Faredelbene.net



salute -> Dimmi come mangi le castagne e ti dir che intestino hai


Dimmi come mangi le castagne e ti dir che intestino hai




Tacciate di esser malvagie per la linea e per la pancia, le castagne sono invece un ottimo rifornimento di fibre.
Ecco perché.
La loro consistente presenza di fibra (circa l'8%), rende le castagne un alimento ottimo anche per le diete che puntano al mantenimento della linea, da utilizzare serenamente senza paura di ingrassare.
Il loro gusto dolce può trarre in inganno: la castagna e i suoi zuccheri passano nel sangue a una velocità che è addirittura la metà di quella di "pasta bianca" o "riso raffinato" e pari circa a quella di una controparte integrale.
Questo significa che l'appetito è meglio gestito, gli effetti collaterali di un eccesso di carboidrati meglio modulati, e il "non ingrassamento" stimolato un po' di più.
 

Per la dieta, quindi, è molto meglio una ciotola di castagne di una stessa quantità di cereali non integrali.

 
La fibra e la piccola quota di grassi presenti nelle castagne fanno, infatti, da controparte all'assorbimento rapido degli zuccheri, con buona pace di appetito, infiammazione e linea.
I migliori risultati, parlando di dieta, si hanno abbinando la quota di castagne, che possiamo considerare "carboidrati", a una simile quantità di proteine (semi oleosi, carne, pesce, uova...), in modo da bilanciare ulteriormente l'impatto glicemico del pasto consumato.
 
Ottimo alimento, come spesso accade per le leguminose anche le castagne fanno talvolta venire un po' (o anche molta) aria nella pancia.
Questo accade di solito perché l'intestino non è pronto alla gestione della quota di fibra che le castagne portano con sé.
La fibra attua nei confronti della flora intestinale una selezione positiva, che fa molto bene e che può, nei primi momenti di adattamento, creare qualche difficoltà digestiva a chi è abituato a una dieta differente.
 
Quando le castagne "fanno aria" sono due le domande da porsi.
Prima domanda: "sto mangiando abbastanza bene?". Una dieta eccessivamente povera di fibre non è una buona dieta. Assumere fibra regolarmente (come parte naturalmente presente di frutta e verdura, vegetali e cereali integrali) è un ottimo stimolo regolatorio del transito intestinale e un meraviglioso modulatore della salute generale, con attività, ad esempio, antiallergica.
 
Come fare dunque ad "allenare" delicatamente l'intestino, senza dover soffrire di una "pancia che esplode"?
 
La gradualità è una soluzione: cominciare con quantitativi di fibra più limitati può essere una soluzione per abituarsi con delicatezza ad una alimentazione differente. Anche ricordarsi di masticare bene e a lungo è un ottimo strumento: la digestione sarà facilitata e ci sarà meno aria, a parità di condizione di partenza.
 
Seconda domanda: "sono infiammato?".
Qualunque sia lo stimolo, un intestino infiammato (che è spesso sintomo di un organismo infiammato) reagirà con energia maggiore di una controparte in salute più serena.
Una pancia che reagisce gonfiandosi a dismisura a stimoli anche limitati è spesso indice di una pancia infiammata.
La situazione, può trovare grande giovamento in una dieta di rotazione su profilo individuale, che permetta la riduzione dello stato infiammatorio e un'induzione della tolleranza alimentare.
L'obiettivo è ritrovare l'amicizia col cibo, qualunque esso sia a collaborare nella creazione di uno stato d'infiammazione generalizzata che spesso coinvolge il tratto gastrointestinale.
 
Un integratore intelligente come l'olio di Perilla può aiutare durante il percorso.
Con una buona masticazione e un po' di pazienza, le castagne diventano un ottimo quotidiano sostegno (almeno nel loro periodo dell'anno) alla salute, alla vitalità e al benessere di ogni giorno; senza bisogno di aria nella pancia né di (ormai risolti) dubbi di origine dietetica.
 
Fonte: Michela Speciani
Redazione eurosalus.com
 
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



Cosa significa sognare il deserto

Il deserto nei sogni rappresenta  una potente immagine di introspezione e di crescita, uno spazio simbolico da attraversare o in cui perdersi dove l'unica certezza è quella della propria fragilità.

Vedere il deserto nei sogni può provocare stupore o, più spesso, angoscia e confusione.

Il deserto è un ambiente arido, vuoto ed ostile alla vita, in cui lo spazio sembra dilatarsi all’infinito. E’ il luogo dell’estrema solitudine e della lontananza dalla civiltà, dove la natura emerge in tutto il suo potere, dove l’uomo può solo sentirsi piccolo ed impotente e, nell’abbraccio di questo forzato isolamento, confrontarsi con i propri limiti e le proprie debolezze.

Rappresenta il centro psichico del vuoto assoluto purgato di ogni influenza civilizzata, esperienza ed idea, una sorta di territorio inesplorato molto vicino all’essenza individuale, all’anima, al centro interiore.

Il deserto nei sogni può essere considerato una potente immagine di introspezione e di crescita, uno spazio simbolico da attraversare o in cui perdersi dove l’unica certezza è quella della propria fragilità.

Ma proprio questa solitudine e questo isolamento possono favorire riflessione, meditazione, centratura ed influire sul proprio processo evolutivo.

Sognare il deserto si collega all’aridità ed al vuoto di emozioni che forse il sognatore sta sperimentando in qualche aspetto della sua vita, una sorta di specchio del suo “ deserto interiore” o esteriore. Rappresenta allora un vuoto di sentimenti, di motivazioni e di spinte vitali, oppure riflette la tristezza ed il vuoto dell’ambiente in cui si vive: neutro, privo di stimoli, di rapporti e di emozioni.

Può indicare a momenti di grande difficoltà e dolore: lutti, separazioni, depressione.

La solitudine a cui fa pensare il deserto nei sogni può associarsi ad una reale solitudine oppure ad un bisogno di recuperare le energie attraverso il contatto con se stessi.

Interessante quando nell’arida sabbia, nelle formazioni rocciose o nelle solitudini ghiacciate del deserto onirico compaiono tracce da seguire, orme di animali o segni di un passaggio precedente, perchè questo consente al sognatore di trovare una strada, di seguire segnali che possono illuminarlo e guidarlo.

Ed è molto bello quando l’aridità del deserto cede ad un accenno di umidità, ad un’acqua che improvvisa sgorga o che si scorge in un pozzo scavato nel terreno o che infine appaia un ‘oasi.

Sognare un’oasi nel deserto è l’immagine che più di ogni altra risponde al bisogno di completezza e di sostegno. E’ lo spazio ideale in cui ricevere aiuto e recuperare le forze, in cui ricaricare le proprie energie fisiche o psichiche, un luogo ideale a cui giungere, una speranza, un obiettivo che annulla, con la sua carica di bellezza e comfort, tutto il precedente percorso di solitudine e vuoto del deserto.

Sognare di perdersi nel deserto e trovare un’oasi rimanda così ad ogni momento di nuova consapevolezza delle proprie risorse interiori, ad una nuova ricchezza e maturità.

Marzia Mazzavillani

Fonte http://guide.supereva.it/





Categorie

alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
misteri e paranormale
misteri e paranormale
antroposofia
antroposofia
filosofia
filosofia
significato sogni
significato sogni
coppia
coppia
letteratura
letteratura
psicosomatica
psicosomatica
donna
donna
astrologia
astrologia
io non ci sto
io non ci sto
simboli e archetipi
simboli e archetipi
scuola
scuola
scomode verit
scomode verit
vegan & co.
vegan & co.


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!