Faredelbene.net



riflessioni -> Tutto Ŕ me stesso - Annamalai Swami


Tutto Ŕ me stesso - Annamalai Swami




Annamalai Swami incontrò Bhagavan (Ramana Maharshi) nel 1928 e rimase con lui per 10 anni. Nel ’38 Bhagavan gli chiese di consacrarsi alla meditazione in solitudine a Palakottu, in una comunità di sadhu; Bhagavan andava spesso a trovarlo nella sua piccola dimora, dove lo Swami continuava ad applicare i suoi insegnamenti. Attraverso questa meditazione costante, negli anni ‘50 – ‘60 raggiunse una presenza permanente al Sé. Fu negli anni ‘80 che numerosi discepoli andarono a visitarlo; a loro trasmetteva i suoi insegnamenti con una forza rara, dalla sua esperienza diretta.
Sfortunatamente poche sedute furono registrate, quindi esistono poche tracce del suo insegnamento tra gli anni ‘80 e ‘90. Nel ‘95 Annamalai Swami si spense all’età di 89 anni. Furono registrate le sedute di quell’anno tenute tra marzo e ottobre, negli ultimi mesi della sua vita di insegnante. La seguente è una di queste.

A.S.: IL Sé è facilmente accessibile ad ogni istante, ma noi non possiamo averne coscienza nemmeno se concentriamo il nostro pensiero sul Sé, perché le nostre vasana (formazioni mentali) attirano sempre il nostro interesse e la nostra attenzione verso altre direzioni.
Per questo è importante avere questa coscienza: “Non sono la mente. Sono il Sé”. Ogni volta che la vostra attenzione sta venendo meno e  cerca di portarvi altrove, dovete ricondurla al Sé con fermezza. Non date retta alle parole della mente che vi tentano ad allontanarvi dal Sé. Dovete ignorarle e concentrarvi sulla luce che risplende in voi.

D: Quando sono in profonda meditazione, la pace è sempre presente. Ma ho l’impressione che questa pace può andare e venire. So che è solo un’idea, ma voglio sbarazzarmene e fare l’esperienza diretta della pace che non appare e scompare. Bhagavan ha detto: “Voi siete sempre il Sé. Dovete solo liberarvi dalla nozione che non siete il Sé” Come arrivarci?
A.S.: Il Sé è la pace e la felicità. La vera realizzazione del Sé consiste nel realizzare che sono in voi. Non potete distinguere la pace o la felicità dal Sé. Non sono aspetti differenti. Siccome avete l’idea che sono in voi, è là che cercate per trovarli; ma per voi questo rimane un concetto. Così, fatevi la domanda: “A chi viene quell’idea? Chi ha quell’idea?”
Dovete perseverare in questa direzione se volete cambiare l’idea in esperienza. La pace non è né un’idea né qualcosa che va e viene. Noi siamo SEMPRE Quello. Allora rimanete in Quello. Non conoscete né nascita né morte, né schiavitù né libertà. Non c’è che la pace eterna, libera da ogni idea: “io sono il corpo”. E’ questo che deve sparire.

D: Perciò è la nozione d’essere il corpo e la mente che ritorna e copre l’esperienza?
A.S.: Si, esattamente. Quell’idea “io sono il corpo” non è presente nel sonno. A tutti piace dormire, semplicemente perché non c’è nessun pensiero. Sono i pensieri che tornano dopo che fanno nascere i problemi. Non c’è un’entità separata quando dormiamo, perché nessun pensiero viene a creare l’immagine. Al risveglio, il primo pensiero che sorge, “io sono il corpo” porta alla separazione, al dubbio, alla confusione. Se arrivate a rimanere senza pensiero al vostro risveglio, ci sarà la conoscenza: “Io sono Ramana, io sono Arunachala. Tutto è me stesso” Rama, Krishna ecc., tutto è voi. Non c’è che quel pensiero limitativo “sono il corpo” per nascondervi questa conoscenza, questa coscienza. Nello stato di veglia, l’jnani (il risvegliato) non ha pensieri restrittivi, nessun ego che si identifica con un nome e una forma. Il suo stato è limpido come il cristallo. Siccome Ramana Bhagavan non aveva né ego né pensieri restrittivi, sapeva che era quella pace, quella felicità.

D: Come possiamo evitare  di attaccarci alla forma del Guru, alla sua personalità e al luogo in cui vive?
A.S.: Se evitate totalmente d’attaccarvi al vostro corpo e alla vostra mente, tutti gli altri attaccamenti spariranno. Identificatevi con Quello che non è né il corpo né la mente e non avrete più nessun attaccamento.
Non potete concentravi che su di una sola cosa alla volta. Se la vostra attenzione è sulla mente e sul corpo, non può essere sul Sé. Invece, se la mettete sul Sé e vi lasciate assorbire, non avrete coscienza della mente né del corpo.
Ogni notte mentre dormite, voi allontanate il vostro attaccamento al corpo e alla mente e ne consegue il silenzio, la pace e l’assenza di dualità. Potete vivere nello steso modo nello stato di veglia se non date retta ai pensieri che producono in voi la dualità. Resistete ai pensieri limitanti. Cambiateli con altri come: “ Tutto è me. Ogni essere umano è me. Tutti gli animali, tutti gli esseri della creazione sono me”, ciò che pensate voi lo diventate.
Se comprendete che tutto ciò che esiste è voi stessi e se ne fate l’esperienza, come potete avere dei piaceri e dei dispiaceri? Se tutto è voi stessi, il desiderio di evitare qualsiasi cosa e l’impulso a preferire qualcosa non si presentano.
Se volete stabilire una qualunque distinzione, evitate le cattive frequentazioni e i pensieri negativi. La notte, se improvvisamente sentite freddo,vi mettete addosso una coperta. Avvolgetevi nella coperta della discriminazione quando vedete che le cattive frequentazioni o dei pensieri negativi rischiano di trascinarvi verso il basso. Forse voi avete bisogno di agire così, ma l’jnani non se ne cura perché niente lo può far ricadere nel regno delle false identificazioni. Egli rimane eternamente in quello stato dove sa che tutto è lui-stesso. Non avrà mai più l’idea che qualsiasi cosa è differente o separato dal suo proprio Sé. ...

Fonte oradimeditazione.net
 

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

animali
animali
lingua italiana
lingua italiana
spiritualitÓ ed esoterismo
spiritualitÓ ed esoterismo
astrologia
astrologia
bonus e incentivi
bonus e incentivi
lavori creativi
lavori creativi
misteri e paranormale
misteri e paranormale
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
itinerari
itinerari
psicosomatica
psicosomatica
attualitÓ
attualitÓ
astronomia
astronomia
libri e recensioni
libri e recensioni
filosofia
filosofia
donna
donna


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!