Faredelbene.net



salute -> Nuvaring, l'anticoncezionale dagli effetti collaterali catastrofici


Nuvaring, l'anticoncezionale dagli effetti collaterali catastrofici




Nuvaring, contraccettivo ormonale prodotto dalla Merck e presumibilmente collegato a centinaia di morti, molti hanno fatto causa ai produttori e rifiutato un accordo legale di 100milioni di dollari.

Ad oggi all’azienda produttrice, la Merck, sono state intentate più di 4000 cause legali e il loro prodotto è stato collegato a 224 morti.
 
COS’ È NUVARING
 
Nuvaring, largamente diffuso in Italia da MSD Italia (consociata italiana di Merck & Co.) è un contraccettivo ormonale  inserito in un anello flessibile che viene inserito e lasciato nel corpo della donna per 3 settimane ogni mese. L’anello rilascia lentamente due ormoni nelle pareti vaginali: l’ etinilestradiolo, un tipo di estrogeno largamente usato nei contraccettivi, e un progestinico chiamato etonogestrel. Ad ogni modo, sono stati riportati importanti effetti collaterali legati al suo uso come trombi, ictus, infarti, pressione alta, problemi di cuore e tumori all’ utero e al seno.
 
UNA COMPAGNIA FARMACEUTICA DA 686 MILIONI
 
La Merck ha venduto Nuvaring fin dal 2002. Ma dal 2007 alla compagnia farmaceutica sono state intentate più di 4000 cause da pazienti e famiglie che hanno subito infarti e ictus, fino ad arrivare al decesso, dopo aver usato questo anticoncezionale.
 
Così, come accaduto in precedenza alla Bayer per la pillola anticoncezionale Yasmin, anche per la Merck un giudice distrettuale del New Jersey ha stabilito un risarcimento collettivo per “chiudere” l’ondata di cause: 100 milioni di dollari in tutto, un prezzo ridicolo se si considera che l’azienda nel 2013 ha guadagnato dalla Nuvaring 686milioni di dollari, cifra che rappresenta meno del 2% degli incassi totali della Merck. «È terribile che vogliano comprarsi così la via d’uscita per sbarazzarsi di ogni responsabilità. Vogliono ottenere la nostra omertà», ha commentato Joe Malone, il papà di Brittany, un’altra vittima del contraccettivo morta a 23 anni.
 
IL BLACK BOX WARNING
 
I Langhart, però, hanno detto ai giornali che per loro «non è mai stata una questione di soldi». Rick e Karen vogliono che la Food and Drug Administration (Fda, l’agenzia del farmaco degli Stati Uniti) costringa la Merck a segnalare con il “black box warning” il rischio di morte collegato al NuvaRing. Ma l’ FDA sostiene che non sia necessario nessun tipo di avvertimento.
 
“Crediamo che la Merck eserciti una forma di controllo sull’ FDA” ha detto Karen Langhart.
 
LE OMISSIONI DEL BUGIARDINO
 
A sostenere la stessa tesi è Kristine Kraft, fra gli avvocati che rappresentano l’accusa nel processo. Kraft ha ricordato che nel 2000, l’anno successivo alla commercializzazione dell’anticoncezionale, la Fda voleva includere la trombosi fra i rischi, dato che aveva colpito tre donne dopo alcuni giorni di utilizzo sperimentale. L’azienda però «non ha agito responsabilmente, facendo pressione affinché il bugiardino non parlasse chiaro». E quando nel 2003 il foglio illustrativo del NuvaRing è stato revisionato, la Merck si è rifiutata di prendere in considerazione lo studio di Ojvind Lidegaard pubblicato dal British Medical Journal, che dimostrava come il rischio di trombosi legate ai contraccettivi di quel tipo fosse duplicato rispetto a quelli di seconda generazione, comunque pericolosi.
 
La contraccezione è importante ma lo è altrettanto la nostra salute. I contraccettivi di tipo ormonale spesso vengono assunti per i benefici asseriti nei disturbi della sindrome premestruale ma è importante valutare bene i pro e i contro. In Italia purtroppo gli effetti negativi di questi contraccettivi non vengono sottolineati abbastanza e i ginecologi li prescrivono spesso a cuor leggero, anche per lunghi periodi di tempo, causando problemi come l’ assottigliamento delle pareti dell’utero, trombosi venose profonde, ipertensione, diabete, calcoli, emicranee, patologie vascolari, anemia calciforme e cancro al seno. Consigliamo fortemente di pensare bene se per evitare gravidanze indesiderate si è disposti ad accettare questi e altri gravi effetti collaterali.
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

vegan & co.
vegan & co.
mamme
mamme
popoli e culture
popoli e culture
tradizioni
tradizioni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
psicologia
psicologia
storia
storia
io non ci sto
io non ci sto
attualit
attualit
lingua italiana
lingua italiana
scienza
scienza
curiosit
curiosit
numerologia
numerologia
psicosomatica
psicosomatica
news
news


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!