Faredelbene.net



psicologia -> Wilhelm Reich e l'analisi del carattere


Wilhelm Reich e l'analisi del carattere




L'analisi del carattere restituisce all'individuo la sua identità funzionale: apre le porte ad un nuovo modo di fare diagnosi e ad un nuovo strumento analitico. Vediamo come nasce e come acquista importanza nello studio del corpo all'interno della psicoanalisi

Negli anni '30 un poco più che trentenne Wilhelm Reich, l'allievo brillante di "Mastro Freud", elaborò l'analisi del carattere, una chiave di volta per il mondo psicoanalitico, o almeno per quella parte che ne comprese il senso e ne seguì il modello.

L'analisi del carattere: come nasce

L'analisi del carattere nasce in grembo a tutta una serie di considerazioni sull'analisi delle resistenze. Wilhelm Reich, come Freud, si rese conto che i sintomi delle nevrosi trattate persistevano nonostante l’analisi e che le resistenze erano difficili da sciogliere, se non cambiando la visione delle cose. La resistenza non era pulsione di morte, come diceva Freud: era il paziente stesso e si manifestava con il suo atteggiamento caratteriale. La sua attenzione si spostò dal "cosa" il paziente comunicava al "come" lo comunicava: modo di muoversi, mimica, gestualità, espressioni del volto, modo di esprimersi col linguaggio, tono e ritmo della voce, erano alcuni degli elementi che Reich cominciò a osservare e valutare, per poi elaborare la sua teoria sull’analisi del carattere.

L'analisi del carattere: carattere e corazza caratteriale

Attraverso l’analisi del carattere, il paziente prende consapevolezza del proprio atteggiamento che è, allo stesso tempo, rappresentativo del sintomo nevrotico e della modalità che lo rende persistente, con lo scopo di poter modificare e ripristinare un equilibrio più funzionale del carattere stesso. Per Reich le resistenze caratteriali, nel loro insieme, davano vita alla corazza o armatura caratteriale. La corazza caratteriale esprime il modo di funzionare della persona: è muscolare, è energetica, è caratteriale. La corazza, se da un lato serve all'individuo per fronteggiare le esperienze frustranti e dolorose della vita, dall'altro lo blocca nel suo movimento pulsativo vitale, ingabbiandolo in un rigido modo di vivere la vita. La corazza caratteriale apparentemente salva dall'angoscia e impedisce il piacere: il piacere è possibile solo attraverso il libero fluire di energia e questo non è possibile in uno stato di contrazione.

L'analisi del carattere: l'uomo è uno

L'analisi del carattere permette di definire le combinazioni caratteriali che formano la persona: all'interno di una linea che parte dall'intrauterino per attraversare le varie fasi dello sviluppo, possiamo trovare una serie di segni incisi che, sommandosi e interagendo tra loro, determinano il modo di funzionare della persona, quindi il suo carattere. L'analisi del carattere ha permesso di integrare corpo, pensiero ed emozioni che sono l'espressione della struttura caratteriale dell'individuo. La struttura caratteriale è il modo di funzionare della singola persona e si rispecchia sui vari livelli nel medesimo modo; per esempio: se io ho un carattere rigido, avrò inevitabilmente un corpo rigido, un modo di pensare e di parlare rigido, un rigido modo di relazionarmi e di emozionarmi, questo perché noi esseri umani siamo "uno". Ogni cosa che viene esperita, ogni elemento della nostra vita, diventa nello stesso istante esperienza dei nostri muscoli, esperienza delle nostre emozioni, esperienza del nostro pensiero.

L'analisi del carattere: l'identità funzionale mente-corpo

L'analisi del carattere sancisce l'entrata nel mondo psicoanalitico del corpo, perché il corpo viene visto come elemento primario che racconta e racchiude una storia di vita. L'analisi del carattere, ancora, permette di superare il dualismo cartesiano di una mente e di un corpo come elementi distinti che costituiscono l'individuo, per concepire l'uomo come una identità funzionale mente-corpo. L'analisi del carattere ha recuperato la visione sistemica di un individuo, in cui tutto è parte di un tutto più grande.

L'analisi del carattere: i post-reichiani e la vegetoterapia carattero-analitica

Con l'analisi del carattere Wilhelm Reich mise a punto un nuovo modo di fare diagnosi: individuò una serie di caratteri nevrotici e un carattere sano, il genitale. Nel mondo post-reichiano l'analisi del carattere si è arricchita in seguito a tutte le conoscenze sul mondo intrauterino che Reich conosceva come idea e non con rigore scientifico perché non aveva a disposizione tutti gli strumenti tecnici di oggi. L'analisi del carattere di oggi parte dai tipi caratteriali individuati da Reich, modificandone e ampliandone lo spettro in base a nuove considerazioni, rendendola meno rigida e più flessibile, nel senso che ogni individuo non è espressione di un singolo carattere, ma è la somma più qualcos'altro di vari tratti caratteriali.

L'analisi del carattere è uno strumento importantissimo che si arricchisce e completa con la vegetoterapia carattero-analitica, un modello analitico basato sul lavoro corporeo che, attraverso una serie di acting specifici e utilizzando la respirazione come filo conduttore, tende a ristabilire la funzione pulsativa e vitale dell'essere umano liberandolo dalla rigidità della sua armatura caratteriale. Reich non aveva sistematizzato gli acting della vegetoterapia: ci hanno pensato Federico Navarro e Ola Rackness a farlo. Federico Navarro è stato il fautore della diffusione del pensiero reichiano in Italia.

Di Marica Fattiroso

Referral ID: 1356



Ti piace il nostro sito ?

Ricevi gratuitamente gli articoli più belli via mail. Ci impegneremo ogni giorno per farvi conoscere notizie interessanti!

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!


MisterDomain.EU

Articoli Recenti

PROBLEMI ALLA VISTA E POSTURA

I problemi alla vista e la postura

Sembrerebbe improbabile una correlazione fra denti e occhi, ma ricerche effettuate dimostrano il contrario. Un esempio classico è la capacità di accomodamento, ovvero la minima distanza di messa a fuoco di una matita. Fate questo semplice test.

Nella posizione eretta, con i piedi in posizione per voi comoda provate a vedere quanto riuscite ad avvicinare la matita al vostro naso senza far sdoppiare l'immagine e misurate la distanza fra naso e matita. Poi convergete il più possibile i piedi l'uno verso l'altro in modo da metterli in posizione per voi molto fastidiosa e riprovate: molti noteranno che non potranno avvicinare la matita come prima!

La contrazione muscolare anomala degli arti inferiori si è ripercossa per collegamento fra catene muscolari, fino ai muscoli oculari impedendone il normale funzionamento. In questi pazienti si può sospettare un affaticamento dei muscoli oculari indotto da alterazioni posturali

Si è visto che l'affaticamento alla visione e le forie, ovvero i piccoli strabismi compensati, risentono molto di tali contrazioni che possono benissimo essere indotte dal combaciamento dentale.

 

Se a ciò si aggiungoni i cosiddetti "torcicolli oculari" ossia atteggiamenti inclinati e/o ruotati del capo indotti dagli strabismi, ecco che il quadro si complica, ma soprattutto interagisce con i settori vicini, a.d esempio i denti e le cefalee

Gli occhi e la postura

Cosa c'entrano gli occhi con la postura?

C'entrano perché anche attraverso la vista il nostro cervello sa cosa è dritto e cosa è storto, e quindi quanto siamo dritti e quando siamo storti. In particolare il cervello confronta le informazioni visive che vengono dagli occhi con le informazioni che arrivano dai muscoli degli occhi, quindi quello che vediamo e la direzione del nostro sguardo. Queste informazioni, insieme a quelle che provengono da altre parti del corpo (muscoli, articolazioni, denti, orecchie, solo per citare le principali) servono appunto al cervello per capire quanto siamo dritti e quanto siamo storti e quindi, se necessario, mettere in atto delle manovre per correggere la postura. E' evidente quindi come sia importante controllare anche gli occhi quando siamo in presenza di una patologia posturale.

Come si fa?

Si fa una visita con un oculista o un ortottista che controllerà anche la situazione dei muscoli degli occhi e, soprattutto il loro rapporto con la postura.

Serve sempre fare un controllo visuo-posturale?

No, solo se il medico che sta valutando il nostro problema posturale avrà il sospetto che gli occhi possano avere un ruolo nella patologia.

E come fa a capirlo?

Con un test molto semplice: valuterà la nostra postura ad occhi aperti e ad occhi chiusi: normalmente la postura ad occhi chiusi peggiora, se dovesse migliorare si può sospettare che siamo in presenza di un problema del sistema visivo. In altre parole gli occhi, anziché migliorare il nostro assetto posturale lo disturbano.

E se c'è qualcosa che non va?

Allora l'oculista valuterà una eventuale modifica della correzione degli occhiali o, magari, ci consiglierà di fare qualche esercizio di ortottica: un po' di ginnastica per i muscoli degli occhi.

E chi porta gli occhiali?

Deve dirlo al medico che sta studiando la sua patologia posturale (e portare gli occhiali quando va a farsi visitare!). In questo modo sarà possibile effettuare la visita con e senza occhiali e valutare se questi ultimi possano condizionare il problema della postura.

I tra cardini da valutare per una postura corretta  sono gli occhi , l’occlusione e l’appoggio plantare , ragione per cui è sempre necessaria per una corretta valutazione una visita odontoiatrica  che valuti gnatologicamente  il corretto  bilanciamento delle arcate dentarie  durante la masticazione e non solo, ma anche una visita ortottica e posturale con attenzione alla dinamica dell'appoggio plantare





Categorie

libri e recensioni
libri e recensioni
popoli e culture
popoli e culture
salute
salute
scienza
scienza
astronomia
astronomia
lingua italiana
lingua italiana
scuola
scuola
lavori creativi
lavori creativi
antroposofia
antroposofia
ecologia e pianeta terra
ecologia e pianeta terra
religioni
religioni
sesso
sesso
musica
musica
spiritualit ed esoterismo
spiritualit ed esoterismo
vegan & co.
vegan & co.


design & developed by impulsiva.net
All Right is Reserved © faredelbene.net - Condizioni Privacy - Obiettivi
 
 

Non mostrare piú / Sono gia iscritto

Ti piace il nostro sito ?

Indirizzo E-mail

Voglio ricevere la mail*

Ogni Giorno

Ogni Settimana

Ogni Mese

Interesse specifico?

Acconsento al trattamento dati *
Acconsento invio pubblicità*

* = campo richiesto!