Faredelbene.net



salute -> Assorbenti interni, quanto sono sicuri?


Assorbenti interni, quanto sono sicuri?




Quello che le donne non sanno sulla loro salute.

L'uso di assorbenti interni fa parte della quotidianità di milioni di donne, ma quello che molte di queste donne non sanno è che non esiste una ricerca che dichiari inequivocabilmente che questi prodotti per l’igiene femminile siano sicuri.
Studi indipendenti realizzati da organizzazioni per la salute delle donne hanno individuato sostanze chimiche preoccupanti nei tamponi e negli assorbenti come la diossina, i cancerogeni e le tossine riproduttive.
L’industria multimiliardaria dell’igiene femminile sostiene che la quantità di tossine presenti in un singolo assorbente interno è "molto bassa".
Ma la donna che fa un uso di tamponi ne usa in media almeno 16.800 durante tutta la sua vita, e non esiste quasi nessun dato sugli effetti che l’uso cumulativo degli assorbenti interni possa avere sulla salute nel corso della vita di una donna.
Immaginate se prendessimo in considerazione solo gli effetti del fumo di una singola sigaretta sulla salute.
Molte donne sono preoccupate per le conseguenze che i prodotti per l'igiene femminile possono causare sulla salute e sull'ambiente se usati quotidianamente.
Ma le informazioni limitate e i dati incompleti non ci permettono di sapere precisamente quali sostanze chimiche e quali impurità potrebbero essere presenti nei tamponi, o quali possano essere gli effetti a lungo termine del loro utilizzo ogni mese.
Di più: i dati non solo sono incompleti, ma sono anche poco chiari. La Food and Drugs Administration (Fda), l'agenzia governativa statunitense per gli alimenti e i medicinali, richiede ai produttori di assorbenti di monitorare la diossina.
Ma la diossina è solo una delle molte tossine che dovrebbero essere monitorate, e ci sono molti altri prodotti - le lavande, gli spray, le salviette e le coppe mestruali usate da milioni di donne - che non vengono assolutamente esaminati.
Tutto questo deve cambiare.
Di recente, ho parlato del Robin Danielson Feminine Hygiene Product Safety Act del 2015, che chiede formalmente al National Institutes of Health (Nih), l'istituto nazionale di sanità pubblica, a fare una ricerca per capire se i prodotti per l’igiene femminile pongano rischi concreti sulla salute e incoraggia la Fda ad ampliare i suoi sforzi di monitoraggio e pubblicare una lista di sostanze tossiche presenti nella vasta gamma di prodotti per l’igiene femminile sul mercato.
La legge ha preso il nome da Robin Danielson, una donna morta tragicamente nel 1998 all’età di 44 anni per via della sindrome da shock tossico (Tss), che è collegata all’uso degli assorbenti interni, sebbene sia una malattia che ancora non conosciamo bene e il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) ha smesso di monitorare la sua diffusione negli Stati Uniti.
La mancanza di dati sull’uso cumulativo di tamponi, sul livello tossicologico dei prodotti dell’igiene femminile e sulle sostanze chimiche presenti in tutti questi prodotti non è sorprendente.
La salute delle donne è stata perennemente sottovalutata e trascurata da studi e ricerche cliniche. Fino agli anni Ottanta, le donne sono state ampiamente escluse dall'ambito della ricerca medica - ciò implica che non sono stati raccolti dati sanitari sulle donne - e che la maggior parte degli esperimenti sono stati fatti solo sugli uomini.
Anche quando i ricercatori hanno studiato le malattie che colpiscono in gran parte le donne - come il cancro al seno -, le donne sono state lasciate fuori dalla ricerca.
Questo è iniziato a cambiare quando il National Institutes of Health (Nih) ha creato l’Ufficio per la ricerca sulla salute della donna nel 1990, ma c’è stato bisogno di un atto del Congresso americano emanato nel 1993 per far sì che l'Nih includesse le donne e le minoranze nella popolazione sottoposta agli studi.
Ciononostante, rimangono ancora alcune preoccupazioni riguardo l’estensione del numero delle donne incluse negli esperimenti medici e nella ricerca in generale. Dobbiamo costruire il progresso sulla salute della donna, a partire dall’approvazione del Robin Danielson Act.
Le donne americane meritano la possibilità di poter valutare in modo critico l'acquisto prodotti per l’igiene femminile, dopo essere state  opportunamente informate.
Anche se non è un argomento del quale sentiamo spesso parlare, la salute delle donne è una tematica che vale la pena affrontare a casa, nelle nostre comunità e nelle aule parlamentari.
 
Fonte: ilpostinternationale.it
 
L'articolo originale di un membro del Congresso statunitense, Carolyn Maloney, è stato pubblicato qui. Traduzione a cura di Fernanda Pesce Blazquez.
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

cucina
cucina
coppia
coppia
spiritualitÓ ed esoterismo
spiritualitÓ ed esoterismo
tecnologia
tecnologia
casa
casa
medicina
medicina
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
significato dei colori
significato dei colori
libri e recensioni
libri e recensioni
psicologia
psicologia
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
riflessioni
riflessioni
antroposofia
antroposofia
lavori creativi
lavori creativi
medicina naturale
medicina naturale


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!