Faredelbene.net



salute -> Una buona salute inizia da un intestino pulito


Una buona salute inizia da un intestino pulito




Tutta la salute inizia nel tratto digestivo, mantenere il proprio colon sano è il primo grande passo per il dimagrimento e per il benessere generale dell’organismo.Ecco cosa bisogna fare.

Pulizia Intestinale: Perché il colon è fondamentale per una buona salute?

Per comprendere l’importanza della Pulizia Intestinale, dovete pensare al vostro colon, come la stazione di gestione dei rifiuti del corpo. Tutte le cellule e i tessuti del corpo necessitano di due organi ben funzionanti, il Colon e il Fegato (organi principali per la Disintossicazione) i quali hanno il compito di purificare l’organismo dalle tossine.
 
Quando tutto funziona in modo efficiente, il colon è in grado non solo di gestire i rifiuti, ma anche di assorbire i nutrienti (come l’acqua, elettroliti e vitamine) dagli alimenti digeriti, per poi introdurli nell’organismo per essere utilizzati all’occorrenza.
 
In sostanza, è il colon a decidere cosa eliminare e quali sono le sostanze nutritive importanti da ridistribuire nell’organismo. Ecco perchè è importante che il colon sia funzionante al 100%.
Per effettuare la pulizia intestinale, ci sono dei prodotti Naturali che ti possono aiutare a pulire il colon. La pulizia intestinale, oltre che a mantenere l’intestino in salute, aiuta anche perdere peso la dove è necessario.
 
Una settimana di pulizia intestinale
 
Questo tipo di pulizia durerà una settimana, anche se potete prolungarla fino a quindici giorni, se pensate di averne bisogno. Tuttavia, per poter trarne il massimo dei vantaggi, è importante che al termine della pulizia si cerchi di mantenere buone abitudini a tavola, altrimenti l’intestino tornerà subito a soffrire a causa dei nostri comportamenti sbagliati.
 
Alimenti proibiti e alimenti consentiti
 
Nel corso di questa settimana dovrete essere molto rigidi in fatto di alimentazione, se volete ottenere buoni risultati in così poco tempo. Dovrete eliminare dalla dieta i seguenti alimenti:
 
Cereali e farine raffinate con i loro derivati (prodotti da forno e di pasticceria): li sostituiremo con cereali e farine integrali ricchi di fibre naturali.
Zucchero bianco e bibite zuccherate: useremo miele, melassa di canna, zucchero di canna integrale. Sono consentiti succhi naturali non zuccherati.
Oli raffinati e fritti: verranno sostituiti da olio extravergine di oliva oppure olio di cocco extra vergine, di prima spremitura a freddo; li consumeremo crudi, senza friggere.
Carne rossa ed insaccati: è concessa la carne bianca, il pesce, le uova, i legumi, come fonte principale di proteine.
Latte e latticini: l’unica eccezione è costituita dalla ricotta oppure il formaggio fresco, meglio se di capra o di pecora. Il latte può essere sostituito da bevande vegetali a base di avena, riso, miglio, grano saraceno, etc.
Sono da escludere il caffè e il tabacco.
 
Migliorare il transito intestinale
 
Durante il trattamento, è importante facilitare il transito intestinale. Per questo motivo occorrerà prendere, tutti i giorni, questi alimenti.
 
Semi di lino: mettete un cucchiaino di semi di lino (sono circa 10 grammi) a bagno in un bicchiere d’acqua, per tutta la notte. La mattina, a digiuno, bevete tutto insieme, l’acqua e i semi.
Prugne secche: mangiate 3 o 4 prugne secche a digiuno, dopo aver preso i semi di lino.
2 infusi di tarassaco: uno a metà mattina e uno a metà pomeriggio.
Semi di zucca: durante la giornata mangiate 30 semi di zucca crudi, per eliminare eventuali parassiti intestinali.
Carciofo: la sera, prima di andare a dormire, prendete dell’estratto di carciofo, che potete acquistare in farmacia o in erboristeria, liquido, in capsule o in compresse.
carciofo
Clisteri a base di camomilla
 
Il clistere è un rimedio tradizionale che consiste nell’introdurre acqua o altre soluzioni curative direttamente nell’intestino, attraverso l’ano. Aiuta ad eliminare le feci che si accumulano nell’intestino.
 
Durante la settimana, dovrete praticare 3 clisteri, alternati ad un giorno di riposo.
 
Per praticare il clistere, dovete procurarvi un irrigatore o una pera di gomma, che si compra in farmacia. Avrete bisogno dei seguenti ingredienti:
 
Un litro di infuso di camomilla: cercate preferibilmente la camomilla biologica.
Succo di un limone.
Un cucchiaio scarso di sale marino.
Un litro di acqua bollita.
 
Preparazione
Mescolare tutti gli ingredienti. Introducete i due litri di liquido nell’intestino, con l’aiuto della cannula dell’irrigatore o della peretta di gomma, previamente lubrificata con un poco di olio. L’operazione va eseguita lentamente, fermandosi tutte le volte che si rende necessario.
 
Applicazione
Bisogna trattenere il liquido più a lungo possibile, nonostante si avverta l’esigenza di evacuare. Evacuate se la sensazione diventa troppo forte o dolorosa, cercando però di trattenere il liquido almeno dieci minuti. Ripetete l’operazione fino a quando non avrete esaurito tutto il liquido.
 
NOTA BENE: Il clistere va fatto sempre a stomaco vuoto, devono essere trascorse almeno due ore dall’ultimo pasto.
 
Al termine della settimana di pulizia, è consigliabile assumere un integratore, per ripopolare la flora batterica e per potenziare e prolungare gli effetti del trattamento. Potete acquistarlo in farmacia e assumerlo lontano dai pasti, preferibilmente la mattina, a digiuno.
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
itinerari
itinerari
mamme
mamme
musica
musica
tecnologia
tecnologia
riflessioni
riflessioni
attualit
attualit
filosofia
filosofia
medicina naturale
medicina naturale
casa
casa
psicologia
psicologia
amore e dintorni
amore e dintorni
cucina
cucina
libri e recensioni
libri e recensioni
vegan & co.
vegan & co.


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!