Faredelbene.net



psicologia -> L'amore non corrisposto fa male


L'amore non corrisposto fa male




Quando l'amore rimane solo un sogno

L'amore, si sa, è irrazionale e i sentimenti spesso fioriscono alimentati dalla forza del desiderio anche quando dall'altro non sembra arrivare alcun segnale di incoraggiamento.

È l'amore impossibile, a senso unico o non corrisposto. Un labirinto del cuore dal quale una volta entrati può essere molto difficile uscire, sulla scia delle parole di Shakespeare: "L'amore fugge come un'ombra l'amore reale che l'insegue, inseguendo chi lo fugge, fuggendo chi l'insegue". A chi non è capitato di provarlo almeno una volta nella vita e di immedesimarsi con i tanti film e libri incentrati sul tema? Dai "Dolori del giovane Werther" ad "Adele H, una storia d'amore" in cui Isabelle Adjani interpreta Adele, la figlia di Victor Hugo, che si innamora follemente, non corrisposta, di un giovane ufficiale inglese. 
 
Un'evenienza che non capita solo da adolescenti: i tormenti di una passione a senso unico possono capitare anche più tardi senza fare meno male. E, se troppo frequenti o duraturi nel tempo, possono nascondere problemi e insicurezze ben più profondi. "In amore non ci sono regole e chiunque può infatuarsi senza essere corrisposto", sottolinea la psicologa Immacolata Mennillo. 
 
Quali sono le misteriose dinamiche che alimentano un sentimento a senso unico?
"Alla base ci può essere il desiderio di conquistare una persona che consideriamo irraggiungibile. Quindi a scattare è il fascino del proibito perché conquistare l'altro diventa una sfida. A giocare un ruolo altrettanto importante è poi il senso di unicità perché  la persona amata viene idealizzata", commenta la psicologa. L'amore non corrisposto, inoltre, per quanto possa essere foriero di delusione e di sofferenza, è comunque in grado di suscitare delle emozioni piacevoli e spesso "prevale la fantasia di poter ribaltare lo scenario come in una favola nella convinzione che la persona amata riuscirà a ricambiare i nostri sentimenti e in questi casi il brusco risveglio e ritorno alla realtà può risultare assai amaro e deludente", puntualizza Mennillo.
 
Se non si riesce a dire basta
Se tutti possono incappare in un amore non corrisposto, la difficoltà a uscirne trascinando il sentimento per anni o a lanciarsi continuamente in situazioni del genere è una spia che qualcosa non va a livello più profondo.  "Come la difficoltà a costruire un rapporto maturo con l'altro a causa di una bassa autostima. Poi possono esserci carenze affettive che derivano da un contesto familiare complicato o da un'infanzia difficile", aggiunge Mennillo. E in questo caso ad alimentare l'amore impossibile è "la ricerca di quel bene che da sempre agogniamo e di cui abbiamo profondamente bisogno, ma che non abbiamo ricevuto durante l'infanzia o comunque nelle relazioni familiari in genere", aggiunge Vittorio Cigoli, professore di psicologia clinica delle relazioni di coppia e della famiglia e direttore dell'Alta Scuola di Psicologia "Agostino Gemelli" dell'Università Cattolica di Milano. A finire di frequente nella rete degli amori impossibili "sono inoltre spesso persone che vivono forme di depressione o che si trovano in uno stato di isolamento sociale", precisa Mennillo.
 
Le conseguenze 
I risvolti dell'amore non corrisposto possono poi variare a seconda dell'età e della persona. "Durante l'adolescenza succede spesso di innamorarsi senza essere corrisposti perché questa è la fase dell'ideologia e del mito", commenta Cigoli. Con conseguenze che spaziano dal senso di fallimento fino alla rabbia e alla frustrazione. Anche perché "a questa età non si vive senza il riconoscimento dell'altro". E se l'adolescente più sicuro di sé riesce a gestire e a elaborare il dolore, sviluppando altre relazioni d'amore, "la situazione può invece farsi molto più difficile per chi ha una bassa autostima personale o difficoltà familiari", sottolinea Mennillo. Con il rischio di andare incontro a forme di depressione o addirittura a tentativi di suicidio. "Un pericolo che diminuisce con l'età", aggiunge Cigoli, "perché le persone più adulte tendono a impostare relazioni travagliate piuttosto che non corrisposte". Anche gli adulti che incappano in un innamoramento a senso unico possono comunque finire coinvolti in un vortice di depressione e di solitudine. "Quando si è più avanti con gli anni, infatti, si tende a sognare un progetto con la persona amata e se l'illusione si trascina per anni scoprire che non si trattava di qualcosa di reale manda tutto in frantumi, causando senso di frustrazione e di delusione", conclude Mennillo.
 

Uscire da un amore a senso unico e riprendere in mano la propria vita non è comunque impossibile: ecco un decalogo di consigli da parte degli esperti.

 
1. Non aver paura di dichiararsi
Molte persone evitano di dichiararsi per paura di essere respinte e perdere definitivamente il proprio amore, dando così luogo a una spirale di dolore e di frustrazione destinata a protrarsi nel tempo.  In questi casi, però, è meglio confessare i propri sentimenti e tentare di conquistare la persona desiderata piuttosto che restare nel limbo di una passione che non potrà mai soddisfarsi. 
 
2. Saper accettare un no
Di fronte a un sentimento che è invece chiaramente a senso unico il consiglio migliore è di riuscire ad "accettare il no", prendendo atto che magari l'altro non è la persona giusta per noi.
 
3. Non soffocare la persona amata
Anche nel caso in cui non ci sia un chiaro segnale di rifiuto, andrebbe evitato di soffocare l'altro con una corte serrata che potrebbe rivelarsi dannosa. Considerato che l'amore è un dono spontaneo che non può essere forzato e che "se son rose, fioriranno".
 
4. Ripartire da se stessi 
Di fronte alla scoperta di non essere riamati, ci si può sentire come se questo costituisse la fine di tutto. Bisogna invece trasformare il dolore in un'opportunità per volersi bene, considerando quest'esperienza come un nuovo inizio.
 
5. Non chiudersi nella solitudine
Uno dei rischi in questi casi è inoltre quello di isolarsi e di lasciarsi andare alla malinconia e alla depressione. Mentre in realtà potrebbe essere l'occasione per riscoprire la gioia degli affetti e per  concedersi del tempo in armonia con gli altri.
 
6. Non essere severi con se stessi
La sofferenza per un amore non ricambiato può inoltre portare a gettarsi nei sensi di colpa e nella disistima, pensando che se l'altro non contraccambia i nostri sentimenti è perché non siamo abbastanza attraenti o affascinanti. Ma in questi casi bisogna ricordare che in amore non dipende tutto da noi e che il fatto di non essere ricambiati non ha nulla a che vedere con il nostro valore personale.
 
7. Evitare le vendette 
La delusione per un amore non corrisposto può avere anche dei risvolti distruttivi con tentativi di vendetta che possono solo alimentare il risentimento. Mentre invece bisogna rivolgere le proprie energie verso qualcosa di costruttivo, guardando con ottimismo al futuro.
 
8. Affidarsi alla letteratura e al cinema
Una buona via d'uscita è poi di cercare aiuto nei libri o nei film incentrati sull'amore non corrisposto e sul suo superamento in maniera positiva.
 
9. Parlarne con qualcuno
Aprirsi e confessare le proprie emozioni a un familiare o a un amico che si è trovato nella stessa situazione o è in grado di offrire un punto di vista obiettivo può aiutare a uscire dal tunnel della sofferenza.
 
10. Aprirsi a hobby e novità
Il momento potrebbe, infine, rappresentare un'occasione per riprendere a coltivare un hobby o una passione e per lasciare spazio alle novità. La vita è infatti piena di opportunità meravigliose, ma bisogna volerle accogliere ed essere disposti a rimettersi in gioco.
 
Referral ID: 1248



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

medicina naturale
medicina naturale
sesso
sesso
cucina
cucina
astronomia
astronomia
mamme
mamme
beneficenza
beneficenza
significato dei colori
significato dei colori
news
news
fisica quantistica
fisica quantistica
religioni
religioni
riflessioni
riflessioni
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
misteri e paranormale
misteri e paranormale
meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere


Leggi Anche..

Un elefante fa il suo autoritratto: semplicemente stupendo
Data: 2014-09-06

La moglie spia il marito con il suo cane: ecco cosa scopre
Data: 2014-09-11

Spose a 90 anni
Data: 2014-09-14

Cibo ed emozioni
Data: 2015-12-27

11 esperienze sessuali da vivere almeno una volta
Data: 2014-10-23

Il vero Forrest Gump, che ha percorso a piedi 34.000 miglia con un messaggio di pace
Data: 2014-09-13

I tira e molla in amore fanno male
Data: 2015-01-22

Oggi mi libero...
Data: 2014-08-18

Muoiono insieme mano nella mano
Data: 2014-08-10

Empatia: chiave d'accesso agli stati d'animo o egoismo?
Data: 2015-06-21





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!