Faredelbene.net



psicosomatica -> Significato psicosomatico del Diabete


Significato psicosomatico del Diabete




Malattia cronica del metabolismo che consiste in un aumento dei livelli di zucchero nel sangue, dovuto a un'insufficiente produzione dell'ormone insulina da parte del pancreas. Se ne distinguono due tipi: il tipo 1 insorge fra i 10 e i 16 anni, viene chiamato insulino-dipendente e si presenta con debolezza, sete intensa, brusco calo del peso, crisi ipoglicemiche, difficoltà immunitarie

Il tipo 2, detto non-insulino-dipendente, insorge dopo i 30 anni in modo graduale, secondo una certa predisposizione familiare associata a sedentarietà.
Che cosa vuoi dire in psicosomatica ?
Darsi da soli la dolcezza negata dalla vita.

L' iperglicemia è il primo modo con il quale ognuno di noi sente la presenza concreta della mamma.
Da neonati, a ogni poppata lattea, lo zucchero sale nel sangue e noi sentiamo che la mamma c'è. È un imprinting fondamentale su cui si costruiscono, man mano, le forme più mature dell'idea di essere amati e della fiducia di base. Il latte materno dunque è una pietra su cui si fonda il nostro modo di essere al mondo. Se questo latte-amore, però, è insufficiente o poco nutriente,
1'imprinting che riceviamo sarà controverso e inadeguato a farci sentire amati, così potrà restare in noi una paura ancestrale: quella di tutte le situazioni "poco zuccherine", per esempio rapporti "freddi" e poco accoglienti, come spesso capita sul lavoro. Davanti a tali situazioni, il cervello che ha ricevuto un imprinting inadeguato reagisce come davanti a una carenza di zucchero nel sangue (ipoglicemia): cioè sente un'assenza d'amore, un vuoto insopportabile e angoscia di morte. È questo il terreno di base di entrambi i tipi di diabete, anche quando la componente genetica è forte.
Nel diabete di tipo 1:
Il ragazzo ha spesso un rapporto di forte dipendenza psicologica dalla madre, una donna con due volti: uno è in sintonia quasi ombelicale con il í figlio; l'altro ha un aspetto inquietante. Sa esprimere giudizi impietosi sul figlio stesso, e lo carica di grandi aspettative. In pratica il suo amore per lui, che quando tutto va bene crea quasi un "incanto", può arricchirsi di uno sguardo tagliente e psicologicamente castrante - quando lui non- "rispetta le consegne". Il ragazzo allora fa di tutto per evitare il "muso" della mamma, la discussione e il conflitto, tutte cose che sente ipoglicemiche, fredde e quindi insostenibili.
Questo schema viene esteso dal giovane a tutte le relazioni che hanno una qualche importanza, nelle quali cioè si può ottenere amore o stima, due elementi che per lui coincidono. È necessario per lui umanizzare tutti i rapporti, anche quelli professionali, in modo che se anche riceve una critica, ciò avvenga "in ambito protetto", cioè sapendo di essere umanamente accettato. Per esempio, un freddo rapporto professionale lo fa sentire inconsistente. Ciò influenza tutte le scelte della sua vita: da quella del partner (dai tratti materni è ché deve piacere alla mamma) a quella di amici (con i quali non deve esserci competizione), fino a scegliere un lavoro protetto...
Ogni decisione autonoma gli fa rischiare un'ipoglicemia che non ha la forza di superare. Il corpo e l'inconscio sentono tutto questo, e proprio negli anni della tardo-adolescenza, in cui dovrebbero essere fatte scelte autonome, si procurano una presenza materna interiore e continua attraverso il diabete, cioè con un'iperglicemia costante, così da non rischiare di restare senza affetto se la madre non sarà d'accordo con le scelte del figlio. Il diabete ottiene due risultati: livelli di zucchero nel sangue costantemente alti, ma poco zucchero nelle cellule e nei tessuti. Il prezzo per restare dipendenti da una forma materna è quello di non avere energia sufficiente per affermarsi nella vita.
Nel diabete di tipo 2:
La persona di mezza età o l'anziano è riuscito in qualche modo a superare indenne la fase critica della tardo-adolescenza; ha sviluppato una certa autonomia, spesso è sposato con figli ed è stato in buon equilibrio, finché un evento ha rotto il grembo esistenziale che si era costruito. Per esempio la perdita di un lavoro di un figlio matrimonio lo faceva sentire sicuro e accettato. Si è attivato allora quel vecchio bisogno di dipendenza dal mondo materno: la glicemia sale e, se non curato, il diabete crea negli anni dei danni proprio agli organi fondamentali per l'indipendenza: la retina, cioè gli occhi, gli arti inferiori e i reni, la cui progressiva insufficienza porta alla dialisi. In entrambi i casi il diabete è il tentativo di darsi dall'interno quella dolcezza materna appagante e incondizionata di cui c'è bisogno per affrontare la vita.
Chi è più a rischio:
Persone con una sicura familiarità con il diabete. Persone con una madre come quella sopra descritta. Persone che hanno vissuto una separazione precoce dalla figura materna nei primi mesi di vita.Persone che hanno avuto ,un'infanzia disastrata, carica di senso di precarietà e -di insicurezza profonda. Persone che, sempre nell'infanzia, sono state maltrattate dai familiari in modo continuo.
- Nel diabete di tipo 1.
È consigliata una psicoterapia che abbia due finalità: far accettare la dipendenza dall'insulina; aiutare l'individuo a emanciparsi psicologicamente dalla figura materna e dalla famiglia di origine, per poter affrontare il mondo adulto senza timore delle situazioni non accoglienti e delle figure autoritarie.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

amore e dintorni
amore e dintorni
filosofia
filosofia
medicina naturale
medicina naturale
scienza
scienza
artisti
artisti
psicologia
psicologia
itinerari
itinerari
donna
donna
misteri e paranormale
misteri e paranormale
io non ci sto
io non ci sto
letteratura
letteratura
antroposofia
antroposofia
lingua italiana
lingua italiana
religioni
religioni
tecnologia
tecnologia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!