Faredelbene.net



sesso -> Natale dai suoceri? Gli italiani lo addolciscono con il sesso


Natale dai suoceri? Gli italiani lo addolciscono con il sesso




Secondo un sondaggio le festività natalizie non porteranno solo noiose tombolate o cene di famiglia, ma anche tanto, tanto buon sesso. E non necessariamente con il partner

Dopo averci dimostrato quanto quella della scappatella con la professoressa sexy non sia una fantasia erotica esclusiva degli adolescenti, bensì condivisa con i genitori, AshleyMadison.com ci stupisce di nuovo con un altro Family Affair: l’83% degli italiani trascorrerà il Natale dai suoceri senza rinunciare al sesso. Infatti, da un sondaggio condotto su un campione di 100mila utenti iscritti al sito di incontri extraconiugali è emerso che l’83% dei nostri connazionali intervistati ha scelto di trascorrere il Natale dai suoceri, ma senza rinunciare al sesso. A casa dai suoceri eppure fedifraghi? Qualcosa non torna.

Ad aiutarci a capire meglio è intervenuto il CEO di AshleyMadison.com Noel Biderman che parte da un punto importante quel “scelto” due righe più su. Ecco dell’83% di italiani in questione non è che tutti abbiano proprio scelto di passare le vacanze dai suoceri “La maggior parte dell'utenza italiana del sito trascorrerà le vacanze natalizie a casa dei suoceri e possiamo dedurre che non sarà un soggiorno piacevole per tutti. - ndr. il 62% da sondaggio - È probabile che molti proveranno a ritagliarsi un po’ di tempo nel pre-partenza per incontrare il proprio affair partner, ma considerate le incombenze delle festività non sempre sarà possibile. Dipenderà molto dai programmi, e soprattutto dalle abilità, di ciascuno. Di sicuro, scuse come un last minute shopping per i regali potranno aiutarli a sfuggire per qualche ora dalla routine domestica.” Quindi un po’ di aria fresca prima di trattenere il fiato per almeno 4-6 giorni per oltre il 50% degli sventurati, di cui al 22% toccherà convivere coi suoceri fino a 10 giorni. E per quanto riguarda il sesso? Trasferte di oltre 250km, per il 36% degli intervistati, “parentame”, bambini, suoceri, ma soprattutto consorti, come organizzarsi per il sesso? Semplice, basta farlo col proprio partner. Dal sondaggio, infatti, emerge con evidenza come la vecchia cameretta coi poster ingialliti degli Stones o peluches polverosi sia una potente fiamma per riaccendere la passione tra i coniugi che, ripiombati d’un tratto nella giovinezza, riscoprono l’ebrezza di far sesso a casa dei genitori. Uomini (72%) e donne (60%) di casa nostra si concedono questa innocente trasgressione in misura maggiore rispetto alle coppie degli altri Paesi guadagnando un +5% sulla media maschile internazionale e un +7% su quella femminile.

Per quei pochi giorni ogni anno, quindi, la ex cameretta del coniuge, una camera degli ospiti, il bagno o addirittura la riscoperta della nostrana camporella, possono diventare perfette alcove dell’amore matrimoniale dove tradire gli amanti con la propria moglie o marito. Ma non crediate che una volta a casa la fiamma resti accesa a lungo perché come ci spiega ancora Noel Biderman “L’ebrezza e la trasgressione di fare sesso in casa dei suoceri porterà molte coppie ad avvicinarsi e probabilmente a riaccendere la passione coniugale, ma l'andamento del traffico al nostro sito ci ha sempre dimostrato che a causa delle frustrazioni e delle tensioni tipiche delle festività, a maggior ragione se vissute in compagnia dei suoceri, una sostanziosa fetta di utenti tornerà sul AshleyMadison.com per recuperare e raddoppierà gli sforzi per organizzare un incontro extraconiugale immediatamente successivo a Natale o Capodanno. Ogni anno, infatti, registriamo un grande aumento sia di nuove iscrizioni sia di traffico proprio il 2 gennaio.”

Nessuna speranza, quindi, per il vissero felici e contenti. A maggior ragione se si pensa che tra quell’ 83% di partenza esiste un manipolo di irriducibili capaci di arrischiarsi a trovare un partner sessuale fuori dal matrimonio anche quando si è dai suoceri. “Dai dati emerge che generalmente la maggior parte dei nostri utenti tende a non organizzare in anticipo incontri con i propri partner occasionali durante le festività: sono momenti dedicati alla famiglia e ciò potrebbe comportare dei rischi. Dal sondaggio emerge, però, che a livello globale oltre il 30% degli iscritti, il 40% in Italia, non rinuncerà a una scappatella: partiranno con l'intenzione di improvvisare e di cercare un nuovo partner sul posto”, conclude Biderman. Per non parlare poi del dato più inquietante di tutti: il 43% delle donne confessa di aver ricevuto avances dal cognato e il 36% addirittura dal suocero. Solo, si fa per dire, il 26% degli uomini, invece, è stato oggetto attenzioni particolari da parte della cognata e ancora meno, il 18%, dalla suocera. E tra questi quanti credere abbiano risposto sì? Beh, il 42%. Quasi uno su due. Quando si dice parenti serpenti.

di Matteo Losa

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
amore e dintorni
amore e dintorni
vegan & co.
vegan & co.
fisica quantistica
fisica quantistica
medicina
medicina
mamme
mamme
cucina
cucina
bonus e incentivi
bonus e incentivi
stile & bon ton
stile & bon ton
itinerari
itinerari
attualit
attualit
religioni
religioni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
filosofia
filosofia
curiosit
curiosit


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!