Faredelbene.net



psicologia -> carl gustav jung -> Carl Gustav Jung


Carl Gustav Jung




Carl Gustav Jung è stato oltre che uno psicanalista, una persona veramente straordinaria che ha saputo aiutare moltissimi dei suoi pazienti con una maestria unica e inconfondibile caratteristica di un vero e proprio genio in questo campo

Carl Gustav Jung nasce a Kesswil, sul lago di Costanza (Svizzera) il 26 luglio 1875. Figlio di un pastore protestante, consegue la laurea in Medicina e nel 1900 entra a lavorare nell' ospedale psichiatrico di Zurigo. Attraverso gli studi di medicina si avvicina alla psichiatria. Per alcuni anni è uno degli allievi prediletti di Sigmund Freud, che lo fa avvicinare alla psicoanalisi. Jung diviene forte sostenitore delle teorie del maestro, tuttavia appaiono presto delle divergenze tra i due, profondamente diversi nel carattere.

Nel 1912 - con la pubblicazione del suo volume "Trasformazioni e simboli della libido" - il rapporto tra Jung e Freud si interrompe. Lo svizzero inizia a elaborare una nuova teoria, detta poi psicologia analitica, che rispetto alle teorie freudiane, si caratterizza per una maggiore apertura verso gli elementi non razionali della psiche.



Jung è persona di grande cultura: studia a fondo i temi mitologici, letterari e religiosi di tutti i tempi e di tutti i paesi. Viaggia molto: a partire dal 1920 visita Africa, India e Nord America. Nel 1921 pubblica il saggio "Tipi psicologici". Durante il suo peregrinare entra in contatto con numerose popolazioni di cui studia miti, rituali, usi e costumi. Oltre all'inconscio personale del singolo individuo, Jung è convinto esista anche un inconscio collettivo comune agli uomini di tutti i tempi. I contenuti di questo inconscio collettivo, nel corso dei secoli si sarebbero espressi in immagini, miti e credenze religiose che egli ritrova, in modo identico, nelle culture di popoli di epoche e luoghi diversi.

Nelle sue teorie gli archetipi - che chiama "immagini originarie" - rivestono un ruolo fondamentale. Gli archetipi sono contenuti inconsci che fungono da produttori e ordinatori di rappresentazioni: una sorta di modello presente in modo innato nella psiche dell'essere umano.

Nel 1930 viene nominato presidente onorario della "Società tedesca di psicoterapia"; dopo l' avvento del nazismo (1933) non dà le dimissioni, collabora invece con Hermann Göring, fino al 1940, alla riorganizzazione della Società.

Ai viaggi e all'elaborazione della psicologia analitica, Jung affianca una intensa attività terapeutica, che svolge nei pressi di Zurigo. Qui fonda un istituto che porta il suo nome (Carl Gustav Jung Institut): fa costruire una torre, luogo simbolo di rifugio e di meditazione. Insegna teoria e metodi di quella che, per distinguerla dalla psicoanalisi freudiana, è ormai definita "psicologia analitica".

Nel 1944 pubblica "Psicologia e alchimia", ma nello stesso anno subisce un incidente, una frattura e un successivo infarto. In coma, vive un'esperienza di pre-morte che descriverà poi nel testo autobiografico "Ricordi, sogni e riflessioni". Nel 1952 pubblica importanti scritti sulla "teoria della Sincronicità".

A partire dagli anni '40 si occupa anche di un nuovo fenomeno, che andava intensificandosi sempre di più, soprattutto dopo la fine della seconda guerra mondiale: l'ufologia.

Dopo una breve malattia, muore il 6 giugno 1961, nella sua casa sul lago a Bollingen.

Opere principali:

- I fenomeni occulti (1902)

- La libido: simboli e trasformazioni (1912)

- L'inconscio (1914-1917)

- Dizionario di psicologia clinica (1921)

- Energetica psichica (1928)

- Analisi dei sogni. Seminario. (1928-1930)

- Psicologia e Alchimia (1935, Eranos Jarbuch)

- Il fanciullo e la core: due archetipi (1940-1941)

- Psicologia e educazione (1942-1946)

- Psicologia e poesia (1922-1950)

- La sincronicità (1952)

- Risposta a Giobbe (1952)

- Presente e futuro (1957)

- La schizofrenia(1958)

- Un mito moderno. Le cose che si vedono in cielo (1958)

- La psiche infantile. (1909-1961)

- Bene e male nella psicologia analitica. (1943-1961)

- Coscienza, inconscio e individuazione

- L'Io e l'inconscio

- L'albero filosofico

- Analisi dei sogni

- Tipi psicologici

- La psicologia dell'inconscio

- Ricordi sogni riflessioni

- L'uomo e i suoi simboli

Fonte http://biografieonline.it/

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Categorie

beneficenza
beneficenza
curiosit
curiosit
scuola
scuola
news
news
Vini e dintorni
Vini e dintorni
io non ci sto
io non ci sto
tradizioni
tradizioni
lingua italiana
lingua italiana
riflessioni
riflessioni
storia
storia
scienza
scienza
itinerari
itinerari
antroposofia
antroposofia
medicina naturale
medicina naturale
psicosomatica
psicosomatica


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!