Faredelbene.net



riflessioni -> Lascialo cadere-Parabola Zen


Lascialo cadere-Parabola Zen




"Un monaco portò due piante in vaso al suo Maestro. «Lascialo cadere», ordinò il Maestro. Il monaco lasciò cadere un vaso. «Lascialo cadere», tornò a ordinare il Maestro. Il monaco lasciò andare il secondo vaso. «Lascialo cadere», urlò a questo punto il Maestro. E il monaco, balbettando: «Ma non ho niente da lasciar cadere». Il Maestro annuì e disse: «E allora portalo via».

Il monaco aveva in dono questi due vasi di piante per il maestro. Ne aveva due: perché il maestro non dice subito, senza mezzi termini: "Lasciali cadere entrambi"? Perché fa cadere prima un vaso e poi l'altro?
Non è una domanda viziosa: tutto in queste storie ha un suo preciso significato. In questo caso i motivi sono essenzialmente due. Il primo è quello di creare (pedagogicamente) una sorta di effetto 'cascata'. Il ripetere in modo reiterato "lascialo cadere" produce nell'ascoltatore la corretta impressione di tutta una serie di attributi, di modalità, di abitudini inveterate che vanno via via abbandonate, lasciate cadere. Hai lasciato cadere una tua convinzione profonda? Bene: ora lascia cadere quel tuo giudizio sulla tal persona. Fatto? Allora comincia con il far cadere quell'idea balzana che ti sei fatto sul significato dello zen. E via di seguito. Non c'è nulla davanti al quale il "lascialo cadere" si debba arrestare, debba indietreggiare: questo è molto importante. Per questo la via dello zen - e con sé, la via della meditazione - è qualcosa che necessita estremo coraggio: siamo aggrappati a noi stessi, non ci vogliamo perdere. Vorremmo dire: "Lasciatemi almeno le mie idee, i miei sentimenti, i miei giudizi, le mie preferenze, le mie opinioni. O almeno lasciatemi il mio io, cosicché possa avere qualcosa con cui identificarmi, qualcosa di riconoscibile". E invece: "Lascialo cadere". È una vera e propria spoliazione di sé: solo nella perdita c'è guadagno, solo nell'abbandono c'è libertà, solo nel vuoto c'è autentica pienezza.
L'altro motivo per cui il maestro ordina di fare cadere prima un vaso e poi l'altro è la necessità di fare una cosa alla volta. È la classica pulizia dello zen. Parafrasando una frase di Charles Dickens: fare qualcosa come se non dovessimo fare altro. È una purificazione dei pensieri e delle azioni: un pensiero alla volta, un'azione alla volta. Troppi pensieri, troppe azioni contemporaneamente non ti permettono abbastanza consapevolezza: ti ingabbiano.
All'ultimo "lascialo cadere" del Maestro, quando oramai erano caduti entrambi i vasi, il monaco risponde sbigottito che non ha niente da lasciare cadere. Vedete? Qui c'è una duplice interpretazione: ironica o seria. La prima fa del monaco uno che non ha capito proprio niente: ha lasciato andare qualcosa, ma non tutto. Gli è bastato far cadere gli aspetti più grossolani della sua persona per credere che non ci fosse altro da cui liberarsi. E allora il Maestro gli dice, beffeggiandolo: va bene, vattene pure via con quel niente che pensi di avere dentro di te.
Secondo invece una interpretazione 'seria', il monaco coglie tutto, comprende il segreto. È l'illuminazione: non ho nulla da lasciar cadere. Non dice: non ho più nulla; dice invece: non ho nulla. È qualcosa cioè di istantaneo, di immediato; è la realizzazione del vuoto. Un vuoto cui non si perviene attraverso un iter: non è qualcosa da costruire, ma da realizzare.
Anche questo è un esercizio del "lasciare cadere": cioè anche quello che dicevamo poco fa, l'abbandono prima di qualcosa, poi di qualcos'altro, ecc., è solo una verità relativa, che deflagra completamente davanti alla realizzazione della verità assoluta, e che quindi va abbandonata a un certo punto, a un certo livello. Non è più qualcosa di graduale, non è un avvicinamento a tappe verso la meta finale. È realizzazione, qui e ora, istantanea: una realtà che era già sempre stata e che è: solo che ora è realizzata. È stato necessario un lavoro, certo, ma solo per comprendere che non c'era nulla a cui arrivare, cui pervenire, che non è avvenuto nessun cambiamento, ma solo un rischiaramento.
Eppure, se non ci fosse stato precedentemente quel lavoro, avremmo potuto realizzare mai qualcosa?

 

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

lingua italiana
lingua italiana
simboli e archetipi
simboli e archetipi
lavori creativi
lavori creativi
scienza
scienza
numerologia
numerologia
medicina naturale
medicina naturale
astronomia
astronomia
libri e recensioni
libri e recensioni
significato dei colori
significato dei colori
bonus e incentivi
bonus e incentivi
miti e leggende
miti e leggende
psicologia
psicologia
cucina
cucina
Vini e dintorni
Vini e dintorni
bambini
bambini


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!