Faredelbene.net



salute -> Pulizie di primavera anche per il fegato!


Pulizie di primavera anche per il fegato!




Fegato e mente, ecco come disintossicarli in 4 giorni.

Il fegato è uno degli organi più importanti del nostro corpo, ma anche uno dei primi a pagare le conseguenze da sovraccarico quando l’organismo è eccessivamente stressato. Può, perciò, capitare che questo nostro organo non riesca a funzionare al meglio, causando l’immagazzinamento di scorie e tossine. Problemi al fegato possono causare sintomi fisici ed emotivi. Per questo, per stare meglio, potrebbe essere necessario dedicarci un’operazione di “pulizia”, pochi giorni di disintossicazione per ripristinare il corretto equilibrio fisico ed emotivo.
 
Il momento migliore per “pulire il fegato” è durante la primavera. Questo non significa che durante il resto dell’anno dobbiamo trascurare il nostro corpo, ma la primavera, secondo la medicina tradizionale cinese, è il periodo in cui il fegato è più attivo.
 
Esiste un programma di disintossicazione di soli quattro giorni che può aiutarvi a ritrovare il corretto equilibrio psicofisico. Cibi, tisane, ginnastica dolce, massaggi, ogni cosa concorre ad aiutare il nostro organismo a liberarsi delle tossine in eccesso che si sono accumulate durante i mesi passati.
 
I sintomi fisici collegati a un fegato affaticato sono molti, a questi vanno aggiunti anche sintomi psichici perché quando un organo del nostro corpo non lavora bene le conseguenze si ripercuotono anche sul nostro stato emotivo. Così, se stiamo male col fegato, è facile anche avvertire agitazione, irritabilità, mancanza di motivazione, incapacità nel decidere, incapacità nel rispettare gli impegni.
 
Per poter iniziare i vostri quattro giorni di disintossicazione vi serviranno innanzitutto una serie di ingredienti. Ecco quali sono:
 
argilla ventilata
una buona varietà di frutta e verdure fresche
radice di zenzero fresco e/o aglio
olio extra vergine di oliva
limoni freschi
avena
tisane: rosmarino, tarassaco, camomilla o timo
miele come dolcificante
 
Ed ora vediamo come procedere.
 
Iniziate scegliendo un tempo preciso per avviare il processo di disintossicazione del fegato: non fatelo se già sapete che dovete interrompere a causa di feste, compleanni, cene ecc.
 
Fissate un appuntamento per un massaggio shiatsu per il terzo o quarto giorno.
 
Cercate una persona che voglia intraprendere il percorso con voi: fungerà da stimolo a entrambi. Se riuscite, potete prepararvi i pasti insieme o mangiare insieme.
 
Acquistate il necessario prima di iniziare.
 
La notte prima di iniziare, mescolate 1 cucchiaino di argilla verde in mezzo bicchiere d’acqua calda. Lasciatela riposare la notte, coprendo il composto con un panno di cotone  in modo che l’argilla si depositi sul fondo.
 
Dal giorno 1 al giorno 3
 
Appena svegli, bevete l’acqua che avete preparato con l’argilla il giorno prima, solo l’acqua, non il composto che si è depositato sul fondo.
Mangiate leggero, cucinando le verdure preferibilmente al vapore, o lasciandole crude. Al limite, mescolatele in una buona zuppa. I cibi migliori per il vostro scopo sono: cavoli, broccoli, porri, spinaci o altre verdure, foglia di lattuga sedano, cipolle, carote, lenticchie o piselli. Utilizzare aglio e/o zenzero come condimento. Per questi 4 giorni, evitate sale, cibo da fonti animali, mangiando solo verdure fresche e non surgelate.
Consumate la frutta fresca, anche sotto forma di succo o frullato. Prediligete: pompelmo, mandarino, limone, lime, mela, frutti di bosco e fragole. Niente banane.
Come condimento per l’insalata cruda, utilizzate solo olio extravergine d’oliva e succo di limone fresco.
Se sentite l’esigenza di uno spuntino, mangiate una mela, delle carote o dei gambi di sedano. Bevete acqua a volontà!
Come abbiamo già accennato prima, durante questi quattro giorni dovete cercare di evitare tutti gli alimenti provenienti da fonti animali come carne, uova, formaggi, latticini. Evitate i dolcificanti tranne il miele puro.
Dopo ogni pasto bevete una tazza di tisana calda a base di rosmarino, tarassaco, timo o camomilla.
Nel pomeriggio, fate 15-20 minuti di attività fisica intensa (camminare a ritmo sostenuto, andare in bicicletta, yoga), e bevete una tazza di acqua calda con il succo di metà limone fresco.
Trattamenti esterni durante la disintossicazione
 
Detersione della pelle ogni giorno
Massaggio Shiatsu (1 solo giorno)
Impacco di zenzero.  
Fate sobbollire per 15-20 minuti un pezzettino di radice di zenzero in 2 litri di acqua bollente, fate sobbollire per 15- 20 minuti. Dopo, spegnete e lasciate raffreddare leggermente, immergete un panno e applicatelo sulla zona del fegato. Cambiate il panno appena si fredda. Fatelo per 15 minuti.
Cataplasma all’argilla. Potete utilizzare l’argilla che rimane al mattino. Fate una specie di maschera e applicatela sulla zona del fegato. Coprite con un asciugamano caldo e lasciate per 30 minuti. Risciacquate con acqua tiepida. Potete alternare i giorni del cataplasma a quelli dell’impacco allo zenzero.
 
Giorno 4
 
Fate come i primi tre giorni, evitando di mangiare dopo le 4:00.
 
Come spiegato all’inizio, questo processo di disintossicazione ha sia un impatto fisico che emotivo. Potreste avvertire quindi dei cambiamenti. Alcune persone, ad esempio, hanno dei brevi momenti di depressione che fanno parte del normale processo di compensazione dell’organismo. La disintossicazione, poi, potrebbe portare a dei cambiamenti intestinali, un po’ di stanchezza o mal di testa che durano per breve tempo, quello necessario a consentire all’organismo di liberarsi delle tossine.
 
Dopo questi 4 giorni, tornate gradualmente al vostro normale stile di vita, cercando di adottare un’alimentazione sana. Dopo la disintossicazione, trovate un giorno, una volta ogni tanto, in cui prendervi una pausa da caffè, zuccheri e sostanze che possono “appesantire” il fegato.
 
Fonte: ambientebio.it
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

fisica quantistica
fisica quantistica
antroposofia
antroposofia
significato sogni
significato sogni
libri e recensioni
libri e recensioni
Vini e dintorni
Vini e dintorni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
sesso
sesso
medicina
medicina
astronomia
astronomia
musica
musica
psicologia
psicologia
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
coppia
coppia
lingua italiana
lingua italiana
riflessioni
riflessioni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!