Faredelbene.net



psicologia -> I benefici della positivit sullorganismo


I benefici della positivit sullorganismo




La positività è un autentico toccasana per la salute

Di seguito i benefici fisici indotti da stati quali serenità, felicità o più semplicemente, positività nell’affrontare la vita.

La biologia delle emozioni

L’avreste mai detto? Chi nella vita si aspetta giornate più luminose sarà premiato con meno malattie cardiache. La biologia delle emozioni è un fatto concreto, è scienza e non solo mera statistica: molte molecole segnali del nostro corpo sono prodotte proprio a seguito di stimoli emozionali.

Così quando siamo stressati e arrabbiati siamo più a rischio diabete, ipertensione… e organi come fegato, reni e stomaco sono in pericolo, al contrario, quando siamo positivi e gioiosi il rischio di diabete, ipertensione e infezioni al tratto respiratorio diminuisce drasticamente.



Le persone positive vivono più a lungo

Le persone più felici o semplicemente quelle che hanno un approccio positivo alla vita vivono di più. Sapete perché? E’ questa la domanda che numerosi ricercatori e biologi delle emozioni si stanno ponendo, l’evidenza è chiara: c’è un netto legame tra emozioni e salute fisica, così le emozioni positive inducono uno stato di benessere in grado di influenzare il buon funzionamento dei nostri organi e tessuti.

Una vasta letteratura scientifica ha descritto come le emozioni negative danneggiano il corpo. Lo stress prolungato, la paura e l’ansia alterano i sistemi biologici fino a causarne una sorta di “usura prematura” e infine ci espongono a un maggior rischio di malattie cardiache, ictus e diabete. La rabbia cronica, il rancore e l’ansia possono interferire con la funzione cardiaca modificando l’intera stabilità del sistema cardiovascolare. Vi invitiamo ancora una volta a leggere Quando siamo stressati, quali organi vengono colpiti così da farvi un’idea concreta dei rischi a cui andiamo incontro quando ci sottoponiamo a ritmi di vita che non ci appartengono.

Prove scientifiche

Gli scettici possono pensare che queste sono solo “belle parole” ma non è così! Jack P. Shonkoff, Giulio B Richmond e altri docenti dell’Harvard GSE, insieme al docente di Pediatria della Harvard Medical School, hanno messo in evidenza come il periodo infantile possa essere un indicatore di tale andamento: i bambini nei primi anni di vita, esposti a prolungati periodi di stress, troppo spesso divengono adulti ipertesi o cardiopatici.

Laura Kubzanksy, professore associato dell’Università di Boston, la Harvard Public Health, conduce in prima persona delle ricerche su come uno stile di vita positivo possa migliorare lo stato di salute degli organi e dei tessuti. La ricercatrice ha seguito più di 6.000 persone, uomini e donne tra i 25 – 74 anni eseguendo dettagliate anamnesi sul loro stile di vita degli ultimi 20 anni. Grazie alla sua attenta analisi, la ricercatrice ha potuto mettere in evidenza che gli individui con maggiore vitalità ed entusiasmo nei confronti della vita e anche con un miglior equilibrio psicologico, avevano un minor rischio di contrarre malattie coronariche.

Con questo studio, l’effetto del “buon umore” e del “saper vivere” partendo dalle emozioni positive è stato misurabile e tangibile. Un atteggiamento propositivo verso la vita può essere paragonato alle buone condotte come una sana alimentazione, al regolare esercizio fisico e al non fumare. Insomma, lo stato d’animo si riflette sullo stato di salute del corpo, infatti la nostra mente ci manda continui segnali sotto forma di sintomi psicosomatici: il tuo corpo sta cercando di dirti qualcosa? Sintomi psicosomatici.

E’ la mente che comanda

Gli stati d’animo negativi non solo innescano una cascata ormonale nel nostro corpo ma ci inducono anche a effettuare scelte sbagliate e prendere abitudini autodistruttive.

Il nostro stato mentale innesca una serie di meccanismi biologici, comportamentali e cognitivi tanto che il ricercatore Bruce Lipton afferma che la Mente può guarirci più dei farmaci tanto che riesce a influenzare lo stato dei nostri organi e tessuti.

Per un approccio positivo

Molti di voi potrebbero pensare che è difficile vivere con positivismo una vita che mette a dura prova; riuscire a modificare questo pensiero è il primo passo verso un approccio propositivo. Le giornate sono tutte uguali ma solo se voi vi limitate a osservare sempre le stesse cose e a fare le medesime riflessioni… bastano piccoli cambiamenti per iniziare a vivere bene. Quella del “saper vivere” è un’arte da apprendere, imparare e soprattutto coltivare. Per iniziare vi lasciamo alcuni spunti che se ben sfruttati potrebbero migliorare la qualità della vostra vita:

-Come dormire bene
La qualità del sonno è indirettamente proporzionale alle frustrazioni. Maggiore è lo stress e peggiore e il sonno. Eppure è dimostrato che dormire bene ci rende più longevi.

-La Dieta della felicità
Ci sono alcuni alimenti capaci di innescare un naturale senso di buon umore stimolando la produzione degli ormoni della positività quali endorfine e serotonina.

-Vantaggi psicofisici della coltivazione dell’Orto
Potrebbe sembrarvi pazzesco ma chi coltiva piante (da frutta o da fiori), tende a essere più paziente e soddisfatto nella vita di tutti i giorni. La pratica della coltivazione dell’orto è consigliata soprattutto a chi ha problemi di ansia, stress, preoccupazioni e ancora di più a chi soffre di depressione e tristezza cronica. Che sia autunno, inverno, primavera o estate, è sempre il periodo giusto per iniziare a coltivare fragole in casa o in giardino :)

-Il cibo
Imparate a coccolarvi regalando al vostro palato sapori ed emozioni salubri. Non del semplice cibo-spazzatura che spesso è ingurgitato solo per sopperire a mancate soddisfazioni, parliamo di buon cibo, quello vero!

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

animali
animali
popoli e culture
popoli e culture
pedagogia
pedagogia
astronomia
astronomia
significato sogni
significato sogni
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
vegan & co.
vegan & co.
io non ci sto
io non ci sto
tecnologia
tecnologia
filosofia
filosofia
diete
diete
scuola
scuola
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
simboli e archetipi
simboli e archetipi
alimentazione e benessere
alimentazione e benessere


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!