Faredelbene.net



salute -> Il segreto del benessere Ŕ nella respirazione


Il segreto del benessere Ŕ nella respirazione




Solo respirando nel modo giusto ritroverai il benessere

 
Non abbiamo bisogno di imparare a respirare, perché la prima cosa che facciamo alla nascita, è respirare. Ci servirà ancora un anno per imparare a camminare e circa tre per parlare correttamente. Il respiro, invece, è un atto del tutto naturale, spontaneo, programmato nel nostro sistema nervoso: sembra quindi strano che possa esistere un modo corretto e un modo sbagliato di respirare, ma le cose sono proprio in questi termini.
 
La spontaneità del respiro, non assicura necessariamente che respiriamo in maniera appropriata, come sentirsi stanchi e avere desiderio di dormire, non ci assicura che dormiremo a sufficienza. E la realtà è che molte persone non respirano correttamente, specialmente le persone molto ansiose o quelle che soffrono di attacchi di panico. Il respiro può essere la causa o una componente dell’ansia o dell’attacco di panico, così come della balbuzie.
 
Alcune persone hanno un respiro troppo corto, spesso accelerato, che non riempie a sufficienza d’aria i polmoni, perché effettuato con la parte alta del torace. Questa respirazione è inefficiente perché lo scambio gassoso all’interno dei polmoni è scarso. Anche l’uso del respiro in alcune circostanze particolari può essere sbagliato. Ad esempio, in occasione di uno sforzo o di un’attività impegnativa, il respiro piuttosto che essere lasciato libero di fare il suo lavoro, quello di assicurarci l’ossigeno necessario a compiere lo sforzo, è trattenuto, come durante un’apnea. Così manteniamo lo sforzo per un tempo minore di quello che avremmo potuto continuando a respirare in maniera fluida durante lo sforzo.
 
In questi casi, bisognerebbe imparare nuovamente a respirare, apprendendo le tecniche di respirazione diaframmatica, che aprono completamente i polmoni e ci assicurano un respiro profondo e regolare. Apprendere di nuovo a respirare dopo averlo dimenticato, è facile, non serve altro che qualche minuto al giorno per effettuare dei semplici esercizi di respirazione. L’esercizio normalizzerà il respiro e avrà come risultato secondario quello di calmare e di tranquillizzare la mente. Ecco come un piccolo investimento del nostro tempo porterà dei benefici di lunga durata, che renderanno la nostra vita più piacevole.
 
 
Per scoprire la tipologia della vostra respirazione, potete fare un piccolo test. L’unico strumento richiesto sono le vostre mani e un posto dove sdraiarvi che non sia troppo morbido.
 
Una volta sdraiati mettetevi comodi per circa un minuto, in modo che il vostro respiro si normalizzi. Passato il minuto poggiate una mano in alto sul torace e l’altra sull’addome, dove finisce la gabbia toracica, proprio sopra l’ombelico.
 
Ora, continuando a respirare normalmente, senza fare sforzi di qualunque tipo, seguite il movimento delle vostre mani. Se si muove la mano posata sull’addome, state respirando correttamente, perché vuol dire che utilizzate il diaframma, il muscolo della respirazione su cui avete posato la mano. Se si muove l’altra mano, quella posta in alto sul torace, state facendo una respirazione di tipo toracico, e gli esercizi di respirazione miglioreranno di molto il vostro modo di respirare.
 
 
La prima e unica regola che dobbiamo rispettare per imparare una nuova tecnica, è metterci al lavoro e continuare finché non la padroneggiamo in maniera soddisfacente. Il perfezionamento avverrà col tempo. Imparare a respirare in maniera efficiente e profonda, è facile.
 
Mettete una mano sull’addome, proprio sopra l’ombelico, e quando respirate, fate salire e scendere la mano, regolarmente, senza fretta: andare piano per andare lontano. Ci vogliono pochi minuti per capire quali muscoli utilizzare (il diaframma). L’esercizio è riuscito quando si muove solo il diaframma, la respirazione è addominale e la parte superiore del petto non si muove. In pochi minuti si dovrebbe sentire una differenza nella respirazione, più profonda, lenta e regolare.
 
Ora che si è appreso il modo corretto di respirare, si può verificare se si respira sempre in questo modo, durante le normali attività quotidiane. L’ascolto del proprio corpo è fondamentale. Basta fermarsi ogni tanto e “ascoltare” il respiro. Se scorre come durante l’esercizio, si sta effettuando la respirazione corretta, altrimenti si è tornati a respirare con la parte alta del torace. In questo caso basta riprendere a respirare come durante l’esercizio. Dopo qualche giorno di questo addestramento la respirazione diaframmatica dovrebbe essere permanente. Controllate ancora per qualche tempo, e poi fatelo ad intervalli molto lunghi. Alla fine dimenticherete di farlo, e avrete ottenuto una profonda respirazione diaframmatica.
 
Se ci si accorge che si è tornati a respirare con la parte alta del torace, ripetere l’esercizio base e il periodo di ascolto. E’ molto utile respirare con la mano sull’addome prima di addormentarsi: oltre ad essere un esercizio utile per la respirazione, favorisce il rilassamento e il sonno.
 
 
Il respiro è fondamentale per l’autoipnosi. Prendere un respiro profondo e lasciarlo andare, attiva il sistema nervoso parasimpatico che comunica al corpo che può finalmente rilassarsi, lasciare andare le tensioni e godersi qualche minuto di pace. Prendere due o tre profondi respiri (senza sforzarsi come se si dovesse prendere fiato per battere un record di immersione), è un ottimo modo di iniziare un profondo sonno ristoratore.
 
Una tecnica di autoipnosi molto semplice da sperimentare e apprendere, consiste nel pronunciare mentalmente una singola parola (“uno”,”OM”, “zibibbo”, quello che volete insomma, la parola non conta nulla) nel momento in cui espirate. Ad ogni espirazione aumentate leggermente il tempo di formulazione della parola (“uuunooo”, “OOOOOM”, etc.). Alla fine otterrete un respiro profondo, lento e regolare, e sarete molto probabilmente in trance.
 
 
Esiste un milione di metodi per praticare il respiro durante la meditazione, e tutti hanno in comune una sola cosa: servono a concentrare l’attenzione su una cosa soltanto: il respiro, appunto. Se questo ricorda da vicino l’idea di monoideismo formulata da Braid, non è un caso. I fachiri e gli Yogi indiani chiamano la stessa cosa da millenni con altri nomi.
 
La tecnica di respirazione precedentemente vista per l’autoipnosi può essere utilizzata per la meditazione. L’effetto è lo stesso: rilassamento, riduzione dello stress e dell’ansia se praticata regolarmente.
 
Fonte: ipnoguida.com
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
bonus e incentivi
bonus e incentivi
libri e recensioni
libri e recensioni
vegan & co.
vegan & co.
antroposofia
antroposofia
attualitÓ
attualitÓ
animali
animali
stile & bon ton
stile & bon ton
filosofia
filosofia
io non ci sto
io non ci sto
misteri e paranormale
misteri e paranormale
mamme
mamme
sesso
sesso
fisica quantistica
fisica quantistica
tradizioni
tradizioni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!