Faredelbene.net



psicologia -> Il potere del pregiudizio


Il potere del pregiudizio




Come il pregiudizio influenza la nostra vita

Il pregiudizio è un giudizio preconcetto su un gruppo ed i suoi membri che può esprimersi in senso positivo o negativo anche se quasi tutti gli usi del pregiudizio si riferiscono ad attribuzioni negative. Gordon Allport nel suo libro La natura del pregiudizio parlava di “ un’antipatia basata su una generalizzazione sbagliata ed inflessibile”.

Dalla generalizzazione e rigidità di pensiero si riconosce, infatti, il pregiudizio. Per semplificare il mondo ci si serve della generalizzazione e quindi di quel processo cognitivo per mezzo del quale si applica ad un intero gruppo la caratteristica di un singolo e questa caratteristica resta inalterata tanto da costituire una credenza imprecisa e resistente a nuove informazioni: lo stereotipo.

Per quanto semplificare non possa essere considerata un’azione commendevole, è vero anche che nella complessità della nostra vita spesso diventa necessario per poterci comportare in quanto siamo limitati dal non poter prendere in considerazione e conoscere subito tutte le qualità del mondo circostante. L’usare uno stereotipo come: ”gli inglesi sono più puntuali rispetto ai colombiani”, potrebbe aiutare a capire cosa aspettarci in certe culture ma ciò non vuol dire che non esistano colombiani puntuali o inglesi ritardatari.

L’uso dello stereotipo come ausilio per  l’orientamento del comportamento verso popoli poco conosciuti, quando viene adottato con accezione negativa verso gli stessi, diventa un modo per dare delle risposte urgenti all’irrazionalità della paura che coglie la persona di fronte a ciò che non conosce e conduce ad atteggiamenti discriminatori.

Le fonti del pregiudizio sono sociali, motivazionali e cognitive.

Fonti sociali del pregiudizio
Le differenze di status sociale ed il desiderio di giustificare e mantenere tali differenze possono costituire le fondamenta del pregiudizio. Le persone che notano le differenze di status le legittimano in quanto condotti da un orientamento al dominio sociale alto. La spinta a far sì che il proprio gruppo domini gli altri gruppi sociali fa vedere le persone in termini di gerarchia. Il desiderio di essere all’apice della gerarchia porta chi è ai vertici ad accettare il pregiudizio ed a sopportare le posizioni politiche che lo giustificano.

Il pregiudizio, dunque, nasce da uno status iniquo ma anche da valori ed atteggiamenti acquisiti in famiglia: una volta instaurato,  sopravvive per inerzia. Quando è socialmente accettato, molte persone seguono il percorso della minima resistenza e della conformità alle mode.

Fonti motivazionali del pregiudizio
Per quanto la società tenda a creare e mantenere i pregiudizi la motivazione personale è ciò che ne costituisce il terreno fertile. Quando le condizioni della comunità in cui si vive sono complesse e problematiche è facile che aumenti il livello di frustrazione individuale che alimenta la rabbia da dover sfogare. In assenza di un preciso obiettivo l’aggressività acquisisce un orientamento eterodiretto che spesso si esprime contro altre etnie o sottoculture. La povertà, le risorse insufficienti e le guerre sono fattori di rischio del pregiudizio che incrementano anche l’intensità dell’identità sociale, del sentirsi appartenenti ad un preciso gruppo. Questi confini idealmente tracciati nella nostra coscienza etnica danno vita ad un noi ed un  loro perennemente confrontati con una propensione verso l’ingroup rispetto all’ougroup.

Fonti cognitive del pregiudizio
I pregiudizi sono anche frutto del nostro modo di ragionare, dei nostri bias di pensiero che inducono a semplificare, categorizzare e generalizzare. Uno dei modi che si utilizzano per semplificare l’ambiente è quello di categorizzare: organizzare il mondo racchiudendo gli oggetti in gruppi. Un uomo classifica le persone e dopo averlo fatto pensa a loro con più facilità e ciò risulta molto efficace quando si è pressati dal tempo, preoccupati, emotivamente eccitati o troppo giovani per apprezzare le diversità. La categorizzazione è necessaria al pregiudizio. Chi percepisce intensamente la propria identità sociale si preoccupa di categorizzare precisamente le persone come noi e loro generando un bias di tipo egocentrico a favore del proprio gruppo di appartenenza.

Ogni volta che il membro di un gruppo si comporta secondo le nostre aspettative noi spesso notiamo il fatto per cui la nostra credenza è confermata; quando il membro del gruppo non si comporta come ci aspettiamo spieghiamo il comportamento legandolo a circostanze particolari. Il potere del pregiudizio e degli stereotipi è proprio questo: porsi come un filtro attraverso cui noi vediamo ed interpretiamo il mondo circostante costruendo profondi limiti culturali e comunicativi.

di Maria Gloria Luciani

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

medicina
medicina
mamme
mamme
autismo
autismo
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
riflessioni
riflessioni
numerologia
numerologia
religioni
religioni
io non ci sto
io non ci sto
significato dei colori
significato dei colori
bambini
bambini
pedagogia
pedagogia
salute
salute
amore e dintorni
amore e dintorni
bonus e incentivi
bonus e incentivi
attualit
attualit


Leggi Anche..

Il potere del pregiudizio
Data: 2015-03-13





design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!