Faredelbene.net



salute -> Usate il forno a microonde per riscaldare gli alimenti? Gli esperti lo sconsigliano


Usate il forno a microonde per riscaldare gli alimenti? Gli esperti lo sconsigliano




Forno a microonde, cosmetici, gli stessi alimenti possono rappresentare un rischio per la salute

Unimamme che da decenni usate il microonde per riscaldare i vostri cibi, vi siete mai chieste se questo strumento sia veramente sicuro?

Secondo una ricerca condotta dagli scienziati di Bruxelles, i rischi ci sono, ma il loro studio, in modo particolare, solleva inquietanti interrogativi sulla nostra dipendenza da un gruppo di componenti chimici presenti in tutto ciò che usiamo, come per esempio:

- Bottiglie di plastica
- Lattine
- Lacca per capelli

I componenti chimici ci fanno ammalare

Il problema non è niente affatto trascurabile perché si tratta di sostanze chimiche che alterano il nostro sistema endocrino che regola tutto ciò che fanno i nostri corpi, ovvero come:

- Ci riproduciamo
- Dormiamo
- Guariamo
- Bruciamo energia

Ci sviluppiamo mentalmente

Anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che ci siano più di 800 sostanze chimiche diffuse in tutto il mondo, nei prodotti ma anche nell’ambiente e nella catena alimentare.

Secondo un rapporto dell’OMS pubblicato l’anno scorso ci sarebbe un legame tra l’ingestione e il contatto di queste sostanze chimiche e diverse malattie che ci colpiscono:

- Cancro al seno
- Cancro alla prostata
- Infertilità
- Diabete
- Pubertà precoce
- Obesità
- Malattie autoimmuni
- Malattie cardiache
- Ictus
- Difficoltà di apprendimento

Secondo l’ Endocrine Society le principali vittime di queste sostanze sono i bimbi non ancora nati, la cui esposizione a tutto ciò ha degli effetti a lungo termine.

Uno studio canadese, per esempio, ha scoperto che l’esposizione del feto agli ftalati e al biosfenolo causa:

- Obesità
- Diabete di tipo 2

Un’indagine americana risalente a una decina di anni fa ha riscontrato presenza di ftalati nell’urina dei bambini e da allora l’Istituto Nazionale di Environmental Health Science raccomanda che i consumatori non dovrebbero riscaldare al microonde il cibo nei contenitori di plastica perché il calore fa sì che i prodotti chimici contenuti nella plastica fuoriescano.

Per quanto riguarda gli ftalati nonostante il divieto del loro utilizzo per i giocattoli dei bambini in Europa, essi sono ancora molto utilizzati tra cui lacca e tinture per i capelli.

Sempre la  Endocrine Society assicura che quasi ogni persona sulla terra è stata esposta agli ftalati.

Nel 2010 la Commissione Europea ha avviato la raccolta di prove scientifiche per vietare completamente gli ftalati, ma ci sono stati molti ritardi e ostacoli.

Emerge che vietare completamente questi composti colpirebbe il settore chimico perché gli ftalati sono ovunque.

89 esperti si sono impuntati quindi per sollecitare la Commissione europea a portare avanti il proprio operato.

Il veleno è nel cibo

Ormai l’uso di queste sostanze è così ampio che si sono inserite anche nella catena alimentare grazie ai materiali in contatto con il cibo.

Davanti a questa situazione alcuni governi stanno perdendo la pazienza con i lavori della Commissione Europea. Il mese scorso i ministri dell’ambiente di Svezia, Danimarca, Belgio, Francia, Paesi Bassi, Germania, Austria e Norvegia hanno presentato una lettera alla Commissione europea per chiedere una riduzione dell’utilizzo delle sostanze nocive per il sistemo endocrino.

Etichettare una sostanza come potenzialmente pericolosa avrebbe però un forte impatto commerciale.

Sempre stando al rapporto di cui vi abbiamo parlato sopra sarebbero ben 800 le sostanze sospette di essere nocive per il sistema endocrino.  In alcune di esse la concentrazione di ftalati e biosfenolo è regolamentata, ma la stragrande maggioranza non lo è.

Il guaio è che la maggior parte delle sostanze chimiche in circolazione non sono state testate in rapporto al loro impatto sugli ormoni.

Prove contro la pericolosità di queste sostanze si sono accumulate nel corso del tempo, tanto che negli ultimi 5 anni, in tutto il mondo sono stati prodotti 772 documenti relativi a questo problema.

Cosmetici e prodotti antibatterici sono rischiosi? Ecco cosa dicono gli esperti

La Danimarca, come accennavamo, è uno dei paesi più solerti nell’avvertire i propri concittadini della pericolosità di alcuni prodotti. Dunque ha messo in allerta le donne incinte riguardo:

- Tinture per capelli
- Prodotti in PVC flessibile
- Cose in similpelle
- Tutto ciò che abbia ricevuto un trattamento antibatterico

Purtroppo queste nuove sostanze sono più insidiose di quelle di una volta, perché anche analizzandole attraverso test scientifici non si riesce a tracciare il confine in cui sono completamente innocue o pericolose.

L’industria della cosmesi poi è particolarmente interessata a questo dibattito. nel 2012 il governo danese ha chiesto alle aziende di smettere di usare 12 sostanze dannose. 58 aziende hanno risposto in modo positivo, ma altre, i cui brand sono molto noti, come la L’Oreal, non lo hanno fatto.

Mentre il dibattito rimane acceso c’è ben poco che i consumatori possano fare.

Il professor Ivell, per esempio, suggerisce di spulciare sul retro delle confezioni e trovare i prodotti che hanno un minor contenuto di queste sostanze. “Se non riuscite a comprendere cosa significa una parola, c’è la probabilità che si tratti di qualcosa di brutto” incita il professore.

Il dottor Steve Ball, endocrinologo presso lo Newcastle upon Tyne Hospitals NHS Foundation Trust, è convinto della pericolosità di queste sostanze e quindi evita di riscaldare la plastica nel microonde ed evita di consumare il cibo in questo contenitore.

Secondo lui gli ftalati sono chiaramente tossici e alte concentrazioni di questi sono collegabili allo sviluppo del cancro.

Gli effetti di basse concentrazioni di ftalati non sono state ancora accertate ma in ogni caso è bene lavare sempre frutta e verdura.

Alastair Hay, professore di tossicologia ambientale è invece più cauto, perché secondo lui la concentrazione di queste sostanze non sono tali da influire sul comportamento ormonale.

Ashley Grossman, professore di endocrinologia all’Oxford Center per Diabete, Endocrinologie a Metabolismo consiglia di non riutilizzare per un lungo periodo le bottiglie di plastica. 

Voi cosa ne pensate?

Fonte: universomamma

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
scuola
scuola
storia
storia
curiosit
curiosit
salute
salute
bambini
bambini
religioni
religioni
animali
animali
fisica quantistica
fisica quantistica
lavori creativi
lavori creativi
numerologia
numerologia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
scienza
scienza
significato dei colori
significato dei colori
donna
donna


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!