Faredelbene.net



psicologia -> Otto Kernberg


Otto Kernberg




Otto Friedmann Kernberg (Vienna, 1928) è uno psichiatra e psicoanalista austriaco con cittadinanza statunitense, insegna attualmente psichiatria al Cornell University Medical College di New York; è inoltre presidente e didatta dell'International Psychoanalytic Association

Nel 1939 la sua famiglia si trasferì in Cile per scappare dal regime Nazista imperante in Germania. Studiò inizialmente Biologia e Medicina e in seguito Psichiatria e Psicoanalisi nella Società Cilena di Psicoanalisi. Otto Kernberg è uno dei più importanti psicoanalisti contemporanei, il suo nome viene associato alla concezione psicoanalitica del disturbo narcisistico di personalità e dell'organizzazione borderline di personalità, oltre che alla sistematizzazione della moderna psicoanalisi. Kernberg ha integrato in un'unica concezione tre modelli psicoanalitici distinti: la teoria pulsionale di Freud, la teoria di Melanie Klein e di William R. D. Fairbairn e la psicologia dell'Io di Margaret Mahler e di Edith Jacobson.

Teorie
La concezione evolutiva della personalità

Kernberg fece sua la concezione della psicologia dell'Io che vedeva il bambino, nei primi mesi di vita, in balia di correnti affettive piacevoli o spiacevoli. Inizialmente il bambino non riesce a distinguere il Sé dal non-sé, quindi non percepisce la madre come persona separata, piuttosto si sente fuso ad essa. Successivamente, la fusione lascia il posto alla differenziazione del sé dell'infante dall'immagine della madre che fornisce le cure. È questo il primo, importantissimo stadio da raggiungere; coloro che non riescono ad approdare a questo stadio avranno una particolare predisposizione allo sviluppo della schizofrenia, la quale presenta, tra i principali sintomi, allucinazioni, deliri, angosce psicotiche di disintegrazione. Il bambino che ha adeguatamente acquisito il senso della separatezza del Sé dall'oggetto (la psicoanalisi chiama "oggetto" le persone interiorizzate dal bambino, quindi inizialmente la madre e successivamente tutte le altre figure significative) utilizza però un primitivo meccanismo di difesa: la scissione. Difatti, nonostante le immagini del Sé e dell'oggetto siano state differenziate, esse coesistono in maniera scissa nel bambino, e la scissione è di tipo affettivo. Ciò significa che l'immagine del Sé buono, gratificato, pieno d'amore, viene tenuta affettivamente distinta dall'immagine del Sé cattivo, che prova odio, che sperimenta rabbia distruttiva; la stessa cosa vale per le immagini dell'oggetto, l'oggetto buono, che gratifica i desideri del bambino, viene tenuto distinto dall'oggetto cattivo, quello che frustra i suoi bisogni. È un bene che inizialmente il bambino utilizzi questo meccanismo di difesa, ma col tempo egli dovrà abbandonarlo, e lo farà nel momento in cui comincerà a relazionarsi alle persone (inizialmente la madre) come degli "oggetti interi", che possono essere sia buoni che cattivi. Il superamento della scissione permette quindi di vedere le persone in maniera tridimensionale, permette di riunire le immagini scisse che precedentemente popolavano il mondo psichico del bambino, e fa sì che le pulsioni libidiche e aggressive si fondano per dar luogo ad affetti più temperati, meno estremi. Superata la scissione, per Kernberg lo stadio successivo è quello descritto dalla teoria freudiana delle nevrosi. Kernberg, però, pur adottando il punto di vista freudiano del conflitto pulsionale, cambia concezione riguardo al concetto stesso di pulsione, spostando l'attenzione dal corpo (per Freud la pulsione era qualcosa che stava a metà tra lo psichico e il somatico) all'interazione: per Kernberg la pulsione, pur avendo delle predisposizioni costituzionali, si dipana a partire dalle prime relazioni oggettuali, quindi nasce dalla relazione del bambino con le figure significative. In questo sistema teorico il bambino inizialmente non ha delle vere e proprie pulsioni organizzate: egli ha degli stati affettivi che possono essere di natura piacevole o spiacevole. Nel corso del tempo questi stati affettivi formano le due pulsioni, quella libidica e quella aggressiva; la pulsione libidica nasce dall'interazione con gli altri vissuti come gratificanti, quella aggressiva si forma nell'interazione con gli altri vissuti come non gratificanti, fonte di odio e insoddisfazione. Da questo punto di vista Kernberg non fa altro che integrare la teoria freudiana pulsionale con le più recenti teorie delle relazioni oggettuali di Melanie Klein e Fairbairn e con la psicologia dell'Io di Margaret Mahler e Edith Jacobson. Mentre Freud analizzava la personalità dell'individuo sulla base del livello di gratificazione pulsionale dominante (ad es. livello orale), Kernberg l'analizza principalmente sulla base della qualità delle relazioni oggettuali interne del paziente. Il paziente nevrotico, che ha superato la distinzione del Sé dall'altro e la scissione delle immagini del Sé e dell'oggetto, avrà dei conflitti di natura pulsionale, dal momento che le sue relazioni oggettuali si saranno costituite il maniera soddisfacente. Al contrario, il paziente borderline avrà dei conflitti riguardanti le immagini del Sé e dell'oggetto.

Il disturbo narcisistico di personalità
Nella concettualizzazione del disturbo narcisistico di personalità Kernberg si differenzia sostanzialmente da un altro grande autore, Heinz Kohut, e questa differenziazione determina un dibattito all'interno della psicoanalisi ancora parzialmente irrisolto. Mentre Kohut credeva che i pazienti narcisistici abbiano avuto un arresto evolutivo determinato da una carenza di risposte empatiche da parte dei genitori, per Kernberg il paziente narcisista è straordinariamente simile al paziente borderline. L'unica differenza tra la condizione narcisistica e quella borderline deriva dal fatto che il narcisista ha un Sé grandioso, integrato e strutturato ma sostanzialmente patologico; ciò spiega come mai questi pazienti abbiano un buon funzionamento nonostante facciano uso prevalentemente di meccanismi di difesa primitivi, quali la scissione, l'identificazione proiettiva, l'idealizzazione, l'onnipotenza, il diniego. Il Sé grandioso evita anche lo svilupparsi, nei pazienti narcisistici, di problemi di debolezza dell'Io, comuni invece nelle personalità borderline. A posteriori, sembra che i due tipi di pazienti narcisistici descritti dai due autori siano effettivamente da ascrivere a patologie differenti, o perlomeno a differenti sfumature della stessa patologia. Mentre Kohut aveva descritto un narcisista (definito da alcuni autori ipervigile) maggiormente sensibile alle reazioni degli altri, più inibito e sensibile alle critiche, Kernberg aveva descritto un narcisista (definito inconsapevole) maggiormente regredito, che non è consapevole delle reazioni degli altri, più arrogante, meno sensibile alla critica a causa della enorme distanza che lo separa emotivamente dagli altri. Il narcisista inconsapevole viene quasi a coincidere con il disturbo narcisistico di personalità del DSM-IV.

L'organizzazione borderline di personalità
Kernberg, con questa espressione, circoscrive un gruppo di pazienti, con diversi disturbi di personalità, accomunati da alcune caratteristiche, quali la debolezza dell'Io, le relazioni oggettuali problematiche e l'uso di meccanismi di difesa primitivi. Tra i meccanismi di difesa maggiormente utilizzati dai soggetti di "area borderline" vi sono la scissione e l'identificazione proiettiva, tramite il quale parti scisse del Sé o dell'oggetto vengono proiettate sugli altri per controllarli. All'interno dell'organizzazione borderline, Kernberg include diversi disturbi quali, appunto, il borderline, lo schizoide, lo schizotipico, il paranoide, il narcisistico, l'ipocondriaco, l'antisociale ecc. Tutti questi disturbi presentano gravi problemi nelle relazioni interpersonali, diffusione di identità, problemi nelle relazioni intime, mancanza di obiettivi concreti sia nel lavoro che nella vita. Kernberg propone una sistematizzazione dei disturbi di personalità che integra la diagnosi categoriale del DSM-IV con la diagnosi evolutiva di stampo più prettamente psicoanalitico. Tramite questo sistema egli posiziona i disturbi di personalità all'interno di un grafico a doppio asse, dove sull'ascisse abbiamo la gravità del disturbo (psicotico, borderline, nevrotico) e sull'ordinata le caratteristiche temperamentali che connotano il disturbo stesso (introversione-estroversione). Quindi identifica due disturbi come dei "prototipi": il disturbo schizoide di personalità, che si colloca sul versante dell'introversione, e il disturbo borderline di personalità, maggiormente spinto verso l'estroversione. Da questi due disturbi principali partono tutta una serie di altre condizioni patologiche, a seconda che ci sia più o meno introversione, più o meno gravità del disturbo, e a seconda dei meccanismi di difesa utilizzati. Kernberg vede perciò i vari disturbi di personalità come collocati lungo un continuum; ad es. un aumento dell'aggressività innata collega lo schizoide al paranoide (in cui domina l'identificazione proiettiva), e da qui un'interiorizzazione dell'aggressività all'interno di un Super-Io sadico collega il disturbo paranoide al disurbo ossessivo-compulsivo, il quale si trova già ad un livello nevrotico, quindi migliore, di funzionamento.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

meditazione e preghiera
meditazione e preghiera
amore e dintorni
amore e dintorni
attualit
attualit
filosofia
filosofia
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
itinerari
itinerari
arte
arte
donna
donna
news
news
bambini
bambini
storia
storia
io non ci sto
io non ci sto
casa
casa
psicosomatica
psicosomatica
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!