Faredelbene.net



salute -> Luce e buio, ecco come risponde il nostro corpo


Luce e buio, ecco come risponde il nostro corpo




Ognuno vive le variazioni di luce e ombra del giorno in modo differente, in base al proprio cronotipo, questo può produrre anche effetti sull'etica delle persone.

Ogni corpo rsponde in modo diverso alle variazioni di luce e di buio nell'arco di una giornata.
Da qui, ci distinguiamo in chi è più produttivo ed energico la mattina e chi invece predilige la sera, alcuni sono mattinieri, altri nottambuli, altri ancora stanno nel mezzo. Il tutto gestito dal proprio orologio biologico.
 
E' proprio quest'orologio interno che determina il cronotipo - la categoria che indica in che momento della giornata siamo maggiormente attivi - è diverso per ciascuno di noi.
Capire qual è il proprio cronotipo è semplice: basta passare un paio di settimane andando a letto quando ci si sente stanchi e svegliarsi senza sveglia.
Ma fino a che punto gli orari che scandiscono una giornata influenzano la nostra vita? Se lo è chiesto Sunita Sah, una scienziata del comportamento presso la Georgetown University e nottambula dichiarata.
Per cinque anni, Sunita Sah ha studiato come le diverse situazioni influenzano il comportamento. "Si sentono sempre queste affermazioni radicali: il mattino è sacro, la sera è il male", ha detto la scienziata Maria Konnikova, la giornalista del New Yorker che l'ha intervistata.
L'idea che svegliarsi presto la mattina costituisca una virtù è diffusa sin dall'antichità. Aristotele scriveva che "svegliarsi prima dell'alba è raccomandabile; e costituisce una sana abitudine".
Benjamin Franklin esprimeva la stessa idea in altri termini: "Andare a letto presto e svegliarsi presto rende un uomo sano, ricco e saggio".
Uno studio pubblicato nel 1998 sul Journal of Personality and Social Psychology suggerisce che le persone diventano più passive con l'avanzare del giorno. Per questo tutti dovrebbero fare le cose più importanti della giornata al mattino, perché non saranno in grado di farle altrettanto bene la sera.
Ma, secondo Sunita Sah, questo non è sempre vero. In base al suo studio, la scienziata ritiene invece che gli orari di una giornata potrebbero anche avere conseguenze sulla sfera morale.
In una serie di esperimenti, lei e i suoi colleghi Brian Gunia e Christopher Barnes, hanno voluto verificare se determinati orari nell'arco di una giornata influenzino la probabilità che una persona imbrogli, scegliendo i partecipanti in base al loro cronotipo mattiniero e nottambulo.
I partecipanti sono stati sottoposti a prove fisiche e intellettuali. In entrambi i casi, hanno avuto la possibilità di imbrogliare.
I risultati mostrano che i mattinieri imbrogliano meno quando sono sottoposti a prove nelle prime ore del giorno. Anche l'opposto è vero: i nottambuli imbrogliano di meno la sera.
Quindi non c'è una categoria eticamente superiore all'altra: semplicemente entrambe si lasciano influenzare dall'ora del giorno che prediligono.
I mattinieri, tuttavia, sono più fortunati dal momento che la nostra società è strutturata in modo da avvantaggiare chi è più produttivo la mattina.
Anzi, ci si aspetta che tutti riescano a ottenere i migliori risultati la mattina presto, ma i nottambuli non possono svegliarsi e iniziare a lavorare quando i loro corpi dicono loro di farlo.
Al momento, Sunita Sah sta applicando i suoi studi a persone che hanno precise responsabilità etiche nella loro carriera, come i consulenti finanziari o i medici. Sostiene che queste persone prenderebbero decisioni con maggiore chiarezza se i loro orari di lavoro fossero allineati ai loro cronotipi.
"Dobbiamo pensare alla qualità del lavoro e dei processi cognitivi", sostiene la scienziata. "È molto meglio soddisfare le persone con orari e strutture modellati in base al loro cronotipo piuttosto che imporre a tutti gli stessi orari".
"Non dovrò fissare esami alle 8 del mattino se non voglio che i miei studenti copino“, ha concluso.
I nottambuli possono mettersi il cuore in pace: non sono né immorali né pigri. Ma fino a quando il mondo non girerà a loro favore, o a meno che non siano così fortunati da lavorare in un posto che permetta orari flessibili, i mattinieri continueranno a essere quelli che pigliano i pesci.
 
Autore: Anna Ditta
 
Fonte: thepostinternazionale.it
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

significato sogni
significato sogni
coppia
coppia
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
Vini e dintorni
Vini e dintorni
tradizioni
tradizioni
scomode verit
scomode verit
storia
storia
autismo
autismo
astrologia
astrologia
letteratura
letteratura
simboli e archetipi
simboli e archetipi
arte
arte
popoli e culture
popoli e culture
bambini
bambini
cucina
cucina


Leggi Anche..

8 cose da evitare prima di andare a dormire
Data: 2014-06-20

Come combattere l'insonnia
Data: 2014-10-09

I ritmi circadiani a livello fisico e psichico
Data: 2014-09-07

La notte dei Briganti a Girifalco
Data: 2014-07-24

Dormire poco. Gli effetti negativi sulla nostra salute
Data: 2015-03-10

Bonus Luce e Gas 2015: ecco come averlo
Data: 2015-02-27

Perch dormi? Per imparare meglio
Data: 2014-07-23

7 cibi da evitare assolutamente prima di andare a dormire
Data: 2014-10-14

7 cibi che conciliano il sonno
Data: 2015-01-20

Cos' il viaggio astrale?
Data: 2014-10-09





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!