Faredelbene.net



psicologia -> -> Il Disturbo evitante di personalit


Il Disturbo evitante di personalit




Secondo il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM IV – TR), un disturbo di personalità rappresenta un modello di esperienza interiore e di comportamento che devia marcatamente rispetto alle aspettative della cultura dell’individuo, esordisce nell’adolescenza o nella prima età adulta e determina disagio o menomazione

 I disturbi di personalità sono stabili nel tempo, causano delle alterazioni globali del comportamento, sono resistenti al cambiamento e sono stati suddivisi in tre gruppi (cluster A, B, C):
- Disturbi caratterizzati da comportamento bizzarro (paranoide, schizoide, schizotipico);
- Disturbi caratterizzati da alta emotività (antisociale, borderline, istrionico, narcisistico);
- Disturbi caratterizzati da forte ansia (evitante, dipendente, ossessivo – compulsivo).
I disturbi di personalità del cluster C, che si ipotizza siano caratterizzati da un pattern d’attaccamento insicuro-ambivalente, sono caratterizzati dal tentativo costante di evitare invalidazioni e nuove informazioni dall’esterno con effetti limitanti sul proprio raggio d’azione. (Mikulincer, 1997).

Circa il Disturbo Evitante di Personalità, il DSM-IV-TR elenca i seguenti criteri per diagnosticarlo:
A. Un quadro pervasivo di inibizione sociale, sentimenti di inadeguatezza, e ipersensibilità al giudizio negativo, che compare entro la prima età adulta, ed è presente in una varietà di contesti, come indicato da quattro (o più) dei seguenti elementi:
1. evita attività lavorative che implicano un significativo contatto interpersonale, poiché teme di essere criticato, disapprovato, o rifiutato;
2. è riluttante nell’entrare in relazione con persone, a meno che non sia certo di piacere;
3. è inibito nelle relazioni intime per il timore di essere umiliato o ridicolizzato;
4. si preoccupa di essere criticato o rifiutato in situazioni sociali;
5. è inibito in situazioni interpersonali nuove per sentimenti di inadeguatezza;
6. si vede come socialmente inetto, personalmente non attraente, o inferiore agli altri;
7. è insolitamente riluttante ad assumere rischi personali o ad ingaggiarsi in qualsiasi nuova attività, poiché questo può rivelarsi imbarazzante.

Le caratteristiche essenziali del Disturbo Evitante di Personalità sono sentimenti di inadeguatezza e ipersensibilità al giudizio degli altri e al rifiuto, e una modalità diffusa di inibizione sociale.

I pazienti con disturbo evitante hanno un forte desiderio di stabilire relazioni intime con gli altri a cui si contrappone una costante paura di essere criticati, disapprovati o rifiutati: hanno bisogno di notevoli garanzie di accettazione acritica e hanno, infatti, pochi amici intimi. Considerano le reazioni negative degli altri come giustificate e derivanti da se stessi, senza riuscire a formulare ipotesi alternative: l'ipersensibilità al rifiuto altrui rappresenta dunque la caratteristica principale di tale disturbo.
In genere in pazienti che presentano questo disturbo la vergogna costituisce l’esperienza affettiva centrale. Ciò che i pazienti temono è ogni situazione in cui si trovano costretti a rivelare aspetti di sé che li rendono vulnerabili. La vergogna è correlata ad una valutazione del sé in qualche modo inadeguato, non corrispondente ad uno standard interno, dunque la vergogna è strettamente connessa all’ideale dell’Io. Talvolta è presente la paura di non corrispondere alle elevate aspettative verso se stessi.
I pazienti evitanti possono per questo presentare difficoltà a parlare di sé per timore di esporsi, di essere ridicolizzati o umiliati.
I pazienti evitanti hanno scarsa capacità introspettiva nel riconoscere i propri stati interni e non hanno criteri interiori con cui giudicare se stessi in modo positivo; al contrario, confidano unicamente nella percezione dei giudizi degli altri, ma anche l’interpretazione degli stessi è influenzata da una presunzione di disapprovazione e critica. Un eventuale rifiuto può essere vissuto come causato dal proprio scarso valore e percepito dunque come una grande ferita: la prospettiva del rifiuto è infatti talmente insopportabile, che i pazienti evitanti preferiscono tenersi a distanza dalle persone, per evitare che confermino le loro ipotesi negative sulla propria natura, venendo a contatto con la propria personalità. Ne consegue la tendenza ad evitare e a fuggire i rapporti con gli altri, soprattutto se essi implicano un certo coinvolgimento emotivo. L’evitamento, se da un lato allevia stati d’animo negativi legati al timore di sentirsi imbarazzato e umiliato in presenza di altri, dall’altro conduce all’isolamento, vissuto con tristezza. Il paziente evitante, infatti, soffre spesso di depressione, che esprime il fallimento delle strategie di adattamento.

Un problema importante è l’autostima, sottoposta a continui “attacchi”, provenienti perlopiù dal paziente stesso, ma da lui percepiti come causati dagli altri: ciò comporta una notevole ansia nelle situazioni sociali, la quale a sua volta, può far mettere in atto comportamenti non in linea con le possibilità di successo sociale che inficiano ancora di più il livello di autostima e confermano le convinzioni negative su se stesso. Nella sfera lavorativa, i pazienti con disturbo evitante di personalità spesso svolgono in attività subordinate, con poche responsabilità e si mostrano schivi e spesso compiacenti.

Diagnosi differenziale
I pazienti con disturbo evitante di personalità desiderano le interazioni sociali, a differenza, ad esempio di quelli con disturbo schizoide di personalità, che vogliono stare da soli: il Disturbo evitante di Personalità nasce come entità diagnostica proprio quando Millon (1969) lo differenzia dalla personalità schizoide: dolorosamente inibito nel contatto sociale il primo, distaccato e indifferente alle relazioni il secondo. Millon (1969) intende per “schizoide” la personalità caratterizzata da un’intrinseca difficoltà nello stabilire relazioni sociali. Con “evitante” descrive quelle persone che hanno “sia la capacità sia il desiderio di relazionarsi socialmente, ma che temono l’umiliazione e il rifiuto e per questo evitano tali relazioni”.
Gli individui con disturbo evitante di personalità non sono esigenti, irritabili o imprevedibili come quelli con disturbo borderline o istrionico di personalità. Si presume che il soggetto con disturbo dipendente di personalità abbia una maggior paura di essere abbandonato o non amato di quello con disturbo evitante di personalità; tuttavia, il quadro clinico può essere molto simile.
Molti pazienti con disturbo evitante di personalità possono presentare un discreto funzionamento, a patto che si trovino in un ambiente protetto. Se il loro sistema di sostegno fallisce, tuttavia, sono soggetti a depressione, ansia e collera.
Un altro disturbo dal quale distinguere il disturbo di personalità evitante è la fobia sociale, in quanto l'evitamento fobico può presentarsi ma l’evitante sperimenta un vissuto di ansia generalizzato a tutte le possibilità di relazione con gli altri a differenza di chi soffre di fobia sociale. Inoltre, i pazienti evitanti si sentono lontani, estranei, inferiori agli altri, impossibilitati all’interazione e allo scambio.

Possibilità di intervento

Individuale
Visto che il disagio emerge nella dimensione relazionale, è importante indagare il livello di compromissione della dimensione socio-affettiva e i relativi vissuti attuali e pregressi, i rapporti con le figure significative di riferimento, i processi di socializzazione.
Appare fondamentale comprendere quali sono le parti del Sé vissute come inadeguate e quindi fonte di vergogna, individuare l’immagine che il soggetto ha di sé, dell’altro, della relazione e le paure connesse. (Falabella)
Il paziente dovrà innanzitutto essere motivato al cambiamento e dunque riconoscersi uno stato di sofferenza ed essere intenzionato a comunicarlo e condividerlo. Solo dopo aver lavorato sulla motivazione si potrà iniziare un lavoro di auto-osservazione, favorendo le capacità di riconoscere i propri stati d’animo e saperli collegare alle situazioni. Il comportamento di evitamento nasce come strategia di padroneggiamento dell’esperienza: è importante che il paziente ne diventi consapevole, affinché si possano intraprendere strategie più funzionali. Lo psicologo utilizza il colloquio psicologico con l'intento di riorganizzare i processi funzionali del soggetto, favorendo un cambiamento nell’auto-percezione del paziente e nel modo di considerare il proprio sistema relazionale.
Un aspetto comune nella relazione terapeutica con pazienti evitanti è proprio la loro ansia di non essere approvati, ben considerati dal professionista e ciò può portare a vivere come critico qualsiasi intervento dello stesso. Dunque può non essere facile stabilire una buona alleanza terapeutica con il paziente evitante, presupposto fondamentale di qualsiasi trattamento psicologico. Quando questo avviene, invece, si è già vicini all’obiettivo finale che è appunto sperimentare l’accettazione da parte dell’altro, la fiducia, la possibilità di ricevere contenimento e accettazione anche delle proprie paure del rifiuto. Gradualmente il professionista può proporre compiti legati all’affrontare le situazioni temute, valutando le effettive possibilità di successo del paziente affinché non si rischi un’esposizione prematura che genererebbe un fallimento.
Il disturbo evitante di personalità risponde abbastanza bene alla terapia cognitivo-comportamentale a medio-lungo termine (1 - 2 anni).

 

Di gruppo
La terapia di gruppo, infine può aiutare i soggetti a capire gli effetti che la loro paura del rifiuto ha su di loro e sugli altri. Il gruppo può favorire un miglioramento sull’autostima fornendo feedback e rispecchiamenti positivi della propria immagine. La persona potrebbe sentirsi inizialmente molto in imbarazzo nel comunicare i propri vissuti davanti ad altri, ma in seguito potrebbe essere incoraggiata a farlo soprattutto grazie all’esempio dei membri del gruppo (Falabella).


Bibliografia
- American Psychiatric Association (2000). DSM-IV-TR Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fourth Edition, Text Revision. Edizione Italiana: Masson, Milano.
- Falabella M. ABC della psicopatologia
- Millon, T. (1969) Modern psychopathology: a biosocial approach to maladaptive learning and functioning, WB Saunders, Philadelphia.
- Mikulincer, M. (1997) Adult attachment style and information processing: individual differences in curiosity and cognitive closure, in “Journal of Personality and Social Psychology”.

Autore: 1406 1406



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare



I Chakra della donna e dell'uomo

Maschio e femmina hanno lo stesso numero di chakra ma le polarità di ognuno sono invertite.
Nell’uomo il primo chakra è di polarità positiva: si muove verso fuori, azione, forza.
Nella donna è negativo: riceve dentro.
Già da questo si capisce che le polarità inverse hanno un’eccellente funzione, sono incastri di energia. Dove c’è la spina si trova la presa, dove c’è il maschio, di là c’è la femmina.
L’inversione polare continua per tutti gli altri chakra.Il secondo chakra, legato al piacere e alle emozioni, è negativo per l’uomo e positivo per la donna. Questo implica che, se l’uomo è più forte fisicamente della donna, la donna è più forte dell’uomo emotivamente. Nel senso che percepisce più emozioni, le vive più intensamente e riesce a stare più a lungo insituazioni emotivamente cariche. L’uomo in questo campo è debole, e quindi giudica debolezza l’emotività.
In quanto al piacere, la donna è in grado di provarne infinitamente di più dell’uomo. In questo caso, l’uomo reprime la sessualità della donna per non sentirsi più debole.
L’uomo è positivo nel terzo chakra, quello della volontà, della realizzazione materiale, dell’ego. La donna lo è nel quarto, quello dello spazio, dell’accettazione, dell’amore.
Il maschio è positivo nel quinto e ha forza e chiarezza espressiva, afferma se stesso, manifesta la propria creatività. La donna fa lo stesso, ma in maniera più ricettiva. Sa ascoltare considerevolmente di più ed usa mezzi diversi dall’uomo per esprimersi, ma non certo meno profondi. La sua creatività è spesso orientata verso gli altri, mentre nell’uomo, a volte, questa orienta gli altri verso sé.

Nel sesto chakra, la qualità positiva sostiene la forte intuizione femminile. Nell’uomo, la qualità negativa appartiene ai regni dell’introspezione e della filosofia.
Nel settimo chakra la donna è negativa, di nuovo come lo è nel primo; è pronta a ricevere dall’esistenza, al punto di accettare di protare una nuova vita dentro di sé. L’uomo qui è positivo: è pronto a farsi ricevere dall’esistenza, al punto da crearla come vuole lui.

Non saranno molti i libri sacri scritti da donne; gli ingegni e i paradisi portano la firma di uomini.
Per via della paura dell’altro e dello sconosciuto che ci attanaglia, abbiamo tramutato delle qualità che si completano a vicenda in nemici che si danno battaglia.
La strada di un nuovo modo di relazionarsi con l’altro sesso passa per una reciproca e profonda comprensione, che includa i meccanismi che stringono i sensi dentro una gabbia, che separano con dolore quel che madre natura ha fatto perché invece si unisse con gioia.

Fonte Visionealchemica.com





Categorie

astronomia
astronomia
sesso
sesso
antroposofia
antroposofia
astrologia
astrologia
mamme
mamme
cucina
cucina
storia
storia
tecnologia
tecnologia
significato dei colori
significato dei colori
significato sogni
significato sogni
vegan & co.
vegan & co.
miti e leggende
miti e leggende
scomode verit
scomode verit
coppia
coppia
filosofia
filosofia


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!