Faredelbene.net



religioni -> L'Arizona sulla libert religiosa: la discriminazione diventa legge!


L'Arizona sulla libert religiosa: la discriminazione diventa legge!




Per assurdo un indù potrà rifiutare di servire un cristiano, e viceversa.

La nuova legge, la SB1062, ridefinisce i concetti di “persona” e “libertà religiosa” modificando una precedente legge del 1999. Con le nuove modifiche, per “persona” si intende “qualsiasi individuo, associazione, impresa, società, chiesa o altre attività commericali”; e per “libertà religiosa” si intende la “pratica e l’osservanza della religione”. L’allargamento generico delle due definizioni permetterebbe di estendere le tutele alla libertà religiosa anche alle attività commerciali. Come spiega un documento pubblicato dal Center For Arizona Policy, un think tank conservatore che ha molto sostenuto la nuova legge, queste modifiche riconoscono il diritto degli imprenditori di condurre la propria attività commerciale nel rispetto di precetti religiosi e quello dei lavoratori di non rinunciare alle proprie credenze religiose o di non violarle nell’esercizio della professione. La legge federale, invece, impone alcune limitazioni alla libertà religiosa quando il suo esercizio ha effetti discriminatori sulla popolazione.

Giovedì 19 febbraio il parlamento statale dell’Arizona, a maggioranza repubblicana, ha votato a favore di una nuova contestata legge sulla libertà di religione che potrebbe permettere a chi gestisce un esercizio commerciale di non assumere o di non servire qualcuno perché gay e lesbica. Il governatore dell’Arizona, la repubblicana Jan Brewer, ha tempo fino a venerdì per decidere se firmare la legge – e quindi farla entrare in vigore – o se utilizzare il suo potere di veto; negli ultimi giorni, in molti, inclusi alcuni repubblicani che la legge l’hanno votata qualche giorno fa, hanno chiesto al governatore di bloccare la legge. Cosa dice la nuova legge?

In uno stato tradizionalmente ostile verso i gay, una delle conseguenze della nuova legge – anche se non l’unica – sarebbe la possibilità di un’ampia discriminazione: persone gay e lesbiche potrebbero vedersi negare servizi commerciali o un posto di lavoro se chi li offre affermasse che farlo costringerebbe a violare la propria fede religiosa. Owen Ullman su USA Today ha fatto notare che la legge comporterebbe alcune assurdità: Sono curioso di vedere come un commerciante farebbe a scoprire se un cliente è gay. Si dovrà firmare una dichiarazione di eterosessualità come condizione per essere serviti? Se due donne si tengono per mano, sono una coppia lesbica o sono solo sorelle? Se due uomini si baciano in un negozio sono gay o forse… solo francesi? E se le credenze religiose sono una giustificazione per rifiutare di servire coppie gay, l’Arizona non dovrebbe estendere allora il principio a tutte le credenze religiose? I devoti musulmani dovrebbero avere il diritto di rifiutare di servire donne che non portano il burqa. I cristiani scientisti dovrebbero avere il diritto di rifiutare il servizio a medici e infermieri. Gli indu potrebbero rifiutarsi di servire chiunque a cui piaccia mangiare un hamburger. Atei? Sareste sfortunati più o meno ovunque.

Senza contare le conseguenze economiche che avrebbe la norma. La Camera di commercio dell’Arizona ha diffuso un comunicato in cui si dice molto preoccupata per le possibili ricadute negative che la SB1062 potrebbe avere sull’economia, e ha chiesto al governatore di fermare la legge: «in quanto leader della comunità di commercianti non possiamo sostenere misure che potrebbero esporre le nostre attività a delle cause legali, e non vogliamo mandare il messaggio che il nostro stato non è un posto accogliente per i suoi visitatori e i talenti che possono costituire la chiave di volta della nostra crescita economica». Le reazioni alla legge Moltissimi hanno contestato la nuova legge. Wingspan, un gruppo che si occupa dei diritti delle persone gay, lesbiche, bisessuali e transgender (LGBT), ha organizzato in poche ore una manifestazione e successivamente una petizione online per chiedere alla governatrice repubblicana Jan Brewer di porre il veto sulla legge. Diverse grandi aziende, tra cui Apple e American Airlines, si sono dette preoccupate per la nuova legge; la commissione organizzatrice del Super Bowl, che il prossimo anno dovrebbe essere giocato in Arizona, ha fatto intendere che, come già avvenuto in passato, potrebbe decidere di spostare la partita altrove se la legge dovesse entrare in vigore.

Anche alcuni politici repubblicani stanno facendo pressioni su Brewer: entrambi i senatori federali dell’Arizona – John McCain, sfidante di Barack Obama alle elezioni del 2008, e Jeff Flake – hanno chiesto di porre il veto; anche tre senatori del senato statale dell’Arizona, che avevano votato a favore della legge, hanno scritto alla governatrice per chiederle di bloccarla. Uno dei tre, il senatore Bob Worsley, ha detto: «non ero a mio agio con il voto e non lo sono stato per diverso tempo. [...] Mi sento molto in colpa, è stato un errore». Poche ore fa, inoltre, anche Mitt Romney, candidato repubblicano alla presidenza degli Stati Uniti nel 2012, ha espresso con un tweet la sua contrarietà alla legge:@GovBrewer: veto of #SB1062 is right.

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

lavori creativi
lavori creativi
mamme
mamme
lingua italiana
lingua italiana
attualit
attualit
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
scuola
scuola
simboli e archetipi
simboli e archetipi
tradizioni
tradizioni
amore e dintorni
amore e dintorni
medicina naturale
medicina naturale
antroposofia
antroposofia
psicosomatica
psicosomatica
significato dei colori
significato dei colori
Vini e dintorni
Vini e dintorni
musica
musica


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!