Faredelbene.net



psicologia -> Disturbi del comportamento alimentare -> La Potomania


La Potomania




La Potomania è una vera e propria patologia psichiatrica che si manifesta con il bisogno prepotente di assumere liquidi, in particolare acqua, in misura decisamente sproporzionata al reale fabbisogno dell’organismo e anche in assenza di sete

Più della metà del peso corporeo dell'individuo è costituito da acqua. Per mantenere l’equilibrio tra “entrate” e “uscite” una persona adulta e sana dovrebbe berne in media 1,2 litri al giorno, considerato che più o meno un altro litro viene introdotto attraverso l’alimentazione. Quando il desiderio d’acqua diventa compulsivo e incontrollabile si è con ogni probabilità in presenza di un disturbo che gli esperti chiamano polidipsia psicogena primaria o potomania: una vera e propria patologia psichiatrica che si manifesta con il bisogno prepotente di assumere liquidi, in particolare acqua, in misura decisamente sproporzionata al reale fabbisogno dell’organismo e anche in assenza di sete. Da non confondere con la dipsomania, ovvero il consumo smodato di liquidi dannosi, generalmente alcolici. La potomania fa parte delle patologie legate al controllo degli impulsi. Il fenomeno è osservabile con relativa frequenza in pazienti psichiatrici cronici, in particolare con diagnosi di schizofrenia, ma origine e natura del fenomeno sono ancora poco conosciuti e ne rendono il riconoscimento diagnostico di difficile inquadramento. Le principali manifestazioni cliniche sono rappresentate da poliuria, ovvero l’emissione giornaliera di una quantità di urina superiore ai tre litri, e intossicazione da acqua.

Le cause

Esistono diverse categorie di potomani: talvolta il disturbo ha origini organiche, come nel caso del diabete insipido, di alcune patologie renali o di un difetto metabolico a carico dell’ipotalamo. Ma la più insidiosa e meno controllabile è la causa psichiatrica, che fa ascrivere la patologia alla categoria dei disordini alimentari. Tuttavia l’eziopatogenesi della polidipsia semplice resta ancora poco conosciuta ed è supposto il coinvolgimento di molteplici meccanismi tra i quali anomalie funzionali a livello ipotalamico ed ippocampale, ma in alcuni casi anche l’abuso di sigarette o di altre sostanze tossiche. I manuali registrano casi di persone che, con l’obiettivo di perdere peso drasticamente, sono divenute potomani nel tentativo di “ingannare lo stomaco” riempiendolo di liquidi anziché di cibo. Ma si segnalano anche storie di atleti professionisti che, per evitare il rischio di disidratazione, si sono ammalati cominciando a bere liquidi in eccesso. O di donne che, distorcendo deliberatamente il senso di messaggi pubblicitari e suggerimenti medici, hanno cominciato a trangugiare acqua senza limiti, allo scopo di eliminare tossine e migliorare l’aspetto della pelle. I soggetti affetti, qualunque sia la molla psicologica che li muova, non sono in grado di evitare di bere a meno che non vengano ostacolati: in tal caso possono arrivare anche a dissetarsi con la loro stessa urina.

Le conseguenze

Assumendo oltre 7 litri d’acqua al giorno, ma in rari casi ne bastano poco più di 5, si corrono gravi rischi, soprattutto se l’ingestione avviene in un tempo molto rapido. L’introduzione compulsiva di acqua provoca abbondanti emissioni di urina (fino a una decina di litri) con conseguente disidratazione, che il paziente compensa assumendo nuovamente liquidi. Quando l’organismo non è in grado di espellerne a sufficienza mediante i meccanismi fisiologici della diuresi, della sudorazione e della traspirazione, questi si accumulano nei tessuti producendo la diluizione del sangue e dei minerali presenti nel corpo. Se spinta agli eccessi, dopo diversi anni la potomania può portare a un’intossicazione acuta da acqua, cioè a una forma di iperidratazione accompagnata da squilibrio elettrolitico con forte iponatriemia. Si parla di iponatriemia in presenza di livelli molto bassi di sodio nel sangue con successiva intossicazione grave che si manifesta in caso di sovraccarico di fluidi a livello renale. Un’importante e improvvisa iponatremia può condurre a quadri di edema cerebrale e sintomi di tipo psichiatrico (agitazione, irritabilità, aggravamento della patologia psicotica) e/o neurologico (nausea, vomito, delirium, atassia, convulsioni e coma), interferendo con il corretto funzionamento dell’apparato muscolo-scheletrico, degli organi e del metabolismo. Questo accade in particolare negli organismi in cui ipofisi, reni e cuore non lavorano a dovere e faticano a eliminare i liquidi in eccesso, ma a lungo andare anche in fisici perfettamente sani. L’eventuale contemporanea diminuzione degli altri minerali presenti nel corpo comporta ulteriori conseguenze: la perdita di magnesio interferisce con le funzioni cerebrali, provocando problemi di memoria e convulsioni, mentre il calo drastico di potassio può generare aritmie cardiache fino a un possibile arresto cardio-circolatorio. Esistono anche altre complicanze connesse direttamente all’ingestione cronica di notevoli quantitativi di liquidi: tra le patologie più frequentemente associate si riscontrano l’osteoporosi, dovuta a un eccesso di escrezione di calcio, la dilatazione del tratto gastrointestinale e di quello urinario e, con una frequenza inferiore alle precedenti, la malnutrizione.

La terapia

Attualmente non esiste una cura soddisfacente, ma quando la patologia non è legata a disturbi di carattere organico l’approccio psicoterapeutico diventa determinante, associato eventualmente a terapia farmacologia da seguire sotto stretto controllo medico. L’uso di diuretici può facilitare la normalizzazione del quadro clinico, dal momento che questi farmaci accrescono la produzione di acqua da parte dei reni, facendo risalire la concentrazione di sodio nel sangue.

Bibliografia
- Dundas B., Harris M., Narasimhan M., Psychogenic polydipsia review: etiology, differential, and treatment, Current Psychiatric Report 9, 236-241.
- Cosgray R.E., Hanna V., Smith J., The water-intoxicated patient, Archive of Psychiatric Nursinge 4, 308-312.
- Gherardelli S., Orlandi V., Bersani G., Valutazioni morfofunzionali cerebrali e trattamento farmacologico in un caso clinico di schizofrenia con polidipsia, Quaderni dell’Università di Roma “La Sapienza”, III Clinica Psichiatrica.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

pedagogia
pedagogia
numerologia
numerologia
miti e leggende
miti e leggende
popoli e culture
popoli e culture
amore e dintorni
amore e dintorni
autismo
autismo
beneficenza
beneficenza
significato dei colori
significato dei colori
astronomia
astronomia
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
animali
animali
simboli e archetipi
simboli e archetipi
antroposofia
antroposofia
diete
diete
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!