Faredelbene.net



religioni -> Musulmani costretti a pregare in strada. Lettera Vescovi: Necessaria moschea


Musulmani costretti a pregare in strada. Lettera Vescovi: Necessaria moschea




Monsignor Camisasca e monsignor Lanfranchi, con un appello pubblicata sulla rivista "La libertà", chiedono che "la situazione che si è creata in città trovi una soluzione adeguata". I fedeli della religione islamica infatti da dicembre sono senza un luogo di preghiera e sono costretti a riunirsi in strada.

La Chiesa cattolica “riconosce e afferma il diritto di culto per ogni confessione religiosa, e il diritto a un luogo nel quale pregare”. L’ultimo appello per restituire una moschea alla comunità islamica di Sassuolo, che da dicembre si riunisce a pregare in strada dopo la chiusura del secondo dei due templi cittadini da parte dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Luca Caselli, eletto in quota Pdl, arriva dai vertici della Chiesa cattolica emiliano romagnola: dal vescovo di Reggio Emilia monsignor Massimo Camisasca e dal vescovo di Modena, monsignor Antonio Lanfranchi. Concordi, in una lettera pubblicata sulla rivista religiosa “La Libertà”, nell’appellarsi alle istituzioni sassolesi affinché “la situazione determinatasi in città possa presto trovare una soluzione adeguata”.

Affinché ai fedeli musulmani del Comune situato in provincia di Modena, insomma, venga concesso uno spazio dove riunirsi, uno spazio che non sia il marciapiede di via Cavour sul quale, da tre mesi, ormai, i membri della comunità islamica di Sassuolo adagiano i loro tappeti per ascoltare l’imam guidare la preghiera. “La Chiesa – scrive Camisasca – riconosce il diritto, per ogni confessione religiosa, a un luogo nel quale pregare: sarebbe inutile, infatti, una proclamazione di principio della libertà religiosa che non prevedesse poi anche la possibilità, per i credenti, di avvalersi di spazi necessari all’esercizio della propria fede”. Spazi che un tempo esistevano, a Sassuolo: in via Regina Pacis e in via Cavour, come ricordano sacerdoti, cittadini e associazioni multiculturali sassuolesi schierati al fianco dei musulmani nel chiedere la riapertura di una moschea. Almeno finchè nel 2009 il centrodestra non vinse le elezioni e Caselli conquistò la poltrona che precedentemente era stata occupata dal sindaco del Partito Democratico Graziano Pattuzzi, approvando subito un ordine del giorno che impegnava la Giunta a rifiutare la costruzione di qualsiasi centro islamico nel territorio del Comune. In pochi mesi la tensostruttura di via Regina Pacis, allestita proprio grazie a un accordo con Pattuzzi, venne quindi smantellata, e stessa sorte toccò alla sala di preghiera di via Cavour, definita da un’ordinanza della nuova maggioranza inagibile e in più soggetta ad abuso edilizio.

La comunità islamica, allora, impugnò il provvedimento ricorrendo al Tar, ma il tribunale amministrativo regionale diede ragione al Comune di Sassuolo. La moschea di via Cavour rimase chiusa fino al 2010, quando il Consiglio di Stato sospese l’ordinanza comunale in attesa di un parere definitivo, e le chiavi della sala di preghiera vennero restituite ai musulmani. Temporaneamente, però. I “lavori di ripristino dei luoghi”, come richiesto nell’ordinanza di sgombero firmata dall’amministrazione cittadina, spiega Qasim Zahi, presidente dell’Associazione Comunità Islamica di Sassuolo, vennero fatti, tuttavia nel novembre scorso lo stesso Consiglio di Stato si espresse definitivamente sull’intera vicenda, rigettando, di fatto, l’appello dall’associazione musulmana. E decretando, quindi, a dicembre una nuova chiusura del tempio. La situazione, per i musulmani di Sassuolo, ad oggi non è cambiata, sebbene dal centrosinistra cittadino ai sacerdoti cattolici, dalle associazioni, ai sindacati, ai cittadini, siano in molti a chiedere un passo in dietro al sindaco Caselli, in virtù dell’articolo 19 della Costituzione: “Tutti hanno diritto di professare liberamente la propria fede religiosa in qualsiasi forma, individuale o associata, di farne propaganda e di esercitarne in privato o in pubblico il culto, purché non si tratti di riti contrari al buon costume”.

E ora, al coro di voci si aggiungono anche i vescovi, in prima linea nel ricordare le parole che Papa Francesco pronunciò nel Messaggio ai musulmani nel mondo intero per la fine del Ramadan, il 10 luglio 2013: “Rispetto nei rapporti interreligiosi, specialmente tra cristiani e musulmani”. “So che spesso, anche nelle nostre comunità cristiane, si è tentati di richiamare un principio di reciprocità, che fa leva sul fatto che molte volte i cristiani, nei paesi musulmani, vedono calpestata la loro libertà di professare pubblicamente, e in luoghi idonei, la propria fede – scrive Camisasca – Non nascondo la gravità della questione: e tuttavia mi preme sottolineare la ‘regola d’oro’ che deve guidare prima di ogni altra cosa il punto di vista di un discepolo di Gesù Cristo: Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro. Desideriamo per tutti i credenti ciò che chiediamo per noi: la libertà concreta di professare anche pubblicamente, la fede che ciascuno fa sua”. “La dichiarazione dei vescovi di Modena e Reggio Emilia – sottolinea Yassine Lafram, membro dell’Associazione Giovani Musulmani d’Italia – è un segnale positivo che giunge in un momento molto opportuno perché sul tema in Italia servirebbe una riflessione.

Nell’80% dei casi, in Emilia Romagna così come nel resto del paese, le moschee non sono che piccoli spazi angusti ricavati in scantinati, garage, ex appartamenti fatiscenti: spazi dove è difficile pregare, e per noi pregare è obbligatorio, è una necessità imprescindibile. Noi musulmani non chiediamo di costruire grandi moschee, ma sale adeguate a riunirci. Vorremmo solo poter professare la nostra fede in maniera dignitosa e non in mezzo alla strada, al freddo, sotto alla pioggia, come accade a Sassuolo. Siamo i primi a dire che la sicurezza viene prima di ogni altra cosa, ma spesso quando chiediamo di poter affittare uno spazio per la preghiera veniamo relegati fuori dalle città, emarginati: non siamo criminali, siamo padri e madri di famiglia che dopo il lavoro si riuniscono per professare la propria fede. Speriamo che la situazione, almeno a Sassuolo, possa cambiare presto”.

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

letteratura
letteratura
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
Vini e dintorni
Vini e dintorni
musica
musica
arte
arte
fisica quantistica
fisica quantistica
lingua italiana
lingua italiana
popoli e culture
popoli e culture
bambini
bambini
coppia
coppia
attualit
attualit
artisti
artisti
scuola
scuola
autismo
autismo
storia
storia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!