Faredelbene.net



psicosomatica -> Psicosomatica del corpo


Psicosomatica del corpo




Nella medicina psicosomatica, certi disturbi fisici sono il riflesso, o meglio l'espressione fisica di stati psico-emotivi, qui troverete una piccola guida generale

TESTA E FRONTE

Se si pensa molto e non si agisce,si avranno disturbi alla testa,dalle emicranie,spesso dovute a stati d'ansia, alle vertigini o nei casi più gravi perdite momentanee delle cognizioni spazio temporali.


TEMPIE

Sinistra Se ci si preoccupa troppo dei problemi degli altri, divenendone succubi, si avranno dolori alla parte sinistra della testa.
Destra Se ci si preoccupa troppo di problemi e doveri personali, facendone delle ossessioni si avranno dolori alla parte destra della testa. 

ORECCHIE

I problemi alle orecchie sono legati alla difficoltà di accettare ciò che si sente i dolori sono collegati alla rabbia di quanto si ascolta,la sordità al rifiuto di ascoltare. L'orecchio sinistro e legato alla ricezione e le critiche o la paura di ricevere brutte notizie lo indeboliscono, così il destro è legato all'attesa senza nessuna azione

GOLA

La paura di esprimersi, l'incapacità di affrontare la realtà, la creatività soffocata, colpiscono la gola, la troppa rabbia soffocata fa insorgere problemi alla laringe, invece problemi alle tonsille o alla tiroide sono sintomo di una creatività repressa

NASO

Organo della direzione e dell'equilibrio se una persona cambia spesso direzione nella vita, senza concludere niente, soffrirà facilmente la sinusite.

CUORE

Il cuore è amore, il sangue è gioia. Gli attacchi di cuore sono negazioni ed eliminazione della gioia e dell'amore.

GUANCE

Sinistra Perdita di stima degli altri, avvenimenti ove ci si sente poco stimati, disturbo al trigemino sinistro.
Destra Perdita di stima per sé stessi, rodersi a pensare di fare cose senza riuscire, disturbo al trigemino destro.

BOCCA

Organo di espressione; se un bambino viene represso nel momento in cui cerca di esprimere le sue idee o i suoi pensieri può cominciare a balbettare, o ad avere problemi di comunicazione, che potrebbero diventare una volta adulto chiusure nell'espressione dei propri pensieri e sentimenti.

DENTI

Se non ci piace una certa situazione e non facciamo niente per cambiarla si cariano i denti anteriori incisivi e canini, mentre se la rifiutiamo interiormente si cariano i molari o premolari.
NUCA

Ogni tipo di tensione si accumula alla nuca, se le ansie sono così forti che lo stomaco e l'intestino non riescono più ad assorbirle, vanno alla nuca e si crea l'artrosi cervicale da stress, i problemi al collo sono legati a una mancanza di flessibilità.

OCCHI

ASTIGMATISMO è espressione di un conflitto interiore el Sé, lo STRABISMO si può sviluppare in un bambino quando in famiglia esistono forti conflitti fra i genitori, (il bimbo non sa da che parte stare), la MIOPIA invece si sviluppa quando non si vede nessuna possibilità di realizzare le proprie aspirazioni, il futuro diventa distante, irraggiungibile, invece la PRESBIOPIA è legata una vita in ambiente negativo, che si rifiuta di vedere. 

COLLO

Punto di congiunzione tra la parte pensante (testa) e la parte operante (corpo).

Se una persona pensa di fare qualcosa,poi al momento di agire fa il contrario,si possono avere disturbi al collo,come la cervicale.

SPALLE e COLONNA VERTEBRALE

Se le responsabilità personali della vita, tipo: lavoro, casa, figli, sono troppo pesanti, si possono avere disturbi alla spalla destra; mentre se ci prendiamo troppe responsabilità per gli altri, si possono avere disturbi alla spalla sinistra, se poi diventano troppo pesanti premono sulla colonna vertebrale e favoriscono l'ernia al disco.

Quindi qualsiasi problema alla schiena è causato da responsabilità troppo pesanti sia imposte che scelte,la parte superiore è sensibile alla mancanza di un sostegno emozionale"spalle curve", quella centrale ai sensi di colpa e quella inferiore ai sentimenti di distruzione.

SENO e TESTICOLI

Organo femminile del dare e ricevere amore, è collegato a tutto il settore affettivo e sentimentale della vita.

Il seno sinistro è collegato al ricevere amore, se una donna non ha mai ricevuto amore si forma la ciste.
Al seno destro è collegato il dare amore, se c'è un blocco, al dare amore nasce la ciste.
Questa corrispondenza nell'uomo e nei testicoli: testicolo destro - seno destro; testicolo sinistro seno sinistro. Utero, ovaie e pene, corrispondono alla creatività.

Problemi in questi organi, significano blocco alla Creatività sia fisica, che psicologica ma anche spirituale. Infezioni urinarie = rabbia, ferite non risolte.

Vaginite = affettività ferita dal comportamento di un partner.

Prostata = autostima e abilità sessuale. Impotenza = paura o disprezzo per la compagna.

Frigidità = paura, senso di colpa sessuale, disgusto per se. Sindrome premestruale = negazione del ciclo e del valore della donna. Malattie veneree = senso di colpa sessuale

 

TORACE

Se una persona fa degli sforzi enormi per andare avanti nella vita e ottiene molto poco, ha dei disturbi al torace, al contrario se fa degli sforzi enormi e ottiene quello che vuole, il problema si riscontra nelle emorroidi. Nel caso poi, che pur facendo enormi sforzi senza ottenere ciò che vuole, il problema riguarda le vene varicose.

BRACCIA E GAMBE

C'è una corrispondenza diagonale tra il corpo e il sistema nervoso. Il braccio destro e la gamba sinistra, rappresentano le capacità che una persona possiede. Il braccio sinistro e la gamba destra, rappresentano le circostanze della vita da sfruttare in base alle proprie capacità. Così il gomito destro ed il ginocchio sinistro, rappresentano l'elasticità o la durezza nel vivere ed esprimere le capacità nel sociale. Il gomito sinistro ed il ginocchio destro, rappresentano l'elasticità o la durezza nel cogliere le occasioni della vita. Infine la caviglia sinistra ed il polso destro,rappresentano la capacita di realizzare i nostri intenti e progetti mentre la caviglia destra ed il polso sinistro, la capacità di sfruttare le buone occasioni che ci vengono offerte.

DITA DELLA MANO

Il pollice rappresenta l'uso della volontà, l'indice rappresenta il seguire la direzione della vita, il medio l'equilibrio fisico, l'anulare il sistema sensoriale, il mignolo la serenità interiore. Le dita della mano destra sono legate all'uso di queste capacità, in quella sinistra alle circostanze della vita.

LA PELLE E LE ALLERGIE

La costituzione del tessuto epiteliale fa si che l'epidermide esplichi una efficace funzione protettiva all'intero organismo dai fenomeni fisici esterni. Quale tessuto indipendente possiede funzioni che permettono la decodificazione dei segnali provenienti dall'ambiente circostante, presiedendo in tal modo al tatto come organo di senso.

L'epidermide e l'involucro che riveste il corpo e consente all'organismo un continuo scambio con l'esterno ,in tal modo il suo aspetto e spesso rivelatore di possibili malattie di alcuni organi interni o di un alterato stato di salute dell'organismo. L'epidermide manifesta attraverso l'allergia, l'espressione visibile di stati di somatizzazione dell'impulso aggressivo represso, derivante da tensioni e frustrazioni inconsce.

Ora tutte le informazioni accumulate possono divenire causa di turbamento alla coscienza,che per i suoi delicati e complessi meccanismi,finisce per entrare in conflittualità con il proprio mondo interiore; l'energia,non trovando un suo adeguato sbocco finisce così a sedimentare nell'inconscio con le suddette conseguenze. l'allergia ai pollini manifesta la conflittualità creatasi tra la percezione della bellezza della natura e l'impossibilità,di rispondere interiore alla gioia di vivere.

Una carenza affettiva può tradursi come mancanza di calore che a sua volta può creare una tendenza a facili scottature.

Viceversa un affetto eccessivo può essere soffocante e predisporre l'individuo ad amare il freddo. Le repressioni della sfera aggressiva possono manifestarsi con acne e foruncoli quale manifestazione di un 'energia inespressa somatizzata attraverso l'epidermide.

L'impossibilità ad aprirsi allo scambio affettivo e creativo, comporta un blocco delle energie vitali che alimentano il tessuto epiteliale con conseguente secchezza dell'epidermide che assume le caratteristiche di quella ormai nota malattia che si chiama psoriasi. 

PIEDI

Rappresentano l'equilibrio per il movimento ed hanno corrispondenza colle mani in senso diagonale. Le natiche rappresentano l'equilibrio funzionale.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

misteri e paranormale
misteri e paranormale
diete
diete
autismo
autismo
numerologia
numerologia
libri e recensioni
libri e recensioni
mamme
mamme
arte
arte
news
news
filosofia
filosofia
io non ci sto
io non ci sto
storia
storia
artisti
artisti
animali
animali
amore e dintorni
amore e dintorni
simboli e archetipi
simboli e archetipi


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!