Faredelbene.net



psicologia -> Psicoanalisi


Psicoanalisi




Psicoanalisi: in teoria

La psicanalisi – fondata dal medico viennese Sigmund Freud (il neologismo psychoanalyse è del 1896) – è lo studio e il trattamento terapeutico di disturbi di tipo psicologico nel quadro di una teoria dinamica della psiche il cui concetto centrale è quello di inconscio.

Il tratto che distingue l’analista dall’insieme degli psicoterapeuti è questo: per gli psicoanalisti ciò che di essenziale c’è da scoprire di un paziente si trova nell’inconscio.

Come teoria generale della psiche, la psicoanalisi (o psicanalisi) poggia su alcune nozioni fondamentali, tra cui: inconscio, rimozione, conflitto e pulsione. I fenomeni psichici sono considerati come risultanti da un conflitto di forze contrastanti: il conflitto nevrotico presuppone la rimozione, che consiste nell’espellere esperienze dolorose o vergognose dalla coscienza istituendo l'inconscio come campo separato. Freud distingue tra Es (l’inconscio, la sede delle pulsioni, dominato dal principio del piacere), Io (dominato dal principio di realtà, alla base del pensiero logico-razionale) e Super-Io (sede delle istanze morali, che stabilisce gli ideali e agisce come censore). ll metodo freudiano si basa sulla ricerca di quei contenuti psicologici che non sono presenti esplicitamente nella coscienza, e quindi non si manifestano chiaramente nella memoria dei pazienti, ma, pur rimanendo a uno stadio inconscio, interferiscono sulla personalità e sul comportamento, manifestandosi sotto forma di ansie, sogni, lapsus. Molto spesso, anzi, le esperienze rimosse si rappresentano in pulsioni di segno contrario all'etica esplicitamente dichiarata dai soggetti.

Psicoanalisi: in pratica

La terapia analitica consiste nella regola della libera associazione con la quale l’analista richiede al paziente di lasciarsi andare al fluire delle idee che gli vengono in mente, le libere associazioni per l’appunto; e all’analista di prestare attenzione non concentrata su particolari (“attenzione fluttuante”). Attraverso questo lavoro, il terapeuta – che, in genere, interviene poco – cerca di riportare alla luce della coscienza i valori reali e le motivazioni profonde che determinano inconsapevolmente le azioni del paziente.

Le esperienze traumatiche che sono all’origine della sofferenza psichica rivivono nel rapporto paziente-analista: è questo il meccanismo del transfert (“traslazione”), ossia il bisogno del paziente di proiettare sull'analista i propri sentimenti di amore e di odio nei confronti di altre persone che rappresentano per lo più una ripetizione di prototipi infantili. Grazie al transfert il terapeuta riesce a capire la struttura della nevrosi del paziente, e questi, attraverso l’aiuto dell’interpretazione terapeutica, riesce a rendersi conto delle proprie pulsioni censurate e dei propri meccanismi di difesa, arrivando infine a organizzare una nuova identità che equivale al superamento della nevrosi. Essenziale nella terapia psicoanalitica è la ricerca di un atteggiamento di neutralità e di distacco clinico dell’analista nei confronti del paziente.

La psicanalisi è una esperienza terapeutica che può durare anche molti anni. Di solito è caratterizzata da una alta frequenza delle sedute, in media tre a settimana. La seduta è di regola di circa 45-50 minuti.

Psicoanalisi: per chi e per quali problematiche

La psicoanalisi interviene con efficacia e si è dimostrata l’intervento elettivo nelle varie forme di nevrosi (isteria di conversione, d’angoscia, e nevrosi ossessiva) e con i corrispondenti disturbi di carattere.

La psicoanalisi non si rivolge comunque solo ai “malati” o a determinate forme di disagio psichico, perché è prima di tutto un potente mezzo di investigazione. Per questa ragione può rivelarsi molto utile o indispensabile come strumento anche per la formazione di persone impegnate in professioni sociali o che devono occuparsi degli altri (professori, insegnati, psicologi, studenti di medicina, assistenti sociali, ecc.).

Il paziente "ideale della psicoanalisi non crede che basti “prendere coscienza” di un problema per avere la meglio sui meccanismi inconsci che lo hanno generato, ha forte volontà e capacità di lavorare sul proprio sé e non ha particolare fretta di conseguire risultati terapeutici (lo stesso Freud consigliava di ricorrere in prima istanza ad altri trattamenti più brevi e semplici).

Psicoanalisi: certificazione e deontologia

Quella di "psicoanalista" è oggi in Italia una professione non regolamentata. Lo Stato infatti non definisce quali siano i criteri minimi per esercitarla e non ha mai istituito un albo professionale specifico, anche se solitamente viene accomunata alla figura dello psicoterapeuta, direzione in cui si muovono fortemente da anni gli Ordini professionali, proprio a maggior tutela, deontologica e professionale, dei pazienti.

L'esercizio di ogni tipo di attività psicoterapeutica – come indicato nel punto 3 della legge Ordinamento della professione di psicologo –  è subordinato a una specifica formazione professionale, da acquisirsi, dopo il conseguimento della laurea in psicologia o in medicina e chirurgia, mediante corsi di specializzazione almeno quadriennali che prevedano adeguata formazione e addestramento in psicoterapia presso scuole di specializzazione universitaria o istituti riconosciuti dal MIUR.

Legge di Ordinamento della professione di psicologo

In deroga a quanto previsto dalla succitata norma, il medico specialista in psichiatria o in neuropsichiatria è autorizzato all’esercizio della psicoterapia anche senza aver frequentato la scuola di specializzazione in psicoterapia.

Le singole associazioni professionali si sono inoltre dotate da tempo di un codice deontologico specifico.

 

 

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

antroposofia
antroposofia
news
news
io non ci sto
io non ci sto
pedagogia
pedagogia
artisti
artisti
fisica quantistica
fisica quantistica
popoli e culture
popoli e culture
scuola
scuola
arte
arte
lingua italiana
lingua italiana
tecnologia
tecnologia
amore e dintorni
amore e dintorni
cucina
cucina
libri e recensioni
libri e recensioni
diete
diete


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!