Faredelbene.net



psicosomatica -> Il corpo e la mente


Il corpo e la mente




La psicosomatica può essere intesa come una scienza che si propone di studiare e di aiutare l’essere umano nei suoi aspetti psicologici e in quelli corporei: psiche e soma sono aspetti diversi di un unico organismo.

Il corpo non è solo un fenomeno biologico ma anche una costruzione mentale graduale e complessa che si sviluppa, inizialmente, soprattutto all’interno della relazione con la madre. Il neonato, infatti, sperimenta una condizione dove non percepisce una chiara distinzione tra sé e il corpo materno. Egli cioè attribuisce all’altro ciò che in realtà prova lui stesso e nello stesso tempo riceve dall’altro una prima immagine di sé. Questo scambio svolge un ruolo importante per la formazione di una propria rappresentazione corporea, oltre che per lo sviluppo della personalità. In un primo momento, i suoi vissuti coincidono con l’esperienza che ha di sé come corpo e, con il tempo, svilupperà la capacità di elaborare queste sensazioni sotto forma di pensieri, fantasie e sogni, attribuendo ei processi biologici un significato psicologico.


Il corpo svolge anche un’importante funzione comunicativa: fin dall’inizio esso è vissuto in relazione con l’altro e non come qualcosa di separato. Ogni nostro gesto, ogni espressione, compresi l’immobilità o il silenzio, assumono in un determinato contesto un loro significato. Attraverso un linguaggio non verbale possiamo esprimere emozioni e sentimenti, manifestare l’idea che abbiamo di noi stessi e del nostro corpo e comunicare su aspetti che riguardano la nostra relazione con gli altri.

L’esperienza che abbiamo di noi stessi “oscilla sempre in equilibrio tra l’essere e l’avere un corpo, e questo equilibrio deve essere continuamente ristabilito” (Berger e Luckmann, 1969, p. 81). In alcune circostanze noi sentiamo di “avere un corpo”, lo osserviamo nelle sue modificazioni, misuriamo le sue prestazioni e ne individuiamo i segnali prestando attenzione a dolori, fastidi e sensazioni. In altre situazioni noi “siamo il nostro corpo” e viviamo in esso integrando le sensazioni sensoriali provenienti da organi elaborandole in un vissuto psicologico caratterizzato da pensieri, fantasie ed emozioni. Questa separazione non è mai così netta: è dall’equilibrio dei due poli che deriva la salute dell’individuo e la sua capacità di adattamento.

In una prospettiva moderna, la psicosomatica deve considerare non solo i processi patologici ma anche l’atteggiamento che ognuno di noi assume quando si sente malato.

La nozione di comportamento di malattia, formulata originariamente da Mechanic e Volkart (1960), si riferisce al modo in cui i sintomi possono essere differentemente percepiti, valutati e manifestati, o nascosti, da ogni essere umano.

Se in alcuni individui la tendenza a viversi come malati è molto pronunciata, in altri si verifica l’opposto. Vi sono persone che non si rivolgono al medico nemmeno quando manifestano segni evidenti di sofferenza e altre che si sentono malate anche quando non hanno veri e propri sintomi.

Questo comportamento abnorme di malattia è stato particolarmente studiato da Issy Pilowsky che l’ha definito come “la persistenza di un modo di percepire, valutare e agire inappropriato o disadattato rispetto al proprio stato di salute, malgrado un medico abbia offerto una spiegazione ragionevolmente lucida sulla natura della malattia e una terapia appropriata”.

Sono state fatte delle ipotesi sulle ragioni che possono portare allo sviluppo di un comportamento di malattia alterato. Secondo Engel (1959) molti di questi individui vivono sentimenti di colpa legati ad esperienze infantili segnate da violenze e da punizioni corporali e ad una storia personale di sofferenze e fallimenti, vivono in modo conflittuale la sessualità e manifestano raramente la rabbia e l’ostilità. Alcune alterazioni del comportamento di malattia possono, quindi, essere legate a vissuti depressivi e ad una difficoltosa elaborazione della propria aggressività. Con il proprio atteggiamento, essi esprimono in modo inadeguato i propri sensi di colpa e la rabbia che provano verso gli altri, facendoli sentire incapaci e inutili, e verso se stessi, soffrendo.

“In altre parole, io non credo che la mente esista davvero come entità, un’affermazione forse sorprendente in bocca a uno psicologo. Quando parliamo dell’influenza della mente sul corpo o di quella del corpo sulla mente, non facciamo che abbreviare e semplificare per comodità una frase più complessa” (Jones, 1946).

Dott.ssa Sara Breschi
psicologa, psicoterapeuta.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

lavori creativi
lavori creativi
donna
donna
itinerari
itinerari
storia
storia
significato sogni
significato sogni
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
animali
animali
miti e leggende
miti e leggende
musica
musica
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
tecnologia
tecnologia
tradizioni
tradizioni
beneficenza
beneficenza
popoli e culture
popoli e culture
religioni
religioni


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!