, pubblicata in Italia dalla casa editrice Ediesse. Attraverso una raccolta capillare di testimonianze, Chetchuti intende fornire uno spaccato delle relazioni intime e amorose tra le donne omosessuali. Un mondo ancora poco esplorato, nei Paesi dell’Europa mediterranea, a livello accademico e non solo.
 

“Le lesbiche sono meno visibili dei gay per ragioni storiche e sociali – spiega Chetcuti. 

 
– Tra queste il fatto che l’omosessualità maschile è diventata anche una questione sanitaria, nei decenni scorsi, a causa dell’Aids. Inoltre, i gay hanno sempre avuto più spazio nel mondo commerciale e nella letteratura. Per le lesbiche è andata diversamente. La loro è stata una socialità più privata, come quella delle altre donne”.
 

La sessualità delle donne omosessuali è ancora tabù,

 
nel discorso pubblico, si legge nel testo che verrà presentato in diverse città italiane (tra queste Bologna, Pisa, Livorno, Roma) tra il 19 e il 28 febbraio 2015.
 

“Esattamente come i gay, anche le lesbiche sono considerate contro natura – dice Chetcuti.

– Ci sono una serie di fattori alla base di questa credenza. Sicuramente c’entra il fatto che, nella nostra società, una donna viene considerata “completa” soltanto se è madre. Senza figli è una donna a metà. Le lesbiche riescono a conquistarsi i titoli dei giornali mainstream quando diventano mamme, perché in questo modo si allineano alla norma dominante. C’è poi un’altra questione: la sessualità lesbica non viene presa sul serio. Se, ad esempio, si vedono due donne per strada che si tengono per mano, difficilmente si pensa che siano lesbiche. Se lo stesso accade con due uomini, invece, non ci sono dubbi al riguardo”.
L’omosessualità femminile è ancora malvista all’interno delle famiglie. “Quando ho detto ai miei genitori che amavo una donna la loro reazione è stata molto violenta”, racconta Catherine, 32 anni, una delle donne intervistate da Chetcuti. La madre prima ha rotto i piatti a terra e poi le ha dato della poco di buono. Quando lei ha cercato di andarsene di casa indossando la giacca della compagna, gliel’ha strappata e l’ha bruciata. Per un anno non si sono parlate. Invece la madre di Gaelle, 37 anni, non sopporta le sue fidanzate troppo butch, cioè mascoline, che chiama “maschione”. Il patrigno di Giselle, la prima volta che ha saputo dell’omosessualità della figliastra ha tentato di spiegare questa sua “tendenza” per una presunta caratteristica anatomica: “Sei così perché ce l’hai troppo stretta”.
 
Non va meglio sul posto di lavoro. “Le donne che scelgono di rivelare la propria sessualità al lavoro sono stigmatizzate – dice Chetcuti.- C’è un silente consenso nel ritenere che questo debba restare un aspetto privato della vita. Sembra ancora valido il discorso benpensante di Alain Finkielkraut:
 

‘Fate quello che volete, ma con discrezione, che diamine’.

 
Per quanto riguarda l’Italia, bisogna aggiungere che la situazione di intolleranza è acuita dall’ingerenza cattolica. Durante i miei studi ho intervistato alcune italiane che hanno preferito emigrare in Francia perché da voi c’è troppa pressione”.
 
Sono tanti e diversi i fili del discorso che si intersecano in “Dirsi lesbica”. Uno di questi riguarda l’atto sessuale. Dall’indagine emerge che le omosessuali sono particolarmente attente alla soddisfazione della partner. Credono che l’intesa fisica migliori con il passare del tempo e che l’orgasmo sia una condizione indispensabile per l’armonia e il benessere della coppia. A differenza delle eterosessuali, non sono legate all’idea dell’atto sessuale “completo”. “Per le lesbiche il corpo dell’altra non è circoscritto ad alcune parti specifiche. Il piacere passa da stimolazioni diverse, diffuse. Si dà particolare importanza a quelli che, nelle dinamiche eterosessuali, vengono definiti preliminari e che, per molte, rappresentano il clou del rapporto”. Una modalità che, puntualizzano molte delle intervistate, non deve essere considerata “a metà” oppure “frustrata”. Anche nel caso di utilizzo di sex toys, non si tratta di imitare una parte “mancante”. In un’intervista Florence, 36 anni, lo ribadisce con forza: “Per questioni anatomiche, i sex toys devono avere una certa forma, che però non ha niente a che vedere con l’immagine del sesso maschile”.
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

medicina
medicina
Vini e dintorni
Vini e dintorni
stile & bon ton
stile & bon ton
lingua italiana
lingua italiana
psicosomatica
psicosomatica
fisica quantistica
fisica quantistica
tecnologia
tecnologia
io non ci sto
io non ci sto
antroposofia
antroposofia
scienza
scienza
miti e leggende
miti e leggende
pedagogia
pedagogia
cucina
cucina
donna
donna
popoli e culture
popoli e culture


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!