Faredelbene.net



religioni -> SPIRITUALIT└ ORIENTALE E SCIENZA: SGUARDI RECIPROCI


SPIRITUALIT└ ORIENTALE E SCIENZA: SGUARDI RECIPROCI




Due mondi meno impermeabili l’uno all’altro di quanto si pensi.

Al di là dei pregiudizi (da entrambe le parti), misticismo orientale e scienza condividono un punto fondamentale della natura umana: l'importanza di porsi delle domande. Le risposte possono essere assai diverse, ma dettate sempre dal “gusto di una sacra curiosità”, imprescindibile in ogni ricerca, scientifica e spirituale
Da quando la cultura orientale è diventata fenomeno di massa e non più solo oggetto di studio per intellettuali all’avanguardia, ha destato sempre maggiore interesse tanto a livello popolare che scientifico.

Semplificando, nel momento in cui la cultura giovanile se ne appropriò (verso gli anni ‘60/’70 del secolo scorso) soddisfò due esigenze allora particolarmente pressanti: il desiderio di una spiritualità alternativa alle religioni mainstream occidentali, e la ricerca dell’esotico, dell’ “altro” rispetto quanto proposto (e spesso imposto) dalle figure genitoriali. Eppure questo fenomeno culturale non ha riguardato unicamente la musica, l’arte e il costume. Anche la comunità scientifica non ne è rimasta indifferente, che ha iniziato infatti a esplorare e studiare il sapere orientale setacciandolo con le proprie metodologie di indagine al fine di capire quanto potesse essere abbracciato e quanto dovesse essere respinto.

Come è noto a tutti, le maglie di quella che viene definita “scienza” sono piuttosto strette e le sue prerogative rigide. Fatto è che è molte autorevoli accademie e centri di cultura hanno iniziato a studiare lo yoga, i mantra, il tai chi, i mandala, etc da innumerevoli punti di vista (fisico, biologico, medico) in un processo che è lungi dal dirsi anche lontanamente concluso.

Una storia travagliata, ma affascinante
E’ iniziata così una relazione estremamente interessante tra la spiritualità e il misticismo orientale e la scienza occidentale che viene scritta ogni giorno nei laboratori e negli istituti di ricerca di mezzo mondo.

Un libro che, in materia, può considerarsi una pietra miliare è il famosissimo “Il Tao della Fisica” scritto dal fisico Fritjof Capra. Il testo, in sintesi, studia le affinità che esistono tra le teorie della scienza moderna (soprattutto della fisica) e le religioni e filosofie come l’induismo, il buddismo, il taoismo che non sono più messe in contrapposizione le une alle altre, ma se ne sottolineano le matrici e gli esiti comuni.

Ne scaturisce un insieme estremamente armonico che il fisico spiega in modo esaustivo e divulgativo, pienamente apprezzabile anche da coloro le cui conoscenze scientifiche risalgono alle scuole: un libro che ci sentiamo di consigliare a tutti i nostri lettori.

L’indagine però non è andata avanti solo nella teoria, ma anche nella pratica. Sono moltissime le pubblicazioni scientifiche (soprattutto americane) che riguardano l’avanzata della ricerca in merito. Lo yoga e la meditazione - per limitarci a due esempi - sono sotto stretta osservazione per i benefici che offrono ai praticanti, le cui dinamiche restano in parte da scoprire. Così leggiamo come la meditazione può essere utile all’addestramento dei marines o come lo yoga venga praticato dai detenuti nelle carceri. Si sta facendo sempre più largo la cosiddetta yogaterapia che si propone quale metodo di cura alternativo per disturbi specifici, così come la meditazione nel trattamento delle dipendenze. Le applicazioni sono moltissime e alcune davvero straordinarie.

Dall’altra parte, è degno di nota il fatto che, ormai periodicamente, il Dalai Lama si incontri con vari gruppi di ricercatori dando vita ad un scambio fecondo e prezioso. Molti meditatori, inoltre, non si tirano indietro di fronte alla ricerca permettendo così lo studio il cervello proprio durante le fasi della meditazione più profonda, fornendo un contributo importantissimo soprattutto nel campo delle neuroscienze.

Queste aperture da entrambe le parti sono comunque una porzione del quadro generale non scevro di contrarietà: non manca lo scetticismo preconcetto di molti ambienti, così come l’oggettiva perplessità di fronte a tecniche impostate su sistemi religiosi e quindi, per costituzione, fideistici. Il già citato leader tibetano ha commentato con queste parole l’apparente inconciliabilità tra le due parti: “Gli scienziati cercano di conoscere la realtà (come i buddisti, ndr). Lo fanno però in base al metodo della scienza e cioè per mezzo della dimostrazione scientifica. I buddisti hanno dunque più libertà di porsi domande: possono porsi quesiti ai quali si può cercare una risposta anche senza il metodo scientifico”. Un gap non insormontabile, ma innegabilmente esistente.

 

Sperimentare con consapevolezza
Un presupposto fondamentale in ogni ricerca è quello che nulla va escluso a priori. Ad oggi molto delle discipline orientali rimane avvolto nel mistero sia a causa di una ricerca ancora in fase embrionale, sia perché vari aspetti aspettano di essere indagati. Molto però è stato fatto e i risultati sono davvero degni di attenzione e meritevoli di diffusione. Anche questo sito, nel suo piccolo, è un’opportunità per renderli noti e dare loro il peso che meritano. Ad essi poi va sempre affiancata l’esperienza quotidiana e personale forse non ancora dimostrata in una formula matematica, ma anch’essa inconfutabile.

Senza esortare ad un’acritica sospensione del giudizio o a un abbandono irrazionale (assai pericolosi in un campo dove abbondano le persone incompetenti e senza etica) il nostro invito è quello di sperimentare con giudizio quanto vi viene proposto da persone e fonti autorevoli al di là del placet di questa o quella rivista scientifica.

Come sosteneva Voltaire: “Non affermo niente; ma mi contento di credere che ci sono più cose possibili di quanto si pensi”.

Autore: 1 1



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

musica
musica
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere
itinerari
itinerari
diete
diete
amore e dintorni
amore e dintorni
casa
casa
astronomia
astronomia
mamme
mamme
popoli e culture
popoli e culture
artisti
artisti
attualitÓ
attualitÓ
libri e recensioni
libri e recensioni
religioni
religioni
animali
animali
tecnologia
tecnologia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!